QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

mercoledì 28 maggio 2014

FINE DI UN'ERA

In democrazia, quando alla fine di un mandato da sindaco ci si ripresenta per la conferma e si viene sonoramente sconfitti, inutile sottolinearlo, è segno che sono stati fatti degli errori. E se il personaggio in questione si chiama Rosalba Ubaldi, le fazioni si dividono anche e soprattutto nell'esprimere un giudizio sul suo lato caratteriale: infinitamente decisionista e negativamente accentratrice per chi non l'ha mai amata; pragmatica ed efficace per chi invece l'ha sempre sostenuta.

Ma si possono perdere in maniera così schiacciante le elezioni per limiti caratteriali? Forse sì. Se le alleanze variano, rispetto a 5 anni prima, proprio per incomprensioni, anche caratteriali appunto, dovute alla modalità di gestire la cosa pubblica. Alla Ubaldi, in queste elezioni, è venuto meno, rispetto al 2009, il nucleo che ruota intorno a parte del Partito socialista (che spazia dagli Agostinacchio, ai Tribuiani, ai Giampaoli). Sono voti. Che pesano. Alla Ubaldi sono venuti meno i voti di Fiaschetti, altro fuoriuscito per varie incomprensioni. Alla Ubaldi, forse, sono venuti meno i voti di parte di Porto Recanati a Cuore, che pare la appoggiasse dall'esterno ma, senza un proprio candidato (nel 2009 c'era Rovazzani), non ha condotto la campagna elettorale con la stessa convinzione.
Alla Ubaldi poi, sono capitate altre "sventure elettorali". Proviamo a ricapitolarle:

a) non ha avuto in lista un catalizzatore di voti giovanili come lo era stato Javier Pagano nel 2009 con le sue oltre 450 preferenze. Certo, siamo sicuri che l'ex vicesindaco abbia comunque condotto un minimo di campagna elettorale per la Ubaldi. Ma, come per Rovazzani, l'impegno diretto e personale porta ad altri risultati. E molti di quei 450 voti si sono dispersi tra le altre liste.

b) si é compattato dopo anni di lotte intestine il centrosinistra. L'accordo PD (in tutte le sue componenti) - UPP, nel 2009, non c'era. Inutile negarlo. Ci si prenderebbe in giro.

c) è esploso il Renzismo. E il Renzismo ha avuto effetti importanti anche sul voto locale

d) rispetto al 2009 c'è stata una realtà politica importante che ha totalizzato consensi praticamente pari al doppio delle due liste che arrivarono terza e quarta cinque anni fa. Parliamo ovviamente del Movimento 5 Stelle: è lecito infatti pensare che abbia eroso più voti a chi ha governato rispetto a chi ha fatto opposizione.

Quelli sopra sono dati oggettivi. Pesantissimi. Che inevitabilmente hanno condizionato il voto fin quasi a giustificare le 600 preferenze in meno rispetto al 2009 dalla coalizione a guida Ubaldi.

Ma poi, certo, c'è stato il giudizio dell'elettorato su cinque anni di governo Ubaldi. E su scelte importanti e di fortissimo impatto come il Burchio. Opera inutile per i suoi detrattori. Fondamentale per lo sviluppo della nostra cittadina, invece, per lei e per i suoi sostenitori. Un provvedimento simile, adottato a 5 mesi dal voto, può avere un effetto negativamente dirompente. Che può pagarsi sul piano elettorale. E così forse è stato. E alla fine, in democrazia, gli elettori hanno sempre ragione. La bocciatura, lo ripetiamo, è stata evidente. E forse ha riguardato anche e soprattutto un metodo di governo cittadino giudicato dalla maggioranza dell'elettorato come fin troppo autoritario e troppo impostato sulla sua figura. Fino a far sì che la campagna elettorale del neosindaco Montali fosse spesso concettualmente impostata su questo principio: "basta con il concetto di una donna sola al comando. Riprendiamoci la città". Principio rivelatosi vincente.

L'accentuato pragmatismo ubaldiano, basato sul decisionismo estremo forse, alla fine, è stato la causa principale della sua stessa sconfitta. Quella che l'ex sindaco riteneva una virtù, può averla portata a una sorta di isolamento politico. L'ipotetica "donna sola al comando", alla fine, si è ritrovata troppo sola per essere compresa dalla maggioranza dell'elettorato. E in politica, come noto, la solitudine non paga.

