QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

sabato 22 luglio 2017

LA NOTA DI UPP SULLE DIMISSIONI DI SILVIO CINGOLANI

CHI COMANDA A PALAZZO VOLPINI ?  

Abbiamo ascoltato con attenzione le motivazioni che hanno portato l'Assessore Cingolani a rassegnare le proprie dimissioni e abbiamo capito che il motivo principale consiste nel fatto che molte delle decisioni inerenti le sue competenze venivano prese da altri. In particolare, ci ha colpito il passaggio in cui l'ex consigliere enuncia i suoi obiettivi:  definizione del nuovo piano del traffico,  attivazione immediata dei varchi elettronici e, tra l'altro, inversione del senso di marcia in via  Micca. Parliamo di progetti che vennero avviati sotto la Giunta Montali e che, anche allora, trovarono forti resistenze ad essere attuati. A questo punto ci chiediamo: esiste a Palazzo Volpini una burocrazia talmente radicata che detta tempi e  regole alla politica, oppure esiste un "Politico" che, utilizzando gli uffici, comanda e decide su tutto e su tutti, su ciò che può essere o non essere fatto? 
Questa è la domanda che avremmo voluto porre a Cingolani in sede di conferenza stampa, dovendogli comunque  riconoscere che,  in mezzo a tante comparse, rappresentava almeno una presenza... probabilmente troppo ingombrante.
Ciò che comunque rimane all'esito di questa vicenda è l'immagine di un'Amministrazione tutt'altro che coesa e priva di un progetto credibile per la città. Proprio la mancanza di una rotta definita produce due pessime alternative: la pericolosa improvvisazione di pochi che vorrebbero fare qualcosa, generando somosse di interi quartieri e il dannoso egocentrismo di chi non rinuncia ad imporsi su tutto e tutti. In entrambi i casi ad essere al centro dell'azione politica non è certo il bene dei cittadini. UPP

LA NOTA DI CITTÀ MIA SULLE DIMISSIONI DI SILVIO CINGOLANI

Nota di Città Mia:

Qualcuno pensava che la giunta Mozzicafreddo potesse essere una squadra coesa e forte , come una squadra di calcio che lava i panni sporchi all'interno dello spogliatoio, dove il Mister e il Capitano sanno tenere bene i loro giocatori anche i più ribelli e indisciplinati.
Invece ci hanno smentito, perché uno dei loro giocatori ( Cingolani ) , assoldato in squadra dal Mister (Mozzicafreddo) perché amici da una vita , non ha più retto ai continui prepotenti inserimenti negli schemi di gioco del Capitano (Ubaldi). Questi non approvava il suo modo di giocare  troppo scoperto, continuo nel rendimento e soprattutto, forse, con una visione del gioco che era fuori dagli schemi della squadra e cioè : Coperti ed Allineati !
Ed ecco qua che il Capitano (Ubaldi), dopo essere stata ingaggiata dal Mister (Mozzicafreddo) con un contratto alla Donnarumma (con Lei i suoi giocatori più vicini Fabbracci, Sabbatini, Giorgetti ),  inizia a ripetere gli errori che ha perpretato in passato in tutte le squadre dove ha giocato. Ci ritornano così in mente i campionati precedenti, dove chi l'ha scelta illudendosi  facesse il bene della squadra ha poi visto allontanare i giocatori migliori come : Rombini, Agostinacchio, Rovazzani, Fiaschetti, e per ultimo Cingolani.  Giocatori che avevano il difetto, nel gioco  di squadra, di uscire fuori dallo schema 5-4-1 ( coperto e allineato con una sola punta il Capitano ) e giocavano con la loro testa e, troppe volte, andavano in goal senza che nell'azione ci entrasse il Capitano (Ubaldi).
Adesso illuderanno i tifosi con i  mirabolanti  responsi del calciomercato. Purtroppo non vi è Raiola a salvare la squadra con un fuoriclasse, bensì un giocatore che ha già rilasciato in passato numerosissime dichiarazioni per far sapere che non gli piace il modulo adottato dal Mister e Capitano......

MI SCRIVONO....

Ricevo e pubblico la nota di Gioacchino Di Martino:


:GRAZIE, HO CAPITO, TOLGO IL DISTURBO.

Domenica il segretario del PD se ne è uscito con una nota la cui lettura ha suscitato non poche perplessità. Era una miscellanea di informazioni, ringraziamenti, precisazioni, prese di distanza, esortazioni e finanche appelli al bene comune.

C’era poi una parte, giudicata, dai più, meno nobile, se non addirittura etichettata come gossip, che faceva intravedere possibili frantumazioni della granitica maggioranza consiliare,come se si trattasse di un comune sfaldamento dell’asfalto. Una maggioranza compatta nel voto ma con timidi segnali di cellule pensanti, viste come ostacolo al mantenimento di una serenità necessaria per l’operatività della giunta. Operatività, alla luce di quanto saputo, da intendersi come “un fare ed un disfare”, a seconda delle reazioni delle affezionate clientele.

Oggi finalmente, e non bisogna essere dei politologi per accorgersene, si scopre quale fosse il vero oggetto della lettera PD: era il GOSSIPGOSSIP che conteneva un messaggio subliminale indirizzato a chi, nella propria onestà intellettuale, ritiene che la collegialità non sia una entità astratta ma sia innanzi tutto un modo di essere e di comportarsi coinvolgente e non escludente. 

Sono bastati solo quattro giorni e chi doveva capire ha capito ed ha chiuso la porta dietro di Lo ha fatto con signorilità politica,dimettendosi anche dal consiglio comunale. Gesto nobile che di per  , però, non vorremmo nascondesse anche la errata convinzione che, in questa città, non ci siano più gli spazi per una civile e leale competizione democratica. 

Significativa la frase, contenuta nella lettera di dimissioni, con la quale il bidimissionario mette in evidenza il vero motivo della crisi che alberga all’interno di Palazzo Volpini e che paralizza tutta la città.  Una constatazione ed una presa d’atto di una confusione di ruoli che viene dall’interno del Palazzo e che, fin dall’inizio della consiliatura, era stato evidenziato. Non possiamo che prenderne atto senza alcun compiacimento. Ma in democrazia c’è spazio anche per chi orgogliosamente ritiene che “i miei difetti sono le mie virtù”per cui limitiamoci a prendere atto che questa giunta può contare, oltre che su di una stampa fiancheggiatrice, anche su di un partito fiancheggiatore. Triste epilogo di un’epoca!

