QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

martedì 19 marzo 2013

L'ACCESSO (PROIBITO) AGLI ATTI

Recentemente, con questo post avevamo segnalato quanto riportatoci da Donato Caporalini, in riferimento all'inadeguatezza di come sono stati eseguiti e portati a termine i lavori per il rifacimento del ponte autostradale nel quartiere Montarice.

Riceviamo ora una segnalazione dal gruppo consiliare di opposizione "Uniti per Porto Recanati", dalla quale prendiamo atto che lo stesso gruppo, più di tre mesi fa (per la precisione in data 17 dicembre 2012), aveva fatto richiesta di accesso agli atti proprio per ricevere chiarimenti riguardo a tale progetto, non ricevendo risposta da parte dell'Amministrazione comunale. Pubblichiamo la prova di quanto sopra, che a nostro avviso determina una vistosa anomalia nel normale processo democratico:



Di seguito, il comunicato di Uniti per Porto Recanati sulla vicenda denunciata nelle colonne di questo blog:


8 commenti:

  1. Vorrei sapere se l'attività dell'opposizione si esaurisce con questo comunicato. Evidenziato il ritardo, e poi?

    RispondiElimina
  2. Ma che dire se a suo tempo circa cinque anni fà nell'ufficio tecnico del nostro Comune sono arrivati quattro scatoloni con il progetto di allargamento dell'A14 "terza corsia" e che nessuno ci ha messo le mani , li c'era tutto il progetto comprese barriere fono assorbenti e la revisione dei ponti.qualche carta l'hanno vista ,per questioni professinali ne ho visto i timbrati di visura dei tecnici comunali,ma pensate che da circa tre km di barriere fono assorbenti , viste ed approvate ache dalla ASUR ne sono state fatte non più di 500mt.e che la zona PEEP in fase costruzione non ne è protetta,che cosa c'è da meravigliarsi se il ponte di Montarice sulla predella riservata ai pedoni è stato infisso un gard rail in acciaio che preclude il passaggio, e che essendo l'unico ponte tra montarice alto e basso
    crea difficoltà a chi vuol fare una tranquilla passeggiata .
    Anche quì si nota la scarsa capacità amministrativa del nostro Paese , mandamoli a casa di migliori ne troviamo tanti .
    E quando dico mandiamoli casa ,mandiamoli tutti opposizione compresa,i primi per incapacità ,l'opposizione per i piagnistei incocludenti derivata dalla protervia del loro capo buon ragazzo ma incosapevolmente negato a gestire la cosa pubblica.
    Geronimo

    RispondiElimina
  3. Gruppo Consiliare Uniti per Porto Recanati21 marzo 2013 09:55

    Come gruppo consiliare ci siamo dati la regola di non rispondere mai a qualsiasi critica o osservazione che non consenta di risalire alla persona che scive.
    Questa volta abbiamo deciso di derogare al principio al solo fine di dare una spiegazione alle ragioni della scelta. Se si chiede all'opposizione cosa intende fare dopo le pubbliche denuncie (che per altro costituiscono già espletamento del ruolo di controllo che gli spetta) è altrettanto legittimo domandarsi se l'attività di chi si nasconde dietro l'anonimato o dietro pseudonimi di comodo si esaurisce ad una critica vigliacca fatta senza neppure il coraggio di metterci la faccia.
    Del nostro capogruppo si può dire che è un bravo ragazzo, cocciuto quanto negato a gestire la cosa pubblica, ma di "anonimo" e di "Geronimo" che cosa possiamo dire? Non possiamo dire neppure se sono bravi ragazzi o vecchi cattivi, se sono persone serie, se hanno dei sani principi, se hanno avuto un passato specchiato; non possiamo giudicarli come possibili amministratori ma neppure come possibi uomini in quanto NON sono. Neppure possiamo dire se siano buoni padri, lavoratori onesti, o cittadini modello e questo è molto importante perchè la storia di ciascuno di noi racconta buona parte di ciò che siamo o intendiamo diventare e perchè ciascuna predica ha un valore in considerazione del pulpito da cui viene pronunciata.
    Certo potremmo dire a Geronimo che ha una strana concezione del rulo che istituzionalmente deve svolgere l'opposizione che è appunto quello di "opponere" non certo quello di gestire la cosa pubblica (compito che notoriamente spetta alla Giunta e più in generale alla maggioranza di governo). Quanto ai giudizi sul nostro operato ciascuno può dire la sua ma è piuttosto scontato che le opinioni non sono nulla se non si sà chi le stà dando. Se ad esempio Geronimo fosse un assessore sotto mentite spoglie (è solo un esempio) il suo giudizio sarebbe del tutto scontato in quanto interessato. Ma un'altra cosa ci preme sottolineare, non pensate ci posa essere una piccola differenza fra chi ha avuto il coraggio di scrivere e firmare di pugno la lettera alla società che ci stava "regalando" il giro d'Italia chiedendo di conoscere chi fosse il vero finanziatore, ovvero chi ha scritto al Sig. Bertolaso in persona denunciando che la sala operativa che aveva visitato il giorno prima non c'era più e che forse serviva solo a reperire dei finanziamenti?
    Non abbiamo ricevuto la solidarietà di Anonimo e Geronimo neppure quando, schierandoci contro i potenti locali e denunciando politiche clientelari ci siamo trovati sotto processo a titolo personale e pure in quell'occasione non abbiamo piegato il capo ma abbiamo agito per difendere, non certo noi stessi ma, soprattutto il diritto di libera manifestazione del pensiero e di critica politica.
    In tutte queste occasioni, ma potremmo citarne così tante da riempire decine di pagine, non abbiamo riconosciuto nè anonimo nè geronimo, e non ci siamo mai mostrati vigliacchi. In ogni battaglia abbiamo sempre dichiarato con fierezza chi eravamo e cosa pensavamo per questo non pretendiamo di sentirci miglior di nessuno ma ci offenderebbe a morte se qualcuno ci definisse "anonimi" o "geronimi".
    Il Grupo Consiliare Uniti per Porto Recanati.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutto questo pippone per dire semplicemente che avete messo la sveglia ad un anno dalle elezioni? Meglio tardi che mai si direbbe! Adesso vedete di fare il vostro lavoro che a Porto Recanati l'opposizione in questi anni l'ha fatta più l'ex presidente di Sammarì che voi.

