QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

lunedì 23 maggio 2016

PORTO RECANATI A CUORE HA PRESENTATO LA SUA LISTA

Ieri sera, alle 18, Porto Recanati a Cuore ha presentato la sua lista alla cittadinanza in una Palestra Diaz decisamente gremita. Non ho potuto contare i presenti, ma posso senza alcun dubbio dire che più di 200 persone hanno presenziato all'evento. Penso dunque di poter sostenere (pronto ad essere smentito) che in quanto ad audience in sede di presentazione delle liste, Porto Recanati a Cuore ha battuto tutti. Questo, sia chiaro, (lo preciso al fine di non indurre in conclusioni fantasiose) non significa che a maggior pubblico corrisponderà maggior apporto di voti. Come sapete c'è un pubblico silente che vota, che non partecipa alle convention e che se ne rimane sulle sue fino al 5 Giugno. Si chiama genericamente elettorato. E mai come stavolta è contraddistinto da mille variabili che rendono impossibile una qualsiasi previsione sull'esito delle prossime elezioni. Che, a mio modo di vedere, rimane altamente incerto.

Inutile dire che alla convention di PAC l'ha fatta da padrone uno sconfinato entusiasmo che si respirava nell'aria. Il candidato sindaco Rovazzani, dopo un breve discorso di benvenuto al pubblico presente, ha specificato i motivi che lo hanno spinto ad una candidatura supportata da una lista assolutamente civica e trasversale. Specificando come chi si è alternato al governo cittadino nella recente storia della nostra cittadina, si sia contraddistinto per aver lasciato grane legali (vedi Burchio e Khai) e svariati guai di altro tipo. Conseguentemente i concetti espressi da Alessandro erano tutti indirizzati ad un sostanziale "se questo è ciò che la politica partitica ha combinato, è impossibile che non siamo capaci di fare meglio". E ha detto questo tra le varie interruzioni dovute a copiosi, convinti e rumorosi applausi partiti dalla platea presente.


Poi, il candidato sindaco Rovazzani, ha lasciato la parola alla speaker della serate (Diletta Sisti) che ha annunciato uno ad uno i candidati della sua lista. I quali candidati, microfono alla mano, si sono espressi raccontando qualcosa di se stessi e spiegando i motivi della loro candidatura. Non sono mancati momenti in cui, i più esperti con il microfono alla mano, hanno saputo strappare consensi e risate al pubblico presente. Per altri di loro, alle prime armi in una esperienza del genere, è prevalsa una intensa commozione che quasi impediva di esprimersi ( e qui il pubblico ha fatto la sua parte incoraggiando con scroscianti applausi).




Alla fine della presentazione dei candidati Alessandro ha provveduto a dare la parola a Elena Montironi, professionista recanatese con laurea in scienza internazionali e diplomatiche, che ha già maturato esperienze nel settore dei fondi europei. La quale ha brevemente relazionato sulle modalità del reperimento di detti fondi (in questo caso devo dire di aver ascoltato gli stessi concetti già uditi nella serata organizzata dal PD sul tema).


Poi alcuni candidati, in modo settoriale, hanno proceduto alla narrazione sintetica del programma elettorale, soffermandosi ognuno sui settori presumibilmente di competenza.

Come al solito su Facebook Argano potete trovare un ampio resoconto fotografico della serata, così come il programma amministrativo di Porto Recanati a Cuore.

Con la lista di Alessandro Rovazzani si sono concluse le presentazioni alla cittadinanza dei candidati. Mi dispiace non aver potuto partecipare alla presentazione della lista Insieme Alla Gente, ma essendosi svolta in concomitanza di quella di Elena Leonardi (cui avevo garantito giorni fa la mia presenza) non ho potuto fare diversamente.

Nei prossimi giorni vi relazionerò con le due interviste mancanti ai candidati sindaci (Mozzicafreddo e Zoppi)

Pertanto, come al solito, stay tuned.

