QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

giovedì 12 maggio 2016

BURCHIO: CONEROBLU PREPARA ULTERIORI RICORSI

Vi giro la notizia così come descritta oggi dal Resto del Carlino:


28 commenti:

  1. Secondo me si tratta solo di "ammuina" per simulare di non stare con le mani in mano e dare conforto agli irriducibili; ma alla fine non presenteranno nulla perché dovrebbero pagare di tasca propria.

    RispondiElimina
  2. Passaggi naturali di un qualsiasi contenzioso del genere. Cassazione e Consiglio di Stato sono pieni di ricorsi di questo tipo, ma come tutte le iniziative simili non è scontato il successo a favore di chi li presenta. Piuttosto bisogna chiedersi (e chiedere) ai futuri amministratori comunali quali contromisure intendono preparare tanto per affrontare il giudizio di Cassazione e Consiglio di Stato, quanto per togliere in modo definitivo dai piedi dei portorecanatesi questa vicenda.

    RispondiElimina
  3. Mettiamoci d'accordo.O la Conero Blu e' unimpresuccia che ha quasi niente come capitale sociale e quindi avrebbe paura di pagare, oppure ha dietro una lobby milionaria seria che non ha paura di niente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la seconda .... da ben informati

      Elimina
    2. La " seconda"sceglierebbe obiettivi turistici più appetibili.

      Elimina
    3. Tu guardi solo PortoRecanati come obiettivo turistico, ma sei mai uscito dal tuo paesello ogni tanto?Il Burchio era solo un punto di partenza per altri lidi turistici che non è solo il mare.

      Elimina
    4. No io vado sempre in vacanza a Montorso d'inverno e santa maria in potenza d'estate, i russi invece alle Maldive, almeno finché non ci sarà il burchio!

      Elimina
  4. Io sono per la seconda ipotesi .Quindi consiglio a chi vuol bene a Porto Recanati di ponderare bene le scelte alle prossime amministrative anche per fare un regalo ai tanti commentatori che scrivevano... "e basta con sto'BURCHIO"

    RispondiElimina
  5. Argano ,suppongo che sarebbe interessante sapere le posizioni dei candidati sindaco su questa nuova possibilita'.Faresti un buon servizio alla comunita' se nelle eventuali conferenze stampa li faresti esprimere .Grazie dell'ospitalita e della possibilita' che dai anche ai non "addetti ai lavori"

    RispondiElimina
  6. Se...li FACESSI esprimere...
    Hai altro di cui occuparti prima del burchio!

    RispondiElimina
  7. Addiritura un processo alle intenzioni.
    Il ricorso per Cassazione è limitato a soli vizi di legittimità della sentenza ed ha poche possibilità di successo.
    L'altro ha possibilità ancora più basse.
    In ogni caso si parla di intenzioni.
    Staremo a vedere quando la carta sarà scritta, per il momento tutto ciò ha solo valore elettorale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Invece per me di valore elettorale la parola Burchio non rappresenta più niente.Se dall'arrivo del "Burchio" fino ad oggi non abbiamo preso più la Bandiera Blu vorrà dire qualcosa! Per me vuol dire che per pensare al Burchio il paese è morto da tre anni.

      Elimina
    2. La bandiera blu la danno se si rispettano una serie di parametri. Purtroppo l'inquinamento riscontrato tre anni fa continua a "fare media" per i 5 anni successivi. È per questo che non l'abbiamo più avuta. Detto questo, è strano che gli altri comuni bagnati dai nostri fiumi ce l'abbiano e solo Porto Recanati no.

      Elimina
    3. Siamo tra due fiumi con la fiumarella in più, che ci rende unici.non basta proclamare che abbiamo l'acqua del mare pulita come la Sardegna, la nostra fa' veramente schifo. ( ma facciamo finta di niente, sennò si danneggia l'immagine turistica).

      Elimina
    4. Anche Numana ha il fiume musone molto più inquinato del Potenza.eppure neanche un articolo sul giornale. E ha la bandiera blu.

      Elimina
    5. Negare l'evidenza non aiuta,dare la colpa agli altri ancora meno.

