QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

martedì 12 maggio 2015

PLEIN AIR: MARCO PACELLA SFIDA IL COMUNE




La foto che pubblichiamo sopra, scattata ieri sera, è piuttosto emblematica. Ritrae l'ingresso dell'area camper Plein Air. Ovvero di quel posto salito da un paio di mesi all'onore delle cronache.  Quello che vedete appeso all'ingresso è il cartello che recita : "Proprietà Comunale". Ne deduciamo che se oltrepassate quella sbarra, siete sulla proprietà del Comune. Ma la costruzione che vedete avvolta dal nastro, è una di quelle che Marco Pacella dice aver eretto di sua iniziativa. E che ora vuole vedersi riconosciuta dal punto di vista economico.

Marco Pacella non sgombera completamente l'area del Plein Air. Dice insomma che ci sono delle strutture e dei lavori pagati di tasca sua. Che vanno quantificati. Ne deriva che l'area non è operativa. Fino a quando il Comune non subentra pienamente nel possesso. Consegnandola al vincitore del nuovo bando.
Il quale, a questo punto, dovrà pur far sentire la sua voce: non dispone di ciò che si è legalmente assicurato partecipando allo stesso bando e aggiudicandosi l'assegnazione dell'area.

Ricordiamo che il Sindaco Sabrina Montali, nella sua intervista a Radio Erre ha dichiarato che se i lavori effettuati da Pacella sono stati eseguiti in palese violazione di ciò che contrattualmente era stabilito dall'atto di concessione, lo stesso Pacella non poteva avanzare nessuna pretesa di rivalsa.
Ma Pacella non ne vuol sapere. Continua questa sua sorta di "occupazione" dell'area.

Come finirà? Dovranno intervenire Polizia Municipale o Carabinieri per far rispettare in pieno l'ordinanza di Sabrina Montali?
Nel frattempo l'area sta degradando sotto tutti i punti di vista. E' in completo abbandono. I camper che arrivano la trovano inutilizzabile. Sepolta da erbacce.

Urge un chiarimento. Non pensate?


24 commenti:

  1. Ma se i lavori fatti all'interno, casetta compresa, non sono mai stati autorizzati ufficialmente, non è che per caso sono abusivi? Altro che scomputo! Buttate giù tutto, fate pagare il pregresso e fate anche un multone per lavori abusivi! Quanto diavolo ci vuole?? Se invece è tutto in regola, fate due conti per lo scomputo e consegnate l'area a che se l'ha aggiudicata...o vogliamo aspettare settembre!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vogliono aspettare settembre a quanto pare

      Elimina
  2. Ma a Pacella chi lo ha autorizzato a costruire? Quindi deduco sia abusivo? Le solite pacche sulle spalle della precedente amministrazione?? Complimenti! Pacella sei ridicolo........ Pacella che ancora si ostina a parcheggiare in divieto di sosta...... ma finitela!!!

    RispondiElimina
  3. " Nel frattempo l'area sta degradando sotto tutti i punti di vista"
    Argano hai cominciato l'articolo sulla plein air e hai finito descrivendo lo stato generale in cui versa l'intero paese!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. invece il DEGRADO della pro loco che casca a pezzi con insegna esterna accesa notte giorno xmettere meglio in mostra sta STAMBERGA nella piazza principale del paese no???? che VERGOGNA INTERNAZIONALE!!!!!!!!!!!!

      Elimina
  4. così adesso fanno cagnara pure con Pacella e intanto non c'è più un'area camper funzionante con la stagione già partita. certo, paragonato alla situazione di spiagge e chalet crollati a nord e a sud del paese l'area camper è solo poca roba, ma tant'è..... come se movono fanno un casotto..... e neanche uno si può consolare dicendo "l'avete votati, ve li tenete" visto che ci va di mezzo un paese intero..... IETE A CASA, CUNTADI'!!!! p.s. Argano, come è finita la storia dell'ultimatum della Regione alla Protezione Civile?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io lo so' ( forse) .......ma aspetto la comunicazione.
      Non è bella cosa però!
      Se fosse vero le dimissioni sarebbero il minimo!

      Elimina
    2. Anonimo delle 10.54

      Invece di chiedere all argano come sta la protezione civile....perché non mi vieni a trovare che te lo spiego io come stanno le cose.
      E tu Argano....perché nn ci prendiamo un caffè insieme......
      Pasquale Telera.

      Elimina
    3. Tutti a casa, la protezione civile di Porto Recanati non c'e' piu' è stata radiata compresi i componenti.

      Elimina
    4. Scusate se vado fuori tema.
      Qualcuno sa dirmi dove ha vissuto Dezi in questi ultimi mesi?
      Leggo dal cittadino di Recanati che vorrebbe uscire dalla maggioranza perché non gli piace il modo in cui una parte della maggioranza vorrebbe fare il rimpasto del personale in special modo l'ingegnere Re.
      Ma se il suo ex partito ha avuto problemi ed è uscito dalla maggioranza e' proprio per il modus operandi di questa amministrazione!
      Lui in quale mondo e' vissuto fino ad adesso?

