QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

venerdì 7 agosto 2015

IMPUNITI....

Spiaggia nordica del Comune di Porto Recanati. Venghino lor signore. Il bazar abusivo vi attende. Basta che non chiediate lo scontrino.... 


31 commenti:

  1. Bah, a me questa gente fa solo tenerezza.
    Cerca di guadagnare qualche soldo vendendo merce a poco prezzo e dello stesso valore di quella dei negozi.
    Non credo che i nostri problemi finanziari dipendano da queste persone.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma si.... Io proporrei di premiarlo.... E chi se ne fotte se al negozio che tu citi chiediamo tasse, oboli e versamenti contributivi al proprio personale.... È l'Italia. Il paese dei buffoni.

      Elimina
    2. Complimenti per il senso civico ,scommetto che tu invochiamo il rispetto delle regole e dei diritti solo quando qualcuno tocca i tuoi interessi

      Elimina
    3. Angela Reversi8 agosto 2015 08:34

      Anonimo delle 17.07: ma quando parli sei consapevole di quello che dici? In questo modo si affossa l'Italia. Il termine di integrazione significa un rapporto di reciprocità tra due o più parti. Vale a dire che non ci può essere integrazione tra cittadini che sono trattati diversamente ovvero chi paga le tasse e chi invece per buonismo non le paga. Ti posso assicurare che questa gente si è arricchita alle nostre spalle e ovviamente i soldi li manda nei paesi di origine: sei mai andato all'ufficio postale? Sono tutti lì a bloccare la fila proprio per inviare a casa tutti i soldi guadagnati senza aver pagato un soldo di tasse. Ci sono spacciatori arricchitisi che fanno finta di essere poveri e vendono rose per avere i benefit di extra comunitari. Ciò che dico posso dimostrarlo ma in separata sede. E per finire ho visto con i miei occhi un venditore di rose (anche in questo caso in separata sede posso dimostrare tutto) consegnare al gestore di un bar molto frequentato più di cento euro in monete per farsi dare due carte da cinquanta, una da venti e alcuni altri euro. E' ora di finirla con questo atteggiamento pietoso perché io che ho insegnato per quarant'anni, non ho mai guadagnato in poche ore tutti questi soldi !

      Elimina
    4. Andate a vedere quanti soldi vengono trasferiti con il money transfer

      Elimina
  2. Da turista mi piacerebbe sapere dove sono coloro che Dovrebbero essere li a controllare.

    RispondiElimina
  3. Ma si lascimoli stare e con loro anche le mignotte e gli spacciatori, tanto che male fanno.

    RispondiElimina
  4. Ho assistito ad una scena tre giorni fa: ristorante, un tizio, esasperato dall'insistenza, stava litigando con un venditore abusivo di rose. Due donne: "..e lascialo stare poverino, lui sta lavorando!" ...ma ndo cazzo vogliamo andare!

    RispondiElimina
  5. Per me un cariolo così organizzato ha sicuramente almeno la partita Iva

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E magari paga la tassa di occupazione suolo pubblico. Buonanotte.....

      Elimina
    2. Angela Reversi8 agosto 2015 08:41

      Ma dove vivete per scrivere certe cose? Ma sì tanto siamo il paese di Bengodi! per favore Argano certi post censurali perché fanno alzare la pressione anche se siamo in estate!

      Elimina
    3. Ma dove vivete voi!! Ma vi pare che i carioli stanno solo a porto recanati??
      Argano se è ambulante come fa a pagare suolo pubblico ?

      Elimina
    4. Almeno a capire quando prendo per il culo i commentatori..... !!!!

      Elimina
  6. È ora che chi deve controllare faccia il proprio dovere.

    RispondiElimina
  7. La lotta tra poveri non paga mai.
    Non paga perché uccide e cancella i sentimenti di solidarietà e mutuo soccorso , ci rende cinici e poco propensi a sostenere i più deboli.
    Tra i più deboli si siamo anche noi.
    Che male può fare un venditore di rose?
    Una persona senza futuro e che ha tutto il suo capitale investito in un mazzo di rose di pochi euro.
    Vaga per i tavoli dei ristoranti e bar per cercare di vendere una rosa , un fiore , un simbolo di amore e sentimento , a chi sta gozzovigliando e spendendo per una bibita quanto vale un intero mazzo di rose.
    Ci siamo mai chiesti cosa c'è dietro quel mazzo di rose?
    Magari qualche euro per mangiare un pezzo di pane o un po' di formaggio, oppure da mandare lontano a casa per mantenere una famiglia che si accontenterebbe di avere un pozzo a pochi chilometri da casa.
    Mentre a noi quella insistenza ci infastidisce perché rappresenta la fame e la miseria che ,come la malattia , ci fa paura e ci spinge ad allontanare con disgusto chi ne è affetto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mondo va male per la gente come te! Poi però non ti lamentare di nulla, ok? Qui ci vuole tolleranza zero, altro che...... Ma potemo venge la guera?!?!?!?!