      Elimina
  8. Anonimo delle 14.44...Anchio ringrazio Argano per questa possibilità che ci concede.
    Detto questo (da non addetto ai lavori) penso che una futura giunta, quale che sia "l'epilogo legale" definitvo di questa vicenda, non potrà far altro che doversi attenere alla sentenza ultima.
    Non credo, che oltre si possa ancora andare. Non ho nessuna competenza in materia ma se la cassazione dovesse esprimersi a "favore" del Burchio e il Consiglio di stato dovesse rimangiarsi le parole, dal punto di vista puramente tecnico ci sarebbe ancora spazio per ulteriori ricorsi? Cosa potrebbe ancora succedere tra le pieghe della legge?
    Detto questo spero vivamente che questa storia si chiuda prima possibile, perché il nostro paese non può stare in questo limbo perennemente.

    Buona serata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno.
      Corte di Cassazione a parte, faccio osservare che è una sentenza del Consiglio di Stato ad aver "bocciato" il Burchio. Ora, appare singolare che si voglia che lo stesso organismo censuri una sua sentenza. Anche se le strade del diritto sono più infinite di quelle del Signore! Però c'è sempre da tener conto delle parcelle degli avvocati...


      Elimina
    2. Potrebbero appellarsi forse anche alla Corte Europea , quella dovrebbe effettivamente poter scavalcare il CdS

      Elimina
    3. E perchè no al Tribunale dell'Aja per i crimini di guerra? BASTAAAAA BURCHIOOOO, NE ABBIAMO PIENE LE... SCATOLE! Era solo un'operazione speculativa di tipo finanziario, magari con la promessa complicità di qualche banchiere/bancario e qualche fesso che ci sarebbe cascato con tutti i vestiti addosso. Altro che "rilancio del turismo"!

      Elimina
  9. Il paese non può stare il questo limbo perennemente, basta con il Burchio, i problemi sono altri,ed altro ancora.
    Mi dispiace, ma io sono di un opinione diversa perché questo è il problema.
    Cioè il coraggio di portare avanti le scelte di politica urbanistica nella quali si crede e che, peraltro, il Consiglio di Stato ha considerato giuste e sacrosante, oltre che legittime.

    RispondiElimina
  10. Fuori tema: potresti occuparti dello spostamento del mercato del giovedì?

    RispondiElimina
  11. una sentenza in grado di appello non può essere impugnata dinanzi allo stesso organo giudicante, a meno che non vi sia stato ordinato un rinvio dalla Corte di Cassazione. Quindi immagino che la giornalista volesse significare che in caso di impugnazione in Cassazione che porti a cassare con rinvio la sentenza del CdS, vi sia un nuovo giudizio dinanzi al consiglio. Ad ogni modo nel procedimento amm.vo le sentenza di CdS si impugnano in Cass. solo laddove vi sia un errore di fatto suscettibile di revocatoria così come indicato dagli artt. 395 e 396 c.p.c.

    Intanto quante alle spese legali, finora ci è andata bene visto che le ha pagate la Coneroblu su 2 dei 3 punti della sentenza. In uno c'è stata compensazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per la competente risposta.

      Elimina
  12. Ci preoccupiamo del BURCHIO che si trova dove si trova,ma non parliamo di LORETO MARINA.
    Siamo un paese turistico ?

    RispondiElimina
  13. Un paese turistico come si deve avrebbe già bombardato Loreto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Apprezzo la franchezza dell'obiettivo, autentica testimonianza di una genuina cultura dell'accoglienza e dell'apertura che rappresenta da sempre un elemento essenziale e irrinunciabile del turismo. Davvero un passo avanti per uscire dalla strategia "spremi l'ospite e arrivederci e grazie".

      Elimina
  14. Mi spiace gente, ma il Burchio, Loreto Marina, la Bandiera Blu, sono manovrate dalla politica, e noi popolino possiamo solo commentare. Per uscire da questa impasse occorrono due generazioni, guardate il teatrino della politica locale, rimpasti, ricollocamenti, poltrone rincorse, sono sempre le stesse persone, che pur di esserci riescono a partorire addirittura sei liste, che schifo!!!. Un consiglio educate i vostri figli al cambiamento, altruismo, etica, onesta, non si acquistano al supermercato, iniziamo dalle nostre famiglie, questa e la sola speranza, pensiamo positivo.

    RispondiElimina