Gioacchino Di Martino

Porto Recanati, 21 luglio 2017



venerdì 21 luglio 2017

ASFALTO A LUGLIO: LA NOTA DEL MOVIMENTO CINQUE STELLE

Nota del Movimento Cinque Stelle:

PERCHE L’ASFALTO A LUGLIO STIMOLA L’INVENTIVA ORATORIA?

 

E’ la domanda che ci siamo posti quando ieri, sulla stampa locale, abbiamo letto che anche ad Ischia ed a San Benedetto del Tronto asfaltano le strade nel mese di LUGLIO. Poiché queste affermazioni sono state fatte da persona che spesso, anche dai banchi della giunta comunale, è solita abbandonarsi ad affermazioni non sempre corrispondenti al vero, da buoni seguaci di San Tommaso, abbiamo fatto una rapidissima indagine per avere certezza di quanto letto. Poiché dovevamo verificare la giustezza di dichiarazioni rilasciate da una rappresentante dell’istituzione cittadina, abbiamo contattato due figure delle istituzioni presenti nelle due città prese ad esempio. In entrambi i casi abbiamo avuto conferma che effettivamente i lavori di asfaltatura vi sono stati: a ISCHIA NEL MESE DI APRILE  SAN BENEDETTO DEL TRONTO NEL MESE DI LUGLIO dove peraltro hanno asfaltato poche centinaia di metri contigui ad un cantiere dove “loro” stanno realizzando dei lavori per la costruzione di una nuova pista ciclabile!

A questo punto, forse, è lecito fare questa considerazione: 

SE LA DECISIONE DI ASFALTARE CORSO MATTEOTTI IN PIENO LUGLIO  ERA IRREVERSIBILE NON HA BISOGNO DI GIUSTIFICAZIONI. SE, AL CONTRARIO, SI POTEVA SCEGLIERE ALTRA DATA ALLORA C’E’ BISOGNO DI GIUSTIFICARSI. CERTO SAREBBE MEGLIO CON ARGOMENTI CORRISPONDENTI AL VERO E NON FIDARSI SOLO DEL NOTO: “IPSE DIXIT”ANCHE PERCHE’ MANCA IL FONDAMENTALE: L’AUTOREVOLEZZA DI CHI LO DICE!

SILVIO CINGOLANI SI E' DIMESSO: PARLIAMONE.....

Sono stato alla conferenza stampa convocata dall'Ex Assessore Silvio Cingolani nella quale lo stesso ha motivato le sue dimissioni. 
Vi parlerò delle sensazioni provate ascoltandolo. Riferendovi poi su alcuni aspetti che Cingolani ha sottolineato.

Premessa: la conferenza stampa era stata anticipata da un comunicato de "Il Sindaco Informa", nel quale, sostanzialmente, si sottolineava la tesi che:

"nessuno può pensare di agire in assoluta autonomia anche se animato dalle migliori intenzioni"

In sostanza si dipingeva Cingolani come una voce fuori dal coro.

Dal racconto di Silvio, invece, abbiamo capito alcuni aspetti di fondamentale importanza. Prima occorre però  fare una piccola puntualizzazione: Cingolani era un front runner. Uno che andava in giro e ci metteva la faccia. Uno che parlava con la gente. Uno che si prendeva i rimbrotti dei cittadini scontenti. Uno che se uscivi che dovevi dirgli qualcosa lo trovavi con facilità. La stessa cosa, purtroppo, non si può dire di altri assessori. Perché non li trovi manco con il telescopio spaziale.

Quanto sopra ha un peso. Un peso ovvio. Perché mettendoci la faccia devi saper dare le risposte. E questo, a quanto riferito da Silvio Cingolani, era impossibile da realizzare. E' stata questa la cosa che a mio modo di vedere lo ha spinto alle dimissioni. Ovvero la netta sensazione che le decisioni fossero prese sopra la sua testa. Anche per aspetti fondamentali che riguardavano il suo mandato assessorile (ovvero la viabilità). Abbiamo parlato dei varchi elettronici ad esempio. E lo stesso Cingolani non ha saputo dare risposta al perché alla presenza di cartellonistica verticale operativa e "deviante" per  chi in auto la osserva, i varchi, di fatto, non sono entrati in azione e a questo punto dubito ci entreranno prima del 31/8. . Ne deduco che sopra la testa di Silvio ci siano altre teste che pensano al consenso elettorale. Seguono i suggerimenti di alcune categorie di cittadini. Prendono decisioni "conservative" che magari sono poco condivisibili visto che, a proposito di varchi, si sono investite risorse pubbliche.

E questo, a quanto si è respirato, succedeva in relazione a diversi aspetti del suo operato.

A tal punto di esporre lo stesso Cingolani a figure barbine. Perché quando non sai rispondere ad alcuni quesiti che i cittadini ti porgono ogni volta che ti vedono in giro (ovvero mattina, pomeriggio e sera), perché quei quesiti sono gestiti da altri che non  solo non condividono la tua linea, ma addirittura non ti informano sulla tempistica dei provvedimenti, il tutto diventa veramente difficile da gestire. Perché la faccia che balla, è la tua. E merita rispetto.

Silvio si è poi soffermato in alcuni aspetti. Ha riferito di essere stato fondamentalmente d'accordo con la tempistica dei lavori di asfaltatura a Luglio. Ha riferito che per il Burchio gli sarebbe piaciuto votare a favore del referendum. Ha riferito delle sue dimissioni da consigliere e assessore, che ha definito irrevocabili. Ha riferito dello scollamento dovuto al doversi occupare di viabilità senza avere un minimo di rapporto costruttivo con chi guida la Polizia Municipale (che non rientrava nel suo assessorato).

Sembra di rivivere una vecchia storia. Dimissioni simili di assessori ne abbiamo viste con la precedente Giunta Ubaldi (2009-2014). Mollarono baracca e burattini Alessandro Rovazzani e Gaetano Agostinacchio. E la motivazione non era così distante da quella enunciata oggi da Silvio Cingolani. 

