QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

lunedì 16 maggio 2016

INTERVISTE AI CANDIDATI SINDACI: SAURO PIGINI

Incontro Sauro Pigini, candidato sindaco del Movimento Cinque Stelle, Sabato mattina al Deep Blue. Con Sauro ci si conosce da diverso tempo. Questo ha agevolato la chiacchierata. Come al solito quello che vedete scritto in neretto sono mie considerazioni/domande. Tutto il resto è farina del sacco di Sauro Pigini.

Sauro, che bella frammentazione di liste e di elettorato che ci si presenta davanti. Cosa ne pensi?

Rispetto alle elezioni precedenti, è aumentata la divisione e la conseguente frammentazione. Ma non è un fenomeno che riguarda solo noi. Tale frammentazione è presente in altre realtà, nella nostra stessa nostra Provincia. Secondo me possiamo parlare di fatto, di una frammentazione della nostra società. A Porto Recanati inoltre veniamo da una esperienza dove l'aggregare forze che non potevano stare insieme per la loro diversità ha rappresentato un fallimento. Pertanto, forse si è preso atto di questo e si procede in modo più frammentato, ma forse più coerente. Questo di fatto è anche il modo di pensare del Movimento Cinque Stelle, che si preoccupa solo di rispettare la volontà dell'elettore e rifiuta alleanze con i partiti o con altri movimenti. Il tutto ovviamente deve essere basato su un programma qualificante. Con dei punti programmatici appunto, chiari e possibili da raggiungere. 

Rimanendo al nostro quadro politico attuale, prima della chiusura delle liste qualcuno vi ha contattato per  proporvi eventuali alleanze?

Non come movimento. Io sono stato contattato da altre liste/movimenti che mi hanno proposto la candidatura a sindaco. Ma ho ritenuto che le mie idee si potessero concretamente inquadrare nel Movimento Cinque Stelle. Mi piace quel tipo di progetto politico. Mi piace l'idea che un libero cittadino ad un certo punto della propria esistenza possa, mantenendo la sua professione, mettersi a disposizione della comunità. Mettendo sul piatto le sue competenze umane e gestionali. E' ovvio che tutto ciò non puoi realizzarlo da solo. Ti serve una squadra solida che ti segua e che creda nel tuo progetto e nelle tue idee.

Chi vincerà le elezioni lo farà con una maggioranza relativa piuttosto risicata. Avrà l'80% del paese e degli elettori che non lo avranno votato. Forse meno.

E questo per la democrazia non è un bene. Io avrei visto di buon grado il sistema elettorale che si applica ai comuni con più di 15 mila abitanti applicato alla nostra realtà. Un doppio turno insomma. Perchè avrebbe portato al fatto che chi poi vince le elezioni lo fa, di fatto, rappresentando più del 50% dell'elettorato votante. Sarebbe stato un sistema elettorale che avrebbe garantito maggiore democrazia e avrebbe dato al vincitore delle elezioni quel consenso che ora, purtroppo, non avrà.
Ci sono 6 liste. Dal mio punto di vista di fatto, ci sono due rappresentazioni: noi  e il resto delle liste che sono sovrapponibili. Composte da candidati sindaco che nel nostro movimento non avrebbero potuto avere la obbligatoria certificazione per aver servito in passato con diversi mandati. Insomma non parliamo di gente "nuova".

Il tuo è un ragionamento limitato ai soli candidati sindaco, presumo, visto che nel mio blog ricevo continuamente commenti inerenti il corposo passato politico di un tuo candidato, Lorenzo Gaetini.

Si ovvio. Mi riferisco ai candidati sindaco. Su Lorenzo dico che il nostro movimento è fortemente inclusivo e aperto. I cittadini che hanno voglia di fare sono benvenuti. A prescindere da dove provengano.


Parliamo un attimo della prematura fine della Giunta Montali. Che idea ti sei fatto da cittadino?

Ho provato una grande delusione. Sulla carta era un buon progetto per il paese. Una volta vinte le elezioni con la maggioranza schiacciante che avevano in consiglio comunale avrebbero potuto fare bene. Purtroppo ci sono state delle divisioni interne incomprensibili. Non so se ci sono stati fattori esterni a determinarle. Ma anche loro hanno messo del proprio per far fallire il progetto. Ritornando all'attualità spero che ci sia una polarizzazione del voto, in modo tale che chi vincerà le elezioni del 5 Giugno abbia un margine adeguato. Al fine di avere più rappresentanza democratica.

