Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

La Corte di Appello di Torino con sentenza del 23 Aprile 2010, ha stabilito che il blogger è responsabile dei soli contenuti da lui postati e non dei commenti anonimi che pervengono al suo blog per i quali si intende responsabile colui che li posta (rintracciabile tramite indirizzo IP). Pertanto il blogger risponde unicamente di ciò che senza alcuna periodicità scrive e implicitamente firma. La giurisprudenza negli unici elementi riscontrabili, ci dice che un BLOG non è paragonabile ad una testata giornalistica (Sentenza della Corte di Cassazione 10535 del 2008) e come tale chi lo gestisce non può essere accusato di omessa vigilanza nel contenuto dei commenti. Se ne deduce che i contenuti postati sotto forma di commento (anche anonimo) sono riconducibili a terzi e non alla mia persona. E di questi contenuti la mia persona non risponde.


Per comunicare con noi scrivete a: arganoblog@gmail.com

venerdì 5 febbraio 2016

OPERAZIONE DEI CARABINIERI CONTRO LA PROSTITUZIONE IN ZONA PINETA

Finalmente qualcosa si é mosso. Da tempo si scriveva che al meretricio, in zona pineta, fossero dedite delle minorenni. Ora abbiamo la conferma dall'intervento dei Carabinieri. Le ragazze fermate verranno affidate ai servizi sociali del Comune che dovrà mettere in atto gli "interventi di sostegno per le famiglie di minori in situazione di disagio, di disattamento o di devianza". Si, perché secondo l'attuale legislazione questi costi sono a carico delle casse comunali.

L'importante é che la problematica abbia trovato l'attenzione che meritava. Ora speriamo che quelle zona venga costantemente pattugliata, per evitare che il fenomeno si ripeta.

 

Sotto: articolo del Carlino on line:

 

 

LA SMENTITA DI JAVIER PAGANO


Javier Pagano, ex vice Sindaco ed Assessore della Giunta Ubaldi, mi ha mandato una nota in riferimento all'articolo uscito sul Resto del Carlino che affermava che il contatto tra il PD e Mastrella fosse stato "mediato e voluto" dalla sua persona.

Pagano ritiene questa affermazione riportata dal Carlino assolutamente falsa

Mi scrive infatti:

"L'affermazione è assolutamente falsa, non sono schierato con alcun movimento o partito, se deciderò di candidarmi lo farò in prima persona su basi programmatiche per il bene della mia città"

Vedremo nei prossimi giorni se anche Mastrella e il PD smentiranno i contatti riportati nell'articolo del Resto del Carlino.









mercoledì 3 febbraio 2016

IL PARTITO DELLA NAZIONE

Forse fino ad ora, parlando di centro sinistra e di centro destra, in vista delle prossime elezioni, ci abbiamo capito poco o nulla. E il PD di Porto Recanati e il suo candidato sindaco ce ne danno quotidianamente conferma. Quel PD di Noi Per Porto Recanati, alleato comunque prettamente con un ala del paese che poteva definirsi tranquillamente di sinistra, non c'è più.
Ora il PD è il partito della nazione. Ovvero una selezione di risorse umane provenienti anche (e forse soprattutto...) da ceti del centro destra locale. 
Cosa ne penseranno di questa operazione certi personaggi storicamente di sinistra che hanno frequentato la sede quando la falce e il martello era icona del simbolo del vecchio PCI non è dato sapere. Ma la mutazione genetica voluta da Renzi, a Porto Recanati sta trovando la sua sublimazione.
Pezzi di destra con chiare militanze forziste, vengono reclutati con straordinaria facilità.

Questo pseudo PD, con questo nuova metodologia, vincerà le elezioni.

Ma poi non ci venga a dire che le elezioni le ha vinte il PD.


martedì 2 febbraio 2016

IL MONDO REALE

Quello che in questi giorni sta succedendo nelle questioni politico sociali della nostra cittadina, mi sta facendo sorgere un sentimento misto a stupore e incredulità. C'è un gruppo civico, denominato Alternativa Civica,  che fa capo a Fiaschetti, che settimanalmente mette in agenda un problema cocente e cogente della nostra cittadina, lo pone sotto i riflettori e su queste tematiche prova a proporre soluzioni, aprire dialoghi (facendosi ricevere dal Segretario Comunale Massi) animando conseguentemente il dibattito cittadino.

Sono tutti argomenti che questo blog ha trattato più volte. Ma questo non significa nulla.

