Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

Per comunicare con noi scrivete a: arganoblog@gmail.com

venerdì 23 gennaio 2015

PALAZZO VOLPINI, ABBIAMO UN PROBLEMA.....

Ormai é assodato: ladri professionisti di tutte le specie hanno individuato il momento migliore per mettere a segno le loro rapine nei negozi che si trovano in pieno centro. L'orario in cui i colpi hanno ampia possibilità di riuscita non é notturno. No, é quello che va dalle 14 alle 15,30. L'ora della siesta da noi sta divenendo l'ora dei furti. Ormai se ne registrano uno alla settimana. Sorgono dunque (almeno) un paio di domande:

a) perché non far pattugliare costantemente alla polizia municipale (in servizio in quelle ore), Corso Matteotti e le arterie principali della nostra cittadina?

b) le telecamere per il Corso per quanto ne sappiamo sono accese e funzionanti. É mai possibile che con questa molteplicità di furti in pieno giorno nessun malvivente sia stato mai individuato magari tramite il numero di una targa? Leggiamo sempre di furti. Non leggiamo mai di ladri incastrati e arrestati. Le telecamere a cosa servono allora?

A Porto Recanati, uscire per una passeggiata subito dopo pranzo per prendere un caffé, sta divenendo troppo pericoloso vista la discreta possibilità di imbattersi in qualche ladro che proprio in quel momento svuota un negozio.

Ne vogliamo parlare?

 

 

 

 

 

 

giovedì 22 gennaio 2015

LE BUCHE SBAGLIATE

A volte nascono delle polemiche molto sterili. Si, lo sappiamo. Ora ci diranno che a Piazza Giovanni XXII (dove durante le feste natalizie era stato eretto il Pala Si), la manutenzione dell'asfalto era a cura dei privati. Che hanno provveduto immediatamente a risistemare il manto stradale. Ma le buche che stanno creando un problema sociale a Porto Recanati non sono quelle. Sono quelle del parcheggio dell'Hotel House, dove quotidianamente centinaia di bambini prendono il bus per andare a scuola. Di quelle buche, continua a non fregare nulla a nessuno. Ecco, da quelle parti, la sistemazione del manto stradale DEVE essere a carico del pubblico. Che continua a fare finta di niente.

Ci narrano di situazioni caotiche dalle parti dell'House. Di bambini che salgono con le scarpe piene di fango. Di pulmini che si sporcano all'inverosimile. Di fango che poi arriva nelle classi delle scuole. Tra una perpetrata indifferenza generale. Il tempo passa: tanto quello è un problema secondario. Differibile. Per quel tipo di problema i soldi non si vogliono trovare. Come, a quanto sembra, non ci si sforzi più di tanto per trovare una soluzione tampone. Che possa anche minimamente o parzialmente migliorare la vita di quei bambini. In questa indifferenza generale continueremo a riproporre la problematica, in questo blog, con costanza. Facciamo a chi si stufa prima. Diteci cosa state facendo. Diteci se state facendo qualcosa e con quale tempistica. Quella fottuta trasparenza che vi doveva caratterizzare in ogni atto da voi prodotto mostratela almeno in questo settore. Informateci.

 

Ecco, dateci pure dei demagoghi. O di quelli che amano le cause perse. Dateci pure dei pietosi difensori dei più deboli. Ma se ci riuscite, per una volta, focalizzate con la massima efficacia la vostra azione politica su un problema che tocca una quota parte importante della popolazione di Porto Recanati. Oppure, se non ve ne frega nulla, ditelo. Ditelo che quelli sono in un ghetto. Che non fanno rumore più di tanto. Che non vi portano voti. Che non vi creano consenso. E che possono marcire nel fango.

Ditelo con chiarezza e trasparenza.