 

42 commenti:

  1. Precisazione sul punto b.
    Nel 2009 l'upp era espressione di più partiti tra cui il PD.
    Se adesso è un movimento lo si deve grazie a Riccetti che era visto da una parte come il candidato sindaco ad honorem .
    I socialisti e Sel nel 2009 avevano preso altre vie.
    Sinceramente adesso mi aspetto che su questo blog si prenda atto dopo mesi di insulti anonimi che l'operato della segreteria del Pd guardava più in là del muro mentale che avevano alcune persone.
    Apertura a forze moderate e un candidato sindaco unitario come è stata la tanto vituperata Montali all'inizio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La realtà è che il Pd aveva il sindaco e non una lista. Upp aveva la lista ma non il sindaco. O si mettevano insieme o passavano l'estate in spiaggia. Non è stata una libera scelta. È sopravvivenza.

      Elimina
  2. Precisazione alla tua precisazione: nel 2009 dopo la vittoria di Riccetti alle primarie il PD si lacerò. E questa lacerazione portò a parte dei suoi elettori a non votare Riccetti. Questo lo sappiamo tutti, non prendiamoci in giro per favore. Per tutto il resto, l'operazione Montali si é dimostrata vincente. Non ammetterlo sarebbe come dici tu, intellettualmente disonesto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusto quello che avete detto.
      Qualcuno ancora una settimana fa si chiedeva perché politicamente Riccetti non andasse bene come candidato sindaco.
      Lo avete spiegato voi dell'argano adesso.
      BRAVI.
      "

      Elimina
    2. Argano, la tua risposta non c'entra una mazza con quanto precisato da 8.33. UpP non era Riccetti ma cinque partiti tra i quali il Pd. Che c'entrano le primarie del 2009? Il Pd si spaccò per le guasconate di Riccetti dopo la vittoria alle primarie e per le sue intemperanze verbali nei confronti dell'antagonista Caporalini, che pur sarebbe stato disponibile a collaborare con lui per vincere comunque le elezioni. La sconfitta del 2009 grava tutta sulle spalle di Riccetti e la vittoria di oggi è figlia degli interessi politici del socialisti. Sono comunque convinto che nel patto con la Montali a Riccetti sia stato garantito di più che la carica di vice sindaco. La politica soprattutto a sinistra è questa, che alla fine colui che nel 2009 aveva sbeffeggiato Impegno per Porto Recanati irridendo il suo programma elettorale alla palestra Diaz è stato riportato in auge proprio dai socialisti e Impegno pur con la contrarietà del Pd.

      Elimina
    3. Sarebbe opportuno che ti rispondesse Riccetti ma dubitiamo che lo farà.....

      Elimina
    4. Come sarebbe disonesto non ammettere caro anonimo delle 8.33 che i tanto vituperati "riccettiani" con le loro quasi 900 preferenze abbiano fortemente contribuito alla vittoria della Montali. E non venirmi a dire che quei voti glieli ha dati il pd, perchè ti chiedo conto del come mai il pd NON ha votato in massa il suo segretario

      Elimina
    5. Ma neanche il vecchio segretario fu votato in massa,anzi prese la metà dei voti.

      Elimina
    6. Guarda che ti sbagli,i riccettiani non erano tanto vituperati,perché dopo la scelta della Montali a loro sono stati rivolti inviti a ripensarci tant'è vero che quando ci hanno ripensato hanno trovato 5-6 posti tenuti in caldo per loro fino all'ultimo momento.E questa è storia non barzellette!

      Elimina
    7. Chi ha sostenuto Sabrina Montali e le ha permesso di vincere???PD-SEL-UpP-ALTERNATIVA CIVICA E PAESE VERO!

      Elimina
    8. giovanni brandoni29 maggio 2014 00:24

      Caro anonimo delle 19.20 tanto per fare chiarezza, se per vecchio segretario ti riferìsci a me, quando nel 2009 mi sono candidato non ero il segretario. Era Lino Palanca. Io ero nel direttivo come esponente della Margherita. Sul fatto poi che io presi solo 85 preferenze, è evidente che la margherita non appoggiò la lista di Riccetti con cui aveva - e continua ad avere evidenti contrasti personali. Chi vivrà vedrà.

      Elimina
    9. Finalmente qualcuno che ha vissuto la realtà delle cose, racconta un pizzico di verità....

      Elimina
  3. ...c'è solo un film Forrest Gump....basta vedere le preferenze, per i "diversamente polititologi" ahahah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non siamo abbastanza intelligenti come te per capire cosa vuoi dire

      Elimina
  4. Ridicoli! Ve la canrate e ve la sonate...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chi sarebbe che se la canta e se la suona?

