QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

venerdì 19 giugno 2015

L'ASSEMBLEA DI UPP (PART TWO)

Siccome qualche buontempone ha pensato bene di accusarmi per non aver assistito fino alla fine alla Assemblea Pubblica di UPP finita ad orario proibito per chi, come chi vi scrive, alla mattina si alza molto presto, ora, grazie alla registrazione video che si può trovare sul sito di Radio Erre, sono riuscito a prendere visione e ad ascoltare quello che mi sono perso. Penso pertanto sia corretto riassumervelo. In maniera da rendere il racconto di quella serata completo.


Maria Elena Fermanelli ha chiarito alcuni aspetti riguardanti l’amministrazione condominiale dell’Hotel House. Ha specificato come di fatto l’amministratore condominiale in carica, un po’ per suo problemi di salute un po’ per sue inadempienze, di fatto avesse trascurato appunto l’amministrazione del Palazzone. Per questo la Giunta Montali aveva deciso che l’unica misura da porre in essere potesse essere solo quella della amministrazione giudiziaria del palazzo. Che avrebbe consentito di ripianare i debiti regressi e di adeguare a standard funzionali che potessero garantire la sicurezza igienico sanitaria degli abitanti. Il 23/7 ha riferito la Fermanelli, il tribunale si esprimerà in merito alla amministrazione giudiziaria.  La ex consigliera con delega all’integrazione ha poi ricostruito la sua attività relativa appunto alle relazioni dei numerosi migranti che abitano nel nostro paese con la cittadinanza stessa. Ha ricostruito come tutte le sue attività non avessero previsto l’esborso di neppure un centesimo da parte delle casse comunali. Attività portate avanti dal suo stesso operato e da numerose ore e giorni di ferie dedicati appunto ad occuparsi di integrazione. La settimana arancione è stato il culmine di questo suo agire. Una settimana nella quale si è anche istituita la “consulta dei migranti” e si è data voce agli abitanti del palazzo. Si è poi dedicata ad illustrare come i vari sportelli dedicati al “sociale” istituiti dalla amministrazione di cui faceva parte, continuando a garantire determinati servizi , per il loro funzionamento hanno di fatto comportato dei risparmi rispetto al passato. Per cui ha giudicato le critiche relative al fatto che secondo una diceria popolare si fossero sperperate risorse pubbliche in questo settore, assolutamente infondate.
Sempre la Fermanelli ha parlato a nome della Consigliera Guerrina Stefanelli, assente per un viaggio di lavoro. Ed ha ricostruito la vicenda dell’assistenza agli scolari sugli scuolabus. E’ stato rimarcato come continuando a garantire assistenza ai tre ordini di grado delle scuole, si siano di fatto risparmiate risorse ingenti. A fronte dei 32 mila euro spesi per un anno dalla amministrazione Ubaldi, l’amministrazione Montali per un anno e mezzo, per la stessa esigenza spendeva infatti 35 mila euro. Doveroso, in questo contesto, il ringraziamento della stessa Fermanelli ai LSU per l’impegno profuso in questo compito sui pulmini dedicati alla scuola elementare e media. L’ammnistrazione Montali, come noto, aveva infatti appaltato a specifica competente cooperativa l’assistenza alla sola scuola materna. Come la legge impone.

La Fermanelli è stata interrotta dalla Montali. Che riguardo alla visita di Salvini all’HH ha voluto precisare che si è voluta recare nel posto, quel giorno, anche in coerenza al fatto che il partito che l’aveva scelta (il PD) fosse presente con un suo senatore (il Sen. Morgoni). Qui è partita la stoccata della Montali al PD locale che è stato accusato di non seguire neppure i suoi dirigenti provinciali nel suo operato. La Fermanelli, nel chiudere questa parentesi, ha specificato che Porto Recanati è l’unico paese visitato da Salvini che non è stato interessato da indagini della Procura di Macerata. A testimonianza che comunque le cose si sono svolte nel rispetto della legalità.

Dopo la Fermanelli ha preso la parola Alessio Sampaolesi. Che ha illustrato come l’amministrazione di cui faceva parte appena insediata si è trovata a dover fronteggiare il problema della agibilità del nuovo campo sportivo (il sintetico). Che ha subito danni ingenti in seguito alla alluvione del 2011. E che fino ad ora ha una agibilità provvisoria concessa dal CONI. Alessio ha inoltre sottolineato di avere avuto buoni rapporti con tutti gli operai comunali (al contrario di quello che secondo lui si narrava in giro). Ha relazionato in merito ad un capannone di proprietà del Comune che lo stesso comune tiene inutilizzato alla periferia di Porto Recanati. Mentre contestualmente paga un affito ad un privato su altro immobile dedicato allo stesso uso. Ha poi riferito come sul capannone di proprietà del comune ci fossero dei mezzi pubblici inutilizzati sui quali però il Comune continua a pagare il bollo di circolazione.

