QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

mercoledì 24 giugno 2015

MARTIRE SABRINA

Perchè Sabrina Montali è caduta?  Perchè ha detto NO al Burchio.

Fa nulla se in quel consiglio comunale la votazione fu netta: 10 a 4 contro la costruzione del mega resort. Fa niente se tre assessori, poi dimessisi, in quel consiglio comunale votarono convintamente con la maggioranza. Fa niente se due di questi (Fiaschetti e Canaletti) durante il dibattito di quel famoso Consiglio Comunale di fine Novembre 2014 pronunciarono discorsi fortemente contrari alla cementificazione di quella collina.
Fa niente se il giorno dopo il Burchio, in Comune, l'intera maggioranza (con la sola eccezione dei due consiglieri del Pd che optarono per l'astensione, non per il voto contrario) brindò alla "cacciata dei russi".

Fa niente se nei mesi successivi la maggioranza fu dilaniata dai casi Presidenza Farmacia, Protezione Civile, accorpamento uffici.

Fa niente se proprio da quegli episodi iniziò il festival delle dimissioni più o meno concordate aventi il solo scopo di "dare una lezione" all'alleato (scomodo) di governo.

Fa niente se UPP ci augurava "Buona Estate" alla vigilia di Pasqua. Guarda caso nel giorno in cui Agostinacchio veniva nominato Presidente della Farmacia Comunale.

Fa niente se ci fu un rimpasto in Giunta, con l'ingresso di Palestrini, non proprio "gradito" da quelli di UPP.

Fa niente se, paradossalmente e incredibilmente, proprio sul Consiglio Comunale del Burchio di quel 21 Novembre la maggioranza di Noi Per Porto Recanati, forse per l'ultima volta, si dimostrò incredibilmente compatta. Con una votazione dagli esiti schiaccianti:  10 a 4 appunto.

Il messaggio che ora deve filtrare, da parte di Sabrina Montali, è quello che lei è la paladina della legalità. L'eroina della difesa del territorio. L'ultimo baluardo eretto in difesa di chi vuole prendersi la nostra città.

Tutto questo filtra, sul pezzo pubblicato ieri da L'INDISCRETO (che copia incolla un pezzo uscito da "Libertà e Giustizia" ) che trovate qui. E che ad un certo punto, in un paragone tra Roma - Mafia Capitale e Porto Recanati riporta:

Si capisce dai giudizi espressi dal segretario del Pd e presidente del consiglio e dalla ministra Boschi: entrambi mettono in dubbio la capacità del sindaco di gestire una città come Roma. “L’onestà è indispensabile ma da sola non basta, i cittadini chiedono che la Capitale sia gestita bene, Marino deve essere all’altezza di questa sfida ..solo lui può sapere se se la sente…” ha detto Maria Elena Boschi e quel “se” pesa come un macigno sul futuro di Marino come pesano le perplessità espresse da Renzi sulla sua  capacita di governare Roma.
Due sono per ora i membri Pd della giunta sul punto di lasciare. Due renziani, si dice. Dunque un sindaco eletto dai cittadini e che a quanto si sa è sempre stato ostile alle varie bande di mafia capitale può esser mandato a casa da ministri di un governo o da un segretario del partito. Ma come, il sindaco non è stato eletto dai cittadini? Ci si chiede.
La risposta è semplice. Ce lo spiega una giovane donna, Sabrina Montali, avvocata, che è stata per circa un anno sindaca del “natio borgo selvaggio”: Porto Recanati. E’ venuta a un incontro di circoli di Libertà e Giustizia e, sollecitata a farlo, in poche parole ci ha riassunto la storia che la riguarda. E’ stata eletta l’anno scorso con una lista civica, caratterizzando la sua  campagna sui temi dell’ambiente, della sostenibilità, del “consumo del territorio”, i temi della legalità e della lotta alla corruzione. Ha vinto le elezioni strappando il governo di Porto Recanati alla destra che l’aveva governata per una ventina di anni. L’ultima sindaca era stata  Rosalba Ubaldi dell’Udc.
Sabrina aveva da poco cominciato il suo lavoro di sindaca che sono cominciate ad arrivare lettere di minacce e intimidazioni di ogni genere. Poi, appena ha affrontato il capitolo di una lottizzazione in collina che lei era decisa a bloccare, la situazione è diventata incandescente: la sua giunta e la maggioranza hanno cominciato a scricchiolare, due assessori del Pd si sono dimessi, e poi anche i consiglieri di  opposizione si sono dimessi, tutti insieme da un notaio che ha certificato la fine della giunta di Sabrina. Il “natio borgo selvaggio” ora è amministrato da un commissario. Perché è caduta Sabrina? Le spiegazioni ufficiali dicono di un contrasto sulla riorganizzazione degli uffici. Ma a Porto Recanati nessuno ci crede. Sulla città pende l’incubo di una lottizzazione sul colle del Burchio: 34 ettari sui quali una società con capitali russi  ha progettato di costruire un grande albero a 5 stelle, piscina, campi sportivi, 40 ville. C’è stata una denuncia preoccupata di Italia Nostra. Il “no” della giunta Montali è stato netto: 10 a 4 e defezione di alcuni del Pd. Ma la società in questione non demorde e sul borgo selvaggio pende tuttora la minaccia del cemento. Sabrina spiega: combattere quella lottizzazione è stato il cuore della mia campagna elettorale, e i cittadini mi hanno eletta, non potrei mai tradirli. La società russa ha cercato di conquistarsi la simpatia promettendo scavi archeologici e scogliere. Ma nessuno crede che abbia rinunciato alle ville e al resort. Tutto forse è solo rinviato alla prossima giunta.