Primi 100 giorni di governo pentastellato a Porto Recanati. Che cosa fai?

Saremo in piena estate. Dovremo innanzitutto fare un monitoraggio fitto delle problematiche che negli scorsi anni hanno creato problemi alla cittadinanza e ai turisti: per cui un controllo sulla potabilità della nostra acqua (evitando innalzamenti dei valori dei trialometani) e un controllo sulla salute delle acque dei nostri mari. Poi un controllo sulla sicurezza del nostro paese. Dobbiamo donare tranquillità ai turisti e ai nostri concittadini. Queste sarebbero le emergenze. Una forte attenzione per prevenire i problemi evitando le ordinanze d'urgenza che poi irrompono in piena stagione e fanno notevoli danni.

L'accusa che in molti hanno mosso al Movimento nell'ultimo periodo è quella di essere stati piuttosto silenziosi. Il Movimento 5 Stelle si contraddistingue notoriamente per una sua vivacità anche a livello di comunicazione. Perchè è successo questo? E mi riferisco ovviamente ad un periodo in cui Sauro Pigini non era portavoce e alla guida del locale gruppo.

Io sono entrato nel Movimento come consulente tecnico per il Piano Antenne. Offrivo la mia competenza in materia perchè sono un esperto nel settore. Ho redatto le mie considerazioni sul Piano Antenne che poi il Movimento ha fatto proprie. (A tal proposito sostengo che il Piano Antenne vada rifatto e se vinceremo le elezioni ci confronteremo in materia con la Polab). Ho visto una struttura (quella dei 5 Stelle) piuttosto sfilacciata e poco organizzata. Ho chiesto chi fossero i referenti. Chiedendo che fine avessero fatto i partecipanti al gruppo delle ultime elezioni. Loro mi hanno subito chiesto di aderire al gruppo. Io ho dato il mio placet. Ed ho subito pensato di coinvolgere persone di mia conoscenza. Professionalità che conoscevo. Vorrei far diventare il Movimento di Cinque Stelle una lista veramente "civica". Coinvolgente e affidabile. Mi sto adoperando con tutto me stesso, pertanto per far confluire nel movimento il maggior numero di cittadini che vogliono impegnarsi nella cosa pubblica.

Hai assegnato degli assessorati in anticipo. Di fatto hai comunicato prima delle elezioni la composizione della giunta. Molti attraverso i commenti mi chiedono che cosa possa succedere se le persone cui hai già assegnato (in base alle loro competenze) degli assessorati, poi possano risultare non eletti. Anche in considerazione del fatto che lo Statuto Comunale prevede un massimo di due assessorati esterni. Ti porgo inoltre un altro dato statistico. Chi ha votato per il Movimento nel 2014, nel 50% dei casi, non ha espresso preferenze per i candidati. Come si può fare per ovviare a questa cosa?

Su questa ultima cosa bisogna lavorarci sodo sopra. In questi giorni faremo di tutto per farci conoscere. Pubblicheremo dei video inerenti i nostri candidati. Per far conoscere la squadra. Vorrei migliorare questo ultimo dato insomma. 
Sulle deleghe assegnate in anticipo, la scelta che ho fatto è da interpretare nel senso che trovo sia molto più democratico comunicare prima agli elettori chi sarà chiamato a governarli. Comunicando prima quello che voglio fare. E' una questione di massima trasparenza. Con me, in caso di vittoria, gli elettori non avranno sorprese. Per quanto riguarda gli esterni io sono pronto, e questo la mia squadra lo sa, a nominare assessori esterni che abbiano specifiche competenze in una certa materia se i problemi che ci troveremo nel tempo ad affrontare dovessero avere bisogno di specificità manageriali. Ne ho già parlato con gli organi sovraordinati del Movimento e mi hanno già dato l'OK. Se poi qualcuno non dovesse essere eletto, o prende pochi voti, io non posso assegnare una delega all'urbanistica ad una persona che mi prende 500 voti ma non conosce la differenza tra un metro quadro e un metro cubo. Ma è anche ovvio che si dovrà tenere conto, in un bilanciamento di fattori, al voto che i cittadini esprimeranno. Insomma, le mie intenzioni non sono dogmi. Vediamo cosa ci restituirà le urne. E poi potrò valutare. Ho una mente flessibile..