Poi c'è il resto dello scibile politico locale. Che a 120 giorni circa dalle elezioni, cena, tratta, baratta, si promette posti di potere, inciucia, prova a trovare accordi che consentano l'occupazione del palazzo.

La dicotomia tra le due fazioni sopra descritte, risulta evidente almeno a chi vi scrive.

Perchè verrebbe spontaneo asserire che la politica è quell'arte che dovrebbe mettersi a disposizione del cittadino elettore per risolvergli i problemi e migliorargli le condizioni di vita. Soprattutto inerentemente la sicurezza e la salute dello stesso elettore.
Ebbene, dalle colonne di questo blog ogni giorno,  da anni,  abbiamo proposto tutte le tipologie di criticità che riguardano la nostra cittadina: siano esse connesse alla mancanza di sicurezza, ai cattivi usi civici, ad una sanità che ha un funzionamento sicuramente migliorabile,  ad un non rispetto del codice della strada, alla lotta alla prostituzione e via dicendo.

Ora, una cosa si può dire con certezza: a parte ai ragazzi di Alternativa Civica, di queste cose, al resto dell'alveo politico locale, non gliene frega una mazza.

Sembra infatti evidente che sia impegnato su altri fronti. Che porteranno, presumo, a lasciare i problemi di cui sopra, palesemente e assolutamente irrisolti.

La politica è servizio. E il servizio parte dal basso. Dall'attenzione verso cose che la cittadinanza ritiene comunque di primaria importanza. 
Perchè poi, diciamocelo chiaro in faccia, il Burchio, la vita non ce la cambierà.
Un medico di guardia che scompare si. Una marea di prostitute che invade la città pure. Un lungomare pieno di deiezioni canine anche, un paese che garantisce zone franche di parcheggio in palese divieto di sosta pure, un Corso Matteotti invaso da tappetini abusivi altrettanto. E mi fermo qua.... ma solo per non annoiarvi a morte.

Buona campagna elettorale a tutti. Quando avete finito di spartirvi posti e poteri, se vi avanzerà cinque minuti, preoccupatevi di queste cose. 

Sempre che non vi creino disturbo.


lunedì 1 febbraio 2016

COSA STA SUCCEDENDO ALLA NOSTRA SANITÀ?

Ricevo e pubblico da Attiilio Fiaschetti:

Cosa sta succedendo alla sanità locale? Siamo preoccupati e, ancora una volta, ci sentiamo in dovere per rispetto dei nostri elettori e di tutti i porto recanatesi di intervenire sulle scelte e sui tagli che la Regione Marche vuole fare.

Ascoltando un’intervista fatta al Dott. Massaccesi (ex Assessore di Recanati nella passata Giunta Fiordomo) dal Direttore di Radio Erre, siamo sobbalzati dalla sedia quando si è parlato dell’Ospedale Santa Lucia di Recanati.

Infatti, da quanto riportato dal Dott. Massaccesi, a Recanati è previsto il raddoppio della guardia medica visto che, molto probabilmente, finiranno di distruggere definitivamente l’unico presidio ospedaliero recanatese. Questo aumento di personale non dovrebbe interessarci ,se non fosse che, visti i tagli per risparmiare, si rischia a detta dello stesso Dott. di togliere il servizio di guardia medica a Porto Recanati. Se così fosse Alternativa Civica darà battaglia in tutti modi contro questa ipotesi scellerata

Poi non vogliamo pensare ai disagi che si potrebbero creare nella stagione estiva, dove già presentiamo attualmente una situazione al limite della decenza. 

Inoltre, e non meno importante, ci domandiamo che cosa siasuccesso allo studio di cardiologia che si trovava all’interno del poliambulatorio locale. Come mai è chiuso ? Perché i nostri anziani che avevano l’opportunità di poter usufruire delle cure di un bravissimo cardiologo, oggi devono andare come minimo a Civitanova?

Detto questo ci domandiamo come è possibile che alcuni politici, che oggi protestano per la chiusura della chirurgia a ciclo breve di Recanati e per la chiusura di diversi reparti, come quello materno-infantile(San Severino , Osimo etc), oggi alzino la voce quando, tre anni fa, per la chiusura del punto nascita di Recanati non hanno proferito una sillaba o scritto una lettera in difesa del Santa Lucia. Pensare che per ben due volte gli avevamo chiesto in ConsiglioComunale di intervenire. 

Vigileremo in difesa del nostro territorio e della nostra salute.

UN ISTITUTO SCOLASTICO "SUPERIORE" A PORTO RECANATI?