Molti (in primis Lorenzo Riccetti), hanno riconosciuto a Sabrina Montali il coraggio di una scelta difficile sul Burchio. E a prescindere se si sia contrari o favorevoli alla realizzazione di quel resort, su quella scelta, il coraggio, a Sabrina Montali, va riconosciuto.. Sabrina avrebbe potuto (come già preannunciato in campagna elettorale) prendere atto dei diversi pareri legali e consentire, con la sua giunta, il proseguo di un iter di autorizzazioni che era arrivato all'ultimo step. Non lo ha fatto. Esponendosi. E rispettando una grande fetta del suo elettorato che il Burchio non lo voleva e per la campagna "anti Burchio" si era fortemente speso.
Ma che ora si voglia far passare l'ex sindaco come martire colpita dai grandi poteri, dopo che la sua coalizione ha trascorso i 6 mesi successivi al Burchio a litigare su ogni argomento all'ordine del giorno da Dicembre a Maggio, è una operazione non veritiera, subdola e poco corretta.
Sabrina Montali non è caduta sul e per il Burchio. Sabrina Montali è implosa sotto i colpi inferti dai membri di una coalizione che non aveva un comune filo conduttore. E che non poteva stare costruttivamente insieme.
I martiri, quelli veri, sono un'altra cosa.


45 commenti:

  1. Ancora vittimismo....ma ammettere di avere messo insieme un gruppo troppo eterogeneo...che infatti ha litigato su tutto e con tutti ....noooo per carità , meglio dare la colpa agli altri è più comodo!!!!

    RispondiElimina
  2. Premetto che credevo nell'amm.ne Montali,e ho letto ieri.... lo avevo giudicato un po' troppo mistificante e riduttivo,demagogico e non attinente alla realta' dei fatti,di tutto quello che e' successo al Porto ...ma cosa si pensa che le persone non si facciano le proprie idee in merito e che siamo pronti a bere l'ennesima bibita "rinfrescante" parafrasando potrei scrivere "Agghiaggiande " (cit.) poi al paragone con il PD di Roma, ho incominciato a ridere a piu' non posso.... un giornalista che scrive una cosa del genere lo dovrebbero scritturare per scrivere le puntate di star wars...

    RispondiElimina
  3. Ma non ci si vergogna neanche un pochino? Ma per favore.. e poi ci sono una serie di errori: la prima "giovane donna" ...e de che!! che ha 50 anni a Settembre... "il natio borgo selvaggio" è Recanati e non Porto Recanati!!...e non è una sottigliezza

    RispondiElimina
  4. Giovane donna?????

    Da quando si è giovani over 50 ???

    Ma la Montali mente pure sull'età?

