Spifferate, segnalate, consigliate su: arganoportorecanati@gmail.com

Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

venerdì 31 ottobre 2014

IL PARERE DEL PROFESSOR LORENZOTTI

Riceviamo a pubblichiamo dalla segreteria del PD Porto Recanati il parere in merito alla vicenda Burchio del Professor Lorenzotti (Università di Camerino):


COSA RESTERÀ?

Top secret. O meglio trasparenza e chiarezza. Anzi no, trasparenza e chiarezza top secret. Di un livello tale di top secret che quello che aveva da relazionare il prof. Lorenzotti, consulente PD, doveva rimanere una cosa intima. Riservata ai soli iscritti e consiglieri del PD. Se un Lorenzo Riccetti, o una Sabrina Montali qualsiasi, avessero avuto la malaugurata idea di avvicinarsi alla sede, l'altro ieri sera, per tentare di carpire un misero spiffero della relazione del legale di fiducia del PD, guardie svizzere schierate a difesa della stessa, li avrebbero arrestati. Per oltraggio alla riservatezza. Poi però quando da queste colonne, in passato, abbiamo scritto che ci era sembrato di vedere il PD non sempre schierato sulle posizioni del nostro primo cittadino, ci hanno risposto che si voleva creare zizzania, che Sabrina Montali era stata gradita ospite della festa provinciale del partito svoltasi a Porto Recanati. Che erano tutte rose e fiori. A tal punto che poi, quando si invita il Prof. Lorenzotti in sede, a relazionare sul Burchio, quella Sabrina Montali, (dicono eletta primo cittadino di Porto Recanati con l'appoggio del Pd), viene invitata a non avvicinarsi a più di un chilometro dalla sede. Le guardie svizzere sono armate. E sparano. A difesa della trasparenza e della chiarezza. Che, notoriamente, sono concetti astratti. Indefinibili. E a nominarli fa sempre figo.

Vogliamo raccontarci la verità? Quando ci si comporta in questo modo é perché non ci si fida più del proprio alleato. E, cosa più grave, non ci si fida più del proprio leader. E del suo vice. Nel caso in questione, ammettiamolo serenamente, il PD non si fida più di Sabrina Montali e Lorenzo Riccetti. Lo possiamo dire?

La granitica coalizione, unita, compatta, che rema tutta nella stessa direzione, non si mette in discussione. Se si prova ad avanzare critiche, dalle parti del PD, si alzano gli scudi, si erigono le protezioni di un castello sempre più vacillante. Perché non sta succedendo nulla di grave. É tutto sotto controllo. Il PD ama Sabrina e Lorenzo. E chi sostiene il contrario mente. Spudoratamente. Resta da chiedersi fino a quando il PD sará disponibile ad indossare questa maschera. Fino a quando potrà metterci la faccia in una difesa d'ufficio di un alleato ogni giorno più scomodo.

Si arriverà a un voto. Per il Burchio. E quello sarà un bivio. O di qua o di là. Non ci sono compromessi per come sono andate le cose fino ad ora. Sedetevi con calma voi di "NOI PER PORTO RECANATI". E fateci sapere che valore ha quel "NOI". Se é uno slogan elettorale. O, ad oggi, un concetto già passato di moda. Il "NOI" non contempla riunioni riservate. Non prevede esclusioni forzate. Non presuppone concetti di esclusiva. Il "NOI" é unione, forza, lealtà, fiducia e compattezza. Il noi è pluralismo unitario, compromesso pragmatico, decisionismo, frutto di discussioni anche accese, propedeutico ad un bene generalizzato. Sintesi, insomma.

Fateci sapere se siete ancora un "NOI".

Sinceramente, non sembrate tali.

 

 

giovedì 30 ottobre 2014

L'ESPERTO PD: RISARCIMENTI PESANTI

Danno emergente (le spese sostenute fino ad ora dalla Coneroblu) e lucro cessante (ciò che non é stato possibile realizzare dalla stessa Coneroblu). In questo si può sinteticamente riepilogare il risarcimento che secondo il Prof. Lorenzotti le casse comunali dovranno elargire alla stessa Coneroblu in caso di annullamento dell'accordo procedimentale o bocciatura della variante.
Il legale incaricato dal locale PD dunque, secondo l'articolo del Corriere Adriatico (l'unico ad avere avuto notizie in merito alla visita di ieri di Lorenzotti) smonta i punti della tesi dell'Avv. Berti uno ad uno. E fornisce un parere diametralmente opposto a quello del legale ingaggiato dall'Amministrazione Comunale.