Per l'audio della intera convention di Porto Recanati a Cuore, cliccate qui.


#hoscrittosolo67righe

35 commenti:

  1. Beh, c'è poco da meravigliarsi sul capitolo dei fondi europei: modalità di richiesta e finalità sono standard, indipendentemente da chi ne parla. Piuttosto l'intelligenza politica sta nell'individuare il problema o il progetto locale e il fondo UE che può fare al caso, poi mettere in moto la macchina per concorrere ad ottenere i quattrini. In questa campagna elettorale tutti parlano di questi fondi, ma nessuno indica con precisione il problema o il progetto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Te ne annuncio uno io, anonimo delle 8:41, di progetto con la partecipazione Europea.

      Difesa della costa tra il "Lido delle Nazioni" e il "Fosso Pilocco".

      Dodici milioni circa di investimenti tra "barriere foranee" e "campo pennelli".

      Circa un terzo dell'importo è delle FF.SS.

      Un altro terzo della Regione Marche a guida PD con firma dell'assessore alla difesa della costa Angelo SCIAPICHETTI (PD).

      I primi due con la supervisione del ministero per le OO.PP.

      Ultimo terzo della Comunità Europea su proposta regionale e firma BONAFE' (Deputato Europeo del PD dell'Italia Centrale e quindi anche di Porto Recanati, luogo in cui si è impegnata per l'opera.

      La pratiche sono approntate e a settembre verranno indette le gare d'asta.

      I ribassi d'asta verranno utilizzati per la difesa di Scossicci.

      Questa cosa è concreta come gli scogli e il PD portorecanatese l'ha seguita passo passo insieme all'assessore SCIAPICHETTI.

      Volevi indicato un progetto preciso? Detto!

      Fatti e opere, non chiacchiere.

      Elimina
    2. Le opere sono tangibili,le tue restano chiacchiere,e la costa intanto non c'è più, chiedi a scia picchetti e bonafe' se vengono al mare al lido delle nazioni,sarebbe un esempio!

      Elimina
    3. Caro 14:15 non sai neanche il tratto interessato dai lavori, figurarsi tutto il resto! Per cantá ce vó la voce, tu sei afono......ahahahahahah!!!!

      Elimina
  2. Sicuramente il gruppo più unito.
    E' palese che Rovazzani ha investito molto in questo progetto, personalmente temo questo arrivismo.
    Forse può essere apprezzabile in ambito professionale ma per la collettività (e la storia dovrebbe insegnare) lo vedo come un male.
    Mancava solo un Mental Coach e la camminata sui carboni ardenti.
    Spero che questo "prodotto" venda poco perchè, anche se per ora non la vedo, a me puzza di fregatura.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei un fenomeno però: non vedi la fregatura ma sei convinto che ci sia. La cosa sconcertante è che nelle altre liste (non tutte ovviamente) la fregatura c'è e si vede pure.

      Elimina
    2. continua a votare per chi hai votato fin'ora perchè nella fregatura ci stai con le mani e con i piedi contento te

      Elimina
    3. Perché Rovazzani non è mai stato votato prima? Non è stato assessore ai lavori pubblici? Prima di scrivere pensate che non tutti soffrono di scarsa memoria...

      Elimina
  3. Indiscutibilmente sono bravissime persone nulla da dire ma per amministrare c'è bisogno di esperienza e li ne vedo poca, a livello politico ovviamente e non credo di offendere nessuno dicendo questo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Riccetti ha esperienza, Paccamiccio ha esperienza, la Zoppi ha esperienza, Agostinacchio ha esperienza, la Cicconi ha esperienza, la Ubaldi ha esperienza, Cingolani ha esperienza, Sampaolo ha esperienza. Ma allora come mai ci troviamo in questa situazione a Porto Recanati? Situazione che oserei definire drammatica. Credo di non offendere nessuno nemmeno io se li ritengo responsabili di tale degrado del nostro paese, d'altronde sono loro che si sono succeduti nella'amministrazione..... Sbaglio?