    RispondiElimina
  5. Montali , puoi solo andare a parlare fuori paese perchè qui non ti si crede più nessuno! Perchè vedono quale è stato il risultato di un anno di (mala) ammonistrazione

    RispondiElimina
  6. E' il solito avvocato civitanovese che con le sue idee vendoliane appoggia Sel e quindi la ex giunta Montali, non si capisce perchè non pensa a Civitanova e a Peppe Vento invece di cacciare il naso su argomenti che non gli sono propri. Io vorrei vedere lui come si sarebbe comportato se avesse chiesto illustri pareri su un argomento qualsiasi e avesse avuto delle risposte uguali. Riportare il piagnisteo di Sabrina e di UPP facendoli apparire delle vittime sacrificate dal PD è una vera e propria mistificazione,: Lor signori sono caduti per la loro superbia ed arroganza mettendosi contro tutti e tutto, sbandierando la scusa del cambiamento per aumentare i l proprio potere, facendo battaglie a prescindere senza minimante curarsi dei danni economici che sarebbero potuti venire alla citta e ai soi abitanti. Non si può amministrare una città facendo propaganda ideologica e fomentando il populismo fregandosene del bilancio e delle ricadute sui cittadini.

    RispondiElimina
  7. Cari signori la sera della palestra Diaz è iniziata la campagna elettorale!!!!
    Niente può fare colpo se non un vittimismo esasperato e una difesa ad oltranza di cose che prendono alla pancia di chi ha creduto nel cambiamento.
    Io penso che tutti noi che abbiamo votato il cambiamento abbiamo bisogno di una forte autocritica e di una umiltà che ancora non si vedono.
    Per ripresentarsi di nuovo non basta puntare il dito su tutti ci vuole la capacità di capire quello che è necessario per il paese tutto.
    Cari amici non si può dire sempre no e non scendere mai a mediazioni, e ricordatevi che chi vince è il sindaco di TUTTI.

    RispondiElimina
  8. Ma chi cazzo si crede di essere sta ex sindaca che in un dibattito a senso unico ,dove ci sono interlocutori che non conoscono la benché minima realtà di Portorecanati ,aldilà della vicenda HH che è da anni alla ribalta nazionale, si mette a paragonare Roma a noi poveri ultimi della scena politica nazionale.
    Solo una che gli rosica un bel po' la cacciata dal palazzo può fare certe allocuzioni tendenziose ed irriverenti nei confronti di noi cittadini, considerati gente inferiore e capaci solo di manipolare o farsi manipolare da politici di genere mafioso o corrotto.
    Ben gli stà ad essere andata a casa anzi tempo, e ben gli stà la rosicatura e che se la curi col malox , tanto per fargli capire che lei a PR non ha più futuro politico.
    Mi dispiace essere cosi cattivo, ma non se ne può più di pietismo di sentire cazzate a destra e manca di Iceberg o quant'altro di pseudo immerso e vedere gonzi che si beano di parole messe qua e là di ex consiglieri che se stessero zitti e ritornassero a fare il loro mestiere ,farebbero più contenti i loro familiari.

    RispondiElimina
  9. ma domandatevi : perchè un commissario straordinario venuto da ROMA (!!!!!!!) coadiuvato da uno di macerata, il PD che è complice con l'opposizione a fare cadere la giunta......ecc

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un complotto di sicuro! MA SVEGLIATEEEE!!! Quello di MC è quello ufficiale, l'altro l'ha messo il Min dell'Interno per monitorare al meglio gli amici tua dell'HH.
      Patetico/a

      Elimina
  10. Ma cosa si pensa che con la storia dei " Poteri Forti" e del "Burchio" la popolazione pensa che sia tutto vero.....
    Allora cominciamo nel dire che il primo passo che Riccetti e quindi UPP, hanno già fatto quello che la Fermanelli pensava di Canaletti e cioè il bacio di giuda scaricando la Montali, secondo diciamocela tutta la verità una volta per tutte la Giunta è caduta per colpa del comportamento di UPP e della sua incapacità nel governare il paese e mettere i bastoni tra le ruote, ai colleghi di maggioranza ............

    RispondiElimina
  11. Il Burchio è superato con una forte maggioranza e adesso rispunta ? Forse la Montali ha paura dell'esito della sentenza del 02 luglio? .........

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ha paura solo la Montali.