 

 

 

mercoledì 21 gennaio 2015

QUARTIERI: DOMENICA 22 FEBBRAIO FINALMENTE SI VOTA

COMUNICATO STAMPA DELL'AMMINISTRAZIONE COMUNALE

Finalmente i residenti dei quartieri Castelnuovo, Centro Storico e S.M.Potenza potranno eleggere i loro Comitati di Quartiere. Con l'ordinanza n.01 del 09/01/2015 firmata dal Sindaco, si sono indette le elezioni che si terranno dalle ore 9.00 alle ore 19.00 di domenica 22 febbraio.

Potranno votare tutti i cittadini residenti nel quartiere che abbiano compiuto sedici anni, garantendo agli stessi, diritti di elettorato attivo e passivo.

Chi volesse presentare la propria candidatura dovrà farlo entro le ore 13.00 del 9 febbraio con una comunicazione indirizzata al Sindaco e depositata all'Ufficio Protocollo del Comune. I comitati eletti resteranno in carica per tre anni salvo proroga.

Tutte le informazioni si possono trovare nel sito del comune di Porto Recanati.

Ancora un passo avanti verso la partecipazione e un tassello importante per portare avanti il programma presentato ai cittadini nel mese di maggio. Nel frattempo, come deciso da tutta la maggioranza, si darà il via ad una serie di incontri nei vari quartieri per far conoscere il lavoro fatto e ascoltare proposte e anche eventuali lamentele.

LA VARIANTE AL PIANO DI DIFESA DELLA COSTA É REALTÀ

Per una volta diamo la parola agli operatori turistici che ieri hanno vissuto una giornata comunque speciale. Pubblichiamo quanto pervenutoci da Rodolfo Scalabroni in rappresentanza di tutti coloro che da anni lottano per un obbiettivo che oggi, forse, é un po' meno lontano:

Finalmente ce l'abbiamo fatta!!!!!!

Dopo numerosi incontri, numerosi scontri e fiumi di parole, oggi 20 gennaio 2015 possiamo gioire. Per la prima volta il nostro paese, grazie alla sua categoria più penalizzata, raggiunge un grandissimo risultato, ottenendo l'approvazione alla variante del Piano Integrato della Difesa della Costa. Risultato avuto dopo un'estenuante percorso - che ci ha visto più volte in procinto di capitolare - frutto della costanza e dell'impegno degli operatori, sempre mossi dalla convinzione di dover reagire, a pieno diritto, contro l'indifferenza e la staticità delle istituzioni. La strada da fare è ancora tanta prima di festeggiare il raggiungimento del nostro obbiettivo - la difesa della costa della nostra Porto Recanati - ma è comunque doveroso ringraziare l'assessore regionale Paola Giorgi per l'impegno e la determinazione con cui ha accompagnato la realizzazione di questa variante. Tuttavia come si diceva, la strada è ancora molto lunga, perchè è illusorio pensare che finalmente i nostri problemi sono finiti o che il più è fatto. Continueremo a seguire passo passo tutto quello che succederà, perchè l'importanza di avviare i lavori in maniera molto rapida, rimane l'unica soluzione per il recupero della nostra costa sofferente. Quello che è importante è che questa variante rappresenta un cambiamento di mentalità, di trattamento e di prospettiva futura, che oggi diventa simile alle altre realtà turistiche delle Marche. Dopo tanti anni abbiamo la possibilità di pensare concretamente che la risoluzione di uno dei problemi più annosi del nostro paese non è più un'utopia. L'importante è considerare questo giorno come punto di partenza, non di arrivo: non abbiamo fatto ancora niente. Ci impegneremo ancora di più per vedere in pratica quello che oggi è solo teoria, vigilando, sostenendo e stimolando il lavoro che dovrà essere fatto dagli enti preposti, in maniera seria e rapida, non come è stato fatto fin'ora. Gli strumenti finalmente ci sono e vanno utilizzati, senza indugio e con responsabilità, perchè Porto Recanati ha fretta di riprendersi il ruolo di paese turistico serio ed ambito. Purtroppo, anche se la soddisfazione è grande per questo importante risultato, non possiamo dimenticare che la nostra situazione reale è sempre gravissima. Il mare è sempre troppo vicino ed i lavori da fare sono nella completa incertezza. L'auspicio è che questo giorno rappresenti per la politica ed i nostri amministratori, l'occasione per voltare pagina, per non guardare il passato, ma concentrarsi sul futuro, sulla possibilità che con determinazione e senso di responsabilità si raggiunga la completa difesa della nostra costa, così da permettere alla nostra economia, al nostro turismo di ritornare ai vecchi e splendenti albori. Ci teniamo a dire che la giornata di oggi è la prova che l'impegno paga sempre e, nonostante i "soliti bempensanti" abbiano sempre cercato di convicerci che sarebbe stato tutto inutile, le difficoltà ed i muri di gomma non ci hanno fermato. Tutto questo è avvenuto perchè abbiamo imparato a condividere le nostre disgrazie, cercando di pensare in modo comunitario e non per i soliti interessi personali. Grazie ragazzi per l'impegno che avete dimostrato e la solidarietà che non avete fatto mancare mai.

