QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

martedì 19 aprile 2016

SABRINA MONTALI NON SI CANDIDA: E SPIEGA PERCHÈ

A Porto Recanati non c’e’ spazio per la buona politica – perché rinuncio a candidarmi.

 

        Ho deciso, con molto rammarico, di non presentare la mia candidatura alle prossime elezioni comunali di Porto Recanati. Poiché, però, credo nel  mio progetto per la città e ci credono ancora molti cittadini, voglio spiegare  perché sono costretta a rinunciare, abbandonando una prospettiva politica che ritengo necessaria per fermarne il declino della mia città.

     E’ mia precisa convinzione che ognuno di noi, vivendo in una comunità organizzata ad ogni livello, abbia il diritto ed il dovere di partecipare alla vita pubblica portandovi il proprio impegno personale e le proprie idee. Sono altrettanto convinta che una ampia partecipazione possa consentire il necessario confronto delle opinioni politiche e che possa assicurare un rapporto corretto tra amministratori ed amministrati.

     Purtroppo, però, come è sotto gli occhi di tutti, viviamo tempi difficili sotto questo profilo e registriamo da tempo un distacco crescente tra la gente ed il ceto politico; che appare ormai sempre meno attento al bene comune e sempre più interessato alla propria carriera politica ed  ai benefici che ne derivano. Un ceto, quindi, sensibile all’intreccio perverso tra politica ed affari, perché il potere economico punta a realizzare i propri guadagni contando su amministratori che li favoriscano per perpetuare la propria carriera ed, in certi casi addirittura, per arricchirsi. Porto Recanati è un esempio di questa situazione, direi, quasi emblematico ed io ne ho portato sulle spalle il peso intollerabile per un anno, armata solo di coerenza, trasparenza, onestà e determinazione, contro cui è stato aizzato e scatenato tutto ciò che di prezzolato c’è in una comunità. Anche oggi che il Consiglio di Stato ha certificato le mie scelte, restituendo alla città il suo territorio libero da cementificazioni pregiudizievoli.      

      Pertanto la mia rinuncia dipende dal fatto che, in questo momento ed in questo contesto, non c’è spazio per la buona politica. I porto recanatesi sono frastornati e si trovano a dover capire chi, nel brulicare di liste e di candidati sindaci, può lavorare per il bene della città; finendo per mettere insieme, in un giudizio negativo, tutti coloro che si propongono o, addirittura, per votare chi promette di più. Io mi rifiuto di essere coinvolta in un giudizio complessivo che considera tutti i candidati assetati di potere ed in cerca della poltrona.

     Dipende, poi, anche dal fatto che, pur ritenendo che la politica è un servizio per i cittadini e quindi un sacrificio per chi la pratica onestamente e disinteressatamente, non ritengo che possa diventare – come dimostra la mia esperienza di un anno da sindaco – una vita d’inferno dove si rischia la propria dignità, attaccata da chi innesca il discredito mediante notizie tendenziose o manipolate che, però, quando arrivano sulla stampa svolgono il proprio effetto perverso. Si tratta di una condizione nella quale ci si domanda, di fronte a soggetti per i quali “l’affare” da concludere è questione di vita o di morte, se non sia a rischio anche l’incolumità fisica. Ho preso la decisione della rinuncia anche per non dover imporre rischi di questo genere a chi avrebbe partecipato al percorso della candidatura. 

     Concludo dicendo che, però, la mia partecipazione alla vita sociale e politica non cesserà e che attraverso l’Associazione “Libertà e Giustizia” sarò presente nel confronto cittadino poiché, come dice il manifesto di L.& G., vogliamo essere il collegamento tra i migliori fermenti della società e lo spazio ufficiale della politica. Farò quindi da spina nel fianco nei confronti del malaffare e dei metodi mafiosi, che vanno banditi da Porto Recanati.   

Avv. Sabrina Montali

37 commenti:

  1. Falla finita tu e la mafia vedi male ovunque e di conseguenza lo porti il male vedi la stagione nella quale hai governato e quella successiva ... Con te è avvenuto di tutto e di più.non continuare a prenderci in giro non fai la lista perchè non hai trovato persone disposte a presentarsi .