      Tutti quelli che hanno votato la delibera consiliare sul Burchio, cominciano a sentire il fiato sul collo con l'avvicinarsi della sentenza del TAR.

      Con annessi e connessi. Molto pesanti.

      Elimina
    2. Un'amministrazione deleteria,fallimentare.!! Non dimentichiamo le cause " cercate".

      Elimina
    3. Quella abita al di la del fiume !!!

      Elimina
  12. Falaschini Quirino24 giugno 2015 15:23

    Far cadere legalmente una giunta prima della stagione e' stata definita una schifezza.( come se a tagliare l'erba tappare le buche ecc.ecc. lo facessero i consiglieri e non gli operai del comune).
    Accomunare Portorecanati a Mafia Capitale a stagione iniziata come lo vogliamo definire?
    Sinceramente sono deluso e incazzato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quirino non so dove tu abbia abitato negli ultimi 20 anni, dovresti sapere che il clendario degli eventi estivi viene deliberato e approvato dall'assessorato al turismo e dalla giunta comunale. Non vedi che c'è difficoltà anche per concedere un'occupazione di spazio pubblico ad un bar adesso che c'è il prefetto. Gli operatori comunali intervengono su impulso degli assessori o comunque dei responsabili degli uffici. Certo che della macchina amministrativa c'hai una grande conoscenza eh!

      Elimina
    2. Per precisisare , mi riferivo ad una leggenda metropolitana che i primi giorni dalla caduta della giunta era stata messa in giro!
      Lo so che l'input parte dagli assessori e dai consiglieri ma i capi servizi ci sono( quelli sopravvissuti !) , se poi adesso ci si trova pressati per varie cose si può sempre dire che bisognava svegliarsi mesi prima a 360*!
      Della macchina amministrativa conosco poco,infatti avevo dato fiducia ad alcune persone che sicuramente sono più esperte ed hanno piu tempo di me ma che avevano un pragmatismo contaminato da altre cose!

      Elimina
  13. Sono sempre i soliti ignoti a parlare come diceva il mitico totó ma è ora che questi azzeccagarbugli parlino nei tribunali x il loro lavoro e ci lascino in pace non ci capiscono proprio niente di come si amministra

    RispondiElimina
  14. ...e niente....ero indecisa se ci facesse o se ci fosse proprio......a questo punto opto decisamente per la seconda.....

    RispondiElimina
  15. Concedi troppo, caro Argano, e in più confondi il coraggio con l'incoscienza. Come puoi dire che ha coraggio un sindaco che di fronte alle clamorose rotture attuate da UpP in tutti i campi non ha mai avuto il coraggio di reagire e imporre la sua autorità di sindaco? A uno che come Riccetti dice pubblicamente, sui giornali e su tutti i blog di questo mondo, che Sabrina Montali ha regalato la presidenza della farmacia ad Agostinacchio perché l'aveva voluta come candidato sindaco fregando il posto a lui; a uno che dice queste cose io gli avrei ritirato tutte le deleghe. A un sindaco che di fronte a un caso come il triangolo Riccetti.Reboli-Poeta non prende nessun provvedimento e che non spiega chi abbia autorizzato il suo vice a prendere quella iniziativa, si può ancora riconoscere del coraggio? Non era il caso, secondo te, Argano, di ritirare le deleghe al suo fac totum? A meno che l'operazione non fosse farina del suo stesso sacco. In tal caso avrebbe dovuto essere lei a dimettersi una volta che il caso è venuto alla luce. Se volevano M5S in maggioranza dovevano rivolgersi al movimento non a Poeta. Comportamenti di questo tenore non depongono per niente a favore della legalità e della tanto sbandierata trasparenza. Lo strappo del Burchio lo tratti come una forma di coraggio perché (lascia che te lo dica,Argano) eri d'accordo anche tu. Riconoscendo coraggio a Sabrina ammetti implicitamente che anche tu ne hai, ma non ti rendi conto che con ciò avalli le tesi di Riccetti, e cioàè che a dire no al Burchio c'era da rimetterci. Che cosa, vivaddio? Il potere e quindi la possibilità di governare. E allora, Sabrina in versione Argano è veramente una martire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh no. Che tu venga fare a me questo discorso, lo trovo ridicolo.
      Io ho detto e scritto che per prendere la posizione che ha preso Sabrina sul Burchio, giusta o sbagliata che poteva essere, ci voleva comunque coraggio.
      L'informazione che il blog ha fatto sul "caso Burchio" é stata ritenuta equilibrata sia dai membri della amministrazione comunale che lo hanno bocciato, sia dai vertici della Coneroblu, con i quali ho avuto occasione di confrontarmi. Ho provato, in quei giorni, ad affrontare tutti gli aspetti della materia. Cosa che qualche altro organo di informazione non ha fatto.
      Per quanto riguarda il post Burchio, mi sembra che da questo blog si sia sempre costruttivamente criticato l'operato della amministrazione Montali. E quello di Upp dentro la maggioranza. Per cui non capisco cosa vuoi dirmi.