Rodolfo Scalabroni

 

 

lunedì 19 gennaio 2015

PUBBLICITÁ PROGRESSO

Visto che alle domande che poniamo non risponde nessuno (a conferma che "chiarezza e trasparenza" erano concetti buoni solo per la campagna elettorale), passiamo oltre.....

Dicono che le grandi stagioni estive si costruiscano con le politiche che una amministrazione riesce a mettere in atto nel periodo Novembre/Gennaio. La "Porto Recanati turistica" é un prodotto che ha bisogno di politiche di marketing pubblicitario, ancora di più dopo l'ultima stagione che dal punto di vista dell'immagine non ci ha visto certo brillare. Ci ha colpito il dato turistico riportato da paesi limitrofi (Recanati e Loreto) grazie al turismo religioso e culturale. E ci viene da pensare che delle politiche turistiche in joint venture con queste cittadine potrebbero portarci degli ottimi risultati.

Per i motivi che sappiamo Porto Recanati durante l'estate 2014 é salita all'onore delle cronache regionali (e purtroppo anche nazionali) per i divieti di balneabilità e una fiumarella che sversava in mare ogni tipo di liquame. Serve dunque ricostruire un brand turistico. E serve investire delle somme per questa finalità con campagne dedicate su tutti i mass media. Ci chiediamo cosa stia facendo la nostra amministrazione in proposito. La problematica é di pubblico interesse. Il turismo sorregge il nostro PIL. E se sfruttato bene crea occupazione. Speriamo che qualcuno ci stia pensando.

Porto Recanati deve rialzare la testa.

LETTERA APERTA ALL'ASSESSORE ANDREA DEZI

Gentile Assessore Dezi,
abbiamo pensato, da queste colonne, di rivolgerci alla sua persona per tentare di capire quello che sta succedendo nel panorama politico portorecanatese. Come lei certamente capirà, la sua attuale posizione di membro di governo cittadino della giunta Montali e, contestualmente, bandiera del locale PD, merita qualche parola di delucidazione che deve essere fornita a chi, con il suo voto, ha reso possibile che le venisse affidato l'importante incarico di cui é titolare. In questi ultimi due mesi, il silenzio del suo Partito di riferimento é stato inspiegabile. Sappiamo tutti e i fatti delle ultime ore lo hanno confermato, che le relazioni tra il suo Pd e il nostro primo cittadino sono pessime. Anzi, inesistenti. Così come sappiamo che il margine di manovra per poter tornare ad una civile convivenza all'interno della stessa coalizione con pari peso e dignità é ormai un concetto utopico. Pertanto, le chiediamo di esporsi. Non per rispondere a criteri di effimera curiosità riferibile a squallido gossip, ma perché in questo momento bisogna capire come stanno le cose. Lei deve questo a più di 2.800 persone che hanno votato la sua coalizione. Non può più permettersi di stare silente in quella ibrida posizione del "un po' di qua e un po' di la". Ci deve dire se sta con la Montali o con il Pd. Ci deve dire Il se sta con UPP o con il direttivo del suo partito. Ci deve dire se ormai possiamo considerarla organico al suo partito o "tecnico" indipendente. Non può continuare a sedere su due tavoli. A questo punto é costretto a schierarsi. Ci faccia sapere. Ci liberi da questo equivoco. E ci risparmi la dichiarazione del tipo : "sto lavorando affinché le due parti si incontrino".... Ci creda, dopo quello che é successo e le parole volate, le due parti non possono più incontrarsi. E il PD, che queste cose le sa benissimo, dovrebbe solo prenderne atto e formare un proprio gruppo consiliare staccandosi da quella presa in giro che é divenuta NPP.
Ecco, la domanda finale che vorremmo porle é questa. Se il PD costituisse un gruppo autonomo in Consiglio, lei, ne farebbe parte?