Se ne parlava da diverse settimane e la cosa potrebbe veramente realizzarsi. Ovvero la nostra cittadina potrebbe ospitare una corposa succursale dell'istituto Alberghiero di Loreto, nei locali della ex scuola Diaz. Quegli stessi locali che appena qualche mese fa sono stati fonte di accesa polemica tra i diversi partiti/movimenti per la loro destinazione d'uso. Ora sembra essere pervenuta la richiesta ufficiale che, se trovasse attuazione, darebbe alla nostra cittadina un polo scolastico "superiore".
Da fonti bene informate risulta che il Provveditorato agli Studi della provincia di Ancona non vedrebbe lo sconfinamento dell'alberghiero a Porto Recanati (ergo in provincia di Macerata) di buon occhio. Ma la possibilità che ció avvenga è reale.

E se ció dovesse succedere,  in rispetto ad una sorta di "do ut des", non sarebbe male se  il nostro Comune chiedesse al sindaco di Loreto precise garanzie sul l'ancora oscuro progetto "Loreto Marina" e sulla sua attuazione.

Vedremo...

sabato 30 gennaio 2016

ALTERNATIVA CIVICA HA INCONTRATO IL SEGRETARIO COMUNALE: IL RESOCONTO.


COMUNICATO ALTERNATIVA CIVICA
– 28/01/2016

Giovedì mattina Alternativa Civica, per mezzo del suo rappresentante Michele Bianchi, ha incontrato il Segretario Comunale Dott. Massi, il quale si è mostrato come sempre disponibile e puntuale a fare luce sulle seguenti tematiche da noi sollevate:

1.                  Situazione Campo Sportivo di S. Maria in Potenza;
2.                  Progetti presentati da associazioni in merito al Bando riqualificazione zona Hotel House;
3.                  Prospettive di adesione al progetto Art Bonus;
4.                  Fiumarella.

1. I sopralluoghi effettuati nei giorni scorsi dal Segretario e dal Responsabile del Settore II Ufficio per lo Sport, hanno evidenziato come lo stato in cui versa il Campo Sportivo sia particolarmente bisognoso di interventi. Vi sono zone in cui il manto erboso si è drasticamente diradato ed altre ove lo scarso drenaggio, ha favorito il proliferare di lombrichi che rendono il fondo melmoso. Motivi per i quali il funzionario Cittadini ha richiesto l'emanazione di un provvedimento per l'utilizzo del campo stesso, per una sola volta ogni 15 giorni. Il Segretario ci ha informato che a stagione calcistica conclusa (fine aprile), saranno effettuati lavori di bonifica e drenaggio, per un costo preventivato di ca. 30.000 euro. Nel frattempo ci ha assicurato che anche l'utilizzo parziale della struttura sportiva, non pregiudicherà la pari ed eguale fruizione da parte delle due società di calcio locali. Per quanto riguarda il campo in sintetico invece, la situazione è assai più grave, visto che dopo le recenti esondazioni del Potenza, il manto si è totalmente consumato ed oggi tale struttura risulta difficilmente utilizzabile. Qui i costi di recupero lievitano sino a 300.000€, il che rende assai più difficoltoso un intervento immediato da parte dell'Amministrazione.

2. Per quanto riguarda il Bando Ministeriale per la riqualificazione delle zone degradate, il Segretario ci ha informato che l'iter è ancora in fase di approvazione e che a tutt'oggi non risultano ufficialmente presentati progetti da parte di enti e/o associazioni sulla parte di finanziamento per iniziative sociali. Continueremo comunque a tenere un occhio aperto sull'argomento.

3. Su questa tematica il Segretario ha espresso palese approvazione. Sulla scorta del fatto che i finanziamenti privati per il recupero e la salvaguardia del patrimonio artistico/culturale, possono essere recuperati nella misura del 65% come credito d'imposta, il Dott. Massi ha salutato con entusiasmo la segnalazione di Alternativa Civica. Tra l'altro abbiamo già contattato imprese locali che finanzierebbero molto volentieri progetti di recupero e restauro della Pinacoteca Moroni e del sito archeologico di Potentia. Sito che, ci ha anticipato il Segretario, nei prossimi mesi sarà oggetto di nuovi interventi da parte dell'Università belga di Gent. Ci auguriamo che sia la volta buona per indire un bando per la realizzazione del primo Parco Archeologico della nostra zona.
                                                                                                                                                                       4.  L'annosa problematica della Fiumarella, sembra essere arrivata ad un punto di svolta. Dalla prima lottizzazione di via Pizzardeto, sono arrivati per il Comune di Loreto oneri di urbanizzazione, una parte di quali (ca. 110.00 euro), saranno dedicati alla canalizzazione delle acque scure del canale di scarico del tratto che va dalla Costa Bianca, fino al confine con Porto Recanati. Nell'area adiacente al McDonald, è in programma la realizzazione di una estesa vasca di laminazione per permettere il contenimento delle acque in caso di piena (bomba d'acqua), che la Fiumarella attualmente, non è in grado di contenere nel suo alveo. Il costo dell'opera di ca. 280.000 € sarà sostenuto da Astea e a breve sarà indetta una regolare gara d'appalto.

