QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

martedì 15 luglio 2014

LA PINETA: IL PROBLEMA DELLA PROSTITUZIONE.

Riceviamo e pubblichiamo da Giorgio Porreca:

Mi è capitato in questi giorni di luglio di incamminarmi verso la pineta comunale ex pineta Volpini ed ho avuto occasione di osservare che in queste ultime settimane sono stati eseguiti piccoli ma importanti lavori di "manutenzione direi ordinaria" che permetterebbero oggi di frequentare questo importante polmone verde che è nelle menti e nei ricordi di tanti porto recanatesi.

La pineta è stata ripulita anche con un gesto simbolico degli amministratori comunali ma ancor prima di loro, con buona pace dei benpensanti, lo stesso sito era stato ripulito da circa una ventina di residenti l' Hotel House; ora sono stati portati un congruo numero di contenitori per la raccolta differenziata dei rifiuti, finalmente è stato aperto il cancello costato alla nostra comunità locale diverse migliaia di euro e rimasto inspiegabilmente sempre chiuso..... piccole cose molto piccole ma significative. Ora i cittadini potranno se solo lo vorranno frequentare la pineta. Ma c'è un problema di non poco conto, in quella zona mattina pomeriggio e sera circolano diverse prostitute che stazionano nella strada antistante e , come si sa, quando i giri non sono raccomandabili gira gente poco raccomandabile e allora c'è un problema: potranno le famiglie con bambini frequentare quella zona? Credo di no! Se nessuno ci mette una toppa. I residenti di via della Repubblica hanno avuto modo in tante occasioni di segnalare il problema, di raccogliere firme affinché le autorità intervenissero ma nessuno li ha ascoltati anzi, in tanti, in troppi, hanno risposto che non si può fare nulla (sic!). Il problema vero è che vorrebbe un po' più di buona volontà e maggiore attenzione. I cittadini non possono essere lasciati soli. Le forze dell'ordine presidino la zona, lo facciano insistentemente e continuativamente e vedremo chi la vince. Le cose vanno fatte ed è pure necessario che vi sia qualcuno che si faccia carico del controllo nel rispetto dell'ambiente patrimonio di tutti e del rispetto delle regole della civile convivenza. Non credo sia un problema insormontabile proviamo ad affrontarlo e risolverlo.

Approfittiamo dello scritto pervenuto dall'amico Giorgio per ricordare a tutti che la problematica prostituzione, che spesso riempie le bacheche facebook di molti attivisti politici portorecanatesi, é stata affrontata da questo blog con questo post dell'Ottobre 2012.
E l'amministrazione comunale, un mese dopo, fece questo.
Di fatto, i margini di manovra messi a disposizione da una normativa vigente molto vetusta, per gli addetti al mantenimento dell'ordine pubblico, sono molto ristretti.
A questo proposito vi segnaliamo un interessante articolo tratto dal Fatto Quotidiano on line. Che si é occupato della vicenda inerentemente ad un nostro paese limitrofo, Porto Sant'Elpidio dove il fenomeno ha assunto proporzioni molto preoccupanti.

55 commenti:

  1. Porreca lascia spazio ai due giovani che avete in Sel!!!! Sarà ora???!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che c'è un limite temporale oltre il quale a Porto Recanati non si può più parlare? Quanto è? 50 anni? 60? Poi tutti zitti?

      Elimina
    2. Ci sono ragazzi e ragazze che vorrebbero far parte di quel Partito ma non possono entrare o chi l'ha fatto è fuggito. E la colpa a quanto si sappia è proprio di Porreca and Company....... De Chellis e Palestrini gli unici due ragazzi che sempre a quanto si dice si siano rotti i cogl...... Poi ovviamente argomento giustissimo e verissimo per carità!!!!

      Elimina
    3. Infatti Palestrini sarà il nuovo segretario del PD. Su De Chellis per favore stendiamo un velo pietoso

      Elimina
    4. Drogati da meno.......

      Elimina
    5. Rispetto le idee di tutti ma parlare male di persone che neanche si conoscono no!! Il velo pietoso stendilo nel tuo cervello anonimo delle 11,59

      Elimina
    6. Senza Giorgio SEL non esiste!e invece di criticare a Porreca con l'anonimo metti il tuo nome carissimo così posso anche magari venire a darti 4 schiaffi!e per quanto riguarda PAlestrini chi ti ha detto che sara il nuovo segretario del PD?pezzo di un idiota

      Elimina
    7. Senza Giorgio ne eravate di più.......