Silvio nel dimettersi ha rilasciato un comunicato. Ve lo riporto testualmente in una sua parte:

"L'oramai evidente e non rimarginabile discrepanza di idee, contenuti e impossibilità operativa alle quali si è giunti con la linea Ubaldi Mozzicafreddo, può portare solo al farmi fare un passo indietro con gran decisione"

Il lapsus non è freudiano. La linea governativa viene definita come "Ubaldi-Mozzicafreddo". Con il nome di Rosalba Ubaldi che antecede quello del sindaco. 

E la sensazione è quella che un assessore in una giunta Ubaldi avrà sempre comunque una linea di azione limitata. E o si adegua,  o, coraggiosamente, la smette di esporsi a situazioni nelle quali, sollecitato dalla cittadinanza, non può far altro che rispondere: "chiedete a lei e non a me". Facendo una figura non bellissima....

Mi assumo la responsabilità di quello che scrivo. Come sempre. Ed i relativi rimbrotti che mi arriveranno dalla interessata. 

Siamo uomini liberi. Scriviamo quello che pensiamo.

Entrerà in maggioranza il primo dei non eletti. Ovvero Salvatore Caruso. Membro di Vento del Sud che, a giudicare da quello che posta su Facebook, non è molto vicino, a livello di posizioni, alla Giunta Mozzicafreddo.

Ma magari mi sbaglio.......





domenica 16 luglio 2017

Il PD FA IL PUNTO DELLA SITUAZIONE

Nota del PD:

Abbiamo ottenuto un finanziamento da 1,4 milioni !


Non possiamo che accogliere con soddisfazione l’esito positivo del finanziamento di 1,4 milioni per l’area hotel house, richiesto dal commissario Passerotti , e naturalmente ringraziamo l’on. Irene Manzi a cui abbiamo chiesto di seguire con scrupolo l’iter della richiesta.

Il PD segue con attenzione le necessità della città, e profonde impegno perseguendo le vie che portano alla risoluzione dei problemi, quindi  ringraziamo l’assSciapichetti che ha dato unarisposta concreta alla difesa costiera nell’area sud, e dove anche in quel caso il PD porto recanatese  ha costantemente insistito presso la regione per la sollecitazione dei lavori insieme all’associazione di categoria e ad altri.

Di certo, noi non siamo stati a compilare pagelle o a polemizzarein maniera personalistica  su argomenti che con le priorità del paese hanno poco o nulla a che fare, noi non siamo intenzionati ad aprire diatribe con IAG su questi temi, i nostri toni sono altri i nostri argomenti pure….

Noi del PD siamo a chiedere all’amministrazione che garantisca la compartecipazione al progetto da 1,4 milioni e far si che si veda la sua realizzazione, sappiamo che questo progetto ha trovato le ostilità di qualche lista civica, ma vogliamo dal sindaco l’impegno pubblico al reperimento di quei fondi , visto che da  tempo esprimiamo perplessità su bilancio , puntualmente smentite dall’assessore competente.

Non possiamo perdere questo treno , l’aera intorno all’hotel house ha estremamente bisogno di quel progetto, soprattutto per togliere il viavai di pedoni dalla strada che collega HH al centro città!!!

Vogliamo pubblicamente incalzare il sindaco Mozzicafreddoperché noi abbiamo notizie differenti circa la serenità che regna nella sua coalizione.

Noi siamo convinti che le due anime di IAG, cioè la destra e  quella centrista, cominciano a mostrare segni di insofferenza, altro che spirito unitario!!!!

La prevaricazione dei dirigenti , da parte dei  consiglieri eletti e assessori di maggioranza , sta gettando nel caos la struttura operativa del comune.

Dallo stop allo spazzamento stradale , allo stop dell’asfaltatura del corso assistiamo a una clamorosa serie di lancia e frena che destano preoccupazione sulla capacità programmatica

Per questo il PD chiede una rivisitazione delle priorità della città che, ripetiamo, sono in una situazione di caos anche per la difesa del proprio orticello  da parte di ogni singolo componente della maggioranza.

Concludiamo che su tali operazioni ordinarie, asfaltatura , spazzamento, viabilità etc etc ci sia un interlocuzione più proficua con i comitati di quartiere al fine di renderli protagonisti per l’ordinario della vita cittadina.

 

Per il PD il segretario 

Massimo Montali

 

 

giovedì 13 luglio 2017

ENTE PALIO: IL COMUNICATO DI LAVORI IN CORSO

Nota dell'Ente Palio

Comunicato stampa dell’Ente Palio Storico di San Giovanni, Porto Recanati.

Lunedì 10 luglio abbiamo incontrato alcune Associazioni portorecanatesi con lo scopo di invitarle a prendere parte attiva all'interno dell'organizzazione del Palio: nonostante le oggettive difficoltà relative alle tempistiche di questa edizione, le associazioni presenti hanno dimostrato volontà e apertura all'idea di ritrovarci in autunno per progettare insieme il loro apporto in vista dell’edizione del prossimo anno. All'incontro erano presenti le Associazioni artistico-ricreative: le ragioni della scelta d'indirizzo sono ovvie ma nulla vieta che anche associazioni con altre finalità possano essere coinvolte; tutti coloro che vorranno contribuire positivamente saranno i benvenuti.

Chiariamo che non vogliamo fare "affidamento" sulle Associazioni ma siamo convinti che la loro esperienza e la loro competenza possono dare valore all'evento.

Nessuna assenza dei Quartieri, anzi: nonostante l'impegno di tre riunioni in quindici giorni, sono sempre stati presenti tutti i Presidenti o i loro delegati, insieme al CTO. Alcuni quartieri hanno condiviso le loro difficoltà per la formazione delle squadre, ma tali difficoltà non sono assolutamente da intendersi per defezione o disconoscimento.

Per quanto riguarda la questione dei figuranti, siamo in accordo con i quartieri di fare il punto a fine luglio. Stiamo diffondendo in questi giorni una sorta di vademecum con le indicazioni sugli abiti. Facendo riferimento alla Porto Recanati dei primi del ‘900, abbiamo individuato alcune figure centrali: la purtannara e gli uomini di mare, la popolana, gli artieranti, la lavandara, la ricamatrice, i contadini e i bambini. Tutti coloro che vorranno partecipare come figuranti potranno dare la loro adesione contattando i presidenti di quartiere. 

