QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

giovedì 24 luglio 2014

UNA NUOVA FRONTIERA PER LA LOTTA AL COMMERCIO ABUSIVO

Gli assessori al commercio e ai servizi demografici e Polizia municipale Attilio Fiaschetti e Lorenzo Riccetti hanno presentato alla stampa, unitamente al Comandante dei nostri vigili Sirio Vignoni, il nuovo progetto voluto dall'Amministrazione Comunale per contrastare il fenomeno del commercio abusivo. Si procederà attraverso una campagna informativa che interesserà i nostri turisti e concittadini per sensibilizzarli in relazione ai fenomeni malavitosi che si alimentano acquistando merci contraffatte.

L'assessore Fiaschetti ha puntualizzato come di fatto questo fenomeno alimenti la criminalità organizzata e, conseguentemente, creando una concorrenza totalmente sleale e illegale, metta in serie difficoltà i nostri commercianti. Nelle nostre strutture turistico-ricettive, pertanto, verranno esposti degli avvisi che allerteranno i nostri ospiti sul rischio che si correrà acquistando merce abusiva. Rendendoli partecipi del fatto che si potrà incorrere in reati amministrativi punibili con sanzioni pecuniarie (200 euro di multa). Gli assessori Fiaschetti e Riccetti hanno tenuto a precisare che non si tratterà di una campagna tendente ad alimentare terrorismo psicologico. Ma solo una dovuta sensibilizzazione su quanto sia inopportuno e rischioso comprare merce falsa e contraffatta. In tutto questo procedimento, ovviamente, la nostra Polizia Municipale avrà un compito di primaria importanza. Il Comandante Sirio Vignoni ha ricordato, avendo recentemente partecipato ad uno specifico tavolo tecnico in questura, come le istituzioni preposte al controllo dell'ordine pubblico vedano di buon grado questa iniziativa e diano il giusto rilievo alla nostra amministrazione comunale che ha dimostrato la sua volontà di combattere questo fenomeno. Ha precisato che verranno organizzati, a cura della questura, dei servizi congiunti di pattugliamento tra polizia municipale, Guardia di Finanza e Carabinieri, in una sorta di calendario prestabilito. Il comandante Vignoni, nell'occasione, ha ringraziato gli assessori presenti in rappresentanza dell'intera giunta per avere investito nella Polizia Municipale, fornendo le risorse indispensabili per l'assunzione di nuovi agenti che potranno garantire il servizio a tre turni (fino all'una di notte)'per l'intera stagione estiva. Servizio, ha ricordato Vignoni, che in alcune cittadine limitrofe non é più garantito per carenza di risorse economiche.

Per avvertire la cittadinanza ed i turisti presenti sul nostro territorio sui rischi che si correranno acquistando merce contraffatta e abusiva, verrà usato anche l'impianto fonico.

L'iniziativa, sembra assolutamente lodevole. Per lo meno, possiamo dirlo, per la prima volta si vede, nella nostra cittadina, una ferrea volontà di combattere un fenomeno difficilissimo da estirpare quale quello del commercio abusivo.

Sotto, la relativa locandina:

 

 

 

55 commenti:

  1. Benissimo.
    Adesso i detrattori di questa amministrazione diranno che così si spaventano i turisti,i quali non verranno piu in città.
    Lo sanno tutti che da qualche anno i turisti compravano casa qui anche per il commercio di roba contraffatta che era ormai diventata un servizio turistico a tutti gli effetti!
    Ah ah ah ah ah

    RispondiElimina
  2. Eccellente peccato che il calendario lo conoscersnno benissimo anche i vu cumprà e in quei giorni non ci sarà nessuno ......

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E vero durante l'ultimo blitz all' H.H. fatto dlla G.d.F. alle 6 del mattino un certo Bamba è stato beccato solo perche coosciuto come Bamba e non come Dioppe.
      E non lo hanno potuto avvertire prima......................................

      Elimina
  3. 200 euro di multa un caxxo!!! Sul manifesto c'è scritto 7000 euro!!! Poi dicono che non fanno terrorismo!!! Ecco palestrini e fermanelli perché oggi andavano ad attaccare i manifesti!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ogni sanzione pecuniaria prevista per legge ha un minimo e un massimo. Per far si che poi si applichi "il doppio del minimo". Ovvero, in questo caso, 200 euro.