      Elimina
    2. la vicenda burchio e il commissariamento non insegnano proprio niente? cosa ti devono fare questi che tu definisci esperti per farti cambiare idea?
      oppure sei uno di loro....

      Elimina
    3. Ma tipo tra chi ha esperienza non sapete distinguere gli uni dagli altri? Tutti neri come la pece? Il più pulito ha la rogna? Accazzo, complimenti, se è questa la nuova politica torniamo all'atto di nascita del M5S e al vaffa-day: a proposito, tra i "puri" c'è pure Pigini, 'rcordateve.

      Elimina
    4. Anonimo delle 13:15, ti sei dimenticato che tra quelli che hanno esperienza e che hanno contribuito al degrado a cui ti riferisci c'è anche Rovazzani, assessore della giunta Ubaldi. Tra un po' a forza di dire che non ha firmato per il bando dell'illuminazione, non ha firmato per lo spostamento del mercato, non ha votato a favore del Burchio ci sarebbe da chiedersi: ma che cosa ha fatto quando era in maggioranza?

      Elimina
  4. Questo vuol dire che in Italia solo chi ha avuto esperienza può far politica? Cos'è il solito baronismo? Con questa mentalità non avremo mai un cambio generazionale. Chi nasce politico morirà politico. Bella prospettiva di democrazia e partecipazione alla vita amministrativa. Dopo ci lamentiamo se i giovani si disaffezionano a questa bella Italia. Penso che i professionisti della politica di danni ne hanno già fatti abbastanza. W le liste civiche e il M5S.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo conte,votiamo Pac ,5stelle o upp.mandiamo a casa il vecchiume.

      Elimina
    2. Certo che no! Tutti possono fare politica ma chiunque deve crescere e non può certo farlo con persone che non l'hanno mai fatta! Va bene il nuovo che avanza ma un po di esperienza ci deve pur essere...amministrare non è un gioco e non si diventa amministratori solo perché ci si mette in una lista

      Elimina
    3. Chi ha fatto esperienza alla scuola di questi partiti è bruciato in partenza, gli hanno insegnato quello che sanno fare meglio...

      Elimina
  5. Mi spaventa molto di piu l'esperienza di chi ha amministrato e ridotto il paese cosi che per di piu si propone come soluzione per ripartire!

    RispondiElimina
  6. Una prova di forza che non mi ha sorpreso più di tanto. Guardando le foto ho visto persone che notoriamente votano in altre formazioni, per questo motivo sarebbe interessante capire se la presenza è dovuta ad un favore personale o ad una scelta di voto differente. Sicuramente questo pienone non può che far bene per il rush finale, allo stesso modo potrà, per le altre coalizioni,essere un viatico per inventarsi qualcosa in questi ultimi 15 giorni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedi, trasformare la palestra in auditorium...! Sala spaziosa, al centro del paese, facile da raggiungere, dotata di impianto audio-video di ultima generazione, a disposizione di tutti, senza ridicoli limiti di tempo. Altro che Burchio!

      Elimina
    2. Questa si che è una bella idea , un auditorium il paese lo ha già , e si togliamo una palestra ... caxxo serve l'attività motoria !

      Elimina
    3. Per l'uso che se ne fa,la sala Biagetti e l'auditorium alla Medi stano e avanzano.Le palestre invece mancano e quegli impianti che ci sono vanno adeguati.dopo le elezioni le chiacchiere fatele al bar o a casa tua!

      Elimina
    4. Abbiamo già tutto doppio a Porto Recanati, ci mancava un altro Auditorium senza aver mai usato seriamente quello che già abbiamo.Ma dove stai di casa?

      Elimina
    5. Grandi teorici della politica e dell'amministrare bene, spiegatemi allora perchè per un'assemblea di partito per la campagna elettorale è stata scelta una palestra e non l'auditorium? Perchè era ginnastica della mente?