Ha poi preso la parola Giuliano Paccamiccio. Ed è stato un fiume in piena. Nel senso che non ci è andato troppo per il sottile. In tutto il suo racconto, sia che si parlasse di difesa della costa, sia che si parlasse di scarichi da acque chiare o acque scure, il suo obbiettivo da porre alla pubblica attenzione e criticare aspramente, era sempre uno: il titolare dell’ufficio “quando si prende l’ascensore e si va all’ultimo piano di Palazzo  Volpini, si trova nella destra”. Cioè l’ufficio tecnico di Daniele Re.
Paccamiccio ha criticato Re sul caso Dicearco. Lo ha accusato di immobilismo. Ed ha ribadito che se non fosse stata per la Segretaria Generale che si è assunta la responsabilità al posto suo firmando il recesso contrattuale con la stessa Dicearco, avremmo perso i 4,2 milioni di euro di finanziamento. Ha altresì accusato Re di muoversi con straordinaria lentezza allorchè, ad esempio, era stata individuata delle maleodoranti fuoriuscite della zona davanti al Grattacielo Bianchi (ovvero due balneari che non erano correttamente allacciati alla linea fognaria). Ha riferito di come nel passato si siano buttati milioni e milioni di euro in ripascimenti. Perché la politica è stata cieca e sorda. E non capiva che solo con le scogliere si potevano veramente difendere le nostre coste. Sempre Giuliano ha riferito di come appena insediati abbiano preso atto della situazione in essere nei locali comunali della pescheria. Dove risultavano degli occupanti con contratti scaduti da quattro anni. E dove c’erano molti insolventi (occupanti che da tempo non pagavano gli affitti). Ma ha rimarcato come in un anno il competente ufficio (il solito,  a suo dire…) non si fosse mai premurato di voler fornire una situazione aggiornata dei contratti in essere e dei crediti insoluti. Ha poi aspramente criticato l’ex assessore regionale Giorgi, che a suo dire avrebbe appositamente rallentato l’iter burocratico di somministrazione fondi dei 4,2 milioni di euro. Perché “doveva farsi bella in campagna elettorale”.

Giuliano è stato interrotto da Sabrina Montali. Che sulla difesa della costa ci è andata giù pesante. Sabrina ha infatti parlato di “volontà politica  degli enti sovraordinati di ostacolare l’operato della sua amministrazione”. A suo dire dunque, si trattava di un comportamento doloso. E palesemente appositamente ostile. Ha infatti chiuso dicendo: “ di fronte a certe persone che incarnano interessi di così bassa lega non è possibile confrontarsi. Ci si contrappone per forza. Sono due mondi inconciliabili”


36 commenti:

  1. Parlate parlate ma tanto a casa co siete andate e solo per vostra responsabilità...

    Avete mandato tutti a quel paese.? Alla fine ci siete andati voi aff...o

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perchè per te è normale e va bene che la Ubaldi abbia dato tanto potere a un geometra che non poteva ricoprire quel ruolo? E perchè Dezi e canaletti ci tenevano tanto che Re mantenesse quel ruolo. Guarda caso il commissario non gli ha ridato il ruolo che la Montali gli ha tolto. Questo significa che DEZI e Canaletti vogliono la vecchia Repubblica, cioè quella del SONO UN AMICO DEGLI AMICI e anche voi siete loro sostenitori?

      Elimina
    2. A casa sono andati per due individui di cui il paese si dovrebbe vergognare, io li ho votati quei due perchè sono venuti a casa mia, mi hanno chiesto il voto e mi hanno detto che volevano il cambiamento e non volevano il burchio. Sono stati eletti con i voti dei cittadini che volevano queste cose.quindi la montali è andata a casa per queste due persone.........che non definisco

      Elimina
    3. Infatti gli onesti il più delle volte, perdono.

      Elimina
    4. Ma quello che dice il Papa nessuno lo sente? Perchè molti di quelli che scrivono sono cattolici o no.

      Elimina
    5. Scusate mi citate l'articolo di legge dove si dice che un geometra non può essere reaponsabile di un ufficio tecnico?

      Evitate di ripetere a pappagallo.le idiozie scritte da qualche anonimo.

      Elimina
  2. Almeno da come scrigi argano sampaolesi non si è fatto bello con la gestione del verde che il paese il verde è stato gestito scusa il trrmine ma veramente di m...a ed il risultato è davanti gli occhi di tutti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sia chiara una cosa: io nei racconti, devo sintetizzare. Altrimenti si dovrebbe scrivere un libro. Ma per chi vuole ascoltare parola per parola, come detto c'è il sito di Radio Erre che ha messo on line la registrazione video/audio della serata.