      Elimina
  4. buone le premesse e le intenzioni,si vada fino in fondo e si sanzioni chi compra,vogliamo vivere nel rispetto delle regole,e il turismo ne avrà giovamento.integrerei con maggior controllo da parte dei responsabili dei balneari per limitare l'accesso dei venditori abusivi che disturbano i loro clienti spesso al limite delle molestie.

    RispondiElimina
  5. Ma è una legge nazionale ormai in vigore da tempo.
    Non vedo dove sia la novità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La novità é che la si vorrebbe applicare. Ti risulta che in qualche altro Comune marchigiano o nazionale lo facciano?

      Elimina
    2. E' ovvio che quando una giunta prende delle iniziative lo fa applicando delle leggi esistenti anonimo delle 00:23. L'offerta esiste perché c'è una domanda. E' il mercato. Il commercio illegale e la prostituzione non sfuggono a questa legge. L' assessore al commercio non avrebbe avuto molte altre armi per fronteggiare questo fenomeno. Comunque penso che una task force di forze dell'ordine rivolta a questo problema è comunque un presidio e un deterrente per altri crimini minori (se si possono chiamare minori...).

      Elimina
    3. Cara emanuela se le forze dell'ordine le usi li non le potrai usare dove avvengono i crimini maggiori... È questo il problema. E tutti lo sanno dove ci sono prostitute e spaccio

      Elimina
    4. Le forze dell'ordine si alterneranno e questo permetterà di occuparsi anche di altre problematiche. Il presidio del territorio sarà comunque un deterrente anche per altri crimini. Non credo che la polizia urbana e le altre forze dell'ordine, nel presidiare il lungomare o le spiagge, ignorerebbero atti di vandalismo o spaccio , se dovessero incapparci. Vogliamo vedere la giunta lavorare? Allora non lamentiamoci se comincia a muoversi qualcosa.

      Elimina
    5. Allora tutte le volte che si "vorrà" applicare una legge nazionale verrà convocata una conferenza stampa per annunciarlo? Le leggi DEVONO essere applicate.

      Elimina
    6. La comunicazione è fondamentale. Non tutti conosciamo le leggi e i regolamenti ed è giusto che le iniziative vengano pubblicizzate. Non credo che gli assessori vogliano fare terrorismo ma sensibilizzare sulla problematica prima ancora di punire. Questo è quello che ho inteso io. Credo anche che ci sono voluti due mesi per attivare questa attività perché occorre tempo per coordinare le forze di polizia e non si può certo bypassare il Prefetto. Avrà successo, non avrà successo? Diamogli il tempo di iniziare....

      Elimina
    7. Emanuela ma in che paese vivi? I vigili sono 4 gatti se li meyti li non sono da altre parti e sai bene che non è certo il lungo mare il luogo dove avviene spaccio e prostituzione.

      I papponi ringraziano

      Elimina
    8. D'estate l'organico dei vigili aumenta e non si occuperanno 24 h su 24 del commercio illegale. Vivo a Portorecanati e so benissimo dove avviene la prostituzione (negli appartamenti di vari quartieri, in pineta, davanti al River village, davanti alla caserma dei carabinieri....) e lo spaccio. Ci lamentiamo perché nessuno fa niente, poi ci lamentiamo perché qualcuno fa qualcosa ma tanto è inutile, di lamentiamo perché non è stato fatto prima. Chi ha idee geniali, che possano risolvere con un "bididibodibù" i problemi, si faccia avanti e diventi consulente della Giunta.

      Elimina
    9. Signora Emanuela pensa lei che c'è qualcuno che non sappia che ciò che vendono i vu cumprà sia merce contraffatta ed è reato acquistarla? CD, cover, calzette, braccialetti e quant'altro? Abbiamo bisogno veramente che lo dica l'assessore?

      Elimina
    10. Visto che la gente continua a comprare roba contraffatta, pare proprio di si!!! Probabilmente qualcuno ha bisogno di essere avvisato che la merce contraffatta è illegale e che gli piomberà sopra la testa una bella multa, se viene beccato ad acquistare.
      Spero che ci siano altre mille conferenze stampe che ribadiscano l'ovvio, come accusa qualcuno, piuttosto di leggere comunicati su una barca poco sicura.