      P.S.- La satira, comunque, vedo che non attacca tra i "cupi" portorecanatesi.

      Elimina
  7. Osservatore Politico23 maggio 2016 17:36

    Ecco PAC, personalmente non amo i movimenti puramente civici, ancor meno quelli che si immedesimano unicamente nel loro leader o poco più del suo circondario. Il rischio di autoreferenzialità è molto alto.

    In questi movimenti non ho mai visto "prospettiva" (il medesimo discorso vale fondamentalmente per UPP)

    Li vedo un pò come l'UPP di destra , hanno una connotazione che si sovrappone a IAG (basti vedere il tema burchio) e cerca di intercettare qualcosa del voto di Destra (Lega - FDI) e di quella parte che come più volte detto la ubaldi prendeva al PD.

    Il punto di volta sarà vedere quanto la Ubaldi avrà perso della sua influenza, la chiave di PAC è tutta li.

    Tra PD ed UPP (ne parlerò in altra occasione) oramai la separazione almeno ideologica e programmatica è netta. Mentre invece fra la Ubaldi e PAC i programmi non sono chiaramente distinguibili , non a caso Rovazzani era con lei nel 2009 , la ha sostenuta nel 2014 e nelle prime fasi sicuramente c'è stata una ricerca di accordi ed incontri con le forze che compongono IAG e parte di Lega-Fdi.

    Comunque coraggiosa la scelta di andare da soli , la frammentazione sicuramente li aiuterà ad ottenere un risultato in proporzione migliore ed attenuare il richiamo del voto utile che certamente la Ubaldi starà facendo in quell'aerea politica.

    Potrebbe drenare qualche consenso ad UPP rimanendo nel "civilismo" ma ciò ritengo un fenomeno trascurabile, mentre invece non credo possano attaccare molto il m5s mi sembrano ideologicamente 2 mondi troppo diversi e non vedo motivo per abbandonare le 5 stelle in favore di una lista civica che ideologicamente è anche abbastanza lontana da loro.

    Essendo osservatore "politico" i civici non mi piacciono , inoltre che a mente non mi vengono in mente paesi dove un lista civica senza partiti abbia effettivamente vinto le elezioni.

    Essendo un movimento molto personalistico , prevedo un alto rapporto fra preferenze/voti espressi.

    Nei casi precedenti M5S e Lega avranno un basso rapporto preferenze/voti

    IAG, alto , ma prevalentemente per la presenza della Ubaldi che probabilmente sarà la persona che raccoglierà più preferenze, se non ci fosse lei sarebbe come rapporto a livello di Città mia.

    Città mia sarà ad un valore intermedio, guardando vecchie elezioni gli elettori del PD non sono mai stati particolarmente generosi nel dare preferenze.

    Il discorso riguarda il rapporto preferenze/voti , in realtà ciò che conta davvero infine è solo il denominatore

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Sicuramente c'è stata una ricerca di accordi ed incontri con le forze che compongono IAG e parte di Lega e FDI".Come osservatore non ti sfugge niente! L'ha detto chiaro la Leonardi(e non mi risultano smentite): si parlavano tutti per andare uniti come centro destra ma Ubaldi e Rovazzani volevano fare tutti e due il candidato sindaco. Prima è uscito Rovazzani, puntando a qualche voto di sinistra, poi si è puntato su Mozzicafreddo ma Ubaldi voleva fare il vice e tagliare fuori la Lega. A quel punto la destra ha chiesto garanzie che non ha avuto, quindi la spaccatura. Adesso Mozzicafreddo e Ubaldi puntano anche loro a qualche voto di sinistra perché nonostante la lista sia UDC-FI fanno i "civici" (e comunque l'UDC fa già coppia col PD in Provincia).
      Quanto alle previsioni sui risultati che sbandieri con tanta sicumera, sono e restano tue elucubrazioni mentali non hai nemmeno dei sondaggi, per quanto valgono.