L'ARGANO

domenica 18 gennaio 2015

CONSULTA PER I GIOVANI: DA PROGETTO A REALTÀ

Riceviamo e pubblichiamo dall'Amministrazione Comunale:

COMUNICATO STAMPA

Costituita a Porto Recanati, presso il CAG di via Roma, la Consulta dei Giovani di Porto Recanati. Alla presenza dell'Assessore alle politiche giovanili Attilio Fiaschetti si sono riuniti i vari rappresentati delle Associazioni e nello specifico Elisa Pacella (over Time), Attorre Valentino (gaia) Quercetti Francesco (Arca),Palanca Michela (Faro), Castricini Sofia (CAG), Signorile Angela (La Tenda), Pantoni Laura (il cortile della gioia), Ludovica Cesari (Albero Magico) e Semplici Vanni (Lo Specchio).

Prima di dare il via all'incontro si è proceduto alla nomina del presidente nella persona Elisa Pacella. Vice Presidente e' stato eletta Sofia Castricini e Angela Signorile ricoprirà il ruolo di segretario.

"L'amministrazione Montali conta molto sul lavoro della Consulta, organo che - dice l'assessore Attilio Fiaschetti - ho voluto fortemente e che sono sicuro saprà suggerire idee e anche critiche costruttive per il bene del paese e dei suoi giovani."

 

 

 

sabato 17 gennaio 2015

IL PD RISPONDE ALLA STEFANELLI

Non siamo stati destinatari del lungo comunicato che il PD ha prodotto in risposta a quanto la Consigliera Stefanelli ha avuto da dichiarare in seguito al suo passaggio al gruppo di UPP. Ma lo abbiamo letto nella bacheca del partito di Corso Matteotti. E dobbiamo dire che il comunicato ci é piaciuto. Perché il PD ha risposto con classe. Ha ricordato che i consiglieri eletti (come i parlamentari) non hanno vincolo di mandato e pertanto sono liberi di fare le proprie scelte. Si é inoltre specificato che i rapporti con la consigliera Stefanelli erano andati a complicarsi da un paio di mesi (in pratica dopo il voto sul Burchio). Ha sottolineato che il partito per appoggiare la "non iscritta" Stefanelli aveva investito mezzi finanziari importanti durante la campagna elettorale. Con campagne anche nei quotidiani locali che si sono potute pagare grazie al "sacrificio" degli iscritti. Ha citato come la Stefanelli fosse presente in sede allorché il consulente per il Pd Lorenzotti si rese disponibile per ogni domanda inerente la vicenda Burchio. Ha ribadito come comunque il partito di Renzi abbia creduto nella candidatura Stefanelli alla quale augura comunque e nonostante tutto le migliore fortune per il futuro.

Lo stile di scrittura del comunicato era pacato e nel contempo chiaro e deciso.

Ci sarebbe piaciuto pubblicarlo. Peccato che non sia possibile.

