QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

venerdì 7 agosto 2015

LA PULIZIA È UN DOGMA....

"La pulizia é un dogma e la nostra casa deve essere tenuta pulita"

La frase sopra  l'ha pronunciata un Imam dell'Hotel House e gli abitanti sembra gli abbiano dato ascolto. Si sono muniti di materiale di pulizia e hanno iniziato a mettersi all'opera nelle zone condominiali del palazzone. 

Noi, un Imam non ce lo abbiamo. Ma forse sarebbe il caso di organizzare, un paio di volte l'anno, una pulizia straordinaria del paese su base volontaria. Coinvolgendo ogni forma di associazionismo a prescindere dalle fasce di età. Due giornate l'anno dedicate a pulire il nostro quartiere.  


Da queste colonne si lancia l'idea. E ovviamente si é pronti a prendere paletta e secchiello....


11 commenti:

  1. gioacchino di martino7 agosto 2015 12:01

    E se invece la facesse chi è delegato a questo compito? Forse sarebbe meglio proporre una manifestazione di protesta per l'abbandono in cui versa la città. Il cittadino ha dei doveri e dei diritti. Tra i doveri vi è quello di pagare le tasse, tra i diritti ha diritto, tra l'altro, a vivere in una città pulita e sicura. Dove pende la bilancia? Verso i doveri o verso i diritti?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I cittadini hanno il diritto di avere la propria città pulita ma senza il senso civico, la piena consapevolezza che la città è la nostra casa e che il rispetto delle regole significherebbe anche un risparmio per tutti, non ci saranno servizi di decoro e pulizia che tengano! Io sono la prima a dire che ci vorrebbero più cura per il decoro urbano e maggiori controlli verso gli incivili ma non basterebbe senza la collaborazione di tutti noi cittadini.

      Elimina
  2. Fortuna ke è arrivato il commissario...vedi kme riga dritto il paese....tt si c...vano sotto...risultato? Sempre lo stesso o meglio peggiorato....questo nn ci c..a....

    RispondiElimina
  3. Penso che in questo caso tu abbia pienamente ragione e che la bilancia debba pendere verso i diritti (paghiamo tasse locali molto elevate). Con la mia idea volevo solo sensibilizzare le coscienze di chi con troppa disinvoltura agisce in modo assolutamente incivile.

    RispondiElimina
  4. Basterebbe anche alzare un po' il livello di tolleranza e non girarsi più dall'altra parte di fronte all'inciviltà altrui. Tipo "scusi signora, le è caduta la cicca" o "il suo cane ha sporcato la strada, ce l'ha un sacchetto per raccogliere?". Magari solo per evitare una figuraccia in pubblico qualcuno potrebbe cominciare a comportarsi meglio.

    RispondiElimina
  5. La polizia municipale deve stare per strada e non dentro le stanze con l'area condizionata.

    RispondiElimina
  6. bisogna coinvolgere i quartieri in primis,più presenti sul territorio e poi le scuole poichè i bambini possono rieducare ,quando serva,i genitori distratti...

    RispondiElimina
  7. Bla bla bla... Tutti boni a chiacchiera'! Guarda caso "sono sempre gli altri" e "bisogna fare qualcosa, un comitato, bisogna coinvolgere..ecc ecc"!! Ma lo vogliamo capire che a sporcare siamo noi, i nostri figli, i nostri amici, i nostri parenti... Ad acquistare dai vucumpra' siamo noi, ad andare a puttane siamo noi, a far gacare i cani pel corso siamo noi, a drogarci siamo noi, a mettere le macchine in divieto siamo noi, a lasciare monnezza in spiaggia siamo noi.... E adesso vedere di creare un comitato per ogni esigenza, o una raccolta firme, poi vediamo che risultati ottenete! Siamo fatti così, pronti a puntare il dito contro tutto, e poi siamo gli stessi che ce ne freghiamo altamente... O forse c'è qualche santo?????

    RispondiElimina
  8. Già il fatto che se ne discute è positivo.
    Pensavo che il cervello fosse stato già dato all'ammasso.
    Comunque una prova di civiltà adesso ce l'ha data l'Imam e noi non dobbiamo essere da meno.

    RispondiElimina
  9. Abbiamo tutti quei cellulari multifunzione che fanno di tutto (meno che telefonare) e allora perché non fotografiamo o filmiamo che si comporta da incivile? Sarebbe una bella idea ma poi chi darà le sanzioni?

    RispondiElimina