A livello nazionale per quanto riguarda il Movimento, volevo prospettarti, per un tuo parere, quello che sta succedendo a Parma. Pizzarotti ha tenuto nascosto al Movimento un rinvio a giudizio vecchio di qualche mese. Di punto in bianco riceve una mail anonima, firmata "Lo staff di Beppe Grillo" nella quale gli chiedono di trasmettere tutta la sua documentazione in suo possesso inerente il procedimento giudiziario. Pizzarotti va su tutte le furie e ribatte epistolarmente: "Sono un sindaco e un ufficiale giudiziario, non rispondo alle mail non firmate. Voglio sapere con chi sto parlando".
Ecco, questo non crea un qualcosa di poco chiaro agli occhi dell'opinione pubblica?

Il Movimento anche da questo punto di vista sta facendo molto. Di contro, una certa rigidità di regole imposte dai vertici ha portato all'attuale qualità dei candidati. Ci sono personaggi noti, con passati anche nelle fila Berlusconiane che vogliono rifarsi una verginità all'interno del Movimento. Grazie alle regole imposte dai vertici questo non è possibile. I principi sono chiari. Se vuoi far parte di questo club devi adeguarti. Se non ti piacciono queste imposizioni è corretto che vai per la tua strada. Io penso al mio caso: da cittadino normale mi sono ritrovato candidato sindaco. La stessa cosa, mi chiedo, sarebbe stata possibile in un partito strutturato? Quasi sicuramente no. 

Parliamo della stampa e dei blog a Porto Recanati. Cosa ne pensi?

Faccio una premessa: di stampa più ce ne è e meglio è. La stampa è il cane da guardia del potere. Deve vigilare nella maniera corretta. Dando anche la possibilità di controbattere alla persona che si attacca, magari giustamente. Ben venga dunque, l'attività di tutti i giornalisti. Come Movimento abbiamo avuto qualche difficoltà ad interfacciarci con la stampa cartacea. Alcune interviste rilasciate o sono praticamente svanite o fortemente posticipate nella loro uscita. Nei blog questo non succede. Sono più flessibili e più rapidi. 

Pensi che a livello comunicazione dobbiate migliorare qualcosa?

Si, molto. Dobbiamo migliorare molto. Io penso che anche in questo settore occorrano dei professionisti che vi si dedichino. Ora faremo una frequente attività tramite i gazebo per il Corso per farci conoscere meglio. Non abbiamo una sede elettorale. Da ora in poi la nostra sede sarà la strada. Il parlare con le persone. Il farsi conoscere. Dovremo far sapere che ci siamo e che ci debbono votare. L'altro giorno ho incontrato un mio caro amico, un professionista, che non sapeva che io fossi candidato sindaco. E allora mi sono chiesto il perchè. Dovremo muoverci cospicuamente in questo settore. A tal proposito, mi sono fatto un sito internet da solo. Ho fatto anche il webmaster. Nel sito metteremo i nostri video. Sarà un punto di accesso per i nostri elettori. Un ulteriore mezzo per farsi conoscere.

Lite Trevisani-Giampaoli. Cosa ne pensi?

Io non ero al Bar Giorgio. Ho letto quello che è apparso sui blog. Soprattutto su quello di Trevisani. Per quello che ho visto e che ho letto l'intervento di Giampaoli è stato vergognoso. Solo perchè un giornalista ti fa una domanda non puoi aggredire in quel modo la sua famiglia. Giri aveva risposto pacatamente. Quello che è successo dopo non trova giustificazioni. Giri il giorno dopo avrebbe potuto chiedere scusa al giornalista (per conto di Giampaoli ndr). Invece il giorno dopo ha prodotto un comunicato nel quale la solidarietà veniva data a Giampaoli e non a chi era stato verbalmente aggredito. Mi ha disturbato molto non vedere trattato questo fatto se non nei blog. A Porto Recanati si è parlato moltissimo della cosa. E' inspiegabile che non gli sia dedicata attenzione negli altri mezzi di informazione.  Comunque ripeto: Giri avrebbe dovuto solidarizzare con il giornalista. Secondo me ha sbagliato.