      Elimina
    11. Cara emanuela giusto dunque punire con 200 euro di sanzione un acquirente di una borsa falsa mentre nulla se compra marijuana o cocaina ?

      Il fatto è questo.

      Ma non ho visto nulla o cartelli contro i problemi seri.

      Solita manovra per fare cassa , siccome non sono capaci di arginare il fenomeno se la prendono con i turisti.

      non si punisce il venditore perché non gli si può fare nulla e tocca al cliente

      Come se tu vai in un ristorante che tiene i dipendenti a nero arriva l'ispettirato ed invece di multare il gestore multa il cliente. In quel caso che diresti ? Eppure è la stessa cosa.

      Elimina
    12. Pensa che la gente sia veramente così bigotta? Non gli piomberà un bel niente sulla testa Signora Emanuela, perchè non faranno un bel niente, perchè così come non si multa l'automobilista irrispettoso che la domenica trascorre la giornata al mare non si multerà il turista che compra dal vu cumprà.

      Elimina
  6. Fiaschetti per le prostitute non riesci a fare niente ed allora te la prendi coi vu cumpra ? E si sono quelli la principale minaccia all'ordine pubblico ...

    Bravi è piu punito prendere la biorsa tarocca che il fumo ...


    Usiamo i vigili per le borse tarocche invece di usarli per limitare la prostituzione e lo spaccio.

    Bella coppia di geni riccetti e fiaschetti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prendersela a prescindere con chi, per la prima volta, prova a fare qualcosa per combattere il fenomeno, é da decerebrati.

      Elimina
    2. Da decerebrati è distogliere le forze dell'ordine da problemi veri di ordine pubblico per correre dietro ai vu cumpra e multare i turisti....

      Se non lo sai argano poi queste famigerate multe in vari casi sono state pure annullate dai giudici di pace.

      Oggi la sanzione è maggiore se compri la borsetta falsa rispetto ad una canna ... Hai mai sentito uno multato per acquisto di droga?

      Caro argano questa è una vecchia mossa quando non si sa che pesci pigliare con i problemi SERI allora si fa la voce grossa con i piu deboli.

      Elimina
    3. Da decerebrati è sostenere che c'è sempre un'emergenza maggiore. Pertanto quella minore non va affrontata. Ovvero l'esplicazione della tua teoria. Non si deve provare a prendere di petto nulla, perchè c'è sempre qualcosa d'altro di più importante da prendere di petto. Siamo invasi da 150 tappetini che distruggono il commercio legale, alimentano la malavita, occupano spazi pubblici fino a ridurre la passeggiata lungomare a mezza carreggiata? Fa niente, secondo la tua brillante teoria. Ci sono cose più serie......
      E' un ragionamento che sinceramente, mi manda fuori di testa.

      Elimina
    4. Stesso commento firmato su fb con M.M.

      Elimina
    5. In effetti c'era bisogno di Fiaschetti e Riccetti per essere informati che le borse vendute dai vu cumprà sono un falso e dietro ci sta la malavita oltre che lo sfruttamento di persone. E se c'è chi se ne frega? Lo trovo veramente un insulto all'intelligenza umana. Fino a ieri abbiamo assistito all'indifferenza dei vigili che passavano e facevano finta di nulla al nascondersi dei vu cumprà fra i balneari o nei vicoli del corso per ritornare pochi istanti dopo con i loro tappetini come se nulla fosse. Scene viste da tutti, residenti e non. Eppure la norma esisteva e perchè non veniva applicata? Ci sono voluti 2 mesi per annunciare qualcosa che doveva invece essere operativo dal giorno dell'insediamento del nuovo assessore.

      Elimina
    6. Caro argano vero no i commercianti hanno problemi a causa dei vu cumpra ...

      Ma facci il piacere...

      Vedremo quanti ne allontanera questa pagliaccita mediatica degna del bullo che se la prende con il più debole

      Elimina
    7. una battaglia era stata fatta qualche anno fa..i vigili li mettevano in fuga..ma tornavano...Fiaschetti e Riccetti...posso ridere??? la vs genialata ha riempito il paese...che fenomeni!!! io non compro falsi, ma ho comprato cover e ho donato a qlcn qlc euro...la vergogna siete voi, che spendete pure soldi per fare manifesti inutili...la campagna elettorale è finita...per cui basta a prendere x il culo le persone...fatevela finita...mettetevi a lavorare e cercate di fare qlcs di utile

      Elimina
  7. Argano non è la prima volta l'anno scorso la gdf ha fatto multe x questo commercio illegale a chi comprava forse è la prima volta che viene pubblicizzato o dato come avvertimento ....