    RispondiElimina
  2. Secondo me, non ha trovato i candidati per fare la lista. Il problema è che crede di essere pura solo lei. Non dice che era la prescelta da Agostinacchio per essere candidata secondo le vecchie logiche di partito. Talmente slegata da quelle logiche che gli ha dato anche la presidenza della farmacia sulla fiducia. Ma per favore!

    RispondiElimina
  3. Falla finita tu e la mafia vedi male ovunque e di conseguenza lo porti il male vedi la stagione nella quale hai governato e quella successiva ... Con te è avvenuto di tutto e di più.non continuare a prenderci in giro non fai la lista perchè non hai trovato persone disposte a presentarsi .

    RispondiElimina
  4. Sono proprio delusa, come al solito i paladini della coerenza e della trasparenza sono i più bravi nel tentare di imbrogliare noi che le siamo vicini!
    L'ex sindaco non si candida solo perché non ha trovato sedici persone (e neanche dodici) disposte a stare in lista anche se lo ha chiesto a me e a più persone di quelli di PAC che sembrano un call center.
    Riccetti poi non l'ha voluta per non avere qualcuno in grado di fare ombra al sindaco ombra.
    Invece di prenderci in giro non era meglio che ci diceva la verità!

    RispondiElimina
  5. Avvocato, lei non si presenta perché non è in grado di rappresentare nessuno. Due anni fa è stata scelta dai notabili socialisti di Recanati e Loreto per cercare di mettere insieme PD e il gruppo di Riccetti. I RISULTATI SI SONO VISTI.Non è stata in grado di fare un bel niente, ha ondivagato tra gli uni e gli altri scontentare tutti e finendo col farsi mettere con le spalle al muro. Si rassegni, il suo tempo è finito ancora prima di iniziare. Noi portorecanatese faremo volentieri a meno di lei

    RispondiElimina
  6. Nelle varie intervista rilasciate un mese fa (vedi radio erre, ecc.) dava per scontato la sua lista, ora dichiara che non vuole correre più... Ma come adesso avresti dovuto/potuto coinvolgere l'elettorato che credeva in te per una stagione nuova come affermavi..
    L'ennesima figuraccia dopo aver dimostrato di non saper amministrare da sindaco e di non sapere sostenere il peso delle responsabilità politiche.
    L'epitaffio ad una prematura scomparsa politica te lo sei messo da sola, complimenti vivissimi.

    RispondiElimina
  7. Pochi giorni fa ribadiva il suo pieno impegno a scendere di nuovo in campo e adesso, all'improvviso, alza bandiera bianca accampando la solita solfa dei poteri forti degli amministratori prezzolati ecc. Ma lo vuole capire che sul Burchio è stato un plebiscito di maggioranza a portarlo a buon fine. Oltre tutto credo che solo Paccamiccio e Fiaschetti abbiano ulteriormente difeso la loro scelta non coprendosi dietro la polizza assicurativa. Dopo il Burchio la sua amministrazione è stata l'emblema della pochezza e dell'immobilismo. Lo dica veramente come stanno le cose: ci ha provato fino alla fine ma arrivata a 10 giorni dal presentare le liste, aveva solo 4 gatti a seguirla. E lo credo bene!!!

    RispondiElimina
  8. Io rendo onore e ringraziamenti alla Montali per non aver piegato la testa ai voleri del pd che voleva una testa di legno per assecondare i propri giochi di poteri. Il suo "resistere" ci ha portato alla sentenza vincente s Burchio e questa è una medaglia al valore da ricordare mentre i suoi avversari si ripropongono senza vergogna.grazie sabrina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La colpa non è del PD ma di UPP

      Elimina
    2. Centrato, comunque ritengo che la Montali rimarrà nella storia per il coraggio dimostrato anche se ha potuto amministrare solo un anno.
      Grazie Sabrina.

      Elimina
    3. Centrato era riferito al commento di ano 13,49.