Come la vedi la Porto Recanati immaginaria dopo una consiliatura pentastellata a guida Sauro Pigini?

Lo vedo meglio. Se ho iniziato questa avventura è perchè penso fortemente che possiamo fare meglio di quelli che hanno governato questo paese prima di noi. Parlando con i sindaci Cinque Stelle che hanno governato già qualche anno, le percezioni sono sempre positive. Hanno avuto la capacità di trovare le risorse all'interno dello stesso bilancio. Hanno fatto una spending review. Hanno incentivato il personale del Comune a lavorare meglio e in modo più proficuo.
A proposito, ieri alla Sala Biagetti mi sono dimenticato di specificare le deleghe che riserverò alla mia persona. Ovvero: personale, patrimonio, difesa della costa (qui penso che da ingegnere possa dire la mia) e lavori pubblici. 
A proposito di difesa della costa e di idee da applicare alle politiche urbanistiche: Porto Recanati è lungo e stretto (dal Potenza al Musone), in realtà negli ultimi decenni il paese si è molto esteso anche verso ovest, in zona collinare (Montarice, Bartoloni). Pertanto anche i servizi infrastrutturali sono andati su quelle zone. A discapito della zona nord e sud del paese. Bisognerà dunque attuare politiche urbanistiche che tendano al recupero di queste zone che sono un po' cadute nel dimenticatoio. Quello che vogliamo fare è ridare slancio a Scossicci e alla Zona del Lido delle Nazioni e dell'Hotel House.
Proprio per l'Hotel House abbiamo in mente un piano di recupero a livello di piano regolatore. Noi riteniamo che una periferia degradata sia propedeutica ad un degrado dal punto di vista esistenziale. Ci sono dei lavori già fatti in diverse zone d'Italia con fondi della comunità europea che hanno portato al recupero di zone degradate. Penso al gruppo dell'architetto Renzo Piano, per esempio, che ha rinunciato al suo stipendio di senatore per pagarci giovani architetti che confezionano progetti di recupero. Noi teniamo tantissimo a questa cosa. E insisteremo su questa progettualità.

Vicenda Burchio. Da come è nata a come è morta. Dammi un tuo parere.

Il Movimento Cinque Stelle è stato sempre contrario a questo progetto per come era pensato e disegnato. Questo non significa che siamo a prescindere contrari ad ulteriore cemento nella nostra cittadina. Una nuova edificazione che  rispetti i valori ambientali e che restituisca alla comunità opere di valore e fruibili non ci vede aprioristicamente contrari. Ma se devo bruciare territorio per fare villette, come per il Burchio, allora il discorso cambia, ovviamente. Nel caso Burchio, per come era stato prospettato, un amministratore si deve prendere la responsabilità netta di dire Si o No. Non puoi stare con il piede in due parti. E per quello che ci riguarda noi, a quel progetto, abbiamo convintamente detto NO. Così è stato dall'inizio per il nostro movimento. E così rimane. Il Burchio per noi è sepolto con la sentenza del Consiglio di Stato. Rimane da definire l'indennizzo. E molto probabilmente andremo a finire al giudice dell'ottemperanza. Se saremo chiamati a dirimere questa matassa, andremo molto a fondo nella vicenda. Secondo noi ci sono delle responsabilità di chi ha proposto e adottato quella delibera illegittima. Perchè ci sono degli amministratori che hanno compiuto questa scelta. E come dice la sentenza con la loro scelta hanno ingenerato un legittimo affidamento nel proponente. Proponente che poi ha sostenuto delle spese. Per cui chi ha compiuto questa scelta ha una responsabilità morale. Ma forse anche economica. E noi approfondiremo questa questione.

Come si finanzia il movimento per la campagna elettorale?

Ognuno mette e contribuisce per quello che può. Ci stiamo tassando. 

Come sai io gestisco un blog. E uno dei commenti che più spesso mi sono arrivati riguarda la famosa bacheca di Lorenzo Gaetini, riconducibile a un qualche vecchio partito della storica sinistra Italiana. (Forse Rifondazione Comunista ndr). Non sarebbe il caso che Lorenzo riconsegni quanto prima le chiavi di quella bacheca?

