QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

lunedì 28 luglio 2014

PALIO SI O NO?

Importante riunione oggi a Palazzo Volpini tra amministrazione comunale, Ente Palio e rappresentanti delle ciurme. A quattro settimane dall'evento (quest'anno, tra l'altro, si celebra il ventennale), sembrano ancora moltissime le questioni irrisolte che mettono in dubbio la manifestazione. Toccherà al primo cittadino Sabrina Montali mediare e trovare un accordo. Nel frattempo molti nostri commentatori hanno rilevato il piccolo conflitto di interessi di Alessio Sampaolesi, capo ciurma di Montarice e come tale firmatario di un documento piuttosto duro che poneva l'accento sulle problematiche relative alla manifestazione e, nel contempo, consigliere con delega allo sport. Come dire: colui che pone il problema e nel contempo dovrebbe risolverlo al fianco del sindaco.

Vedremo cosa si deciderà oggi. Nel frattempo, come al solito, vorremmo che magari voi lettori avanzaste proposte relative a questo evento. Per migliorarlo, o, se proprio non piace a nessuno (o a pochi), ripensarlo in maniera decisamente diversa.

 

 

53 commenti:

  1. stendiamo un velo pietoso su tutto con un anno di pausa e ripensamenti
    arrivederci al prossimo anno con le proposte e la manifestazione riveduta e corretta in mano ai ragazzi che corrono

    RispondiElimina
  2. RISPOSTA ALLA DOMANDA :
    PALIO NO

    RispondiElimina
  3. Ce ne faremo una ragione se non faranno la corsa del pesce ...

    RispondiElimina
  4. Meglio eliminarlo del tutto: ha perso di mordente da almeno una decina d'anni e non interessa né ai cittadini né ai turisti.

    RispondiElimina
  5. Coraggio fino in fondo,no al palio,per il cambiamento radicale

    RispondiElimina
  6. E' la volta buona per dire basta, e non c'è bisogno di imbrigliare Alessio Sampaolesi in questa vicenda che si trascina da troppo tempo.

    RispondiElimina
  7. MA COSA C'ENTRA SAMPAOLESI, SE IL PALIO E' MORTO PER COLPA DI QUESTO ENTE PALIO,8 ANNI FA?

    RispondiElimina
  8. viva le squadre che si ribellano a una dirigenza che fa quello che gli pare!

    RispondiElimina
  9. Palio si o no? NO

    RispondiElimina
  10. BASTA BASTA BASTA BASTA BASTA

    RispondiElimina
  11. Dite al Sindaco che quelli dell'ente palio li lassasse perde se non vole fa brutta figura.

    RispondiElimina
  12. festeggiare il ventennale 1995 - 2015 ( tra l'altro ci fu un anno in cui non fu assegnato mi pare )
    il prossimo anno , con tutto rivisto e corretto , sarà meglio.

    RispondiElimina
  13. RAGAZZI DITE NO
    UNA OCCASIONE COME QUESTA PER CAMBIARE NON VI CAPITA PIU' !

    RispondiElimina
  14. e basta cu stu palio , mancu fusse un affare de statu, cun tutti i prublemi che cemu

    RispondiElimina
  15. Ma Palio storico de che? Famo ride co sta buffonata...sostituiamolo con qualcosa di più coinvolgente...che ne so evento sportivo ecc.

    RispondiElimina
  16. sindaco segua il consiglio per il bene suo di tutta la comunità: se di recente ha rischiato di affogare in mare con quella organizzazione , con il palio potrebbe affogare in terra !

    RispondiElimina
  17. Un palio di corsa vera.
    senza pesce di qua e di là.
    sette quartieri,tre eliminatorie,due con due quartieri e una con tre.
    chi vince fa la finale a tre.
    ogni quartiere ha la sua monoposto,cioè un carriolo che si crea e si mantiene e modifica a suo piacimento.
    30chili di pesce chiusi e legati bene da ogni squadra(ognuno si prende le sue responsabilità).
    percorso a staffetta lungo una cosa giusta.
    meno fatica per tutti,meno elementi da trovare per la ciurma e via.
    VINCE CHI ARRIVA PRIMO!
    UN'AMENITÀ?
    Napoleone diceva che per mantenere la superiorità bisognava cambiare tattica ogni tanto.

    RispondiElimina
  18. I nodi arrivano al pettine!!!
    La sindaco ha chiesto consensi all'attuale dirigenza dell'ente palio, i quali vogliono rimanere in sella all'ente palio per motivi materiali facilmente intuibili....
    Nel frattempo qualcuno che guardava allo specchio è a andato da UPP gli ha offerto appoggio con la promessa di avere la nuova presidenza del palio e il manovratore di UPP usa Sampaolesi come grimaldello!!! Qesta è l'aria nuova!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Argano non credi che Pasquino 5 bellezze fa accuse senza avere uno straccio di prova? Scrivere che un Consigliere si presti a questi gioche tti è a mio avviso una calunnia.