      Elimina
  5. Se arrivano i camper e trovano il campeggio chiuso ... andranno in un altro campeggio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non era un CAMPEGGIO, ma era un' AREA SOSTA CAMPER...l'unica a Porto Recanati che fosse nota di essere chiamata tale! In un campeggio si paga a persona, piazzola corrente, scarico, ecc tutto separatamente e possono stare camper, roulotte e tende..è un'altra cosa. Lì c'era un servizio che è stato eliminato e molti turisti saranno obbligati ad andare altrove e non sostare in città!

      Elimina
  6. Anke il punto cosmari resta kiuso....e noi a scossicci dove cakkio li prendiamo i sakketti se veniamo ol fine settimana? Ce li portiamo da casa...altro ke microchip

    RispondiElimina
  7. SONO MARCO PACELLA
    Caro Emilio Pierini, la inviterei a parlare di Pro Loco quando parla di area sosta o cose inerenti all'Associazione. io sono il Presidente e non l'Associazione. I miei comportamenti sono nel solo interesse dell'Associazione, che si vede discriminata e attaccata senza motivo da una Amministrazione che ha come solo obbiettivo l'abbattimento di chi parla e agisce fuori di una loro ideale orchestra . La mia preoccupazione è che ora tocca alla Pro Loco poi .
    I suoi commenti hanno un basso profilo populistico e scandalistico, un buon cronista deve indicare i fatti soprattutto verificandoli da ambo i lati e non soltanto da dove si può avere più rumore. Nonostante che io la conosca da quando aveva i pantaloni corti , Lei non si è mai degnato di chiedere la nostra verità.
    I vari post letti in questo periodo sono una massa di insulti personali, fatti da omuncoli, che riescono solo a giocare se coperti dall'anonimato.
    La Pro loco continuerà a lottare per le sue ragioni.
    Sono sempre pronto a confrontarmi con Lei caro signor Pierini e con tutti quelli, che sanno solo sparlare , io e l'Associazione, anche sbagliando in alcuni casi, ci mettiamo la faccia, dimostrate voi mettendoci la vostra di essere capaci . In questo mondo ce posto per tutti e più facile distruggere che fare.
    La saluto e le ripeto sempre pronto ad un incontro che lei e con tutti gli omuncoli anonimi, specialmente quelli abituati ad INCASSARE.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Pacella, il blog è a disposizione. Come sempre. Come ho sempre fatto con tutti. Puoi inviare quello che vuoi. E io pubblico. Non censuro nessuno. Neppure te.

      Elimina
    2. Sig. Pacella, invece di prendersela con l'Argano o con noi miseri anonimi (dimostrando per altro scarsa comprensione del senso di un blog) perché non usa le sue manine per dirci come stanno le cose, visto che ci vuole mettere la faccia? Ci dica, a noi omuncoli (o donnuncole) la sua verità circa i lavori, le ditte, l'ammontare delle fatture, i bilanci, gli scomputi, le presenze giornaliere e stagionali dichiarate , etc etc.. Ci tolga i dubbioni su quanto si chiacchiera in giro! Ci tappi la bocca con la sua tastiera!

      Elimina
    3. Praticamente un martire !!!!

      Elimina
    4. pacella intanto spiegaci xchè non spegni sto cacchio di insegna vergognosa di giorno che fa proprio ridere xnon piangere xchè non spegni xquale motivo? non paghi tu enel?

      Elimina
    5. Pacella, credi che ci siamo dimenticati di te? Pubblica atti sul tuo profilo Facebook, o su quello sella ProLoco! Dimostra coi documenti e non con le chiacchiere, perché sennò, il dubbio ci rimane! Vogliamo credere in te, dacci prove per farlo!

      Elimina
  8. Quanto sta accadendo con l'aria in questione rispecchia a piè pari la fine che fanno tutti i provvedimenti che l'amministrazione Montali sta prendendo, sul burchio pendono diversi ricorsi al Tar e la previsione è che nonostante San Gabice Mare non finirà molto bene, la fiumarella a sentire la stampa non si vede la strada, la protezione civile, siamo in attesa di non si sa che cosa, la difesa della costa, ancora tutto in alto mare, la bandiera blu, non si sa quando la rivedremo, il tessuto sociale lo stiamo distruggendo, i centri di aggregazione sono stati invitati a provvedere autonomamente al pagamento degli affitti e delle utenze con prospettiva di sicura chiusura, le spiagge sono ancora sporche le strade sono piene di buche, l'erba nei giardini pubblici e nelle strade è alta, i bagni pubblici sono inesistenti, dentro palazzo Volpini è tutta una cagnara, ho paura che questa volta non ce salva manco Busmì se dice al porto.

    RispondiElimina
  9. incassare???? Ah ho capito a chi tocca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Incassare: colui che incassa ovvero colui che iscuote o mette dentro LA CASSA.

      Pasquino

      Elimina
  10. Marco, ma perché non pubblichi le spese e quanto la pro loco ha dato alla città. Se è tutto chiaro non vedo problemi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. pro loco =grasciaro!!!!!!!!

      Elimina