QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

giovedì 8 novembre 2012

PDL WANTED

E va bene che tra un po', continuando di questo passo, i sondaggi li daranno molto vicini al 10%.

E va bene che in Sicilia, quello che una volta era una sorta di feudo berlusconiano, nelle recenti elezioni regionali hanno portato a casa un terzo dei consensi espressi nel 2008.

E va bene che il loro leader sta attraversando uno dei momenti più cupi della sua esistenza, arrivando quasi a chiedere scusa agli italiani per non aver potuto fare di più per combattere la crisi (sempre negata) quando era al governo.


E allora la domanda sorge spontanea: "ma il PDL a Porto Recanati esiste ancora???" Insomma, ha un coordinatore? Ha un proprio comitato direttivo? Se sì questo comitato, ogni tanto si riunisce? E quando è stata l'ultima volta che un suo portavoce o coordinatore ha detto la sua su una determinata problematica del nostro paese a mezzo stampa? Noi, quel momento storico, non lo ricordiamo neppure più. Eppure il partito esprime ancora un senatore della Repubblica. Anch'egli molto taciturno nell'ultimo anno.

Che cosa li ha colpiti? Un sentimento di rassegnazione? Un inevitabile adagiarsi verso un peggio che non sembra mai finire? Fatevi vivi ragazzi. Appena 4 anni fa eravate il primo partito in paese!!!!!

Battete un colpo!!!!!!

P.S. A proposito, il segretario del PDL Alfano ha recentemente confermato che il 16 Dicembre si voterá per le primarie del centro destra. Questo presuppone che anche a Porto Recanati si dovrà mettere in moto una certa macchina organizzativa. Siamo curiosi di vedere se ciò avverrà. Almeno, finalmente, vedremo chi sono quelli del PDL, a Porto Recanati........

Perchè siamo così scettici? Perchè è scettico pure Berlusconi (almeno così dice la Santanchè....)

 

Non ce ne volete, ma occorre fare un update a questo post. Perché oggi, Silvio, ha parlato.......

 

8 commenti:


  1. Tralasciamo per il momento il PDL nazionale,per quanto riguarda quello locale,esso è morto il giorno in cui non ha avuto le palle di far cadere la giunta quando la zarina ha annunciato che si sarebbe candidata con l'opposizione.
    Si è visto chiaramente che i politici locali pensano solo alla loro poltrona.
    Da una parte la zarina ha calcolato che non avrebbe avuto un posto in provincia se non con l'appoggio della sinistra.
    Quindi con la coerenza che contraddistingue il suo partito,ha cambiato casacca,ma non ha lasciato la poltrona a Porto Recanati.
    Il senatore non ha avuto le palle di chiedere la sfiducia del sindaco,probabilmente perchè non sapeva come potevano ancdare a finire le cose.
    L'onore e la fedeltà alle promesse non è di queste figure.
    Credo che difficilmente il PDL portorecanatese riuscirà a farsi votare da qualcuno che non sia uno stretto parente di questi faccendieri.
    Zona PEEP docet.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo che in un mondo di senza palle almeno tu le abbia, ma da come scrivi ho dei dubbi in proposito. Una cosa è certa di politica ne mastichi poca!!!!

      Elimina
    2. Io scrivo quello che penso,non quello che mi conviene.
      Se ne sei capace,argomenta invece di scrivere corbellerie.
      Magari tu masticassi politica come me,che non sono affiliato ad alcuna cosca,e ne sono onorato.
      Prova per una volta a far funzionare i tuoi neuroni,e vedrai le cose sotto una luce diversa,sempre che tu ne abbia.

      Elimina
    3. Per dirti se ho i neuroni mi devi spiegare cosa sono e a cosa servono perchè ignorante come sono non riesco a capire queste parole cosi impegnative.
      Comunque nonostante io non sappia se di neuroni ne abbia o no tu di politica ne mastichi poca

      Elimina
  2. In tempi non sospetti avevo asserito che il PDL era un partito di plastica, usa e getta. Non mi sbagliavo.

    RispondiElimina
  3. Qui mi sembra che siamo tornati ai tempi della Democrazia Cristiana quando tutti ne dicevano peste e corna, nessuno ammetteva di votare per quel partito ma poi per 50 anni è stato il partito di maggioranza in Italia. Mi sembra che stia succedendo lo stesso con la Pdl (partito che personalmente non mi è affatto simpatico) ma evidentemente se è dai primi anni 90 che sta in parlamento e pe molto tempo è stato il partito di maggioranza evidentemente qualcuno lo ha votato anche a Porto Recanati. Il problema è che in Italia ci piace stare sul carro dei vincitori e siccome attualmente la Pdl sta perdendo consensi allora tutti le danno a dosso.

    RispondiElimina
  4. Emanuele De Chellis10 novembre 2012 14:35

    PDL??!! CHI, COSA, DOVE!??!?!
    HAHAHAHHAHAHA!!!

    RispondiElimina
  5. Non scherziamo perchè il problema è serio. Q!uesto PDL, ridotto in queste condizioni, "governa" Porto Recanati o, almeno, dovrebbe farlo.
    Ho l'impressione che, se questo è il modo di discutere, la nostra cittadina non farà molta strada.
    Per dibattere, ci vuole coraggio civico, altro che le cosiddette "palle". E poi, che truce linguaggio maschilista.

    RispondiElimina