QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

venerdì 1 aprile 2016

LA TRASPARENZA AMMINISTRATIVA E' UNA CAGATA PAZZESCA

Tempo di elezioni. Tempo di buoni propositi. Tempo di programmi. Tempo di promesse.

In ogni elezione che si rispetti il tema della "partecipazione e trasparenza amministrativa" torna sempre di moda. La coalizione Noi Per Porto Recanati di questo motto ne fece una questione di ideologia ispiratrice del proprio agire. Ma l'azione  al governo, su questo settore, non rispettò minimamente le promesse sbandierate al vento.
Chi legge il blog da anni con quotidiana frequenza ricorderà come chi vi scrive, nei panni dell'uomo della strada e del cittadino tax payer, chiese all'allora Segretaria Generale Dottoressa Donato, di essere messo a conoscenza dei bilanci e dei versamenti (stabiliti per convenzione) che un gestore di area camper gestiva in località Scossicci.  La risposta fu un due di picche:  "Lei non ha un interesse qualificato" mi risposero. Come se dovesse servire un interesse qualificato per essere informati se ogni cittadino, nessuno escluso, versi il dovuto alle pubbliche (ergo anche mie) casse.

Quanto sopra per ribadire come la trasparenza e la partecipazione (vogliamo parlare del coinvolgimento nullo dei quartieri nelle azioni del governo locale?) siano concetti astratti, con i quali riempirsi la bocca in campagna elettorale per poi rinchiuderli nel cassetto del dimenticatoio quando si assapora il potere e si preferisce perseguire la via del "qui comando io".

Pochi però sanno che qualcosa sta cambiando. In meglio, penserete voi...??
No, qualcosa sta cambiando. E sta cambiando decisamente in peggio.

Vi invito infatti a leggere il disegno di legge a firma del Ministro Madia di prossimo esame delle Camere. Scoprirete incredibilmente che al comma 5 dell'articolo 6 dello stesso disegno di legge....


.... l'amministrazione può addirittura decidere di non prendere minimamente in considerazione la vostra richiesta di accesso agli atti e decorsi inutilmente (??????) trenta giorni dalla stessa richiesta, questa si intende respinta.
E' la rappresentazione tramite dispositivo legislativo del silenzio-diniego. Un nuovo concetto estremamente propenso al ricordarvi che "dovete semplicemente farvi i cazzi vostri"
Tu privato, infatti,  fai la domanda di accesso agli atti, e io ufficio pubblico, la metto dentro un cassetto, e dopo un mese in cui  ti ignoro completamente,  devi intendere la predetta domanda respinta.
Chi decide se risponderti o meno entro 30 giorni? La stessa Pubblica Amministrazione.
E ovviamente lo fa senza doverti spiegazioni e senza nessuna sanzione minimamente prevista dal disegno di legge per il proprio rifiuto.

Ma non è tutto: nel testo di legge ci sono molte altre eccezioni così vaghe da tenere il più ampio possibile l'ambito del "non mi rompere le palle privato cittadino che tanto non ti rispondo". Così nel testo si scopre che non si possono avanzare richieste di accesso agli atti neppure se queste "interessino interessi economici o commerciali di una persona fisica o giuridica". In soldoni: volete sapere se il privato che ha in concessione una area pubblica paghi quanto stabilito contrattualmente per l'affitto o la gestione dello spazio (pubblico)? Non potete farlo. Perchè ci sarebbe lesione di interessi privati e commerciali.
Ergo, la vostra domanda verrà accantonata. E dopo 30 giorni avrete avuto ciò che vi meritate: una non risposta, ovvero il  silenzio-diniego.

Inutile dire che in Europa nessun altro stato ha un freedom act così penalizzante per i propri cittadini e totalmente ispirato ad un "Crozza-Razzi fatte li cazzi tua".

E allora, fateci il piacere: in campagna elettorale non ci parlate di trasparenza. Perchè la trasparenza amministrativa, in Italia, è una cagata pazzesca. Si applica a piacere.

O semplicemente mai.


(Post ispirato da questo articolo di Piovonorane) 







29 commenti:

  1. Argano hai idea se ci siano anche restrizioni per l'accesso agli atti dei consiglieri comunali?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quelli dovrebbero continuare ad essere disciplinati da altre leggi. Per cui questo disegno di legge non dovrebbe riguardarli.

      Elimina
    2. Spulcia le delibere consiliari caro argano ... Montali & Riccetti hanno provato a mettere limite agli accessi agli atti anche da parte dei consiglieri ... i campioni della trasparenza ...

      Neanche la loro archi-nemica Ubaldi aveva mai fatto tanto!

      Elimina
    3. Che delibera é?