      Elimina
    4. Oh finalmente qualcuno che dice la verità, grazie anonimo delle 15,02, infatti ricordo il discorso appassionato che la Cicconi fece in difesa della Montali nel famoso consiglio del Burchio, di come subito dopo Feliciotti si sperticò negli elogi per l'allora sindaco per il coraggio e la coerenza con cui difese quella promessa elettorale, non come quei cattivoni degli altri che hanno votato a favore della variante. Ricordo anche i giorni successivi in cui il PD ha preso le difese di Sabrina difendendola dagli attacchi della Giorgi, ci possiamo poi mai dimenticare di come al suo fianco tutti gli esponenti del PD l'hanno sostenuta fino alla fine? No non possiamo perché gli onesti rappresentanti del PD sono quelli che l'hanno fortemente voluta Sindaco. Meno male che mi hai aiutato a ristabilire la verità! Guarda se mi dici chi sei ti faccio venire a prendere a ti offro qualcosa da bere, vieni anche tu qui con me, ci sono dei bravissimi signori vestiti di bianco che mi tengono compagnia e mi danno sempre ragione, vieni vedrai che ti troverai bene!

      Elimina
    5. Io mi ricordo invece le farneticanti accuse e offese( come quelle che ancora oggi dice di Portorecanati) che la Montali rivolse al Pd.Accuse basate sul niente tranne che da un enorme lavaggio del cervello perpetrato ai suoi danni dalla ideologia vendicativa di Upp, da cui guari'( dal lavaggio del cervello) in un bellissimo manifesto che tappezzò il paese all'inizio del 2016.

      Elimina
    6. Il PD resta cieco e sordo: continua a credere di rappresentare SEMPRE IL MEGLIO, ovunque e comunque e con qualsiasi uomo o donna a vestirne i panni. Anche sotto le mentite spoglie di "liste civiche". Intanto i suoi boss si accordano con chiunque. SOttobanco, s'intende.

      Elimina
    7. E lo vedi che sei un grande? Allora, per riassumere la Montali candidato sindaco del PD era il top, poi la Montali contro il PD era farneticante, sempre la Montali contro UPP di nuovo un fenomeno e poi la Montali di oggi con questa sua ultima dichiarazione di nuovo farneticante; vieni, vieni con me, qui ti danno ragione anche se soffri di schizofrenia.

      Elimina
    8. Sai leggere?
      La metà delle parole che mi intesti non le ho scritte, ma sono un'immagine olografica della tua testa.

      Elimina
  9. Ci sono commenti doppi...cmq certe persone prima di scrivere, dovrebbero fare un corso di educazione...la Signora Montali non ha nessuna colpa se Porto Recanati è diventato quello che è oggi! Provi a chiedere al ex sindaco Ubaldi cosa ha lasciato! In pochi mesi ha fatto solo quello che le era permesso di fare, e se si è capitato in una coalizione dove ognuno pensava solo coltivare gli interessi propri, non è colpa sua. Per me resta sempre una signora rispettabile e di grande coraggio. Forse non ha trovato le persone per poter ricandidarsi, e saggiamente ha deciso di fare un passo indietro, intanto noi avremo di nuovo tanti volti che hanno contribuito alla rovina di questo paese...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ....forse se non ci sono state persone disponibili a candidarsi con la signora non c'e' stato neppure un suo passo indietro: non e' riuscita, semplicemente, a candidarsi di nuovo. Non e' un dramma: prendere atto di cio' sarebbe, realmente, prova di saggezza. Le auguro pace e serenita' ...e non mi dispiacerebbe se di una tale auspicabile condizione protessero tornare a beneficiare i portorecanatesi tutti!

      Elimina
  10. La volpe Sabrina ha detto che in cittá l'uva è acerba, non alta.

    RispondiElimina
  11. Vero Che non so candida......ma accordi?
    Di sti tempi tutti i voti sono buoni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ha capito chi l'ha pugnalata alle spalle troppo tardi!
      UPP r SEL insieme che sono stati i suoi paladini( falsi) fino alla fine non mi pare che si siano fustigati per averla con loro!

      Elimina
    2. Ora stanno anche stappando lo spumante visto che già sperano di prendere i voti dei sostenitori di sabrina.

      Elimina
    3. Quindi solo il tuo...

      Elimina
  12. La Montali e' stata sicuramente una persona degnissima, forte e che non ha piegato la schiena, e di questo la dobbiamo solo ringraziare. Quello che probabilmente le e' mancato e' stata la capacita' di essere team-leader, per tenere unito e compatto il suo gruppo di lavoro.