Ho letto questa cosa nel tuo blog. Non ne ero al corrente. Così ho subito chiamato Lorenzo intimandolo di andare a riconsegnare immediatamente le chiavi. Mi ha risposto che quella bacheca è aperta. E non si sa chi detenga le chiavi. Le chiavi sono andate perse. Pertanto non può riconsegnare qualcosa che non ha. Lo so, è una vicenda paradossale. Ma è la pura verità. Insomma la bacheca non ha più un assegnatario. E Lorenzo Gaetini ha tirato via tutte le cose che c'erano e non sta più gestendo la bacheca.

Ma non potrebbe fare un gesto più incisivo: andare in Comune e dichiarare che quella bacheca non si sa più da chi sia gestita?

Penso che lo abbia già fatto. In ogni caso lui non metterà più mani a quella bacheca.














































40 commenti:

  1. Se andate da un chirurgo per un problema di salute e che la soluzione dello stesso puo' avvenire anche per via farmacologica,lui vi dira' sempre che bisogna operare.Non chiedete mai ad un ingegnere di mettere una pietra tombale sulla cementificazione di Portorecanati:con "judicio"ma bisogna costruire.Ve li ricordate i sindaci ingegneri Bianchi e Giampaoli?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io ricordo che i giganti di Porto Recanati (Hotel House, Hotel House Pineta, grattacielo Bianchi, palazzone arancione vicino pescheria, etc.) non li hanno voluti i due ingegneri in questione. Nel caso specifico del primo dei due mi sembra che se a sud di Porto Recanati si possa fruire di un parco pubblico di grandi dimensioni lo si debba a lui che mi sembra sia stato anche il Sindaco che ha voluto il depuratore (opera che a differenza dei marciapiede non porta visibilità ma sostanza). Poi Pigini è un ingegnere elettronico e non credo che nel suo piano di studi ci fosse scienza delle costruzioni. Ultima considerazione visto che hai citato il chirurgo. Per estensione al ramo medico il Burchio non lo voleva un ingegnere...

      Elimina
  2. Prendo 2 frasi all'interno di questa intervista..."Vorrei far diventare il Movimento di Cinque Stelle una lista veramente "civica""...e a fine intervista..."Lorenzo Gaetini, riconducibile a un qualche vecchio partito della storica sinistra Italiana. (Rifondazione Comunista)."...qualcosa non torna?!?!?! Beh una lista veramente civica guarda complimenti...

    RispondiElimina
  3. La storia della bacheca mi sembra un abile pretesto per mettere in discussione il curriculum dei candidati e nel complesso della lista. Invece la cosa che va apprezzata nelle parole di Pigini è che non è uno "sbrasone", non promette nulla a nessuno, non spara illusioni a raffica pur di raccattare voti. Uno stile genuino e schietto, non un atteggiamento strumentale legata alla contingenza elettorale. Un comportamento controcorrente nel panorama cittadino di questo periodo. Tutto da valutare.

    RispondiElimina
  4. Oltre alla fedina penale pulita, i pentastellati dovevano chiedere ai loro candidati dove era la Fiumarella, o come viene denominato il castello,ecc. ecc.Sai che risate con qualcuno.!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda cosa hanno fatto negli ultimi anni quelli che sanno come viene denominato il castello! Porto Recanati è nello sprofondo assoluto, cittadina anonima, nota solo per gli ipermercati (non chiamateli centri commerciali, please) condivisi con Loreto. Poi ridi pure.

      Elimina
  5. Voglio vedere se Trevisani ha verso i 5 Stelle lo stesso atteggiamento elegiaco tenuto verso la Zoppi "Ce l’aspettavamo un po’ meno grintosa, l’avvocato"
    "è asciutta e decisa come un bicchierino di whisky".
    Mieloso e patetico come un bicchierino di Vov per anziane pensionate il Trevisani...

    RispondiElimina
  6. Chi sapeva bene dove sta la fiumarella l'ha lasciata in queste condizioni, il paese ha perso il turismo,la costa ed ha aumentato la criminalità, i 5stelle sono la risposta a chi è stufo di questi partiti e anche a chi non vuole andare a votare.

    RispondiElimina
  7. Sauro è in gamba bisognerebbe valutare proposte e contenuti senza pregiudizi. Invece dai commenti non mi pare proprio che stia andando così.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il MSS ha il copyright sul pregiudizio!