 

LA PAROLA ALLA CONSIGLIERA STEFANELLI

COMUNICATO STAMPA


La mia non è stata una decisione a cuor leggero, come a cuor leggero non è stata la mia decisione di candidarmi tra le fila del PD.
A convincermi, è stata la volontà di lavorare per il bene della nostra città. Perché questo credevo il PD volesse fare.
Invece ciò che è stato è il nulla se non una inspiegabile contrapposizione nei confronti del sindaco Montali.
In tutto questo tempo, non una questione seria messa sul tavolo, nessun incontro per parlare dei problemi seri di Porto Recanati ma solo un continuo parlare di strategie tese ad acquisire un potere di negoziazione con il Sindaco.
Per me la politica è altro. E' lavorare per la mia città senza chiedere nulla in cambio.
Sarò un'idealista? Sarò destinata a prendere botte sui denti?
Non mi importa, continuerò per la mia strada perché è troppo grande il rispetto che ho nei confronti di chi ha riposto in me la propria fiducia.


Rina Stefanelli

Consigliere Comunale di Porto Recanati

 

P.S.

Rileggendo le parole del mio comunicato mi sono resa conto che parlando dell'atteggiamento PD nei confronti dell'Amministrazione Montali, ho inconsapevolmente inserito anche l'assessore Dezi che del PD fa parte. Non era certo mia intenzione attaccare Andrea Dezi che stimo e conosco da anni e che ha dimostrato fin da subito molto impegno a far bene il suo delicato ruolo di assessore. Riconosco ad Andrea Dezi di essere stato all'altezza del suo ruolo nel difficile passaggio del Burchio e lo ringrazio di non avermi lasciato sola nella mia scelta.

Rina Stefanelli. Consigliere comunale di Porto Recanati

venerdì 16 gennaio 2015

UNITI PER PORTO RECANATI MASSACRA IL PD

COMUNICATO STAMPA DI UNITI PER PORTO RECANATI

Siamo in campagna elettorale. Solo così si spiega la spasmodica ricerca di attenzione mediatica del PD di Porto Recanati con la presa di posizione scelta, che altro non è se non un voler distogliere l'attenzione da quella che è invece una loro sconfitta.

Il PD è un partito che sin dall'inizio non ha voluto prendere parte alla vita della città, dimostrazione ne è il rifiuto di deleghe amministrative da parte di Petro Feliciotti.

Sintomatico di quanto stia accadendo nel partito democratico, e' la perdita di pezzi importanti come Rina Stefanelli.

E' assurdo pretendere di dettare l'agenda amministrativa e di subordinarla ad impegni di partito, come invece vorrebbe il PD.

Parlano di ignoti accordi pre-elettorali e lamentano la mancata accettazione da parte del Sindaco di una "lista della spesa" in dieci punti che la Montali avrebbe dovuto accettare in cambio del voto favorevole sul burchio. A ben vedere quelle richieste erano solo dirette ad ottenere una forza che l'elettorato non ha mai riconosciuto ed alcuni punti appaiono assurdi, come il voler essere presenti alle riunioni di Giunta con la Cicconi, nonostante la presenza in essa di un valido assessore (Dezi ndr).

Nessuna proposta costruttiva e' arrivata dal PD, solo l'evidente preoccupazione di "avere" il presidente della farmacia, il rappresentante in Astea, o di ricoprire il ruolo di "amministratore di sostegno" del Sindaco.

Il PD dovrebbe avere l'onestà di dire con chiarezza e senza ulteriori indugi cosa ha in animo di fare e soprattutto con chi. Chi cerca un dialogo con la sua maggioranza non lo fa attraverso le pagine dei giornali lanciando messaggi contrastanti e confusi.

Uniti per Porto Recanati

Per la cronaca, oggi, sul Corriere Adriatico, era uscito l'articolo che sotto pubblichiamo.

Sempre per la cronaca: ve l'avevamo detto che Noi Per Porto Recanati era un bluff......

Ora, lo avete capito anche voi?