QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

domenica 12 aprile 2015

IL COMUNICATO DEL PD

COMUNICATO DEL PD DEL 11/04/2015

 

Per il Partito Democratico i precetti della politica sono quelli del diritto di Ulpiano: “vivere onestamente, non offendere nessuno, dare a ciascuno il suo”.

Sin dall'inizio del nostro percorso politico con questa maggioranza sono sorte problematiche tanto che sono state subito disattese le proposte e i programmi che avevamo per la città.

Perché impegnata in spartizioni di potere.
Le nostre opinioni riguardavano soluzioni di problemi oggettivi per la città, ma l'incapacità politica di muoversi su più fronti istituzionali e l'essere dei principianti hanno creato difficoltà sia interne che esterne dettate a volte da logiche caratteriali e personalismi.
Il PD in data 09/04/2015 ha protocollato un lettera indirizzata al sindaco Sabrina Montali per esprimere per l'ennesima volta la propria insoddisfazione riguardo la partecipazione del partito a livello informativo e propositivo all’attività di giunta e consigliare.
Tale partecipazione rimarcata più volte nel programma elettorale prevedeva chiarezza, trasparenza e collegialità di tutte le decisioni.
A fronte di questa problematica il PD attende una risposta netta e chiara al fine di evitare iniziative politiche spiacevoli e salvo che non si voglia fare a meno di un partito che rappresenta il 40% dell'elettorato locale.
C’è da sempre una precisa volontà e convinzione nel PD: rendersi utili alla città di Portorecanati.
Il PD ribadisce che non è interessato ai giochi di potere che si stanno consumando a Palazzo Volpini in questi giorni, soprattutto ponendo l'attenzione sul comportamento tenuto dall'assessore Dezi, il quale non ha proferito parola per difendere la sua allora segretaria e capogruppomentre si è dimesso per difendere la posizione di Agostinacchio e chissà se nel suo lungo peregrinare non sia approdato a Paese Vero ???
Il PD è deciso nel non avanzare nessuna pretesa ne a livello di incarichi istituzionali ne a livello di incarichi su partecipate, nella convinzione che bisogna far leva su idee e proposte per risolvere le problematiche della città, in primis la difesa della costa, il porto, l’immigrazione con annesso hotel house, la scuola, l’occupazione, l’associazionismo.
Non è la spartizione del potere che può dare risposte all’immobilismo in cui è precipitata la città, ma è solo nel confronto di idee e progetti, anteponendo l’interesse pubblico all'interesse privato che possiamo dare un futuro ai porto recanatesi e risollevare la città.
La politica deve essere serva e non padrona, deve essere al servizio della comunità e non di esigenze personali, é ora di cambiare veramente modo di fare, è ora di lavorare per il futuro di Porto Recanati, non per favorire qualcuno, ma per fare proposte e dare soluzioni.


 

 

21 commenti:

  1. Non prendere nessuno straccio di incarico può anche voler dire tenersi le mani libere...

    RispondiElimina
  2. Manca la firma. L'aggiungo io.
    PINOCCHIO
    Ma, aggiungo, non è lo stesso PD di Porto Recanati che ha preso le distanze per non aver ottenuto nuove deleghe, presidenza di farmacia ecc. ecc. di cui alla richiesta di 10 punti presentata alla Montali?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. forse il PD ci credeva nella coalizione e voleva bilanciare lo strapotere di alcuni gruppi, anche perchè legittimato da 2437 voti presi alle europee ed aver rinunciato al 2° assessorato, poi 8 di quei 10 punti erano per favorire la trasparenza e la collegialità caro ano delle 11 e 38, se sei così informato dilla tutta la verità, altrimenti fai a figura del quaquaraqua.

      Elimina
    2. Si è lo stesso Pd che nei dieci punti dopo aver rinunciato ad un'assessorato in nome dell'equilibrio, chiedeva trasparenza,analisi dei problemi prima di decidere,chiedeva la presidenza della farmacia,ecc.......ops ma non sono le stesse cose che adesso gli eroi di allora ci si tirano gli stracci e cercano di uscirne puliti?
      La faccia una volta stava in testa adesso dove sta?