Il prossimo mercoledì, 19 luglio, terremo una conferenza stampa per presentare il manifesto e il programma. 

Chiariamo che non intendiamo fare alcuna rivoluzione: stiamo lavorando, nonostante i tempi stretti conseguenti alla recente nomina del nuovo Direttivo e le numerose difficoltà, affinché il Palio si corra e che sia un'occasione di festa per la cittadinanza e per gli ospiti della nostra città.

 

 

 

 

martedì 11 luglio 2017

CITTÀ MIA FA LA PAGELLA ALLA GIUNTA MOZZICAFREDDO

Un anno di giunta - Nota di Città Mia

Bocciati e Rimandati

 

 

Proprio in concomitanza col termine dell'anno scolastico, ricorre la conclusione del primo anno di governo della nostra città per la giunta Mozzicafreddo e quale migliore similitudine, dunque, se non quella delle pagelle scolastiche, per giudicare l'operato dei nostri amministratori?

 

Scusate se saliamo in cattedra, in senso letterale, immaginandoci insegnanti di questa classe/amministrazione, ma con un Preside ed una insegnante quali consiglieri, non possiamo far altro che assecondare la nostra deformazione professionale. Così in attesa di effettuare una seria e più approfondita analisi dell'anno trascorso, vi anticipiamo le nostre valutazioni per consigliere. 

__________________________________________________

 

ING. ROBERTO MOZZICAFREDDO – Sindaco. Voto: 5,5

 

Nonostante le belle parole pronunciate dal Sindaco al Consiglio Comunale di insediamento, in merito alla sua professionalità e fermezza nel ricoprire il massimo ruolo istituzionale dell'ente, non possiamo far altro che notare come nel tempo, la sua voce sia stata in ogni occasione, oscurata dalla figura del Vice – Sindaco. Non vi è Consiglio Comunale o occasione pubblica, nella quale la Ubaldi non tolga scena e parola al Sindaco per dettare l'operato della amministrazione. Un modus operandi a cui speravamo di non dover più dare rilevanza dopo il secondo mandato Fabbracci. Purtroppo non è stato così. Riconosciamo al Sindaco, la piena disponibilità al dialogo e al confronto, avendo sempre trovato aperta la porta del suo ufficio. Troppo poco comunque per far finta di non vedere il dominio assoluto che la Vicesindaco esercita nei confronti di questa amministrazione. 

Ci rammarichiamo inoltre nel dover constatare come in alcune occasioni, complice forse la poca esperienza amministrativa, il Sindaco abbia fatto figure poco dignitose. Da ultima quella in merito all'ordinanza sul piano sicurezza della Notte + Rosa. Sindaco, l'ordinanza vietava la somministrazione di alcolici al di sopra di 21°. a prescindere se consumata su bicchiere di carta o vetro. Lei dalla sua pagina aveva assicurato che si potessero servire super-alcolici purché su bicchiere di carta/plastica. Alcuni locali hanno scoperto a loro spese, che si è sbagliato clamorosamente. Di certe figure barbine, un Sindaco, ne dovrebbe proprio fare a meno. Quel mezzo punto che la separa dalla sufficienza è uno sprone a guadagnare maggiore nerbo e ad affermare con dignità il ruolo che i cittadini le hanno assegnato. EVANESCENTE

______________________________________

 

DOTT.SSA ROSALBA UBALDI – Vice-sindaco. Voto: 3

 

Come nel peggior incubo dei professori della classe 3^ C, di una famosa serie TV anni 80, lei Ubaldi, non vuole proprio superare gli esami, ma rimanere perennemente dietro il banco del potere locale. 

Oramai non è più una novità per nessuno, conosciamo bene tutti il suo modo di amministrare; ci saremmo sorpresi se all'improvviso avesse riscoperto amore e rispetto del nostro territorio, ma la realtà dice che come fatto nei suoi anni di sindacatura, ciò che le stanno a cuore, sono sempre e solo gli interessi dei privati compiacenti. 

Ancora oggi continua a perpetrare scelte amministrative scellerate (sappiamo bene che lei non gradirà questo termine, ma lo ribadiamo con profonda convinzione) soprattutto in ambito urbanistico. Ora non ci venga a dire che la delega all'urbanistica sia rimasta in capo al Sindaco, perché sappiamo bene che l'affare Burchio, è stato e rimane un cruccio tutto suo. Peccato che nel vostro programma elettorale, non ve ne fosse nemmeno l'ombra. Ipocrisia e viltà che oggi ci troviamo a dover pagare sulla pelle nostra e di tutti i cittadini.

Oltre che il ruolo di Sindaco “ombra” lei formalmente ricopre l'assessorato con deleghe ai LL. PP., Personale e Servizi Demografici.

Se non fosse per le odierne opere di tinteggiatura dell'edificio Kursaal e di asfaltatura di alcuni tratti delle strade del centro, il bilancio del primo anno di lavori pubblici sarebbe ampiamente bocciato. Per il resto il decoro urbano (ne abbiamo anche per Cingolani non si preoccupi) è purtroppo per voi sotto gli occhi di tutti. Parchi pubblici ridotti a ricettacolo di incuria e malvivenza, impianti di illuminazione carenti ed insufficienti (Corso Matteotti di sera sembra la Saigon degli anni 60) in barba ai buoni propositi annunciati nel vostro programma e ciò che non si vede ad occhio nudo, si sente. Le fogne di Piazza Brancondi e del tratto sud del Lungomare, emanano miasmi insopportabili, segnale di un degrado vergognoso in cui una cittadina turistica non dovrebbe mai cadere. 

Non esistono parcheggi pubblici collegati con il centro urbano, cosa che sarebbe facilmente ovviabile, mediante la realizzazione di un sottopasso che colleghi il vecchio “Nazario Sauro” al Corso, attraverso il prolungamento del sottopasso della Stazione Ferroviaria. Non ci vuole la sfera di cristallo per risolvere certi problemi, ma solo buon senso e rispetto dell'interesse pubblico. Evidentemente queste cose non toccano minimamente le sue corde. BARBARICA.