      Elimina
    2. pasquino5s me sa tanto che hai ragione. Nel futuro Specchio e Gaia, così giusto per stare tranquilli. Regista Reboli.

      Elimina
    3. In due mesi Gaia è già quattro volte che compare con le sue iniziative pubbliche Sarà giusto così?

      Elimina
    4. Le associazioni, composte di volontari, non si criticano quando organizzano iniziative ma, al contrario, quando non perseguono il loro scopo attivandosi per adempiere al proprio statuto e al proprio obbiettivo. Le allusioni gratuite sul "presenzialismo", di una o più associazioni, sono assurde. Le iniziative di Gaia per i bambini sono interessanti e ammirevoli .Associazioni come Lo Specchio, il centro studi porto recanatesi, l' Uniporto, la banda solo per citarne alcune, cercano di promuovere la cultura in tutte le sue sfaccettature, come la musica e la letteratura. Cercano di mantenere viva anche l'identità del nostro paese e della nostra terra. Mi attendo ora il commento del solito anonimo che dirà che le associazioni sono inutili, che devono autofinanziarsi, che intorno ad esse gira un mondo occulto ecc....ecc.... A volte basta vivere certe realtà per rendersi conto che non si può fare di tutta l'erba un fascio.

      Elimina
    5. Che vuol dire per te volontario? Tale è anche uno che aderisce ad una setta o a una banda. Tutti da elogiare?

      Elimina
    6. 21.17,significa che nessuno prende un euro e fa tutto con le proprie forze. Zero contributi e non chiedono soldi alle famiglie. Ano 16,37 che figuraccia

      Elimina
  19. Troppo unanimismo in questi post per non sentirvi puzza di bruciato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro, quando arrivi a sentire la puzza di bruciato, l'arrosto se ne è andato già da un pezzo!
      "Si respira Aria Nuova"....bello lo slogan, però adesso ci sono i sostenitori da ringraziare!
      Bella rogna!

      Elimina
  20. Altro che "aria nuova" e "cambiamo davvero". Sono 2 mesi che lavorano solamente per dividersi i ruoli, le rappresentanze, le commissioni, a te questo, a lui quest'altro, a chi ci ha sostenuto quell'altro ancora. Il risultato è che sul sito del Comune trovi solo 2 delibere sputate e che i comunicati stampa degli ultimi giorni parlano di Madonne e fasce...dulcis in fundo vado a chiedere info sullo spettacolo di Brignano alla PROLOCO e ti trovo...la moglie dell'assessore...e vabbè MA ALLORA DITELO!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. detto il peccato dicci pure il peccatore

      Elimina
    2. caro Ano delle 18:29...vai a chiedere info pure tu e capisci da solo...senno che gusto c'è!
      Perchè vedi da chi ha sventolato grossi propositi sui giovani ci aspettavamo che magari gli spiccioli, xchè si parla veramente di spiccioli, della PROLOCO potevano essere destinati ad un giovane a cui magari potevano far maggiormente comodo e che nel contempo si faceva una qualche esperienza nel settore turismo...o veramente pensiamo che il problema principale dei ns. ragazzi sia la sala musica le piste per gli skate, vi assicuro da genitore che ci rinuncerebbero facilmente in cambio di un lavoro e qualche spiccio in tasca! Buona vita ragazzi!

      Elimina
  21. Argano, fate l'eco all'articolista sulla figura di Sampaolesi cadendo nel ridicolo.
    Cosa c'entra Sampaolesi in questa storia che vede tutte le squadre rivoltarsi alla sordità dei dirigenti dell'Ente palio. E' da anni che Sampaolesi riveste il ruolo di capitano della ciurma bianca. E' l'anima di un gruppo di ragazzi che hanno ben figurato vincendo diverse edizioni. Di colpo lo si incolpa di una certa incompatibilità con il nuovo ruolo di consigliere con delega allo sport. Non vi pare che i due ruoli siano ben distinti? Cosa c'entra lo sport con le manifestazione folkloristiche? State cercando di mettere in cattiva luce, al pari dell'articolista, notoriamente schierato, una figura schietta che non merita di essere trattato come un politico navigato che cerca di ottenere vantaggi dal ruolo che da poco riveste. Chiedete cosa pensano le altre squadre e se i loro rappresentanti siano stati condizionati dalla sua presenza, e poi sparate pure i vostri giudizi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No. Massima stima per Sampaolesi. É innegabile però che come consigliere di maggioranza con delega, abbia un rapporto privilegiato con il Sindaco. E come membro della maggioranza determini le sorti di un paese. E di un palio. Non é peccato farlo notare. Senza dietrologie.