    RispondiElimina
  8. Chi farà poi la multa i vigili in divisa ma credete che ci si fanno beccare ieri sera all'arrivo dei vigili sono spariti titti anche perchè si sono feati a 50 mt hanno fatto die chiacchiere con un suonatore abisivo anche lui e x quando si sono diretyi verso i vu comprà non c'erano più .... Giarda caso.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai esistono anche i servizi in borghese

      Elimina
    2. Bravo 9.35, noi non ne sapevamo niente.

      Elimina
    3. Ano 9.35,ci credo visto che sopra parlavi di agenti in divisa

      Elimina
  9. collaboriamo fin da subito ,senza fare noi non extracomunitari ,i furbi perché questa è civiltà
    la partecipazione fin dai gesti piccoli è utile al bene comune
    poche chiacchiere
    molti fatti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cioè dovremmo farci tutti delatori della polizia municipale?

      Elimina
  10. Emanuele De Chellis25 luglio 2014 07:52

    Complimenti a Fiaschetti e Riccetti per l'iniziativa!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco una persona coerente: De Chellis, che sta dalla parte dei contraffattori.

      Elimina
  11. Mi auguro che il controllo della merce contraffatta avvenga anche negli esercizi commerciali regolari della città, ben più pericolosi per l'acquirente che acquista merce contraffatta non sapendolo.
    Non si vuol difendere chi sfrutta i migranti per alimentare la malavita organizzata, ma si chiede di serrare i controlli anche sulla merce venduta in negozio.
    Chi ha orecchie per intendere intenda.
    Ah, visto lo zelo dimostrato per il rispetto della legalità, sarebbe opportuno controllare anche i dipendenti stagionali delle attività turistiche, l'emissione delle ricevute regolari, gli affitti estivi delle case...
    Rispetto per tutti e legge uguale per tutti.
    Il turista va multato in caso di contravvenzione consapevole, ma protetto dalle truffe praticate dai commercianti scorretti.
    Da subito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ohibo', novello Di Pietro. Un nuovo giustiziere della notte. Se sai qualcosa devi andare dai carabinieri, almeno siamo certi che ti metteranno dentro. Con questa mentalità, caro 9.43, sei un pericolo per i tuoi concittadini. E chi mai vorrebbe averti come vicino di casa?

      Elimina
    2. Tempo fa un esercizio commerciale di Macerata che aveva un punto vendita a porto Recanati, fu colto in flagranza di reato perché vendeva merce contraffatta. La cosa bella era che per acquistare un semplice foulard in quel negozio potevi spendere anche 150€.
      Sarò anche un novello Di Pietro, ma se spendo 300€ per un paio di pantaloni o per delle scarpe che credo siano di marca, vorrei averne la certezza. Altrimenti vado a dare 20€ al migrante di turno, che almeno ammette di avere merce contraffatta e la vende per il suo reale valore.
      Non andrò dai carabinieri, ma invito la guardia di finanza a vegliare per garantire tutti i cittadini!

      Elimina
    3. tu devi rispettare le leggi prima di parlare di altri casi,per il tuo tornaconto personale tu ammetti l'illegalità .equivale a legalizzare il contrabbando e la ricettazione,e di conseguenza la malavita e via discorrendo.conta fino a 100 prima di dire c.xx.te.

      Elimina
  12. Stessa iniziativa della Leonardi di anni fa, non si sono inventati niente..ed avrà gli stessi risultati: niente! Copiaticcio inutile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo di solito queste campagne sono solo di facciata tanto 3 vogili certo non possono conttollare un intero lungomare

      Elimina
  13. Ano 9,59:forse la legge c'era anche con il vecchio assessore...ma se parli in questi termini con te rispondere è fatica sprecata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La legge c'era già con il vecchio assessore, come c'era già il comandante dei vigili. Penso solo che non c'era alcun bisogno di spot post elettorali. Le campagne di sensibilizzazione non servono a nulla, se si vuole reprimere un fenomeno, qualunque esso sia, sia inizia fin da subito ad elevare contravvenzioni, ad arrestare chi con i tappetini espone merce o chi nei ristoranti ti viene a vendere l'accendino senza che il titolare faccia alcunchè per buttarli fuori. Se poi la gente continua ad acquistare sono cavoli propri o questioni di vita, come recita lo slogan.