______________________________

 

SILVIO CINGOLANI – Assessore al Patrimonio e Viabilità Urbana. Voto: 5

 

Nel programma elettorale di IAG, è inserito quale punto cardine, una rivisitazione completa del piano viabilità, che renda la rete stradale più fruibile e decongestionata soprattutto nelle aree centrali. Alla prova dei fatti, il primo passo sul riassetto viario di Castennou, fa acqua da tutte le parti. Sappiamo che numerosi residenti del quartiere in questione si sono lamentati e che addirittura  è stato convocato dal comitato, per recepire alcune evidenti contestazioni. Se il buon giorno si vede dal mattino, possiamo affermare che il piano viabilità voluto dall'”assessore del terrazzino”, non vedrà la luce a breve. I giardini pubblici, vie e piazze, sono in uno stato indecoroso e troppo spesso diventano teatro di attività illegali. Piuttosto che riconoscere a cuor leggero un contributo pari ad € 1.000,00 per ogni esercente di piccola pesca, crediamo che tali fondi si sarebbero impiegati con più efficacia per la cura del decoro urbano. Da segnalare una presunta rissa avvenuta sotto le vacanze di Natale, tra lei ed il consigliere Sampaolo (rissa smentita da entrambi), che quantomeno sembra abbia messo in luce una scarsa affinità tra i due. Per il resto salutiamo con approvazione la realizzazione di stalli per carico/scarico merci nelle vie trasversali che sfociano nel lungomare. Diciamo che per ora l'assessore senza infamia e senza lode, aldilà del voto favorevole per il Burchio, non è stato deprecabile. PILATESCO

__________________________________

 

ANGELICA SABBATINI – Assessore al Bilancio, Turismo e Cultura. Voto: 2

 

Siamo alla pagina più dolente di questa amministrazione. La gravissima insufficienza dell'operato dell'assessora, si sostanzia in assolute incapacità ed inefficacia, oltretutto maldestramente camuffate da tracotanza e presunzione più volte manifestate in Consiglio Comunale.

Aldilà del compitino che gli uffici di economato le preparano in occasione delle analisi di bilancio, per tutto quello che riguarda turismo e cultura ci sarebbe da stendere un velo pietoso.

Dall'obbrobrioso “villaggio di Natale” che ha fatto piangere i bambini, proseguendo per il completo abbandono (documentato) dello stand di Porto Recanati alla Fiera di Tipicità 2017, passando per l'indecorosa fiera/mercato della fotografia, fino al quasi riuscito boicottaggio della Notte Rosa e concludendo (per ora) con il saltato concerto di Christopher Cross, il suo è stato un crescendo di nefandezze amministrative. Mai, a nostra memoria, ricordiamo un assessore al turismo più disastroso. Il calendario dei concerti estivi, seppur apprezzabile, presenta costi e tariffe dei biglietti, da serata degli Oscar.

Continui pure a mutuare il modo di approcciarsi alle opposizioni, che le ha insegnato il suo mentore Dott.ssa Ubaldi, ci dia pure degli impreparati, ma finché continua a collezionare certe figure barbine, le conviene tacere. Piccolo suggerimento: lasci Turismo e Cultura a chi di turismo e cultura, abbia cognizione di causa. Probabilmente le verrà passato lo scettro del comando dalla vice-sindaco. Stiamo già rabbrividendo per ciò che rappresenterà quel momento. CLONATA 

___________________________________

 

PIERPAOLO FABBRACCI – Assessore ai Servizi Sociali, Mensa e Trasporti. Voto: 5                

 

Da qui in poi le insufficienze, sono le dirette conseguenze della pochezza espressa sul piano amministrativo. Non ce ne voglia assessore, ma aldilà della “supercazzola” sparataci in Consiglio Comunale sulla nostra mozione contro scommesse e gioco d'azzardo, non abbiamo avuto modo di sentirla in altre occasioni. Magari ci potrebbe relazionare sui risultati che il Comune di Porto Recanati, di concerto con l'associazione Il Faro, sta ottenendo con il bando per i progetti di riqualificazione delle aree degradate, che ci sta costando centinaia di migliaia di euro.     SERAFICO

                     _______________________________      

 

ROBERTO ATTACALITE –Assessore Ambiente,Servizi Ecologici e Verde Pubblico.Voto: N.Q.

 

Se fossimo veramente agli scrutini di fine anno, nel caso Attacalite, ci sarebbero diversi professori a chiedersi: “ma Attacalite è in questa classe? - no perché io non l'ho mai visto!!!”. Diciamo pure, caro assessore, che fino ad oggi non ha avuto modo di giustificare l'indennità pubblica che, ogni mese, noi cittadini le riconosciamo. Non la abbiamo mai sentita aprire bocca in Consiglio Comunale, fosse anche solo per chiedere di aprire una finestra per il troppo caldo. Si è limitato solo a “farfugliamenti” vari, immaginiamo per criticare le posizioni delle minoranze. Una cosa però ci rimane alquanto curiosa. Come mai nel sito del Comune, sulla voce della Giunta che riguarda il suo profilo, mancano le pubblicazioni del Curriculum Vitae e della sua Dichiarazione dei Redditi (neanche l'assessore Fabbracci li ha pubblicati)? Peccato, ci piacerebbe sapere, ad esempio, quale introito ha avuto la sua struttura ricettiva nel periodo di accoglienza delle persone sfollate dalle zone del cratere sismico. Ci piacerebbe sapere anche, se le stufette elettriche fornite dalla Protezione Civile regionale per garantire un minimo di riscaldamento ai suoi bungalow, siano state restituite oppure siano ancora lì, donate con soldi pubblici e grazie alle quali ha avuto anche il diritto ad indennizzo pubblico per ogni giorno di ospitalità concessa dalla sua struttura. Nel frattempo continui a scaldare la sedia in Consiglio, come fanno molti altri suoi colleghi, che intimoriti di essere chiamati in causa, abbassano lo sguardo, salvo poi farsi grandi in giro; continui a sparire dietro il tavolo dell'assemblea cittadina, almeno così si evitano danni! ECTOPLASMATICO