      Elimina
    2. Ecco uno dei votanti della lista "Grande Rosicata": anche per te Maalox a profusione per i prossimi 5 anni

      Elimina
  5. ...Ora provate a contare i voti dei singoli partiti dentro le liste e non del minestrone tutto insieme...

    RispondiElimina
  6. Analisi rozza e semplicistica, caro Argano, che avrebbe potuto fare anche uno che di politica non ha mai sentito parlare. Una per tutte. Fiaschetti ha lasciato la maggioranza con la quale nel 2009 era stato eletto non per incomprensioni con la Ubaldi ma perché la stessa partecipò alle elezioni provinciali con il centro sinistra. Un tradimento insopportabile, secondo il suo modo di vedere le cose, ma di fatto la sua scelta fu decisa dall'alto e dal Pdl di Salvatore Piscitelli. Che credeva che anche gli altri del Pdl avrebbero lasciato facendo cadere l'amministrazione Ubaldi. Provi a negare il buon Attilio. Uno scopo nobile il suo? Giudicate voi dopo aver preso atto della seguente odissea Partiamo a viaggio già avviato senza andare all'esordio di esso, di come cioè Fiaschetti sia ad un certo momento approdato alla Lega. Con la Ubaldi, via dalla Ubaldi, via dalla Lega, poi con Far, poi con Riccetti e Far, poi con Agostinacchio contro Riccetti e Far, poi con Agostinacchio e Riccetti contro Porto Recanati a cuore e con Psi, Pd e udite udite Sel con l'appoggio esterno di Anna Rombini, Roberto Attaccalite, Giuseppe Ridolfi e i muratori, quelli che mettevano paura solo a nominarli e che avrebbero dovuto votare per la Ubaldi. Qui, Argano amico, non ci sono analisi che tengano ma solo spregiudicata conquista del potere alla faccia della coerenza politica e morale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ancora si parla di colui che ha pianto sino all'ultima ora per far parte della lista Ubaldi????????ha fatto fare decine di telefonate all'ex sindaco per partecipare!!!!! boh questa si che è coerenza e serietà! la volpe dove non arriva all'uva dice che è acerba!!

      Elimina
  7. Grazie per il "rozza e semplicistica"....

    RispondiElimina
  8. per la conquista del potere la tua sindacati ha fatto scuola e ha pagato il prezzo mortificato portorecanati.fa ttene una ragione,avete perso...e di brutto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh no cazzo!!!! Io fino a 3 settimane fa ero Riccettiano.....!!!! Ora mi vieni a dire che ho perso....?????

      Elimina
    2. Argano, il confusionario delle 15.37 non ce l'ha con te ma con me delle 14.23. A lui sembra di avere le idee chiare sostenendo che ciò che squalifica la Ubaldi giustifica invece Fiaschetti. Se non va bene per l'una non dovrebbe andar bene nemmeno per l'altro, io penso. Ma poi la Ubaldi avrebbe fatto tutti quei giri in giostra in cui si è esibito Fiaschetti accompagnandosi con tutti e tutti abbandonando? Su face book sembra sia vicino ai muratori (sic) senza sentirne ribrezzo, secondo i consueti criteri di giudizio della sinistra, lui che è di destra. E che fine ha fatto Aranka Korosi? Certamente non gli avrebbe portato i voti della Gabbanelli, che gli anni consentito, seppure da ultimo di entrare in consiglio comunale. Adesso si dice voglia un assessorato. Se merita è giusto che glielo diano, ma ci sia consentito di dubitare, perché Fiaschetti dovrebbe sapere che se anche i compagni ti applaudono quando cadi in braccio a loro sanno anche che chi ha cambiato parere ad ogni suonar di campane può farlo ancora. Anoculo delle 15.37, si parlava di questo. Che minchia c'entra la Ubaldi?

      Elimina
    3. Caro argano ... tu stai dalla parte sbagliata in ogni ocassione

      Si scherza eh :)

      Elimina
    4. Fino a quando 300 masochisti portorecanatesi pensano che sia opportuno leggerci tutti i giorni, va bene così. Anche se stiamo sempre dalla parte sbagliata. Ovvero, dalla parte di chi osserva.

      Elimina
    5. Argano.. se scrivo la faccina :) è una battuta amichevole .... non essere serioso e rispondi anche tu con un sorriso :) se usi un pò di ironia vedrai che diventi più simpatico...

      un saluto argano !