    RispondiElimina
  13. Ma solo a me sto comunicato fa indignare o anche a qualcun altro? Cioè nella sua solita foga logorroica, la Montali afferma tra le righe che il nostro Comune, è infiltrato dalla mafia; per gli amministratori c'è rischio di incolumità per la persona e che ogni decisione amministrativa è dettata dalla logica dell'"affare".

    Cioè ma vi rendete conto della gravità di certe affermazioni? Cara Avv. Montali, o ci dice quali dei suoi elettori sono mafiosi (perché visto il loro così evidente dilagare come dice lei, qualcuno l'avrà pure votata), oppure ritira tutto quello che ha detto.

    I nostri cittadini, veri portorecanatesi, hanno combattuto e sconfitto spettri molto ben "remunerati" come il rigassificatore ed il Burchio. Ma di cosa sta parlando? Quando si è iniziata la lotta contro il Burchio dal quartiere Montarice e tra alcune liste civiche, lei probabilmente non sapeva neanche dove fosse il Burchio. La smetta di nascondere il suo fallimento politico dietro presunti giochi di potere, che per carità ci saranno pure, ma non hanno certo intaccato la sua maggioranza. Ammetta la sua inadeguatezza, testimoniata oggi dalla evidente scarsezza di suoi seguaci e ci liberi definitivamente dalle sue paturnie. Forse si tornerà a parlare di contenuti e non di rancori.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non vedo, non sento, non parlo. " Porto Recanati cambia nome in Eden!

      Elimina
    2. Sottoscrivo in toto l'anonimo delle 17.35, questo comunicato ha indignato anche me.

      Elimina
  14. Si chiude così la storia politica di sabrina montali , inizialmente del PD che l'aveva nominata alla farmacia , poi lei andò in lista con Capponi per la destra e fu giustamente allontanada dal partito , poi fu ripescata da paese vero nel 2014 offrendogli il posto di sindaco , per prima cosa si sbarazzo del PD , poi ci provo con UPP con la vicenda della farmacia e le "dimissioni farlocche" , poi tocco al fischetto con lei che fece da muro umano anti-salvini , infine tocco ai 2 cugini.

    come penultima tappa il mega cartello Anti-UPP

    e qui si arriva a questo comunicato dove mette la pietra tombale sulla sua storia politica.

    Addio sabrina, non ci mancherai!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un'altra "signora" arriverà e allora scenderete in piazza tra osanna e battimani. Perchè vale sempre l'antica massima: "Franza o Spagna purchè se magna". Alè!

      Elimina
  15. L'ultimo atto di Sabrina: Porto Recanati non è pronta (che strano, un anno fa la votarono anche se non si era mai presentata...), l'elettorato allo sbando sceglie solo chi offre di più... Ha fatto cagnara con tutti, erano rimasti solo i cittadini: loro non sono all'altezza di averla come sindaco e non la voterebbero solo perché sono limitati o corrotti. E proprio noi dovremmo crederci? Un po' di autocritica mai?

    RispondiElimina
  16. basta vedere come ha ridotto la protezione civile.

    RispondiElimina
  17. Prima del 2014, politicamente la Montali non era nessuno, non aveva un movimento suo dietro. Credo che abbia fatto questa scelta forse perché non trovava candidati da mettere in lista, ma soprattutto perché se si fosse candidata sarebbe arrivata ..... ultima e non sarebbe entrata nemmeno in consiglio.

    RispondiElimina
  18. a proposito di protezione civile... adesso che fine farà il "gruppo nuovo sociale" ? se non sbaglio hai al suo interno persone con processi pendenti, senza qualcuno che li difende rischiano grosso?

    RispondiElimina
  19. ancora con sta storia. E fattela finita. tanto si sa chi sei

    RispondiElimina
  20. Riccetti, gongola...senza Sabrina fa man bassa di voti! E così avremo la Zoppi sindaco, Lorenzo ancora vice e Paccamiccio delegato al demanio. Insomma tornamo indietro nel tempo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. magari fosse così. Allora qualcuno nel palazzo capirebbe che e' finita la pacchia e incomincerebbe a tremare

      Elimina