_____________________________________

 

ROBERTO SAMPAOLO – Consigliere delegato al Commercio e SUAP.  Voto: 4,5

 

Il consigliere Sampaolo, che si sente vittima di persecuzione vetero-comunista, volente o nolente, si è trovato catapultato all'interno della macchina amministrativa, quando siamo più che certi avrebbe di gran lunga auspicato un incarico più defilato, magari come presidente di Farmacia. Quindi un po' per forza e un po' per dispetto, si trova a dover operare spesso, gomito a gomito con gli altri membri della maggioranza. Non ci siamo dimenticati del “pasticciaccio” del finto bando delle casette in legno per le festività natalizie, assegnate a campione sulla base di non si sa quali criteri; non possiamo far finta di niente sul nuovo regolamento TAXI, da lui discusso e presentato in consiglio, manco facesse il panettiere; non è possibile ignorare come le fiere domenicali sul lungomare, siano ormai diventate senza controllo e non regolamentate: ambulanti costretti a rimanere imprigionati nella propria piazzola fino alle 24:00 e cavi dell'energia elettrica sparsi alla rinfusa sul lungomare. Per non parlare dell'ormai famoso “arco” di Sampaolo, installato per il Corso in occasione delle feste di primavera. Altro d aggiungere alla voce “figure barbine”?

L'insufficienza sarebbe stata assai più grave se, tuttavia, il consigliere Sampaolo non si fosse adoperato con l'ausilio di Nevio Russo, a salvare l'evento “Notte + Rosa”.

Un plauso da parte nostra, per aver scongiurato l'ennesimo scivolone amministrativo della Sabbatini. PARANOICO

_______________________________

 

Citaroni, Ferrillo, Giuggioloni, Toschi e Giorgetti...scusateci ma per voi non abbiamo parole da spendere e crediamo neanche la cittadinanza!

sabato 8 luglio 2017

DIMISSIONI COMITATO CASTENNOU: IL COMUNICATO

Nota dell'ex Comitato Castennou

Il Comitato in data 07.07.17 rassegnava le proprie dimissioni via Pec al Comune di Porto Recanati. Tale decisione è la conclusione di un percorso unilaterale poiché il Comitato, pur partecipando attivamente ad ogni iniziativa comunale, non veniva mai preso in considerazione nelle decisioni riguardanti il Quartiere. Numerosi sono gli episodi basti pensare a piazza Kromberg, il bocciodromo (noi siamo dovuti andare a richiedere i documenti all'Asur), l'affido dell'unica piazza del quartiere ad un'associazione, il risultato è sotto gli occhi di tutti, in ultimo la viabilità.
Il Comitato non si è mai risparmiato, si è confrontato su ogni decisione, è stato giudicato anche polemico per questo, ma esprimere la propria idea non significa essere polemici ma avere una propria opinione! Fino a prova contraria siamo cittadini e non sudditi.
Abbiamo accettato decisioni che non condividevamo rispettando l'Autorità che li emetteva ma non possiamo tollerare di essere presi per scemi. 
La verità è che nessuno ci ha voluto ascoltare e soprattutto qualcuno si è dimenticato che eravamo un organo rappresentativo anche se a volte quello stesso organo è stato lasciato solo da parte degli stessi residenti.

Bisognerebbe imparare che non si deve ascoltare per ribattere ma bensì per avere una nuova prospettiva e magari approfittare dell'occasione per poter imparare; la conoscenza è nascosta in ogni dove, nessuno può pensarsi così erudito da credere di avere la verità infusa.
Siamo dispiaciuti ma convinti che non ci sia stata lasciata alternativa ed a volte bisogna mollare la presa quando si capisce che l'impresa sarà comunque inutile.
Invitiamo a non inventare nulla poiché la verità è questa.
Ad maiora.

venerdì 7 luglio 2017

GIUNTA MOZZICAFREDDO: IL BILANCIO DI UN ANNO

Nota dell'Amministrazione Comunale

 

COMUNE DI PORTO RECANATI              

 

 

Comunicato del  SINDACO    07.07.2017

 

 

 

E’ trascorso un anno da quando ci siamo insediati, succeduti ad una gestione commissariale che aveva provveduto anche a redigere il bilancio di previsione 2016 all’interno del quale ci siamo dovuti muovere.  Nei fatti, quello approvato il 31 marzo u.s. è il primo bilancio di questa Amministrazione. E’ importante ricordarlo perché una Amministrazione si può muovere solo all’interno dei “paletti” identificati dal bilancio.

 

Ho costituito una Giunta ed una maggioranza che ha lavorato alacremente mettendo impegno ed entusiasmo sopra ad ogni altra prerogativa anche personale. 

Il primo successo che mi piace registrare è quello di una squadra coesa e vivace, che non ha mai conosciuto momenti di fibrillazione e questo che potrebbe essere scambiata per normalità, in una maggioranza – qualsiasi essa sia - non è mai cosa scontata. Il dibattito si è sempre svolto, seppure nella diversità delle singole opinioni su alcuni problemi, nella massima collaborazione ed ogni provvedimento è sempre stato preso all’unanimità pur con le caratteristiche della personalità di ciascuno di noi

 

Non sono molte le possibilità di spesa e di investimento di cui un Comune può godere in questo periodo tra spending review, patto di stabilità, tagli alla spesa, crisi economica, mancanza della tassa di soggiorno. E quindi anche il nostro.

 

Con tutto ciò abbiamo dovuto fare i conti nel programmare gli interventi di cui la nostra città, dopo due anni di assoluto immobilismo, aveva ed ha bisogno.

 

Anche per tutto ciò oggi sono orgoglioso di poter ricordare gli interventi che in questi mesi abbiamo potuto attuare.

 

Non va dimenticato che oltre alle cose da fare, c’era da ricucire molti rapporti sul territorio, di tipo istituzionale e civile che, per usare un eufemismo, erano stati trascurati, mal curati o distrutti

I rapporti istituzionali rappresentano la base per una proficua collaborazione nelle tante occasioni in cui è necessario un rapporto sovracomunale ed i rapporti con le associazioni locali sono essenziali per favorire la civile convivenza e la realizzazione di piccoli e grandi interventi di accoglienza e vivacizzazione della vita cittadina.

