QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

domenica 17 gennaio 2016

IL MOVIMENTO CINQUE STELLE DICE LA SUA SU LORETO MARINA

Nota del Movimento Cinque Stelle di Porto Recanati (via Facebook)


Loreto Marina, colate di cemento e rifiuti a mare?
Il Comune di Loreto ha approvato una lottizzazione di 65.000 mq per costruire villette e un centro commerciale nella vecchia centrale Hoffman. Ennesimo consumo di suolo e inquinamento del mare.
La Ubaldi si traveste da ambientalista? Senza fare nomi, ci chiama in causa per esserci opposti al Centro Commerciale di Santa Maria di Potenza e al progetto del Burchio, e di aver taciuto per questa lottizzazione.
Noi siamo per la rigenerazione urbana, che ottimizza tutta l'edilizia esistente, crea posti di lavoro duraturi, rilancia le imprese edilizie e l'indotto, non consuma il territorio con nuove cementificazioni. Saremo perciò sempre contrari a ulteriori consumi di suolo, da sostituire col miglioramento della qualità abitativa e ricettiva dell’esistente.
L'idea della lottizzazione della collina di Montorso, con cui il comune di Loreto si insinua a nord di Porto Recanati, parte da lontano. Sono già stati approvati una variante che ha trasformato la zona in edificabile e un piano di recupero attuativo, il tutto senza passare per la valutazione ambientale perché il progetto è stato ritenuto poco impattante.
Parlare, a giochi fatti, di un Piano Sovracomunale, come proposto da alcune forze politiche locali, che coinvolga Loreto e Porto Recanati, ci sembra anacronistico. Un tale piano generale dovrebbe indicare politiche urbanistiche coscienti prima, non dopo varianti e piani attuativi che concedono la possibilità di realizzare nuovi volumi edilizi.
Gradiremmo risposte a queste domande, prima che una ruspa scavi la prima zolla di terra.
Quale banca finanzierà i cantieri, data la crisi di Banca Marche, in gran parte determinata da speculazioni edilizie mal riuscite?
Quali sono gli interessi e i capitali dietro la "Luxury Real Estate Development" che figura come titolare del progetto?
In base a quale piano di marketing si pensa di vendere nuove case in un territorio che lamenta tanto invenduto e incompiuto, da Santa Cristiana a Mengoni alle Torri di Avvistamento?
Le maggioranze Ubaldi e Montali non si sono mai accorte che Loreto stava procedendo a colpi di varianti puntuali su terre di confine? 
Qualcuno si è preoccupato di verificare l'aggiornamento delle nuove richieste degli scarichi fognari delle zona a confine con Porto Recanati?
Quali garanzie di fornire i servizi base (fognature, strade, ecc..) avrebbero prodotto i nostri confinanti? 
Ad oggi tutti conoscono le criticità che si sono create in seguito ad un impianto fognario insufficiente che ha portato Fosso Fiumarella ad essere il primo incriminato per gli sversamenti in mare con conseguenti divieti di balneazione. Loreto utilizza quel Fosso!
Alcuni vorrebbero chiudere i recinti una volta che i buoi sono scappati, noi vorremmo invece che il caso venisse considerato come esempio di una politica urbanistica vecchio stile che consuma la terra madre e non produce le dovute garanzie di vivibilità delle città soprattutto quando queste sono a forte vocazione turistica.

7 commenti:

  1. Michele Bianchi17 gennaio 2016 14:00

    Mi dispiace constatare come i M5S locali siano prodighi di critiche, ma come al solito latitino quanto a proposte costruttive. Dicono che il progetto di Loreto Marina parte da lontano? Ne avevano, o ne hanno avuto contezza prima che apparisse quel mega manifesto sulla collina di Montorso? Se si perché hanno taciuto sinora? Sono sicuro che i loro omologhi loretani (tra i quali devo riconoscere un attentissimo e sicuramente produttivo Paolo Serenelli) hanno avuto modo di renderli edotti tempestivamente. Noi purtroppo non ne sapevamo niente sino all'"altro ieri". Questo comunicato sostanzialmente solleva l'attenzione sulle stesse criticità già rilevate dalla nota di Alternativa Civica, ma anche da altri gruppi politici. Con la piccola differenza (ci doveva pur essere) di considerare anacronistica la proposta di un piano sovracomunale. A mio modesto parere, pur vero che parte del territorio di confine, purtroppo, sembra essere ormai pregiudicato, non vedo perché non si possa procedere ad un progetto di salvaguardia di ciò che ancora arricchisce il nostro ed il loro territorio sotto il profilo della tutela ambientale e paesaggistica.

    RispondiElimina
  2. Ma questo piano sovracomunale permetterebbe di bloccare questo progetto? O almeno di migliorarlo? Insomma, sarebbe una soluzione per questo specifico, enorme e contingente problema per Porto Recanati o riguarderebbe solo il futuro? Credo che innanzi tutto vada cercata una soluzione immediata per evitare lo scempio, senza dietrologie o rimpalli di responsabilità per chi se n'è accorto prima! Chi ha da proporre una soluzione concreta, attuale ed attuabile la condivida, per favore. Altrimenti stiamo solo a parlare di quello che poteva essere, mentre la lottizzazione va avanti senza ostacoli né opposizioni di sorta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Michele Bianchi18 gennaio 2016 10:46

      L'unico ostacolo rimasto a questo progetto, a questo punto, credo sia quello della VIA. Se non tutto perduto, almeno su Loreto Marina il più è stato fatto ahinoi! Ad ogni modo per evitare futuri ed analoghi scempi io credo che un Piano Intercomunale non sia da denigrare come state facendo nei vostri commenti (tra l'altro come al solito da coraggiosi anonimi che nonostante le buone intenzioni dell'Argano continuano ad essere la quasi totalità). Provate a dare voi altre soluzioni!

      Elimina
  3. La cosa stupefacente nel comunicato del M5S sta nel fatto che hanno un esponete che siede nei banchi del Consiglio comunale e non ne sanno niente.
    Vi permettete anche di criticare le altre forze politiche e liste civiche.

    RispondiElimina
  4. Piano socraccomunla? È una mera idiozia ... Ti pare che loreto lo accetterebbe ?

    Fa davvero ridere ai polli ... Servono cose fattibili non buone intenzioni! Che l'amministrazione delle buone intenzioni , vedi quella montali dove c'era anche alternativa civica , che bei risultati che ha avuto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. fiaschetti attilio18 gennaio 2016 14:01

      Forse hai ragione nel definire la nostra proposta una mera idiozia, ma fino ad ora anche se un'idiozia è l'unica proposta avanzata da una forza politica/civica. Se prendi tutti i comunicati dicono tutti le stesse cose, solo uno da una legge per poter affrontare il problema di confine con Loreto.

      Elimina
  5. Il problema della tutela del territorio inteso come risorsa di tutti è semper difficile da capure.
    Chi ne parla viene sempre accusato di di essere un ambientalista radical-chic con la testa fra le nuvole sempre occupato ad inseguire sogni irrealizzabili.
    Dicono ancora costoro, "che male fa una costruzione in più?Che sarà mai?sei contro il progresso ed il benessere?"
    Quante volte li abbiamo sentiti questi discorsi dettati dall'ottusità di coloro che si accorgono di un bene solo quando viene a mancare.
    Come l'acqua pulita, l'aria pura ed il territorio sano.
    Fino a quando non ci sarà una coscienza in questo senso assisteremo ancora a questi teatrini della politica.

    RispondiElimina