      Elimina
    3. A ridaje con 'ste Europee. E come parlare dell'Inter quando si chiamava Ambrosiana o come dire che il Parma è più forte della Juve.

      Elimina
  3. Bravo PD, è ora di finirla con le manfrine e i giochi di potere, è ora di far ritornare la città al centro dell'azione politica, questa crisi pilotata a ridosso della stagione estiva fà ribrezzo, comunque vada a finire il paese ne uscirà con le ossa rotte, i Portorecanatesi sapranno chi votare la prossima volta !!!!!

    RispondiElimina
  4. Certo che voi dirigenti del PD avete proprio la faccia come il sedere, ora dite che non siete interessati ne'( che si scrive con l'accento) a incarichi istituzionali ne' a presidenze di partecipate. Ma chi ha preteso un consigliere all'astea e chi pretendeva la presidenza della farmacia nonché un secondo assessore, non eravate voi? Ora dite che il Sindaco e la giunta hanno disatteso il programma proposto è firmato per il governo della città. Ma vi siete scordati come vi siete comportati sulla questione del Burchio? Lo stop allo scempio del cemento invasivo nella nostra e vostra città non era ai primi punti di quel documento elettorale che anche voi avete sottoscritto? Ora ci volete dare ad intendere che siete i puri della politica Portorecanatese? Ma siate onesti con voi stessi, perché a noi cittadini non PIACE ESSERE PRESI PER I FONDELL!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro 12.23 il secondo assesore aspettava il Pd per voto elettorale ( 4 eletti),l' astea ha deciso il sindaco,per il Burchio ci siamo attenuti a quello detto dal sindaco nella prima conferenza alla Dilce vita.
      C' eri? Le sai le cose?
      Non sparare ca...te tatuate in testa.

      Elimina
    2. Allora, se il pd voleva il secondo assessore, upp ne doveva avere almeno 3. Fatte le proporzioni, 5 eletti, 1500 preferenze, upp 3 assessori, pd 2, niente agostinacchio, niente fiaschetti.

      Elimina
  5. Bravo PD finalmente avete tirato fuori i denti oravi rrimane una sola cosa di fare buttare fuori quello che gli abbiamo dato una fiducia illimitata quello che era il nostro assessore DEZI poverino a me a volte mi da l impressione che non gli ci arrivano le cose nella capoccia !!! Che fine gli sembra di fare ?!!!!

    RispondiElimina
  6. Che la politica deve essere serva e non padrona lo dici tu, Argano, o il Partito democratico? Chiunque sia, dove lo ha sentito dire? Guai se la politica fosse serva e non padrona perché si aprirebbe la strada a tutti i demagoghi di questo mondo. La politica è e deve essere sommamente padrona, anche se solo in termini di architettura istituzionale e di monopolio delle decisioni. E chi vorresti far padroni,i avvocati come quelli che occupano Palazzo Volpini? Dio ce ne scampi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È un comunicato del PD. Cosa c'entro io?

      Elimina
  7. Penoso, sul loro programma c'era scritto NO AL BURCHIO e il PD ha fatto di tutto per farlo approvare.......non c'è riuscito, amen.

    RispondiElimina
  8. PD= polli d'allevamento

    RispondiElimina
  9. niente incarichi? ....ASTEA
    Firmato
    Pinocchio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, certo. Ma quell'incarico era antecedente alla famosa richiesta di 10 punti sostenuta ee sponsorizzata dalla Lambertucci e Magnaterra. Adesso vogliono apparire tutti come delle verginelle ingenue.la verità è che sono dei lupi famelici al pari degli pseudo socialisti.