      Elimina
    8. Falla finita e pensa per te che a se ci pensiamo noi di Sel

      Elimina
    9. Cara Aurora,se il tuo modo di fare e parlare è questo e fai parte di Sel PortoRecanati sicuramente dai una mano alla sua estinzione politica.

      Elimina
    10. Caro "Nichi",questo non è il mio modo di parlare e si faccio parte di SEL ma quando sento sparare a zero su GIORGIO proprio non riesco a controllami,ma poi vorrei proprio sapere chi vi da queste informazioni??!chi??!!e fatemi il piacere la prossima volta metteteci nome e cognome o almeno abbiate le palle di dire le cose in faccia.

      Aurora.

      Elimina
    11. Aurora, dalla tua lettera si evince che hai le palle. Dobbiamo quindi pensare che Aurora sia uno pseudonimo.

      Elimina
  2. E allora quando G.Porreca elaborerà una disamina sulla crisi di Sel Porto Recanati, criticalo.
    Ma quando parla di un problema che tu giudichi "giustissimo" non sarebbe meglio tacere?

    RispondiElimina
  3. Bravo Porreca, riapriamo le case chiuse, confiniamo gli extracomunitari all'hotel house, installiamo telecamere in tutto il paese, assumiamo qualche ex dipendente della stasi, vedrai che tra non molto Portorecanati diventerà Santiago Del Cile ai tempi di Pinochet.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Porreca Giorgio15 luglio 2014 13:06

      Delle due l'una anonimo delle 10.32 o l'articolo non l'hai letto o se l'hai letto hai qualche difficoltà di comprensione.per quanto riguarda gli stranieri se ne parla bene per quanto riguarda la prostituzione in strada se tu sei d'accordo permettimi di dissentire.Per quanto riguarda invece la stasi posso solo dire che è un argomento ridicolo e per gli altri anonimi per quanto riguarda il mio ruolo in SEL lasciatelo giudicare agli iscritti di SEL e siccome le due cariche più importanti le hanno due giovani,Palestrini e De Chellis vi posso dire che faccio fatica ad accettare la critica da chi non ha il coraggio di firmarsi,comunque sarebbe stato piu utile e intelligente entrare nel merito degli argomenti proposti.

      Elimina
    2. Anche tu, Giorgio, con l'ossessione della firma? Noi non abbiamo la vostra faccia tosta e firmarci non ci piace. Guarda a quel che diciamo, piuttosto, non a chi siamo. Sei certo di avere più titoli rispetto a noi? Tu hai una storia, noi no. Ma ciò non vuol dire che la tua storia sia la migliore.

      Elimina
  4. E' ufficiale: abbiamo bisogno come il pane di un pò di alta pressione e tempo stabile.
    La pioggia sta annacquando in modo pericoloso troppi cervelli.

    RispondiElimina
  5. W le case chiuse!!!!!!

    RispondiElimina
  6. Senza dubbio bisogna aumentare i controlli e reprimere i reati,e questo lo fa la forza pubblica,ma e'molto importante che la pineta sia piu vissuta e frequentata da tutti.compito dell amministrazione e della associazioni trovare le forme e le modalita

    RispondiElimina
  7. Questo è un problema che è stato denunciato, dibattuto e affrontato almeno una decina di volte, anche da parte delle autorità politiche e militari. Sappiamo che non ci sono strumenti legali contro il fenomeno della prostituzione (gli abitanti del River Village ne sanno qualcosa) e che si può intervenire soltanto in alcuni eclatanti casi, che però con quanto succede a Porto Recanati non hanno niente a che vedere. Se poi facciamo per avere un po' di visibilità allora fa tutto bene. Il politico ne ha bisogno, il blog pure e noi stiamo sempre a masticare la solita minestra. Che quello di Porreca sia un discorso a valenza politica lo dimostra anche il fatto che lascia intuire che la pineta sia stata messa a posto e recuperata da Riccetti e compagnia, mentre, udite udite, è stato l'assessore Carlo Sirocchi, con l'aiuto di varie associazioni e della protezione civile, a renderla vivibile e quindi fruibile da parte di tutti. Le prostitute, inoltre, di giorno bazzicano il marciapiede, non òla pineta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo cambia molto tra pineta o marciapiede della pineta.......senza parole

      Elimina
    2. Animo delle 11.16,fortuna tu che intuisci per tutti!

      Elimina
    3. Cambia tutto. E se veramente fossi stato zitto ti saresti risparmiato una colossale amenità, egregio delle 11.28.