      Elimina
    2. Di preciso a cosa ti riferisci? Qualcosa che emerge dall'intervista di Sauro? Direi di no.
      Invece il commento sugli ingegneri? Il nome del castello e il posto della Fiumarella? Io ci vedo dei pre-giudizi, non dei giudizi.
      Se mi spieghi il pregiudizio espresso dai 5* ne prendo atto...

      Elimina
  8. Mamma mia che domandone !...

    Io simpatizzo per i 5 stelle, però non ho ben capito cosa prevedono per l'HH.
    Tra l'altro l'esempio di Renzo Piano non mi è piaciuto perché ricordo che in passato aveva un contenzioso proprio per le tasse, gli basta una consulenza o un progetto in più ... altro che stipendio da senatore (ma questa è un'altra storia).

    Mi aspettavo più informazioni sulla gestione dell'economia del Comune.
    Non so se erano stati loro a far venire Paolo Barnard a parlare ed era stato molto interessante.

    RispondiElimina
  9. grande Sauro Pigini. Eccellente lezione di trasparenza e di politica pulita. Altro che grattacelo bianchi, hotel house,burchio rozzi e quant'altro ci ha lasciato le passate amministrazioni che oggi ritroviamo sotto "altre" spoglie.

    RispondiElimina
  10. deleghe al personale?? MMMmmmmm me sa qualcuno se la vede brutta.

    RispondiElimina
  11. Sauro pigini è una bella persona dai sani ideali, per chi lo conosce è cosa nota, per chi non lo conosce ancora forse avrà la possibilità di verificarlo nel caso in cui venisse eletto sindaco, purtroppo non mi sento di dire la stessa cosa di altri componenti della lista dei 5s .....peccato, veramente peccato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo al capello (magari con un po' di forfora) spaccato in quattro, eh?

      Elimina
  12. A me piace PIgini ma non condivido chi ha in lista cominciando da chi è stato per anni la sinistra al.porto e adesso sembra che qualcuno se ne sia dimenticato, la coerenza gente!

    RispondiElimina
  13. Secondo me traspare la determinazione con cui intendono affrontare le criticità del paese, certamente non sarà facile e non credo riusciranno in tempi brevi a porre rimedio ad un degrado così evidente ma dovendo fare un analisi delle altre liste mi sembrano i più titolati

    RispondiElimina
  14. Non riesco proprio a capire come si possa essere immersi nelle sabbie mobili ed invece di afferrare la fune che ci viene lanciata, molti fanno di tutto per affondare sempre di più. Allora non si va a votare, si istiga all'astensionismo, si critica tutto e tutti. Si studiano le foto delle presentazioni liste per vedere se i presenti sono del Porto o di Loreto. Se sono parenti e fino a che grado. L'Avv. Ragaini ha combattuto più battaglie per Portorecanati di molti residenti. La Mancinelli ha ringraziato il padre per averle trasmesso l'amore per la buona politica.Quale genitore si perderebbe una dichiarazione d'amore così grande? Cominciamo noi a cambiare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bah ... se amore per la buona politica significa sostenere la Zoppi... mi sa che non ci ha capito molto... con tutto il rispetto.

      Ricordiamo la scena del balcone ? #laBuonaPolitica ehhhhhhhhhhhhhhhhh... scena peggiore vista solo alla caduta del governo prodi quando un parlamentare stappava lo spumante e mangiava mortadella in aula.

      Elimina
    2. Quando si lanciano accuse così pesanti bisogna argomentare, anche da anonimi: quando parli di cattiva politica associata alla Zoppi di cosa parli precisamente? Ho scritto precisamente...

      Elimina
    3. Non ho approvato allora il comportamento verso i consiglieri e gli assessori che andavano dal notaio e non lo farò ora. Tu magari sei uno di quelli che ha vissuto in prima persona quella situazione e non vedi altro. Io di schifezze ne ho viste e sentite tante eppure do' ancora fiducia a questo paese. Oppure magari sei un renziano fissato con gli # e pensi che la migliore politica la faccia un'altra politica . Punti di vista candidati saranno sicuramente consapevoli che fare buona politica è anche confrontarsi con i rancorosi,i polemici a prescindere e gli sfiduciati.