      Elimina
  10. "A fronte di questa problematica il PD attende una risposta netta e chiara al fine di evitare iniziative politiche spiacevoli e salvo che non si voglia fare a meno di un partito che rappresenta il 40% dell'elettorato locale."....Quindi è un ricatto? Bravo PD...Una bella tiratina di orecchi a questi discolacci e indisciplinati della giunta! Ma pensi veramente che ti staranno a sentire? Se hanno un mimimo di buon senso lo dovrebbero fare!
    Rappresentanti del 40% dell'elelettorato ? Vero, sull'onda del fenomeno Renzi (di quel "fenomeno" di Renzi). Ma oggi, se si riandasse alle urne, caro PD il 40% te lo sogni. Ergo, non ti ci mettere anche tu a buttare benzina sul fuoco, perchè o lo strappo si ricuce (cosa molto articolata da farsi e da mantenere) oppure salta tutto e la soluzione a tutti quei problemi reali a cui ti riferisci si allontanerebbe ulteriormente...
    E la prossima volta caro PD, non penso che starai alla maggioranza. Credo che per il momento i portorecanatesi un'altra chans la debbano concedere obbligatoriamene, anche tappandosi il naso...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mettiti il cuore in pace anonimo delle 16:07, perché il PD vincerà le Regionali di Maggio ed anche le prossime comunali quando ci saranno, nonostante i tuoi pensieri contrari.

      Elimina
  11. Vorrei fare un po' di chiarezza per quanto riguarda l'incarico ricevuto dal PD all'astea, quell'incarico non è stato chiesto dal partito ma è stato assegnato dal sindaco senza neanche preavviso, chiedere a Sabrina Montali per conferma, per quanto riguarda il burchio, il PD si è attenuto a quanto affermato da sempre,secondo quanto detto in conferenza stampa dal candidato sindaco Sabrina Montali cioè che era contrario ma che bisognava analizzare le carte, gli avvocati interpellati dal partito hanno dato i pareri da tutti conosciuti, nonostante questo e nonostante il feroce attacco del sindaco in consiglio comunale il PD non ha votato contro la maggioranza ma i suoi due consiglieri per responsabilità sono usciti dall'aula. Le elezioni regionali ci diranno se i PD manterrà la forza elettorale delle europee. prevedo che la prossima volta parecchi degli attuali amministratori non staranno in maggioranza, con la figura che stanno facendo non mi pare che abbiano dato dimostrazione di avere un alto senso delle istituzioni. Non si tratta di uscire puliti da una situazione disastrosa, si tratta di rimarcare ancora una volta quanto da sempre ribadito, cioè che che la città va governata con collegialità, che le decisioni debbono essere condivise da tutta la maggioranza, perchè la politica deve essere al SERVIZIO dei cittadini e degli elettori quindi serva degli stessi e non padrona di interessi personali.

    RispondiElimina
  12. Turandosi il naso lo diceva Montanelli per non far vincere i comunisti. Siamo d'accordo, ano delle 16.07, ma devi dire qualcosa di più. Di certo c'è soltanto che non possiamo farci fottere dagli avvocati. Sei d'accordo almeno su questo? E' da ipocriti parlare del Pd come fosse la causa di tutti i mali di questa amministrazione composta da inetti guidati dal malanimo verso chi invece è attivo e propositivo. Lo si è capito già il giorno dopo le elezioni, ma che fossero anche in cagnara l'uno contro l'altro nessuno se lo aspettava. Forse avremmo dovuto avere più fiducia nel Pd quando decise di prendere le distanze dal club degli avvocati. Gente che è riuscita a parlar male di se stessa in consiglio comunale pur di affermare la propria sfiducia nel popolo. Ma mostrandosi come paladini della legalità, ovviamente. Se i portorecanatesi avessero i coglioni li dovrebbero buttar fuori dal comune a forza di calci in culo. .

    RispondiElimina
  13. Bravo P D meglio rimanere fuori da questi galli del pollaio tanto domani andranno tutti sotto braccio lascia che il tempo passi si stanno tirando le piume da soli voi non dovete assolutamente entrare in questo caos sono troppo bravi a farlo da soli. Carissimo PD non vi ricordate come si sono comportati in consiglio nei vostri confronti la cattiveria era alle stele adesso tutti possono dire tutto o fare tutto che la Regina li giustifichera perche altrimenti dovra andare a casa. Comunque un consiglio alla sindaca rifletti questo non e il tuo ruolo non lo sai fare ritorna ad essere la persona di prima che eri molto meglio o almeno sapevi nasconderlo bene.

    RispondiElimina