      Elimina
    2. Osservatore Politico24 maggio 2016 10:11

      Previsioni sui risultati ?

      ho parlato di rapporto fra preferenze/voti ... non è assolutamente un indice di vittoria.

      Posso solo basarmi che in italia di vincitori 100% civici , non mi sembra ci siano casi.

      Elimina
  8. prima di tutto "mentre invece" è grammaticalmente non corretto.
    Seconda cosa, nonostante il profondo lavoro di articolazione del discorso, temo che la tua "osservazione" sia da cestinare visto che tu stesso ti definisci scettico nei confronti delle liste civiche.

    Un discorso direi viziato dal tuo pregiudizio reoammesso.

    Vorrei porre a questo punto un quesito.. visti gli scandali che nei decenni hanno come protagonisti i partiti a qualsiasi livello fino a quello comunale, non è forse il momento di considerare una lista fuori da questi giochi per segnare una svolta aprendosi a qualcosa di nuovo?

    se mangi solo tonno (adoro il tonno) per testardaggine o paura, non saprai mai che magari c'è anche la coda de rospo, la spigola, il salmone e il caviale che magari potrebbero essere molto più buoni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Osservatore Politico24 maggio 2016 10:54

      Trovami qualche comune dove una lista 100% civica abbia vinto le elezioni,

      Abbiamo 2 civiche
      3 partitiche
      1 partitica che si maschera da civica

      le partitiche partono dalla loro base più o meno ampia , le 100% civiche partono da 0, questo è il motivo principale perchè anche potendo riscuotere buoni risultati, non potranno effettivamente ottenere la vittoria.

      Tutto è possibile, ma non conosco casi dove sia successo, anche per l'avvento del M5S che ha inglobato in se e parzialmente istituzionalizzato il "civilismo". Come detto M5S lo reputo un partito , anzi forse il più partito di tutti vista la facilità di espulsione.

      Elimina
    2. Se ai 5stelle si possono imputare i difetti del movimento nazionale,allora ai partiti possiamo imputare tutto quello che imputa loro la magistratura, non c'è partita!

      Elimina
    3. L'anno scorso il PD ha espulso 519 persone. L'unica differenza coi 5* è che i media non ne parlano. E che non sono espulsi perché hanno problemi con la giustizia. Quelli li promuovono...

      Elimina
    4. Osservatore Politico24 maggio 2016 15:05

      Non capisco questa risposta ... io non imputo i "difetti" , ma semplicemente dico che m5s è a tutti gli effetti un partito. Pigini &co se eletti governeranno , ma sanno che nel caso uscissero dai canoni del partito arriverebbe la lettera del direttorio.

      Quello del m5s è obiettivamente eccessivo come controllo, basti vedere il caso Pizzarotti, ma comunque un controllo o sorta di controllo superiore per me è da vedere come fattore positivo o di una certa tutela che gli eletti seguano comunque una certa ideologia o percorso politico che è riferibile al simbolo

      Elimina
    5. Molti sanno di avere l'armadio pieno di scheletri. Per allontanare questi fantasmi fanno a meno delle sigle dei partiti tradizionali, ma poi nelle presentazioni ufficiali, nelle assemblee con categorie e quartieri ha il sopravvento la vecchia anima e si giocano tutto. Per salvarsi in corner insistono a dire che sono "civici", naturalmente contando sulla smemoratezza delle persone.

      Elimina
  9. Si può dire quello che si vuole...ma la verità è che questo gruppo sta riscuotendo un successo inimmaginabile fino a soli 2 anni fa, e che partiti con alle spalle decenni di campagne elettorali sono stati letteralmente travolti. E questo sta facendo diventare il sangue amaro a molti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. lo penso anche io...basti guardare che a seguito della presentazione son partiti tutti con gli attacchi pure mozzigafreddo...che ho visto alla presentazione di Pac...cosa ci sarà andato a fare?! boh

      Elimina