 

Questo il panorama che ci siamo trovati davanti all’inizio del nostro mandato.

 

 

*****************************

 

Con questi presupposti, avvalendoci dell’esperienza di alcuni di noi e dell’entusiasmo dei più giovani o nuovi, ma dell’impegno di ciascuno, in questo anno abbiamo:

 

• Ripreso, formalizzato e incrementato i rapporti con Prefettura, Questura, Regione Marche e Provincia di Macerata
• Migliorati ed intensificati i rapporti con le partecipate Co.sma.ri e Astea
• Rinnovato l’assetto societario della Farmacia Comunale

 

 

 

 

 

 

 

• Presi ed incrementati e/o formalizzati i rapporti con Ente Palio, Associazione Pescatori, Quartieri e con tutte le Associazioni culturali e sociali presenti sul territorio ed abbiamo attivato l’aggiornamento dell’Albo delle Associazioni Comunali
• Rifondato il Gruppo di Prot.ne Civile Comunale che era stato commissariato ed affrontato con esso, in modo brillante, l’emergenza – terremoto piombateci all’improvviso alla fine della scorsa estate e per alcuni aspetti ancora in corso, su richiesta della Regione Marche. E’ notizia di oggi, e motivo di orgoglio, che la Regione Marche ha affidato al nostro Gruppo di P.C. l’incarico di eseguire il booking per gli sfollati del sisma, da Ancona a San Benedetto del Tronto.
• Avviato il progetto “Controllo del vicinato
• Presi i contatti e stabilite collaborazioni con associazioni di categoria  tra le quali la Piccola Pesca e Porto Recanati è  
• Ripresi i rapporti con tutte le società sportive ed avviato il progetto Porto Recanati città dello sport ed il progetto Gioco Sport
• Attivato e realizzato il progetto “ Attiva l’amicizia, spegni il cyberbullismo” che continuerà nella seconda fase nel prossimo anno scolastico
• Predisposte due stagioni di accoglienza con spettacoli di qualità all’Arena B.Gigli e in altre locations della città e/o organizzate occasioni culturali durante tutto l’anno.
• Realizzate, oltre alle consuete e tradizionali manifestazioni, e solo per citarne alcune, il Summer Festival 2016 e in fase di realizzazione l’edizione 2017, il Color Mob 2016 e 2017, il Carnevale con i quartieri, “Benessere in movimento”, festa della Famiglia e tante altre
• Realizzate iniziative celebrative sulla ricorrenza del MMCC anniversario della fondazione della città di Potentia in collaborazione con l’Archeoclub
• Realizzata l’apertura stabile della Pinacoteca Comunaleavvalendoci dell’Associazione Spazio Cultura
• Provveduto al restyling di nuovi spazi all’interno del Castello Svevo, nella sala Biagetti, per la Mostra Archeologica “Storia di un paesaggio rivelato che verrà inaugurata il prossimo 14 luglio 
• Realizzato il trasferimento della Biblioteca Comunale dalla sala Biagetti ai locali ex Scuola Diaz realizzando in economia i necessari lavori 
• Abbiamo voluto, oltre alla tradizionale partecipazione alle Fiere di settore, la realizzazione di un video promozionale, di una nuova depliantistica e cercato contatti importanti quali  il “National Geogrphic” ed il “Magazine Italien.de” per una promozione del nostro territorio che varchi i confini localistici

 

 

E’ stato necessario inoltre :

 

• Rivedere l’organizzazione del personale soprattutto in alcuni settori che risultavano sprovvisti delle figure apicali e organizzare diversamente alcuni uffici
• Si è dovuto fare i conti anche con il termine del periodo di utilizzo di molte figure LSU sulle quali si è potuto fare affidamento per l’esecuzione di servizi essenziali quali la nettezza urbana, operai e addetti al verde, provvedendo ad una nuova articolazione dei servizi e all’attivazione di piccoli appalti esterni.
• Affidati gli incarichi – in aggiunta a quelli esistenti -  per le osservazioni al P.A.I., per lo stato di attuazione delle lottizzazioni e realizzata la short list per gli avvocati.
• Affidato anche l’incarico per il censimento degli impianti pubblicitari esistenti allo scopo di predisporre il piano della pubblicità.
• Attuata con successo tutta la nuova normativa sulla sicurezza per i grandi eventi in occasione della Notte Rosa. E’ stato il banco di prova per altre manifestazioni di grande richiamo come, in dimensioni ridotte, sarà la manifestazione delle Frecce Tricoloridel 15 e 16 luglio p.v. ed i Fuochi d’artificio del 15 agosto.

 

 

 

 

 

 

Sotto il profilo degli investimenti :

 

• Realizzato adeguamento alle norme antincendio alla Scuola Materna “Rodari” per 195.000 €
• Realizzato intervento di sostituzione  degli infissi e di miglioramento dell’efficientamento energetico per 450.000 € per la Scuola Media “E.Medi”
• Attivato mutuo ed avviato intervento di adeguamento alle norme antincendio della Scuola Media per 205.000 €
• Realizzata la sostituzione del manto di erba sintetica e manotenuto il sottofondo del campo di calcio che è stato successivamente intitolato a “Luciano Panetti” per 350.000 €
• Realizzato, dopo anni, un intervento di potatura delle piante sul Corso, urgente per evitare pericoli in caso di vento
• Effettuati interventi di difesa della costa a Scossicci sia nell’anno 2016 che nel 2017 per circa 150.000 € complessivamente con finanziamenti regionali ed interventi di riposizionamento dei massi caduti nel tratto centro con fondi comunali. L’intervento continuerà – risorse permettendo – alla fine della stagione
• Predisposto intervento per l’impianto antincendio del Museo del Mare con contributo regionale e nostra compartecipazione
• Effettuati in economia lavori di manutenzione presso i bagni pubblici per la cui pulizia giornaliera è stata attivata una convenzione con una associazione
• Sono in corso i lavori di manutenzione straordinaria e rifacimento dei piani viabili con il rifacimento di Corso Matteotti, delle traverse nord e sud di piazza Brancondi, di via Garibaldi, via Uso di Mare (a Scossicci), di via dell’Industria, di un breve tratto di via S.Giovanni Bosco e ci scusiamo per i possibili disagi che stiamo cercando di ridurre al minimo. 
• E’ in fase avanzata di realizzazione la manutenzione del Kursaalche sta assumendo decisamente un aspetto diverso
• Attuati interventi parziali alla viabilità in attesa della realizzazione dei parcheggi multipiano che consentiranno alla Sintagma di realizzare il Piano del Traffico e reperiti nuovi spazi di sosta
• Adottata la Variante cartografica al P.R.G e quella del Burchio.