      Elimina
    2. Io non ero presente. Non so se sia colpa della registrazione ma dell'intervento di Sampaolesi non ci ho capito una mazza!!!

      Elimina
  3. ma nessuno si ricorda più dello stato di manutenzione della pista ciclabile all'altezza del capannone nervi ( zona MMontecatini) durante la gestione Ubaldi? Era un letamaio tra rovi erba alta, canne che occupavano il sentiero e merda dei cani. Ma andateve a rilegge i post.

    Pasquino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perchè la pista ciclabile di montatrice la ubaldi l'ha sistemata? Sono 6 anni che non ci possiamo andare!

      Elimina
  4. La colpa è sempre degli altri... Comportamenti dolosi x lei...poveretta!!! Ma su mpó ke nn stamo all asilo!!!!

    RispondiElimina
  5. Oh Paccamiccio e lascia spazio ai giovani.....

    RispondiElimina
  6. Paccamiccio dove se mette se mette male....ero curioso di leggere la sua dichiarazione dei redditi perché quella pubblicata quando era all'opposizione faceva.........ah ah ah andate a leggerla. .....

    RispondiElimina
  7. Argano nella tua relazione, non citi, quel famoso documento del PD con i suoi 10 punti, consegnato alla Montali qualche settimana prima che si votasse l'annullamento del burchio. Sono molto interessanti da visionare e commentarli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi hanno riferito di questa cosa. Ma nella registrazione di Radio Erre che andava dalla Fernanelli alla Montali non l'ho trovata. Ho saltato solo 2/3 minuti. Forse era proprio in quello spazio? Ad ogni modo quelli di UPP non mi hanno mai esteso quel famoso documento con i 10 punti. Se me lo mandano e lo ritengono pubblicabile, io lo pubblico!!

      Elimina
    2. PD voleva la farmacia a Senigagliesi.

      Riccetti vuole la portona di vicesindaco e ci fa pure lo svelto ... mentre Senigagliesi alla farmacia non va bene , per invece metterci il qualificatissimo agostinacchio

      Poi affronto più grave il PD chiedeva che fosse rispettato l'accordo iniziale che i consiglieri potessero partecipare in giunta.

      La poltrona di riccetti era dovuta , la PARTECIPAZIONE invece è un peccato mortale ... chi sa perchè ?

      Elimina
    3. Si leggiamoli sti dieci punti tanto scandalosi .
      Sono i dieci punti la causa della caduta Montali!
      Ah ah ah ah ah ah ah ah

      Elimina
  8. anonimo 19 giugno 10:28.....ma il verde pubblico nella precedente amministrazione era..più verde? non credo! basti vedere le aiuole del corso, da fare schifo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dillo al commissario

      Elimina
    2. Le palme erano verdi PRIMA... ora sono MARRONI

      (intendo le foglie)

      Elimina
  9. Paccamiccio che parla della situazione degli uffici ? Ma chi è il manager che ha salvato la Toyota ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il commissario non ha rimesso Re al suo posto, quindi è vero che negli uffici comunali va risistemato molto molto se non quasi tutto.

      Elimina
  10. Non sono I titoli di studio a fare un buon politico ma personalmente il requisito del diploma io lo metterei come condizione per candidarsi, e' solo un consiglio per quando si rifaranno le liste elettorali

    RispondiElimina
  11. Il verde pubblico tagliato solo a Montarice stranamente ......

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche nel quartiere Europa e a Sammari

      Elimina
  12. Io mi farò promotore di una lista civica che comprenda tutte le forze in cui le parole "buonsenso" , "dialogo" e " compromesso" non siano viste come bestemmie!
    Fate un po' voi i nomi di chi comprenderà!

    RispondiElimina
  13. Se si vuole amministrare la cosa pubblica almeno il diploma deve essere requisito obbligatorio. Altrimenti si corre il rischio di ascoltare alcuni "oratori" che non riescono a spiegare all'uditorio quello che vogliono dire.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. due avvocati non sono stati capaci forse è meglio meno studiati ma intelligenti,.

      Elimina
  14. Anche io la penso così, almeno il diploma per favore

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esame di grammatica e ortografia obbligatori!il pd chi candidera ?

      Elimina
    2. Se l'ispettore di esame sei tu, 19.11,sono tranquilli!

      Elimina
    3. più che l'ispettore a voi serve il commissario,ma quello l'avete ottenuto.
      adesso cercatevi un corso serale per semianalfabeti.

      Elimina
  15. ma non me pare che tutti li assessori dell'amministrazione Ubaldi avessero il diploma. E, per correttezza, non voglio fare nomi
    .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gaetà era buono comme assessore di Rosalba ... era buono per la farmacia della montali...

      Elimina
  16. fuori tema:la guardia di finanza ha messo i sigilli al balneare''fiore'' . il bugiardò è gia sul posto...

    RispondiElimina