      Elimina
    2. Non hai risposto perché hai tanto livore con chi cerca di combattere questo problema mentre il vecchio assessore era bravissimo,se non arrestano quelli che tu indichi forse è perché non ci sono gli estremi.credo che proprio non capisci o ,nel migliore dei casi,non vuoi capire .

      Elimina
    3. Caro anonimo sono in totolare di stab balneare e come ogni sera mando via dal locale lo sterminato esercito di vu cumprà x non far disturbare i miei clienti ma spesso rischio grosso perchè costoro non hanno nulla da perdere ti rispondono male ti insultano e se dici loro chiamo i carabinieri ti deridono xchè sanno che non saranno mai puniti . Chi ci tutela a noi chi siamo in mezzo alla strada x lavorare e far lavorare tanti giovani ??? Tutti questi saccenti che parlano dei titolari degli stabilimenti balneari sapendo solo criticare ed accusare che ne sanno se interveniamo o no?? Ebbene più di una volta ho rischiato di essere attaccato da questi extracomunitari e di essermi sentito dire lasciali stare poverini e amcora stiamo a parlare di queste cose??? Ma facciamola finita non serve multare il vliente bisogna mandare a casa chi viene fermato mentre delinque ma a casa sua sul serio e non con foglio di via ....

      Elimina
    4. Comunque da qialche anno a questa parte si alternavano già vigili finanza e uomini della questura non è ina novità ....

      Elimina
  14. Mi auguro che i vigili che tenteranno di far rispettare questa legge non facciano la fine dei due dello scorso anno che sono stati pestati dai VU CUMPRA'.

    RispondiElimina
  15. Ano delle 9,43 sai che esiste la finanza che controlla il commercio in sede fissa molto spesso,se tu hai notizie di reato,come dici,dovresti recarti in caserma e denunciarlo da bravo cittadino.

    RispondiElimina
  16. Sugli edifici commerciali normali li controllano gli orari che fanno i commessi o se sono tutti in regola ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo che vengono controllati ed anche molto spesso

      Elimina
  17. Ora attaccano in VU CUMPRA' (giustamente!) per le loro attività illegali...ma quando davanti alla farmacia, in pieno Corso, o direttamente all'Hotel House hanno intrapreso una convincente campagna elettorale allora andava TUTTO BENE!!!

    RispondiElimina
  18. LA GUARDIA DI FINANZA OLTRE AI VU CUMPRA' VA A VEDERE LE VETRINE DOVE NON CI SONO PREZZI E SCRIVONO"VETRINA IN ALLESTIMENTO", VA A VEDERE SE VENGONO FATTE LE FATTURE E GLI SCONTRINI FISCALI? ADESSO LA PROSSIMA RIUNIONE RICCETTI E FIASCHETTI LA FACCIANO PER FAR DIMINUIRE L'EVASIONE FISCALE DI QUESTO PAESE.TUTTA NON SOLO QUELLA DEI VU CUMPRA'.

    RispondiElimina
  19. Snob Impenitente25 luglio 2014 16:21

    quanto chiasso per nulla, il problema se lo pone chi non può permettersi di andare a comperare in negozio e fa parte della categoria "vorrei ma non posso"

    RispondiElimina
  20. Forse l'anonimo delle 12:59 si e' perso qualcosa. L'iniziativa dell'assessore al commercio non cancella tutti gli altri reati come lo spaccio e la prostituzione. La multa all'acquirente non cancella il reato del commercio abusivo. Hai mai sentito parlare di "deterrente"? La polizia urbana dovrebbe affiggere manifesti con su scritto " uccidere e' un reato" per non essere accusata di dimenticarsi dei problemi seri? Aspettiamo di vedere se multeranno o no. Vediamo gli effetti e poi avremo modo di giudicare sul successo o fallimento dell'iniziativa. Ma come fate a vivere ogni singolo giorno pensando che nulla possa cambiare?

    RispondiElimina