      Elimina
  16. Assist per gli ultras Ubaldiani?
    Risposte terra terra...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di terra terra ci vedo solo l'ex giunta che armati di zappa e vanga vadano a fare quello che più gli si addice!...altro ci hanno provato ma non faceva per loro. Stammi bene :-)

      Elimina
  17. L'unica speranza che ha la sinistra portorecanateseè che fra un anno ci si dimentichi dei danni fatti e si torni a votare non per il bene della città,ma per apparteneza politica.
    Non sarebbe la prima volta che la sinistra nasconde le proprie magagne cercando di dare le colpe ad altri.
    Con l'elettorato che ha ci riesce quasi sempre.
    Per capire la politica occorre avere memoria di ciò che hanno combinato questi compagni di merende.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. c'hai la memoria corta ..... tu me sa .....prima di questo famigerato anno era tutto rose e fiori ?

      Elimina
  18. Ragazzi ma perché non abbiamo il coraggio di dire come stanno le cose? Non basta un anno di brutture montaliane per riabilitare un pessimo operato ubaldiano. L'unica speranza per rivedere la luce è auspicarsi che i protagonisti della scena politica locale degli ultimi 20 anni, spariscano per sempre. Ubaldi Montali Riccetti Paccamiccio Sirocchi Cingolani Zoppi Canaletti Fiaschetti e compagnia cantando. Ci dovrei mettere anche Palestrini, ma è un giovane super trombato della politica fin'ora. Gli do ancora una chance!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma chi fa le cose? risposte per favore: proposte e nomi a te favorevoli, non buttiamo a pizze e fichi tutto. Grazie per una tua concreta proposta.

      Elimina
    2. Ad esempio nel settore turismo, coinvolgere chi sulla capacità di attrarre pubblico ci ha costruito un impero, come la famiglia Ascani, sulla cultura obbligatoriamente mi rivolgerei a Lino Palanca, sullo sport, abbiamo la fortuna di avere un grande campione dello sport impegnato nel commercio locale come Meoni, per le consulenze legali ed avvocatura, abbiamo come cittadino onorario il Prof. Coppi, sulla tutela del verde, ormai sono in tanti a porto recanati ad avere un contatto diretto con Mr. Green, per il bilancio ed i lavori pubblici, diciamoci la verità...fanno tutto gli uffici gli assessori ci mettono la voce sulla dettatura. Altro che assessore al bilancio migliore degli ultimi anni. Dopo questi nomi hai capito che fine fanno i vari Ubaldi, Paccamiccio, Zoppi ecc.? Ti basta?

      Elimina
    3. Bravo, mettili insieme in una lista e fai in modo di vincere le elezioni, se ci riesci!

      Elimina
    4. sì fantascienza. Coppi, dopo la figura di merda che gli hanno fatto fare l'anno scorso, quando tramite lui era stato ottenuto il patrocinio della PRESIDENZA DELLA REPUBBLICA per il Palio e poi il Palio è saltato...... vallo a cercare dài.