      Elimina
  4. E' stata posta una semplice domanda che meritava una semplice risposta. Denunciato il ritardo, e poi? Tutto il resto è fuori luogo.

    RispondiElimina
  5. Come direbbe Tonino "ma che c'azzecca?"

    RispondiElimina
  6. Bene forse il Gruppo non sà cosa è un Blog,ma questo non importa , certo è che si hanno accusato di vigliaccheria chi scrive (anonimo o Gronimo che sia.......) ,ma sicuramente non dicono di essere scarsamente informati ,per loro volontà su piccole ma evidenti cose che sin da tempo remoto erano palesemente note, e mi riferisco alle barriere fono assorbenti ed i lavori sul ponte dall'A14.
    Io volontariamente non dico chi sono ma certe "piccole cose " da semplice cittadino le dico e le scrivo e sicuramente non offendo i pubblici amministratori, gli dico solo che sono scarsamente capaci , magari non faccio inchieste su chi su come si fà un Giro d'Italia, ma quanculno non sà neanche fare il Giro del Paese, e come ho scritto in una mail oggi alla redazione, il paese si limita a tre confini Fiumarella, Potenza ed ultimamente Montarice , visto che lì è diventato il quartiere dei Notabili cittadini.
    Strano, ma la Vostra risposta mi sembra avere suscitato interesse più sulle persone che sulle cose, sintomo che il vecchio sistema di accusare o inveire sulle persone, più che valutare i fatti nel concreto è e sempre sarà ancora per molto la bandiera di UNITI per Porto Recanati.

    RispondiElimina
  7. Se le persone non possono più porre domande o tanto meno un giudizio POLITICO per nulla offensivo, credo non ci siano più i presupposti della democrazia.
    Questo Blog consente l'anonimato come libera forma di espressione. Nessuno è obbligato a commentare o replicare,ne a spiegare le ragioni del perchè si commenta (soprattutto se tediose) anche nel caso di attacchi, sempre che ci fossero. Poi, se si vuole rispondere a prescindere, beh, ognuno è artefice del proprio destino. Il nostro Sindaco ad esempio, è stato oggetto in diversi post e commenti di questo blog a forti e aspre critiche, politiche e personali, nulla a che vedere con "inconsapevolmente negato a gestire la cosa pubblica", essendo personaggio pubblico ha accettato le regole del gioco.
    Non è pertinente ne importante sapere se l'Anonimo o il Geronimo siano o meno buoni padri o quant'altro. A chi interessa? Ciò appartiene alla sfera personale e nessun essere umano si può permettere di giudicare. A meno che qualcuno si senta più grande del Creatore. Non sono stati espressi giudizi o attacchi che scendessero sul personale, è stata posta una domanda ed è stato messo in luce un episodio, tutto ciò è stato etichettato come "critica vigliacca", evidentemente bisogna porre solo lusinghe.
    Mi sarei aspettato più una risposta volta a chiedere delucidazioni su quanto affermato o un invito a denunciare, e non una narcisista sviolinata non richiesta.
    Mi spiace, ma certe volte a non rispondere si fa figura più dignitosa.

    RispondiElimina