QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

giovedì 14 maggio 2015

RASCHIANDO IL BARILE

Perdendo pezzi da tutte le parti, quel che rimane della defunta maggioranza, ieri si è recata dalle parti del Movimento 5 Stelle con una proposta che noi giudichiamo semplicemente oscena.
Staccare la spina, a volte, può essere sinonimo di dignità.
E la dignità andrebbe sempre preservata.

Riceviamo e pubblichiamo dal Movimento Cinque Stelle di Porto Recanati:

Il valore del No

Il 13 maggio 2015 il consigliere comunale Giammario Poeta ha ricevuto presso il suo studio linattesa visita di alcuni esponenti e sostenitori della maggioranza che gli hanno proposto la carica di assessore ai Lavori Pubblici, lasciata da Andrea Dezi nelle mani della sindaca Montali in seguito alla Delibera 97 approvata dalla giunta comunale dell11 maggio - in assenza dello stesso Dezi - per redistribuire incarichi allinterno dellorganigramma comunale.

In cambio dellassessorato Poeta avrebbe dovuto sostenere la traballante maggioranza, a prescindere da ciò che avrebbe potuto fare o non fare come assessore.

Poeta ha rifiutato lofferta, in linea con i principi del Movimento Cinque Stelle e con il cuore deontologico che lo contraddistingue dagli altri. Il gruppo che sostiene Giammario ha deciso che un pentastellato non avrebbe mai potuto lavorare costruttivamente a fianco di un insieme di persone che hanno dato prova di agire in modo disomogeneo, discordante, improduttivo è che hanno dimenticato che il loro scopo era aiutare la cittadinanza e non perdersi dietro diatribe dannose x il bene collettivo.
Tutto ciò considerato, il Movimento Cinque Stelle ricorda ai cittadini che il consigliere che hanno votato non ha nessun attaccamento alle poltrone del Palazzo, e invita Sindaco e maggioranza ad imitarlo.

Il Movimento Cinque Stelle di Porto Recanati

14 maggio 2015


23 commenti:

  1. Altro che Moliere! Questa è una commedia senza precedenti.
    E adesso, cosa si inventeranno?
    Staremo a vedere...

    RispondiElimina
  2. Ma l'opposizione cosa dice? Esiste nelle regole della politica dei comuni come Porto Recanati la possibilità di avere "governissimo"?
    Magari una giunta di larghe intese, se la legge lo consente ci porterebbe fuori dalle secche, ma ciò presupporebbe veramente un atto di altissima responsabilità e nobiltà da parte di tutti, tutti, tutti!
    Un'utopia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La legge elettorale dei Comuni non prevede che un Sindaco si faccia da parte per fare spazio a qualcun altro o a una coalizione di "volenterosi".
      La legge elettorale dei Comuni prevede che se il sindaco non ha più una maggioranza, vanno tutti a casa.

      Elimina
    2. Oppure Sabrina sindaca, Rosy vice, assessori Riccetti Sabbatini Zoppi Poeta, tutti gli altri come consiglieri con un 'unica grade felice serena "SUPERMAGGIORANZA"!!

      Elimina
    3. Ano 22:18 complimenti ai nomi che hai messo manca solo Roberto Carlino e poi siamo tutti!
      E' proprio il caso di dire che questo paese non offre sogni ma solide realtà...le stesse realtà che galleggiano alla fiumarella!

      Elimina
    4. ..era solo un'ironica battuta tragicomica!

      Elimina
  3. Che figura di merda

    RispondiElimina
  4. Ma è una commedia di De Filippo? ?

    RispondiElimina
  5. magari imparando gli accenti ed evitando di mettere le x al posto delle preposizioni almeno nei comunicati ufficiali...

    RispondiElimina
  6. Vergogna manifestiamo davanti al comune per mandarli a casa.

    RispondiElimina
  7. Alla faccia del "Si cambia davvero!!!". UPP ha dato prova di cialtroneria politica e di trasformismo tipico anni 80!... Andate a casa che è meglio!

