QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

lunedì 15 luglio 2013

HANNO FATTO LUCE

Era il 28 febbraio del 2011 quando con questo post denunciammo la situazione di assurda oscurità in cui giaceva il tratto di pista ciclabile tra il Capannone Nervi ed il Play Club. La problematica, poi, é stata sollevata in altre discussioni all'interno di questo blog.

Bene, sembra che si sia fatta luce. In tutti i sensi. Quel tratto di pista ciclabile di importanza vitale in quanto collegante il quartiere Scossicci con il centro, ora è illuminato.
L'unica cosa che ci sfugge, o forse meglio, non abbiamo capito, è che troviamo strano che questi lavori si siano eseguiti proprio ora, ovvero in prossimità (almeno così si dice) della messa in opera della prima pietra per la costruzione della darsena che interesserà, sconvolgendola a livello morfologico, proprio quella zona.


10 commenti:

  1. Impeccabile presentazione: la presenza della darsena sconvolgerà, a livello morfologico, quella zona, magari dando un po' di fastidio alla pista ciclbile. A cos'è servito illuminarla se poi arriverà la darsena? Inoltre, vuoi mettere la bellezza di quei posti? Una darsena li deturperà e dal cavalcavia si vedranno magari barche e non più pantegane, che per chi ama la natura valgono quanto i cincillà. Ottima lettura, Argano.

    RispondiElimina
  2. E'stata una sorpresa, mi sto battendo da tempo per questa illuminazione, ma con altrettanta sorpresa e delusione ho constatato che sia il cavalcaferrovia, sia la rimanente pista che si collega con via M. Polo sono rimaste al buio, pur essendoci i pozzetti per i collegamenti già predisposti. Il lavoro è a metà.
    La parte di illuminazione realizzata non è inutile in previsione della darsena, la sicurezza dei cittadini deve essere immediata. Di questi tempi sarà molto difficile realizzare certe opere(darsena) e poi quanti anni dovranno passare? Grazie Argano per il contributo.

    RispondiElimina
  3. Tu mi sa che a colazione mangi pane e volpe. Non abbiamo parlato di ratti e di degrado. Abbiamo parlato dell'opportunità che quei lavori fossero eseguiti due anni e mezzo fa. E non ora. E che tutti i residenti di Scossicci si sarebbero potuti servire, di notte in estate, di una pista ciclabile illuminata. Ora non abbiamo capito se con la costruzione della darsena quella illuminazione rimarrà, o verrà rasa al suolo. Se si realizzasse questa seconda ipotesi, non trovi tutta la tempistica un po' strana caro genio????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  4. Ovviamente il commento di cui sopra é in risposta all'anonimo delle 10,40

    RispondiElimina
  5. Io continuo sempre a pensare che le amministrazioni dovrebbero durare solo un anno. Questi in 4 anni non hanno fatto assolutamente nulla (rotatoria Mondial e cubo Cingolani a parte) e si sono svegliati in extremis...chissà come mai!

    RispondiElimina
  6. Dite che una volta fatta la darsena si cercherà di fare buio attorno ad essa? Non comprendo il nesso darsena oscurità, forse perchè non mi giova mangiare pane e volpe soltanto a colazione Dovrei mangiarne anche a pranzo a merenda e a cena come fate voi dell'Argano. Seguirò il vostro tacito consiglio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ora proviamo a spiegartelo con un disegnino: due anni e mezzo fa abbiamo denunciato, su questo blog, l'oscurità di quella zona. Ora, a ridosso degli ipotetici lavori per la costruzione della darsena, si mette mano all'illuminazione del tratto. Quando, con molta probabilità, quello stesso tratto sarà rivoluzionato a livello edile. Ora, la domanda é semplice: non sarebbe stato meglio spendere i soldi per quei lavori due anni e mezzo fa, regalando alla cittadinanza (soprattutto di Scossicci) due estati con quel tratto che li collega al centro illuminato? Dai che forse se fai un piccolo sforzo cerebrale riesci a capirlo anche tu.....!!!!!

      Elimina
    2. Tutto qui? E io chissà cosa pensavo. Faccio mea culpa e mi adatterò anch'io a trattare i problemi come si trattasse della barba dell'imperatore. Grazie Argano.

      Elimina
  7. Si tutto qui. Ci sei arrivato pure tu. Brindiamo.

    RispondiElimina