      Elimina
    2. Ma per favore! Dietro le rose c'è il racket: chi gliele fornisce, chi li manda a vendere, chi raccoglie i proventi. Ma secondo te quelli che al mercato vendono l'aglio o le federe bianche da ospedale dove la prendono la merce? Se compri alimenti il racket dello sfruttamento e della schiavitù. Tu ti lavi la coscienza con due euro? Cosi non sei come quei cattivoni che allontanano per disgusto quei poveretti...come no! Continuate a fare i buonisti, che resta tutto così!!!

      Elimina
    3. Io non mi lavo affatto la coscienza con due euro.
      Concordo con te che queste persone sono sfruttate da chi organizza questo commercio, povero per gli extracomunitari e remunerativo per i grossisti.
      Comunque prendersela con i poveracci serve a poco , quando si hanno i crampi per la fame si è disposti a tutto.
      Oggi , verso l'ora di pranzo , passavo per le campagne di S.M.in Potenza , coltivate da terzisti.
      Sai chi c'erano a piantare le piantine di ortaggi sotto il sole?
      Ragazzi pakistani.
      Questi toglierebbero il lavoro agli italiani?

      Elimina
    4. Angela Reversi8 agosto 2015 16:34

      Anche questo è abusivismo e lo sfruttamento in nero deve essere punito; nessuno mette in dubbio certe realtà. Quindi è totalmente sbagliato rispondere al post dell'argano con queste argomentazioni. Come è sbagliato e fuorviante dire che non tolgono lavoro a nessuno. Perché l'abusivismo in tutte le sue sfaccettature va combattuto: è una questione di legalità. In altre realtà anche europee non accade né l'uno né l'altro e tutti rigano dritto: cittadini autoctoni e cittadini extracomunitari

      Elimina
    5. E si caro mio.sti pakistani che lavorano in nero,sottopagati,senza tutele e in condizioni al limite della schiavitu,rovinano il mercato del lavoro e toglie il lavoro regolare a noi italiani. Se non capisci questo

      Elimina
  8. Le favole vanno sempre bene Per i bambini ...E per i creduloni

    RispondiElimina
  9. ok il rispetto delle regole x il commercio, ma....................
    per i bagnati abusivi con tanto di cani al seguito che fanno tutti insieme il bagno nelle spiagge libere di Porto Recanati centro, in barba all'ordinanza di interdizione della capitaneria di porto, come la mettiamo?
    Sono anche questi poverini che fanno il bagno con i loro cani, infischiandosene del rispetto delle regole e degli altri bagnanti?
    Troppo faticoso andare oltre la foce del fiume Potenza dove ci sono lidi e spiagge libere nelle quali è consentito l'accesso con i cani?????????????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'é una spiaggia per cani, mi dicono, anche a sud della Lega Navale.....

      Elimina
    2. Benissimo, però per tanti furbetti è più comodo approdare in pieno centro, con i loro quattrozampe nelle spiagge libere tra oasi e circolo della vela, ed è altrettanto furbetto da parte della locale polizia municipale scaricare il problema sulla delegazione di spiaggia, accampando la scusante che sono in pochi e in altri servizi affaccendati. Come sempre, va bene la tolleranza, la pazienza e la ragionevolezza, ma la ridondanza di atteggiamenti irrispettosi, cafoneschi e strafottenti ormai invalsi tra i bagnanti, è la prova provata del fatto che si preferisce soprassedere su tanti piccoli soprusi, finchè a forza di chiudere un occhio si diventa perfettamente ciechi e insensibili a ogni episodio di degrado.

      Elimina
  10. Falaschini Quirino8 agosto 2015 13:34

    Ma e' la foto dell'anno scorso?
    Ma dei " prendisole" lì sul posto nessuno si è sognato di chiamare i vigili?
    Mica fugge con quel rimorchio!
    Poi diciamo governo ladro magari!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. É una foto scattata nella spiaggia di Scossicci, ieri pomeriggio intorno alle 17.

      Elimina
    2. Falaschini Quirino8 agosto 2015 14:40

      Anche io ho pagato un paio di volte un pakistano con le rose( sempre lo stesso poi!) però a tutto c'è un limite e qui lo si passa vergognosamente da chi lo fa e da chi lo difende!

      Elimina
  11. tranquilli ci sono i vigili a multare e controllare. .........hahahahahahahha

    RispondiElimina
  12. Con i commenti permissivi di alcuni anonimi finiremo di affossare l'italia oltre a non pagare tasse suolo pubblico non spendono un euro l'economia non gira portano fuori solo valuta esentasse anche i nostri ambulanti non hanno posto fisso ma pagano l'occupazio e nei vari mercati e fiere ......questi sinistrizi del c...o chiedono lo scontrino x una bottiglietta d'acqua di un euro ma l'evasiione di questi abusivi va bene vergognatevi ....

    RispondiElimina
  13. Il troppo buonismo ci ha portato a questo. Siamo ormai ad un punto di non ritorno. Se dico a un venditore di rose o altro che non voglio la sua merce, basta una volta. Non glielo devo dire dieci volte e continua ancora mentre sei con la famiglia e i bambini. Basta! a tutto c'e' un limite. In periodo di mimose ti entrano dentro i.giardini, rompono i cancelli e spaccano gli alberi per vendere i fiori al semaforo! e' già successo e succederà ancora. Ai portorecanatesi con un po' di buon senso, va bene tutto questo???

    RispondiElimina