La discussione poi è proseguita nel rilevare come la soluzione della viabilità per il mercato settimanale, aldilà delle sterili strumentalizzazioni, sia stata più che apprezzata dalla cittadinanza.
Si è anche parlato di una prospettiva didattica senza precedenti per la nostra cittadina, che ci consentirebbe di utilizzare al meglio i locali dell'edifico ex scuola Diaz, ma che soprattutto (questo però lo diciamo noi), darà maggiore lustro al nostro Comune e un potenziale potere contrattuale nei confronti del Comune di Loreto. Tutto ciò allo scopo di raggiungere un accordo sulla pianificazione condivisa del nostro e del loro territorio.
           
Insomma che dire, questa Amministrazione commissariale sembra essere in procinto di assolvere a molti più impegni di quelli che un'ordinaria amministrazione avrebbe richiesto e la cosa non può che renderci orgogliosi. Con la rassicurazione che, laddove ne fosse necessario, forniremo ogni suggerimento per il proseguo di questa felice stagione amministrativa, facciamo i nostri migliori auguri di buon lavoro a tutto il personale del Comune.                                                                                                       

                                   

venerdì 29 gennaio 2016

C'E' UN PROBLEMA A CASTENNOU

COMUNICATO STAMPA QUARTIERE CASTENNOU

Il comitato di quartiere di Castennou in mattinata ha protocollato un documento nel quale si esprime tutto il  dissenso e il disappunto  dopo nell'aver visto ridipingere e quindi confermare gli stalli esistenti in via F.lli Rosselli, Via Castelnuovo, Via Pastrengo in quanto negli incontri che abbiamo avuto con i vari responsabili comunali, avevamo richiesto che si andasse nella direzione diametralmente opposta; si richiedeva infatti di avere più riguardo a chi 365 giorni l'anno è sottoposto al continuo disagio causato dal traffico in uscita dal centro abitato. E' nostra intenzione perseguire l'intento che i residenti ci avevano richiesto e cioè che i parcheggi per i motocicli fossero rimossi dal  tratto di strada di via F.lli Rosselli e fosse identificato un luogo fuori dal centro urbano, dato che i motocicli, in particolare nella stagione estiva, sono fonte di disturbo della quiete pubblica. Con il  documento protocollato preannunciamo una nostra forma di civile protesta, ovvero di non partecipare all'organizzazione della festa di Carnevale della Città. Ci teniamo inoltre a mettere a conoscenza i residenti che non è nostra intenzione recedere da quanto ci è stato richiesto, pertanto continueremo ad esporre le criticità del quartiere ed a pretendere delle risposte.




giovedì 28 gennaio 2016

LA (IMPOSSIBILE) COESIONE DEL CENTRO SINISTRA

Sinceramente vi devo confessare che chi vi scrive, pur avendo letto svariate volte il Comunicato di SEL di ieri trasmesso alla stampa, non ha compiutamente capito quale fosse l'auspicio della forza politica che a Porto Recanati vede in Alessandro Palestrini  uno dei suoi massimi esponenti.

Più precisamente questo stralcio del comunicato, mi è sembrato un po' fuori dalla realtà dei fatti:

"SEL esprime seria preoccupazione per le divisioni non solo politico programmatiche sorte tra le forze politiche e civiche che nel 2014 diedero vita alla coalizione Noi Per Porto Recanati. Lacerazioni che oggi, risultano essere pregiudizievoli per la nostra cittadina e per le prospettive future di un centro sinistra ampio e articolato"

Perchè si. Errare è umano. Ma perseverare è diabolico. Soprattutto se in gioco c'è il futuro della nostra cittadina. Se l'italiano mantiene un suo significato, infatti, SEL sembrerebbe rattristata dal fatto che non si faccia un secondo tentativo di mettere allo stesso tavolo quelle anime che, chiamate al governo della città, hanno dimostrato nel breve volgere di qualche settimana quanto fossero diverse tra loro anche dal punto di vista antropologico, portando al primo commissariamento del nostro Comune del dopo guerra. E dagli errori si dovrebbe imparare qualcosa. Almeno si spera.