      Elimina
  22. ANTEPRIMAAAAAAA!
    IL PALIO NON SI CORREEEEEE!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. MENO MALEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE!

      Elimina
  23. Caro Luca, il tuo è un intervento molto interessato e quindi non immacolato. Se veramente ti chiami Luca non dovresti essere, che so, Carlo o magari Alessio. Chiedi cosa c'entra Sampaolesi con questa storia? E' il suo protagonista massimo, ti rispondo. Se fosse veramente disinteressato come tu dici, non tirerebbe in ballo il fatto che l'Ente Palio non ha ancora rinnovato le cariche sociali perché, come giustamente fa notare l'articolista, quella è cosa che a un non iscritto allo stesso Ente non dovrebbe riguardare. Invece il tuo innocente Alessio Sampaolesi l'ha fatta digerire a sei squadre su sette spacciandola come innocente richiesta di tutele durante la corsa del palio. E considerato che è consigliere comunale della famiglia Montali non ti sembra strano che vada contro la sua propria mamma? A meno che la mamma, che è molto vicina all'Ente Palio, non sia d'accordo con il golpe che si sta perpetrando contro lo stesso ente. L'articolista schierato? Nel caso in questione con chi? Con la Montali contro Sampaolesi? Resetta il tuo cervello, amico mio, perché mi pare che ne hai bisogno. Firmato un simpatizzante del quartiere Europa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sampaolesi è iscritto all'ente. Quindi certe cose gli riguardano eccome. Si informi.

      Elimina
    2. Sampaolesi iscritto all'Ente? E con questo? Qui hanno parlato non a titolo personale ma in quanto esponenti delle ciurme. Se il nostro fa parte del comune e pure dell',Ente Palio peggio, perché dà l'idea di essere infedele sia all'uno che all'altro. Forse i suoi referenti sono altrove e non in comune o nell'Ente palio. Su questo occorre ragionare.

      Elimina
  24. Finchè esisteranno queste polemiche politiche sulle associazioni non si riuscirà mai a fare nulla di sentito e partecipato da parte dei cittadini. La sana rivalità della corsa del palio si crea coinvolgendo la città e tutti i partecipanti, facendo provare loro il gusto e l'onore di appartenere alla città e più specificatamente al quartiere, tramite il piacere di ritrovarsi nei momenti di preparazione e di svolgimento della manifestazione. In altre città l'arrivo del palio è vissuto come l'arrivo del natale per i bambini ! invece a Porto Recanati lo si vede come il momento per speculare sulle decisioni prese (giuste o sbagliate), e per fare la corsa alla strumentalizzazione politica. Forse non è solo la data di svolgimento da rivedere, forse bisogna rivedere lo spirito con il quale il palio viene vissuto. Le associazioni ed il volontariato non possono essere terra di conquista da parte della politica e dei politicanti... e neanche valvola di sfogo per maniaci di protagonismo repressi o bocciati. Diamo le associazioni in mano a chi veramente dimostra con i fatti di credere nello statuto e nei principi per cui l'associazione viene creata. Eviteremo di avere i doppioni di tutte le associazioni (non vi rendete conto di quanto sia ridicolo avere di ogni tema due associazioni contrapposte?). Molte persone vorrebbero partecipare, ma hanno paura di farlo per non venire coinvolte in attacchi mediatici che non le riguardano. Anche se non sono un estimatore del Palio (per le vicende degli ultimi anni) spero vivamente che venga svolto, possa festeggiare l'importante ricorrenza raggiunta e dimostrare la volontà di volere associare e non dissociare tutti quanti vogliano dare un contributo fattivo per il proseguo e il rilancio di questo evento.

    RispondiElimina
  25. Il palio andrebbe dato ai Quartieri. ..è da li che va fatto rivivere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Finalmente una parola sensata: P A R T E C I P A Z I O N E !

      Elimina
    2. Finalmente una spernacchiata.

      Elimina
    3. Cioè farla finita. Non sarebbe poi una gran disgrazia. Ma metti i quartieri di riffe o di raffe riuscissero a tenerlo in vita. Brrrrr!!! che brividi.

