QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

venerdì 20 giugno 2014

LA TORRE RIDE ANCHE QUEST'ANNO

Nei giorni scorsi era stata paventata la possibilità che l'annuale rassegna di teatro brillante "La torre che ride" potesse non tenersi per problemi di bilancio.



Da quel che si legge nell'articolo, il Comune avrebbe avuto in mente di destinare le risorse necessarie allo svolgimento del Festival a un'altra iniziativa, il che avrebbe suscitato il disappunto dell'assessore regionale alla cultura.

A quanto pare, l'"allarme" è rientrato e il festival si terrà anche quest'anno:


Quello che ci chiediamo noi è: perché l'organizzatore parla prima con la Regione e poi con il Comune? E perché questo presunto "tergiversare" da parte del Comune?

11 commenti:

  1. Abbiamo bisogno di TEATRO. Se scelta si deve fare che prevalga la qualità , perchè il teatro è scuola di vita ,di impegno ,di studio, di partecipazione.
    I soldi per la Ricciarelli e Company siano utilizzati per cose che possono mettere idee nella testa delle persone. Di spettacoli pieni di personalismi non ne possiamo più!.
    Spazio alla cultura che poi da i suoi frutti.

    RispondiElimina
  2. In famiglia quando ci sono poche risorse e bisogna dare la priorità a cio' che è più utile , se pur con dispiacere si taglia ciò che non serve ed al momento possiamo fare a meno di Talent ecc....perchè la televisione ce li ha presentati in tutte le salse.E' vero che pure a Porto Recanati ci sono molti talenti , ma alla luce dei fatti l'esposizione fino ad oggi fatta all'Arena mi pare sia servita solo a chi ha organizzato per sentirsi dire bravo ,con un sacco di autocelebrazioni,targhe e confusione , tutto mascherato da "ospiti" leggermente " illustri".
    Che la scelta sia verso il teatro e che si faccia pagare anche simbolicamente l'ingresso ,per rispetto a chi lavora in ogni senso. Non è vera la mentalità che la gente entra e riempe la sala solo se gratis.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusto far pagare anche poco,si evita che la gente esca di continuo disturbando

      Elimina
  3. Se non mi sbaglio il Talent è stato pagato da un privato ed all'amministrazione dovrebbe essere costato niente o quasi. Forse al Comune hanno chiesto solo l'arena. Allora perchè tagliarlo? Il privato se vuole fare il Talent non è detto che voglia impegnare gli stessi soldi per fare altro. Oppure i soldi devono essere del Comune? In questo caso, allora facciamone tranquillamente a meno

    RispondiElimina
  4. Il tuo ragionamento è sensato, amico delle 17.17, ma il fatto è che il finanziatore privato non c'è più perché si vuol far furori il quartiere Europa, i cui partner iniziali, che hanno santi in comune, vorrebbero mettere Ghost Talent sotto la propria cappella. E siccome il finanziatore è legato al suddetto quartiere, non intende cacciare i soldi che ha cacciato in passato. E allora il comune, i cui santi proteggono i golpisti anti quartiere Europa, vuol sostituirsi al finanziatore storico mettendo i soldi e il cappello sulla manifestazione. Firmato uno del quartiere Europa che non ha in simpatia né Fiaschetti né Canaletti.

    RispondiElimina
  5. Cioè ragazzi, intuisco che nessuno di voi che ha commentato conosce la realtà dei fatti. Nessuno di voi è all'interno dell'organizzazione giusto? Quindi come potete arrogarmi il diritto di conoscere tutto e sapere cosa è giusto e cosa non lo è? Prima di criticare una proposta, siate certi di quello che state dicendo. Puntare il dito dall'esterno è facile vero? Ti fa sentire grande eh. Fate un bel respiro, e cercate di informarvi prima di spare sentenze, neanche foste vecchie pensionati impilati davanti ad un cantiere.

    RispondiElimina
  6. notte rosa .... la torre che ride.....una sana e intelligente continuità perchè "...è finito il tempo di conservare ma conversare per durare nel fare " ahahahahah

    RispondiElimina
  7. Giacomo Manuali22 giugno 2014 00:19

    Tengo a manifestare il mio completo stupore e disappunto dinanzi a questi commenti biechi e insensati che mirano solo a gettare fango su una manifestazione , quale il ghost talent che si era prefissata, semplicemente l'intento di intrattenere i vacanzieri portorecanatesi in una maniera piacevole e socialmente stimolante. Inizialmente la stessa era stata concepita come coronazione della festa del quartiere Europa (che prevedeva una precedente serata con cena, estesa a chiunque volesse partecipare) e culminante in uno show canoro (a quei tempi Amici di Maria de Filippi).
    In considerazione dell'interesse ed il successo ottenuto, si decise di estenderla a tutta la cittadina, proprio per rivitalizzare lo spirito estivo di Porto Recanati.
    L'insinuazione che il tutto fosse mirato ad una mia personale sete di ambizione e protagonismo mi appare oltre che svilente anche privo di fondamento, poiché quest'anno sono comunque uno degli sponsor principali della Torre che Ride (vedi materiale pubblicitario a riguardo), manifestazione ancora sul campo.
    Per quanto riguarda poi i finanziamenti da parte del Comune, confermo che le autorità amministrative non hanno mai contribuito in alcun modo, se non con l'offerta dello spazio Arena Gigli alla realizzazione dell'evento.
    Invito comunque, chiunque abbia bisogno di ulteriori informazioni a riguardo e preferibilmente non in forma ANONIMA, a mettersi in contatto direttamente con me, signor Giacomo Manuali, presso il Si con Te di Porto Recanati, sito in V.le Europa nr. 42.
    Colgo l'occasione per ringraziare il presidente del quartiere Europa e l'associazione Arca, per la splendida collaborazione dimostrata negli anni e per aver consentito di organizzare questo fantastico evento, che riterrò sempre importante per la cittadina portorecanatese, soprattutto nell'intento di incrementare il turismo, che rappresenta uno degli obiettivi principali, che noi commercianti ci prefiggiamo di raggiungere con la partecipazione a questo tipo di iniziative.
    Resto a vs. disposizione
    Buona estate 2014

    RispondiElimina
  8. toh, ancora una volta bastava informarsi prima di predicare tanto.

    RispondiElimina
  9. Fatemi capire,se questa manifestazione è pagata dal privato,perchè non possiamo farle entrambe ?
    Con la penuria di eventi programmati in città , perchè saltare proprio questo ?

    RispondiElimina
  10. Luisa, mi sa che tu non sei proprio riuscita ad informarti. Anzi, suppongo che tu non abbia capito cosa c'è in ballo. Ma puoi consolarti perché nemmeno tanti altri sembrano non averlo capito. Manuali ha spiegato come e con quali finalità è nato Ghost Talent. Finialità che oggi sembra essere superata a causa del successo stesso della manifestazione, che in quanto tale fa sbavare i tanti cagnolini che le ruotano attorno. Manuali, al quale va il mio apprezzamento, tenga perciò duro, se capisce che la manifestazione può restare al quartiere Europa. Oppure abbandoni l'impresa, se scopre che c'è chi vuol farne cosa propria escludendo in quartiere.

    RispondiElimina