      Elimina
    4. Ah be... Se vuoi i#rancorosi in upp ne trovi #atonnellate

      Elimina
    5. #cambiamotesta

      Elimina
    6. Ma non c'è in tutta la città una persona che si firma nome e cognome e dice "Ho visto sputare, gettare l'olio bollente, scaraventare secchiate di piscio dal balcone del primo piano di Palazzo Volpini" etc?!
      Voglio dire, da qualcuno sarà partita questa chiacchiera. Magari da quel signore che si portava i pacchi di farina in Consiglio comunale, per protestare contro gli immigrati "comprati per contestare Salvini all'Hotel House", salvo che poi se li teneva nello zainetto? Noblesse oblige.

      Elimina
  15. Question ? Emanuela ti sei domandata perché l'avvocato Ragaini ha combattuto più battaglie per PORTO RECANATI dei portorecanatesi ? Non certo perché ama Porto Recanati ma per questioni politiche che vanno al di sopra dell'interesse locale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Visto che ci sei perché non mi dici quali sono queste questioni politiche che vanno al di sopra delle battaglie? A parte il fatto poi che combattere delle battaglie a difesa dei cittadini e del territorio, è di per sé politica.

      Elimina
    2. Potresti domandarono a Piero niente che è di Loreto come la Ragaini la quale poteva fare delle battaglie per il suo territorio quando Piero niente impostata il nostro confine con tutte quelle bellezze architettoniche che stanno in prossimità di via del sole

      Elimina
    3. Ma in che lingua hai scritto?

      Elimina
    4. Ma in che lingua hai scritto?

      Elimina
    5. Mmmm.... Mi sa che ha scritto in una forma acraica di dialetto loretano

      Elimina
    6. Forse, ma pure te sta un po' attentino: "arcaica" e non "acraica". Ma probabilmente la foga del dibattito ti ha preso la... tastiera!

      Elimina
    7. Credo che l'anonimo delle 20:28 volesse chiedermi di rivolgermi a Pieroni che è di Loreto come la Ragaini. Forse l'anonimo pretendeva che la Ragaini si incatenasse ai confini con Porto Recanati per non far costruire il centro commerciale (poi magari ogni settimana è un frequentatore assiduo dell'Eurospin, Oasi e Acqua & Sapone...). La mia domanda è: tu anonimo, oltre a lamentarti, hai portato avanti qualche battaglia per il tuo paese? Poi ovviamente nessuno ti costringe a votare per i 5 stelle ma a indirizzare il tuo voto verso chi più ti aggrada.

      Elimina
  16. Sauro su ... dicci 2 parole su Riccetti che sbandiera di aver salvato il paese dalle multinazionali del GAS... Perchè non rendete pubblico l'elenco di chi ha firmato le osservazioni al ministero?

    RispondiElimina
  17. Gli unici che hanno bocciato il rigassificatore a porto recanati e stata la maggioranza della ubaldi nonostante la sindaca fosse favorevole,riccetti poteva urlare quanto voleva ma era all' opposizione quindi contava zero lui e i suoi!!andate ha riprendere i registi del consiglio e controllate chi ha votato cosa, fatti non pugnette!@!

    RispondiElimina
  18. È sempre merito della Ubaldi,lei non voleva il rigassificatore e nemmeno il burchio,sono gli altri che sono cattivi,adesso sconfiggera ' l'AIDS e poi la fame nel mondo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma allora ci sono difficoltà a leggere: che vuol dire "la maggioranza della ubaldi nonostante la sindaca fosse favorevole"? Vuol dire ubaldi? O vuol dire quelli della ubaldi anche contro la sua volontà? Così magari viene fuori che non erano tutti soldatini meccanici che ubbidivano alla grande capa senza ragionare...

      Elimina
    2. Ecco, nella eterna lotta con Loreto che ha un santuario visitato da milioni di persone, Porto Recanati doveva finalmente rispondere co n qualcosa di serio: la donna che fa i MIRACOLI!!!
      Adesso preparatevi a ricevere le file di corriere di devoti.
      (Volendo si potrebbero "importare" da Loreto le bancarelle di ricordini che stanno tanto sugli zebedei del sindaco e che non sa più dove metterle).

      Elimina
    3. Ano 8:13 non hai capito un tubo!

      Elimina