      Elimina
  26. Sono Marco Pacella Presidente della Pro Loco Porto Recanati.
    Non sono riuscito a capire come dal Palio si passi alla Pro Loco, forse perché la Pro Loco e tra i fondatori dell'Ente Palio, o perché la Pro Loco e presente da anni nel nostro paese è ha fatto o fa cose egregie o perché a tanti piace parlarsi a dosso e dire cazzate senza sapere di che cosa parla. Non volevo rispondere ai tanti illuminati scrittori ma alla fine ha vinto la mia irruenza e quindi agli ANONIMI e alla signora se cosi posso definirla LUISA RISPONDO.
    La Pro Loco è un'associazione privata.
    Non ci sono lavoratori in Pro Loco ma volontari che al massimo percepiscono rimborsi spesa, questi garantiscono per 12 mesi all'anno un servizio d'accoglienza e informazione, visto che il pubblico "La Provincia " ente incaricato dalla Regione non riesce a mantenere aperto l'Ufficio IAT.
    La Pro Loco negli anni ha formato parecchi ragazzi di Porto Recanati e non che oggi la maggior parte con una laurea in tasca ringraziano per l'esperienza fatta.
    La nostra Associazione è sede di SERVIZIO CIVILE e i ragazzi che vi hanno partecipato sono stati seguiti a livello regionale nazionale.-
    La socia Maristella a tutti i diritti di staro dove sta ,la scelta è stata che oltre ad essere socia ha un'esperienza maturata nel tempo e non ci sembra giusto che perché moglie di debba stare a casa, forse a qualcuno interessava QUEL POSTO, vi ricordo che è volontariato, poteva farsi avanti noi certamente non l'avremmo cercata a casa sua.
    Ai vari ANONIMI E sig. LUISA noi cerchiamo di dare un servizio mettendoci braccia, mente e faccia, voi che CAZZO FATE siete capaci solo di nascondervi dietro un Anonimo per sfogare le vostre frustrazioni, qualcuno inneggia alla partecipazione venite la tessera costa €. 10.
    Vorrei cambiare lo statuto come la Pro Loco di MORROVALLE " SONO SOCI DELLA PRO LOCO I CITTADINI CHE OFFRONO MINIMO X ORE ALL'ASSOCIAZIONE, questa è partecipazione
    Scusate lo sfogo è i toni ma sono fortemente amareggiate per le cose che stamno succedendo in questi giorni ultima il non svolgimento del Palio, UNA SCONFITTA PER IL PAESE, non sempre distruggendo poi si migliora. mi firmo Anonimo perché non so come si fa a scegliere il profilo sono MARCO PACELLA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai proprio ragione, "non sempre distruggendo si migliora" !
      Ricordatelo, te che hai contribuito alla "distruzione"... vediamo se i tuoi amici sapranno migliorare !!

      Elimina
    2. Pacella, stai tergiversando. Sai perfettamente di che cosa si parla: stai al tema.

      Elimina
  27. Eccone un altro...
    ...ma i sostenitori della Montali hanno tutti il virus H?
    ..."La socia Maristella a tutti i diritti" ... qui ci vuole l'H.
    Allora non sono errori casuali !
    meditate gente, meditate.

    RispondiElimina
  28. Lei è quello dell'area plain air per i camper?

    RispondiElimina
  29. al signor Ano 14:27, io faccio la volontaria in Pro Loco e vorrei avere più informazione sulla ragazza che, lei dice, si è comportata così! conosco tutte le ragazze che sono all'interno di quell'ufficio e sono sicura che nessuna si possa essere comportata in quel modo, e soprattutto, nessuno di noi porterebbe anfibi, pantaloncini corti e maglia "scollacciata" poche settimane fa..nessuna di noi farebbe questi accostamenti di abbigliamento !!! se fosse successo veramente, non giustifico nessuno...ma per confermare mi dia più informazioni così potremmo anche sentire l'altra campana e verificare l'accaduto!
    Elisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non dire bugie elisa !!
      sul comportamento ci potrebbero essere dei dubbi, ma sull'abbigliamento no.
      sappiamo tutti benissimo che va vestita così...spero che nel segreto delle stanze sia stata richiamata ad un atteggiamento più consono.
      e non rispondere con la solfa di fare nomi..tutti possiamo sbagliare, l'importante è imparare dagli errori e non perseverare, altrimenti diventa menefreghismo e poi non potete lamentarvi se ricevete critiche.

      Elimina
    2. signor ano, mi dica quando mi ha vista con gli anfibi ai piedi...io non ce l'ho! comunque potrebbe anche firmarsi...volete fare tutti gli educati ma pochi ci mettono la faccia

      Elimina
    3. e te pareva che non rispondevi così. eppure ti avevo anticipato di non farlo. il "sia stata richiamata" era inteso alla persona interessata non a Lei direttamente.
      Comunque la cosa grave è voler continuare a negare l'evidenza...certo è che se le direttive non arrivano dall'alto non ci si può aspettare che partano dal basso. Dovete capire che fornite un servizio al pubblico, e quindi dovete attenervi ad un certo decoro, nel privato della vita fate poi come vi pare. ci vuole poco a capirlo.

      Elimina
  30. il fatto del cartellino di riconoscimento..mi sa tanto di arrampicata sugli specchi, se proprio vuole conoscere l'identità di una persona, le è stato donato il dono della parola...

    RispondiElimina