A leggere l'articolo sotto, si lascia intendere inoltre, tra le righe, come il Prof. Lorenzotti non si sia solo limitato a fornire un parere legale, ma sia andato oltre, parlando di una opportunità per Porto Recanati che non si può perdere.

Ora, come potete capire, le cose si ingarbugliano. Perché dopo questo parere (e in attesa del parere del Prof. Tedeschini che arriverà a giorni) si potrebbe già dare per scontato (o altamente probabile) che i consiglieri del Pd caldeggino il ritiro della procedura di annullamento degli atti e votino a favore della variante in Consiglio. Sbugiardando, di fatto, l'operato del sindaco.

Nei prossimi giorni, ne vedremo delle belle.



mercoledì 29 ottobre 2014

LE CONTRODEDUZIONI DELLA CONEROBLU

Come ipotizzabile e ampiamente prevedibile, le controdeduzioni dei legali della Coneroblu inerenti all'annullamento dei procedimenti per la variante al PRG "BURCHIO " confutano, punto per punto, principio per principio, (o quasi) le tesi del legale ingaggiato dall'amministrazione comunale Avv. Berti. I predetti legali chiedono dunque alla nostra amministrazione che entro il 15 Novembre si porti in Consiglio Comunale la proposta di variante. Per far si che questa venga approvata (o meno).

Leggendo tale controparere, tra le varie contestazioni elencate dai legali Coneroblu, non abbiamo visto (ma forse ci è sfuggito) affrontare il problema del marciapiede, che pure a nostro avviso é dirimente. Marciapiede, lo ricordiamo, che era contrattualmente previsto come opera "a compensazione" e che, secondo il parere dell'Avv. Berti, era stato assegnato per la sua realizzazione ad una terza ditta (la 2P di Paoloni) senza nessun atto amministrativo del nostro Comune. (Sopra i 200 mila euro tale atto amministrativo-autorizzativo sembra essere prassi obbligatoria per le legge sugli appalti) E marciapiede per il quale era stata versata una cauzione in ritardo quando l'accordo procedimentale prevedeva in un suo punto che nel caso di vizi o errori era prevista la "automatica interruzione e decadenza dell'iter procedurale della variante urbanistica"

Trovate le controdeduzioni su IL CITTADINO DI RECANATI. A questo link.

Oggi intanto, altri pareri in arrivo. Nella sede del Pd, membri del direttivo e consiglieri del partito di Renzi dibatteranno sul parere del Prof. Lorenzotti che dovrebbe pervenire in mattinata.

Nel mare di pareri non sappiamo cosa potrà succedere nei prossimi giorni dal punto di vista politico. Dipenderà in tutto o in parte, dal PD. Che si trova nell'antipatica condizione di dover compiere una scelta che in tutti i casi non sarà indolore e che potrebbe portare a conseguenze poco felici per il futuro della coalizione. I rapporti tra Pd e componente UPP/ Fiaschetti, si narra in giro, non sono idilliaci. E le cose hanno preso un verso tale da rendere possibile ogni soluzione. Anche quella di una grave crisi politica all'interno della maggioranza. Come voterà il PD dopo aver preso atto dei vari pareri? Qualche altro consigliere inizierà a vacillare sulle sue convinzioni si voler bocciare la variante?

I giochi sono aperti. E in questi giorni potrà succedere veramente di tutto.

 

 

martedì 28 ottobre 2014

NUOVI METODI DI SPAZZATURA

Riceviamo e pubblichiamo dall'Assessore Canaletti:


COMUNICATO STAMPA 28 OTTOBRE 2014

Nei mesi di novembre e dicembre a Porto Recanati parte in via sperimentale lo spazzamento meccanico delle vie cittadine. 
"L'iniziativa denominata "Puliamo Porto Recanati" -ha dichiarato l'assessore ai Servizi Ecologici Italo Canaletti- si pone l'obiettivo di rendere le vie cittadine sempre più pulite nel rispetto delle idonee e necessarie condizioni di igiene". 
Il servizio sarà attivo tutti i lunedì, mercoledì e venerdì del mese a partire da novembre ad esclusione dei quartieri di Montarice, Scossicci e Santa Maria Potenza dove lo spazzamento meccanizzato partirà col calendario 2015.
Appositi cartelli segnaleranno il passaggio della macchina di spazzatrice indicando il divieto di sosta temporaneo. Importante, per la migliore riuscita dell’iniziativa, sarà la collaborazione dei cittadini.