      Elimina
  19. A.mo 17:03, mettici il tuo cognome, la tua faccia, rischia anche il tuo c..o, creati un gruppo, fai una lista, vinci le elezioni e poi governa la città....per fortuna vige ancora la democrazia ed ognuno vota chi vuole. 2.700 persone hanno voluto un cambiamento l'anno scorso, terminato nel modo vergognoso che sappiamo, causato, senza offese, da incapacità di governare, da ineguatezza, da incompetenza amministrativa, da inefficace modus operandi, da eccessiva disomogeneità, da palese inesperienza... Spero invece che Porto Recanati abbia al governo persone di spessore, capaci, istruite, di esperienza specifica, e perché no, anche politica, che sia pronto ai passi necessari ed urgenti di cui la nostra città ha bisogno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anonimo delle 8:49 mi tiri in ballo per mettere la faccia e il cu.o ma sostanzialmente sei d'accordo con me. Le amministrazioni degli ultimi 6/7 anni sono state deleterie per il nostro paese. Persone incapaci amministrativamente e politicamente. E dunque non auspichi una completa epurazione di questa gente?

      Elimina
    2. Generalizzare non è sintomo di attenta analisi. Come in ogni famiglia ci sono i buoni e i cattivi e non posso dire che nelle ultime amministrazioni ci siano stare solo persone mediocri. Ne salvo alcuni e auspico che chi non ha curriculum non venga proposto ad amministrare la città, quando non ha saputo gestire neanche sé stesso o la propria famiglia o il proprio lavoro.

      Elimina
    3. bisogna togliere l'iniziativa di proporre i candidati sindaco ai partiti perchè sono corrotti e sono capaci di attrare e proporre elementi compiacenti,se viene fuori una candidata come la Montali devono subito defenestrarla perchè non addomesticabile.i partiti non svolgono più il ruolo assegnato loro dalla Costituzione,devono CHIUDERE!

      Elimina
    4. Caro 12.44 e chi li dovrebbe proporre i candidati sindaci?
      Illuminaci!

      Elimina
    5. bisogna cambiare il sistema che permette ai partiti di coprirsi uno con l'altro,un buon sindaco non può venire da chi è corrotto, colluso e campione di rimborsopoli.la gente non va più a votare per lo schifo che prova verso costoro.allora il sindaco ideale va cercato fra i migliori talenti,professionisti,manager che MAI abbiano avuto a che fare con i partiti.chi difende i cittadini non può far parte di queste associazioni ...

      Elimina
  20. Ma quindi il fatto che ci fosse il legale rappresentante di Conero Blu in piazza a congratularsi coi consiglieri dimissionari, e' una pura casualita'? Argano, non starai peccando di ingenuita'?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ingenuità?
      Dal notaio sono andati Fiaschetti e Canaletti.
      A firmare la caduta della Giunta Montali.
      Vai sul sito del comune. Trovati la delibera di Consiglio Comunale relativa al 21/11/2014 (consiglio Comunale sul Burchio). E leggiti cosa dissero Canaletti e Fiaschetti in quella seduta. E come votarono.
      Poi vediamo chi è ingenuo............

      Elimina
    2. Quindi il fatto che ci fosse quel legale rappresentante nello stesso luogo, stesso giorno, e stesse ore e' un puro caso. Contento te....

      Elimina
    3. Quindi, quel giorno, hai per caso visto Canaletti e Fiaschetti parlare con quell'alto dirigente della Coneroblu? No, non li hai visti. Hai visto quell'alto dirigente della Coneroblu stringere la mano al Consigliere Feliciotti. Ovvero all'unico esponente del PD che già 4 mesi prima delle elezioni si era espresso sul Burchio in una certa maniera. E nonostante si fosse esposto in una certa maniera, nel Consiglio Comunale sul Burchio, non votò in maniera antitetica alla Montali e a Riccetti ma optò per l'astensione.

      Elimina
  21. Premesso che la mia famiglia, per fortuna, non campa di turismo né diretto né con l'indotto, tuttavia in quanto cittadina sono fortemente incazzata con la Montali che, pur di farsi notare in qualche modo, non esita a gettare ancora monnezza su Porto Recanati. già ci hanno fatto fare la figura di melma con la storia di Salvini quando siamo andati su tutti i tg nazionali, adesso ci mancava l'accostamento a mafia capitale.... fossi un operatore turistico, o un commerciante, la menerei volentieri. a lei e ai suoi sodali.

    RispondiElimina
  22. Caro Ano delle 10,17 io ci metterei:
    Sarti; Burgnich, Facchetti, Bedin, Guarneri, Picchi; Jair, Mazzola.......
    La GRANDE INTER
    La politica è una cosa seria, di omuncoli e donnicciole basta,


    RispondiElimina