QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

sabato 27 settembre 2014

ITALY IN A DAY

Un gigantesco blob di vita quotidiana. Un mix di sentimenti anche antitetici tra loro: gioia e tristezza, malinconia e speranza, ma sempre con toni ottimistici sullo sfondo. Un docufilm nel quale l'amore , sotto ogni forma, é rappresentato nelle varie sequenze. Un pieno di bellezza dell'Italia, dell'operosità, del genio, della voglia di crederci, della delicatezza e della generosità di una nazione unica. Il tutto scandito da un ritmo di montaggio che alla fine ti prende per la gola, ti trascina, ti emoziona e quasi ti fa piangere, fino a lasciarti senza fiato. Tutto questo é Italy in a day, ultima opera di Gabriele Salvatores, andata in onda questa sera su Rai Tre e salita all'onore delle cronache anche locali per contenere due meravigliosi video girati dal nostro Giuseppe Silvestrini.

Un grazie a lui. Per quel 26 Ottobre 2013 che non dimenticherà mai. Perfetta sintesi di un paese unico. E di gente speciale.

Grazie Peppe.

Per la foto si ringrazia Cronache Maceratesi.

 

 

 

14 commenti:

  1. Siamo allo strappa lacrime, a quanto leggo. Già che ci siete, dite pure che su Rai Storia stanno riesumando il libro Cuore, e l'Italia è fatta. Non in un giorno ma in tv. Ci vogliono i coglioni d'acciaio per venir fuori da questa situazione, non i piagnistei o gli spot a profusione sul più bel Paese del mondo, il più bel campionato del mondo, la più bella Costituzione del mondo, il cibo più buono del mondo e via così di schifo in schifo nel Paese del melodramma e dell'operetta.. .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "e via così di schifo in schifo" come scrivi tu, il solito......
      Mai frase più azzeccata ti rappresenta in pieno.

      Elimina
    2. l'invidia a questi livelli è solo una malattia e purtroppo non c'è cura

      Elimina
  2. Dispiace constatare con i fatti,ma non per colpa del blog,che se si parla di gossip politico i commenti si sprecano,mentre se si parla di cose serie i commenti sono pochissimi,ad eccezione di quei uno - due che proprio non possono fare a meno di sputare su tutto prova fattibile di chi in testa ha solo cacca!

    RispondiElimina
  3. Ti dispiace, Argano, essere considerato conformista? Sì, sono sempre io, e se vuoi possiamo incontrarci privatamente. Conferma e mi farò vivo io. Ci sono tante cose da mettere in chiaro e sappi che io non sono per niente un conformista. .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non perdo tempo con quelli come te

      Elimina
    2. o 10.41 sarà mejo allora la notizia dello spaccio di cui sotto....quannu leggi se robbe sai cuntentu e godi ?

      Elimina
  4. se qua e là fra le macerie di questa realtà nasce qualcosa di buono non è il caso di infangarlo...i riflettori tornino su questo ragazzo che sembra abbia grande talento...

    RispondiElimina
  5. No sembra, il talento ce l'ha proprio e inoltre e' anche un ragazzo a posto...

    RispondiElimina
  6. Complimenti Peppe!!!! Spero ke questo sia x te solo l'inizio x un'altra bellissima avventura!!!

    RispondiElimina
  7. Giuseppe Silvestrini29 settembre 2014 09:21

    Grazie Argano e grazie a tutti. Dispiace leggere commenti di persone che pretendono un'Italia migliore usando però toni e parole dell'Italia peggiore. Sono progetti come Italy in a Day a far tornare la voglia di lottare per un'Italia più grande e sinceramente, nei miei pensieri, non c'è posto per quelli come voi. Detto questo, ancora grazie a tutti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Silvestrini, complimenti a te per la bella performance. Ma io credo che Italy in a day sia più che altro un fatto estetico e che non per questo migliorerà gli italiani. I quali sono così superficiali proprio perché hanno posto nell'estetica (la stessa religione cattolica è un fatto estetico) e nella retorica la loro ragion d'essere. Non ce l'ho con te, anzi ti faccio i miei più sinceri complimenti, ma con l'idea che traspare anche su questo blog che ogni valore debba essere trattato alla maniera del libro Cuore. Sai, penso proprio che certe lodi sappiamo di conformismo, per cui ci si compiace che tu sia nel film documento di Salvatores senza averci capito niente e magari senza averlo nemmeno visto. .

      Elimina
    2. Errare é umano. Perseverare é diabolico. Questo é un blog che sta sul cazzo a molti perché prova ad essere costruttivamente critico. I commenti spesso lo arricchiscono. E forniscono quella dose di pepe che incuriosisce. Poi, ci sono quelli come te. Che essenzialmente scrivono per fare incazzare tutti. Riuscendoci.

      Elimina
  8. Mi rivolgo all'anonimo delle 14,08 e a chi la pensa come lui. L'Italia vera è quella del film, il libro cuore è tutt'altro, perché è ferita, amareggiata delusa e con mille problemi ma spera ancora, sogna ancora. Questo è il messaggio. Nel film ci sono stati momenti tristi, di dolore e di sofferenza ma anche momenti allegri e spensierati. Come ti permetti di dire che chi lo ha lodato o non lo ha visto o non ci ha capito niente? Semplicemente la pensa diversamente da te. È possibile sai? Per fortuna! Aggiungo infine che la religione Cattolica non è assolutamente un fatto estetico, lo sarà per te non per chi ci crede fino in fondo e la vive fino in fondo. Spero tu sia un adolescente così avrai modo di crescere, ma se sei già adulto la vedo dura.

    RispondiElimina