 

• Fin dall’insediamento abbiamo lavorato con costanza e perseveranza per facilitare e portare a compimento l’intervento di difesa della costa sud, che deve realizzare il Provveditorato alle OO.PP.in collaborazione stretta con i vari attori coinvolti ed in particolare con la Regione Marche. Superati decine di intoppi, possiamo ad oggi affermare che -  salvo imprevisti– a settembre potremo finalmente vedere l’inizio dei lavori. Continueremo fino all’ultimo giorno senza sosta a perseguire un obiettivo importantissimo per la nostra città tutta

 

• Stiamo iniziando a predisporre tutti gli atti per realizzare le opere contemplate nel progetto europeo di riqualificazione sociale e culturale delle aree urbane degradate – area Hotel House (D.P.C.M. 15.10.2015) che nei giorni scorsi il Prefetto di Macerata ci ha comunicato essere stato accolto. Il progetto era stato avviato dal Commissario Straordinario e prevede, insieme a una cospicua parte di servizi da perseguire, la realizzazione di una serie di opere che tendono alla riqualificazione di una vasta area del nostro territorio. Sono stati approvati interventi  tra i quali, la manutenzione straordinaria sul ponte di legno, la realizzazione di un percorso pedonale nuovo ed in sicurezza, l’illuminazione e l’asfaltatura di via S.D’Acquisto, la riqualificazione del parcheggio, la realizzazione di un marciapiedi.

 

• Entro il più breve tempo possibile, dopo un ulteriore esame, porteremo all’esame ed all’approvazione del Consiglio Comunale alcune varianti urbanistiche di piccola entità, quali la Variante al Piano di spiaggia, la Variante al Piano di Zonizzazione acustica e la Variante parziale al Piano Particolareggiato del centro Urbano, già in fase di ultimazione.  In settembre porteremo all’esame di C.C. il Piano delle Antenne per il quale stanno ancora arrivando dalla Polab gli elaborati.

 

 

 

Continuano quotidianamente tutti gli interventi di ordinaria amministrazione in ogni settore.

 

Infinestiamo lavorando su vecchi e nuovi fronti : 

 

• sull’Hotel House, per il quale abbiamo coinvolto Amministratore Giudiziario, Vigili del Fuoco e Prefettura. Si tratta di un problema importante la cui soluzione non  può essere semplicistica e non appare di semplice approccio. E’ un argomento che quotidianamente coinvolge il sindaco personalmente e tutta l’Amministrazione. Ogni soluzione deve tenere presente che si tratta di un edificio privato nei confronti del quale valgono tutti i principi di ogni altro edificio simile. La caratteristica che lo rende particolare e di difficile soluzione è sicuramente il numero degli abitanti. Nonostante finalmente all’Amministratore Giudiziario sia stato dato il nulla osta per indire l’assemblea per l’approvazione del bilancio e comunicata la soluzione da adottare nel caso che vada deserta,  non si possono sottacere né rinviare, sine die,  alcune problematiche che stanno diventando sempre più evidenti.  

Ci si augura che anche chi abita in quell’edificio si renda conto dell’importanza di realizzare alcuni interventi non rinviabili. Non sempre e non solo si tratta di mancanza di denaro da parte dei singoli proprietari (prova ne è la grande quantità di denaro che mensilmente espatria tramite i money transfer” del territorio) quanto piuttosto di una presa di coscienza culturale del problema rispetto alla quale si sta attuando ogni possibile iniziativa da anni.

 

• sul piano degli investimento dell’Astea e con Acquambiente  per la soluzione dei problemi di inquinamento delle foci del Musone e del Potenza. Gli investimenti, che il CdA Astea delibererà entro il mese, unitamente alla realizzazione in territorio di Loreto della vasca di laminazione autorizzata in questi giorni dalla V.I.A.  ed alla conduttura di collegamento della Costa Bianca di Loreto al depuratore mirano a migliorare le condizioni di sicurezza del territorio e la balneabilità delle nostre acque. Si tratta di interventi definitivi che si attendono da anni. Una soluzione di canalizzazione alla foce del Musone può rappresentare un ausilio alla balneabilità delle acque della zona ed è in fase di studio per essere attuata almeno per la prossima primavera.

 

• Pressochè pronta l’Ordinanza antiprostituzione e quella anti-sacconi in collaborazione con la locale Polizia Municipale. Entrambe le ordinanze saranno nei prossimi giorni inviate in Prefettura come previsto dalla normativa in vigore. L’Ordinanza antiprostituzione mira a contenere un fenomeno che soprattutto nel periodo estivo assume dimensioni più evidenti e di danno reale all’immagine della nostra città.

 

• Si stanno studiando soluzioni di protezione, valorizzazione e frequentazione della Pineta anche con la collocazione di piccola attività al suo interno.

 

• Altrettanto in fase di studio la destinazione del Kursaal la cui necessaria e radicale manutenzione dovrà consentire di avere nuovi spazi culturali, soprattutto teatrali, a favore di una offerta turistica destagionalizzata e a disposizione anche delle locali compagnie teatrali. Ogni soluzione va coniugata con le reali possibilità dell’Ente pubblico di provvedere in autonomia

 

 

In sintesi, ma davvero in sintesi, la nostra attività di un anno. Quello che abbiamo fatto e quello che stiamo facendo ogni giorno, pronti come dobbiamo essere a dover modificare i programmi in virtù delle tante “emergenze” quotidiane, spicciole o grandi.  Alcune cose sono da migliorare e degli errori facciamo tesoro.

 

E da domani, anzi da oggi,  si…continua !

 

 

 

Ing. Roberto Mozzicafreddo