    RispondiElimina
  8. quessi cercheranno di imbarcarsi pure la Ubaldi, tanto la legge elettorale non sanno manco dove sta di casa

    RispondiElimina
  9. non ci posso credere!!!!! che VERGOGNA INTERNAZIONALE ma dai SABRINA non ti puoi UMILIARE così inventati qualcosa di + DIGNITOSO

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì anonima 22:23 faje pure inventà qualcos'altro alla sindaca.....O.o
      Anzichè "Porto Recanati città di mare e turismo" sul cartello all'entrata fra poco troveremo scritto "Benvenuti a Fantasilandia - Paese di Buffoni"
      Alla Montali non je ne po fregà di meno...siamo noi che ci viviamo a doverci sentire UMILIATI !!!

      Elimina
  10. Come cittadino di Porto Recanati mi vergogno di essere amministrato da queste persone che in un anno di governo hanno dimostrato una bassezza morale da fare invidia ai paesi dell' Aspromonte! !!!!!
    Basta per favore non fatemi più vergognare di d'ore che sono portorecanatesi! !!!!!!!
    Basta basta basta basta!!!!!!!!°

    RispondiElimina
  11. Scusate, ho smesso di drogarmi da poco. Potete dirmi se quello che c'è scritto nel post è tutto vero oppure è frutto di qualche residuo di MDMA ancora in circolo?
    Grazie in anticipo

    RispondiElimina
  12. Ma se quessi vanno a casa, che fanno! Dopo ste figure sai che fuggi fuggi de clienti!! E se devi trova' lavoro, cosa metti nel curriculum, i post dell'Argano? Li vorrò vedere tutti, tornati "normali" cittadini, con che faccia si presenteranno in giro, loro e i loro compari che hanno affossato un paese, coperto di ridicolo una città senza nemmeno rendersene conto! Sembra proprio che fino ad ora hanno giocato a risiko o a monopoli....

    RispondiElimina
  13. Temperoni ringrazia sentitamente il gruppo UPP per avergli permesso di fare il presidente della farmacia ancora per un anno.

    RispondiElimina
  14. Finalmente uniti per le potrone ha dimostrato la bassezza di cui sono capaci.

    Forza vi manca davvero solo di andare dalla ubaldi, magari se vi convertite all'estrema destra fiasco e la leonardi li prendete però poi vi scappa la fermanelli

    Game over.

    RispondiElimina
  15. Sabrina per il bene di porto Recanati ma soprattutto per salvare la tua dignità stacca la spina a questa eutanasia politica. Sul serio ho sempre sostenuto questa maggioranza ma adesso avete proprio superato ogni limite. Avete fallito prendetene atto!!! Risparmiateci questi scenari grotteschi e patetici

    RispondiElimina
  16. non ci sono parole per descrivere uno sfacelo di questo genere e a ridosso della stagione estiva che rappresenta ossigeno per una città che tra mareggiate, terremoti, inquinamento ha già sofferto abbastanza. Per fare il sindaco ci vogliono: conoscenza del territorio in base ai bisogni reali dei cittadini e soprattutto la cooperazione all'interno del gruppo anche a discapito delle proprie idee o quantomeno capacità comunicative in grado di dimostrare l'efficacia delle proprie azioni. E' ovvio che tutto ciò non è mai avvenuto

    RispondiElimina
  17. Che le colpe vengano suddivise in modo imparziale. Non ci sono i puri, innocenti e i colpevoli. Meriti e responsabilità li dobbiamo cercare sia in chi ha guidato la barca, ma anche tra chi quella barca l'ha abbandonata all'indomani delle elezioni, pur essendosi presi degli impegni precisi con i cittadini. Ora il PD canta vittoria perché sono degli sconsiderato che con il loro comportamento hanno contribuito alla catastrofe insieme a tutti quelli che di volta in volta si impuntavano perché gli si calpestava l'orticello. La squadra non c'è mai stata PER COLPA di TUTTI quei fenomeni che litigano da giugno 2014, burattini irresponsabili, sia dentro la maggioranza che fuoriusciti.

    RispondiElimina