“Voglio sin da ora -ha concluso Canaletti- ringraziare gli operatori ecologici e i vigili urbani per l’impegno che metteranno nel portare avanti il progetto che dopo una fase sperimentale, diventerà definitivo”.





lunedì 27 ottobre 2014

NON PRENDETE IMPEGNI

Questa é una missiva diretta ai 16 consiglieri comunali democraticamente eletti il 25 Maggio 2014.
Cari consiglieri,
a giorni, verrà convocato un consiglio comunale molto importante per la storia del nostro paese. Si deciderà sulle sorti di una collina che metaforicamente rappresenta ormai due differenti idee di sviluppo per la nostra cittadina. Ci sarà da schierarsi insomma, da metterci la faccia. Ci sarà da esprimere, con il vostro voto, la vostra opinione e il vostro credo. Poco importa se voterete si o no per la paura o meno di sottoporre le casse comunali alla richiesta di un (presunto) maxi risarcimento. Poco importa se sarete schierati sul si o sul no ad una modifica di un PRG e ad una importantissima opera di urbanizzazione, poco importa se in voi trionferà il lato tendente alla difesa del territorio e allo stop del consumo dello stesso, o al credo che questa sia un'occasione unica per dare un futuro migliore a Porto Recanati dal punto di vista turistico e dell'impiego lavorativo (anche a livello di indotto). Tutto quanto sopra fa parte della democrazia, del libero voto, dei vostri comunque rispettabilissimi convincimenti.

domenica 26 ottobre 2014

IL PD E IL BURCHIO

La posizione del PD sul Burchio é stata sempre, almeno a leggere i comunicati degli ultimi 10 mesi, abbastanza netta e così riassumibile :

"Siamo contrari a queste politiche di consumo del territorio, ma trattandosi di un procedimento di urbanizzazione che ha già un suo iter avviato, dobbiamo responsabilmente verificare a che cosa si andrebbe incontro nel caso in cui il Consiglio Comunale bocci definitivamente la variante"

venerdì 24 ottobre 2014

RACCOLTA DIFFERENZIATA: PICCOLE IMPORTANTI NOVITÀ

Implementazione dei siti per la distribuzione dei sacchetti per la raccolta differenziata. Utilizzo di personale ispettore della Consmari a partire dal mese di novembre per controllare il corretto conferimento della stessa. Cimitero coinvolto nel progetto della differenziazione dei rifiuti (con l'eliminazione di quegli orrendi bidoni  dove si trovava dai fiori appassiti, alle cartacce, ai vasi non più utilizzati).
Di seguito, comunicati e depliant esplicativi. La speranza e l'augurio, con questo miglioramento del servizio, é che da ora in poi non si vedano più quelle orrende buste dei negozi usate per raccogliere di tutto e gettate dentro i bidoni dell'umido....


BURCHIO BRIDGE

Burchio si o Burchio no, in quella che ormai é la zona più chiacchierata di Porto RecanatI, permane un problema di cui si parla sempre poco. Ovvero quel ponte autostradale che salendo verso la collina conduce appunto al marciapiede costruito dalla 2P ed entrato anch'esso nei contenziosi costituiti (per il momento) dai pareri legali delle parti. Avete mai provato a percorrere a piedi quel ponte? É pericoloso. Molto pericoloso. Da qualsiasi verso voi proveniate la strada si stringe improvvisamente. E le auto vi scorrono a pochi centimetri a velocità sempre molto elevate. Con un angolo di visione, per gli automobilisti, molto parziale a causa della pendenza in quel punto del terreno. Ci eravamo occupati della questione un anno e mezzo fa. Con questo post. All'epoca non c'era ovviamente quell'invitante marciapiede che muore proprio in quel ponte. Ma le cose non sono cambiate. Nulla in questo periodo é stato fatto. E la pericolosità permane.