      Elimina
    4. Numero pubblicazione1708
      Anno pubblicazione2014
      MittenteSegretario Generale
      Tipo attoDelibere Di Consiglio Comunale
      Tipo atto internoDelibera Di Consiglio
      Numero atto39
      Oggetto attoAPPROVAZIONE REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI
      Data atto30/10/2014
      Data inizio pubblicazione13/11/2014
      Data fine pubblicazione28/11/2014

      in particolare questo punto:

      Le richieste relative all’estrazione di copie o alla consultazione di atti relativi ad un
      periodo particolarmente esteso o ad un numero di atti rilevante, possono essere accolte
      soltanto alle condizioni che sono poste per evitare difficoltà al regolare funzionamento
      degli uffici.


      Chi giudica che la documentazione è troppo "corposa" , anche perchè le questioni più delicate spesso sono le più "corpose"

      Regolamento espresso dai campioni di trasparenza sotto la guida della fortunatamente ex. segretaria comunale.

      Elimina
    5. Ma che fenomeno che 6! Fino al 2014 non esisteva un regolamento e tutto era discrezionale persino gli orari e i giorni di accesso...poi finalmente qualcuno fa un regolamento per garantire l'accesso e tu cosa sottolinei? l'unico limite che in sostanza dice che non puoi fare una richiesta di puro ostruzionismo diretta solo ad ingolfate il lavoro ...tipo "datemi copia dei bilanci degli ultimi 30 anni" .....ma va va!!

      Elimina
  2. Renzi ed il Pd dovevano essere i paladini della gente comune,scardinare i privilegi ed invece difendono gli interessi propri e degli amici,ma al pd locale questo non interessa,qui si vota il sindaco e loro non farebbero mai inciuci a danno del paese e mai speculazioni contro il territorio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ano 8.20 ti sei fatto riconoscere anche oggi,basta " speculare" sul il tuo cervello!

      Elimina
  3. Risposte
    1. Visto che l'avete riconosciuto...chi e'?

      Elimina
    2. CUCU' CUCU'!!!!!

      Elimina
  4. Io credo, proprio perché il PD e l'UDC sono gli unici partiti a Porto Recanati ad avere un organigramma,un direttivo ed un assemblea alla quale rispondere,debbono cercare un accordo politico per governare in questo momento difficile per la città. Un ticket Giri candidato sindaco e vice sindaco l' Ubaldi con una lista forte e competente sia il passo giusto per vincere l' elezioni .Inviterei i dirigenti di questi partiti a lavorare in questo senso Buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io propongo un ticket di politici più esperti di amministrazione benvoluti dai cittadini più intelligenti e capaci:Vecchi sindaco e Fabbri vicesindaco.

      Elimina
    2. Purtroppo non si candidano!!!

      Elimina
    3. Purtroppo non c'entra un amato caxxo con il post del Blog! :-)

      Elimina
    4. Invece il tuo contributo arricchisce la discussione !!!

      Elimina
    5. Ossessionati filo ubaldiani, cercate di rimanere attinenti ai post. Altrimenti fatevi vedere da uno bravo

      Elimina
    6. La tua non è una proposta è un anticipo dell'accordo tra PD e UDC: a questi ultimi va vicesindaco e un assessorato. Il tutto a patto che la Ubaldi non si candidi.

      Elimina
    7. Bravo sei ben informato!

      Elimina
    8. Mi sa che hai fatto Bingo! !!

      Elimina
    9. condivido al 1000x100 quanto riportato (veramente io l'avevo scritto un pò di tempo addietro) ma tu sei convinto che si voglia veramente fare il bene del paese????? o, viceversa, non si pensa alla coltivazione del proprio orticello, fregandisene dei cittadini di porto recanati???

      Elimina
  5. Come al solito l' ignoranza fa andare fuori tema del giorno!

    RispondiElimina
  6. Rodolfo Scalabroni1 aprile 2016 11:51

    La trasparenza è inversamente proporzionale alla distanza che la politica vuole tenere con i cittadini......

    RispondiElimina
  7. Dovevamo attendere la sinistra al governo per avere queste leggi liberticide e l'azzeramento dei diritti dei cittadini.
    Ricordate quando,per molto meno,si riempivano le piazze ?
    PECORONI !!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La sinistra di Renzi Alfano Boschi e Verdini?

      Elimina
    2. Metteteve d'accordo una buona volta.
      La sinistra dice che Renzi e' di destra, la destra dice che è di sinistra!
      Buffoni!

      Elimina
    3. Destronza... Ops scusate. Volevo scrivere una sinistra destrorsa

      Elimina
  8. Per trasparenza bisognerebbe controllare ogni tanto se in concomitanza di elezioni ci sono degli atti del comune che per caso aiuta qualche candidato . Tipo nel 98!99 ci sono stati alcuni balneari che hanno aumentato il metraggio della spiaggia?? Ultimamente qualche albergo per il corso quando sono state concesse alcune varianti nel 2015 La trasparenza è anche questa Perché ci sono tanti che parlano di trasparenza dopo nei fatti sono peggio di tutti.

    RispondiElimina
  9. Da collega a collega anonimo,facci i nomi.

    RispondiElimina