L'auspicio di SEL, a mio modo di vedere, se dovesse trovare attuazione, si rivelerebbe come la più grande presa in giro dell'elettorato del centro sinistra portorecanatese.

Ma qui, forse, dovremmo abbozzare una piccola analisi dello stesso.

La candidatura in quota PD di Giovanni Giri, a mio modestissimo modo di vedere, di sinistra ha poco o nulla. Io quel PD lì lo vedo intento a tessere le relazioni con tutte le varie anime, anche destrorse, del paese. Lo vedo possibilista su vari progetti che la sinistra vera (Sel, quote di UPP) non è neanche in grado di prendere in minima considerazione. Insomma quello lì è un PD Renziano. E il termine Renziano, cari amici di SEL, deve aprirvi gli occhi. Perchè Renzi va da Alfano a Dennis Verdini, per capirci.
Inoltre,  quel centro sinistra che SEL sogna ancora unito,  non può coesistere sotto lo stesso tetto per il semplice motivo che le anime che lo compongono si detestano. E su questo blog mi sono permesso di scriverlo svariate volte che se detesti una persona non potrai governarci di comune accordo un paese. Quel PD di Giri, dunque, non può guardare verso SEL. Perchè ha gruppi sanguigni non compatibili in caso di trasfusione. E ucciderebbe il paziente.

Si lo so, la mia disamina è abbastanza spietata. Ma lancio un appello su questo blog a tutti i componenti del gruppo UPP e agli amici di SEL: non prospettateci un altro minestrone riscaldato composto da elementi che una volta messi ai fornelli rischiano di far saltare padella e punto cottura.

E' già successo. E stiamo ancora pranzando in casa di benevoli parenti che ci ospitano.












mercoledì 27 gennaio 2016

SEL: IL COMUNICATO ELETTORALE

Sinistra Ecologia Libertà Porto Recanati - Comunicato stampa Il 21 gennaio 2016

 Il gruppo comunale di Sinistra Ecologia e Libertà ha svolto una riunione per valutare la situazione amministrativa dopo la crisi del maggio 2015, del commissariamento prefettizio e delle elezioni comunali che si svolgeranno nel giugno prossimo. SEL esprime seria preoccupazione per le divisioni non solo politico programmatiche sorte tra le forze politiche e civiche che nel 2014 diedero vita alla coalizione "Noi per Porto Recanati". Lacerazioni che oggi, risultano essere pregiudizievoli per la nostra cittadina e per le prospettive future di un centro sinistra ampio e articolato. La divisione non paga e tanto meno paga la presunzione di "fare da soli". Abbiamo di fronte forze palesi e nascoste che non hanno alcun interesse a sostenere "un'azione amministrativa di rinnovamento e di progetto" per Porto Recanati. Al contrario, come avvenuto nella vicenda di nuove lottizzazioni speculative, tali forze economiche o gruppi di pressione, sono lì a contrastare ogni forma di autonomia decisionale del comune facendo leva su una sorta di ricatto morale e materiale e utilizzando a proprio piacimento stampa e media. Il comune sia ben chiaro è il titolare primo della programmazione e dello sviluppo del territorio. Noi operiamo perché questo concetto di legalità mantenga il suo primato. E’ compito di quanti affermano di crederci lavorare per unire piuttosto che per dividere; elaborare con la partecipazione dei cittadini e non nel chiuso delle stanze degli addetti ai lavori un programma fondamentale per la città; adoperarsi per garantire candidati/e giovani, innovatori e arricchiti da esperienze consolidate sul campo amministrativo. Per fare ciò il gruppo comunale di Sinistra Ecologia e Libertà ha valutato criticamente e auto criticamente il lavoro svolto dall’amministrazione Montali nell'anno nel quale è stata in carica. La situazione politica porto recanatese permane difficile per i motivi su esposti e per l’assenza ad oggi di una alternativa credibile. Inizia dunque il nostro percorso preparatorio verso la campagna amministrativa fondato su tre elementi: unità e coesione – spunti programmatici – innovazione di metodo e di rappresentanza. Promuoveremo appositi appuntamenti e incontreremo quanti lo riterranno opportuno e utile agli scopi e agli obiettivi dichiarati, specificando che sino ad oggi SEL non ha ancora raggiunto accordi o stretto patti con forze politiche e civiche locali.