      Elimina
    6. Scusate, ma i muratori (siciliani) non dovevano votare la lista della Ubaldi? come mai sono andati a votare la lista della Montali appoggiando Fiaschetti? La cosa mi pare alquanto strana... chi vorrebbe costruire vota chi è contrario al Burchio? credo che siano opportune delle spiegazioni da Fiaschetti e dalla Montali stessa!!

      Elimina
    7. Gentile Anonimo, io ci sono! Non sono mica scomparsa! Giusto stasera abbiamo un incontro con i giovani a Sala Biagetti, se ne ha voglia, venga anche Lei!
      Comunque probabilmente ha ragione, forse io non avrei potuto raccogliere così tante preferenze, quante ne ha raccolte Marika e mi creda, so bene che grande impegno c'era dietro. Io non ho avuto la possibilità di proseguire nella candidatura, avendo un lavoro da precario, dove viene visto male anche un permesso di un ora, figuriamoci se avessi azzardata a chiedere qualche mezzagiornata per poter seguire gli incontri con i quartieri, con i cittadini e con le vari associazioni. Quando ci si impegna a mettersi al servizio della collettività bisogna dare il 100% altrimenti è meglio fare un passo indietro. Resto cmq attiva e seguirò la mia grande passione, che è la politica.
      Distinti saluti
      Aranka Korosi

      Elimina
  9. La città aspetta Riccetti sul Burchio....ne vedremo delle belle!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti: speriamo che i nuovi riescano in parte ad arginare i guai lasciati da chi li ha preceduti. In bocca al lupo, ragazzi! Non lasciate che quello scempio ecologico si compia

      Elimina
  10. Direi che ora il nome della lista della ubaldi può cambiare da "grande futuro" a Grande Rosicata: visto quello che vanno dicendo in giro sarà il nome più appropriato nei prossimi anni a venire.....
    26 MAGGIO 2014: IS A NICE DAY!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cos'è ke dicono in giro? Dai dai vogliamo sapereeeeee

      Elimina
  11. Chiedo scusa argano,ma il commento era rivolto all'ano 14,23 che accusa gli altri di nefandezze che per la sua protetta sono abitudini

    RispondiElimina
  12. Forza ragazzi,basta polemiche tutti uniti e cambiamo questo paese.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. giovanni brandoni29 maggio 2014 00:31

      Mi permetto di osservare che - secondo me - la Ubaldi ha sbagliato lista non riuscendo a trovare sostituti a personaggi di spicco quali Rovazzani e Agostinacchio. Francamente a parte 4-5 nomi, il resto non mi è affatto sembrato all'altezza.

      Elimina
    2. una che ha votato per cambiare , anche questa sua mentalità ,speriamo29 maggio 2014 09:48

      ormai tale commento non ha senso sig. Brandoni, la stessa cosa si potrebbe dire per l'altra parte che se vuole essere " all'altezza " deve ora dimostrarlo con i fatti.
      da bravo portorecanatese apre la bocca per dar fiato e se lo poteva risparmiare !

      Elimina
    3. Chi ha scelto ubaldi e ha perso eviti di cercare errori che non siano i propri,metabolizzate la sconfitta e non scadente in ridicoli piagnistei

      Elimina
  13. Sig. Brandoni faceva più bella figura a tacere, francamente a parte 2-3 nomi ,il resto della sua lista non mi è affatto sembrato all'altezza, non ho individuato nessun Berlinguer ,o La Pira anzi sono molto preoccupato per alcuni individui falsamente faccendoni e per alcuni che si adoperano nelle retrovie e di questi il Sindaco Montali deve essere molto attenta. Uno di NOI come te non ci fa alzare la stima di cui c'è tanto bisogno.

    RispondiElimina
  14. oggi brandoni si è scelto la pubblica fucilazione!
    che figura !
    un pò di autocritica no eh ?

    RispondiElimina
  15. giovanni brandonibrandoni3 giugno 2014 08:35

    OK. Ritiro tutto. La lista era azzeccata. La colpa è dei cittadini di Porto Recanati che non hanno creduto nel progetto politico proposto dalla Ubaldi. Va bene cosi? Dimenticavo che in politica esiste la vecchia regola "... non ti assumere alcuna colpa, cerca sempre di scaricarla ad altri." E la magra figura e autocritica le rigiro a quelli che non si sono accorti di avere perso le elezioni. Non certo io.

    RispondiElimina
  16. Your get ex back after you dumped him (temprana.pl) is relying
    on the very fact that you're going to pursue them, they usually've based mostly a variety of
    their self-confidence on this one, clear assumption.

    RispondiElimina