      Elimina
  8. Scusate i quotidiani sono pieni di inserzioni dove si può andare a trovare compagnia ....e questo e' legale.
    Invece quattro Poretti che non hanno neanche gli occhi per piangere sono diventate il primo problema a portoricana ti. Ma lessateli sta a chi donne fastidio ...loro mangiano un pezzo di pane e vecchietti vanno a casa sorridenti con le caramelle per le mogli....

    RispondiElimina
  9. Ma nessuno ha detto alle prostitute a ai vucompra' che a Porto Recanati e' cambiata amministrazione? Ai tempi della Ubaldi sembrava che la colpa della presenza delle prostitute e dei tappetini fosse da addebitare all'amministrazione, adesso che tutto e' cambiato ci si accorge che i due fenomeni sono difficili da combattere /o debellare. Chissa se Fiaschetti che adesso e' assessore va ancora in giro a fare foto sulle cose che non vanno!!!!!!! Ho dei dubbi in proposito

    RispondiElimina
  10. Con il prossimo consiglio comunale si metterà un punto nella storia portorecanatese.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spostiamo in pineta sfilate,cortei processioni,corse delle biciclette e tutto cio che e possibile

      Elimina
    2. Troverebbero un altro posto. Il problema è di carattere legislativo. Abbiamo un dispositivo di legge che norma la questione che risale agli anni 50. Che di fatto rende il mestiere più antico del mondo, praticato nei marciapiedi a due passi dal centro, lecito. O, per lo meno, non efficacemente contrastabile. In tutti le democrazie sviluppate del nord Europa la prostituzione non alberga per strada. Ma in ambienti protetti. Controllati. Sicuri. Con tanto di vigilantes privati. E controlli sanitari delle meretrici. Alcuni paesi, ci hanno creato sopra dei quartieri a tema. Facendola divenire un business. Ecco, se questo è troppo, il lasciare ragazzine appena maggiorenni per strada in balia del magnaccia malavitoso di turno, è un eccesso contrario che un paese serio non può più permettersi.

      Elimina
    3. Lo sfruttamento della prostituzione è perseguito per legge e dunque i magnaccia non sono ammessi. Che poi ci siano non vuol dire che la legge li protegga.

      Elimina
  11. Non riesco proprio a capire coloro che, pur di avventarsi contro qualcuno, escono dal seminato o tirano fuori argomenti insensati. Come l'anonimo delle 10:32 che fa la provocazione sul confino degli extracomunitari a l'Hotel House (a Giorgio poi!) e che rispolvera la stasi, solo perché Porreca ha posto l'attenzione sulla mancanza di sicurezza di un luogo caro a tutti noi portorecanatesi. Chi non ha pensato le stesse cose che ha pensato Giorgio facendo una passeggiata in pineta e trovandosi fianco a fianco con la prosperosa ragazza di colore in attesa di clienti? Chi non si sente infastidito e preoccupato nel vedere gli studenti attendere alla fermata dell'autobus accanto alle solite due prostitute del parcheggio del River Village? Non è perbenismo denunciare la prostituzione sulle strade anche perché bisogna tener conto che dove ci sono queste povere ragazze "senza neanche gli occhi per piagne" come ha detto qualcuno, c'è anche la malavita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Emanuela io conosco Giorgio Porreca da almeno 45 anni penso di sapere come la pensa, la mia era solo una provocazione, in quanto mi è sembrato strano che uno come lui possa affermare certe cose, per quanto riguarda il resto spero di sbagliarmi su quello che ho scritto, perchè se va come dico io si fa presto a passare dal perbenismo alla repressione. Spero che tu non debba tornare indietro sul giudizio degli argomenti insensati o sulle provocazioni del confino degli extracomunitari.

      Elimina
    2. Emanuela, ti chiedo gentilmente una precisazione: che vuol dire "a Giorgio poi!"?

      Elimina
    3. Intendevo che non si può certo accusare Giorgio di voler confinare gli extracomunitari all'Hotel House. Mi sembra un'idea lontana mille miglia dal suo pensare

      Elimina
    4. Da dove lo deduci, gentile Emanuela? Non sarà per caso un luogo comune?

      Elimina
    5. Ci ho parlato diverse volte con Giorgio e mi sono fatta questa idea.

      Elimina
  12. Io non ho ravvisato, nello scritto di Giorgio, elementi che potessero condurre al confino degli extracomunitari o un incitamento alla repressione. Ho letto solo il bisogno di sicurezza, il desiderio di riappropriarsi di un bel luogo un po' degradato negli ultimi anni. Ora che si è cercato di apportare dei miglioramenti, sarebbe giusto non dover dividere la pineta con le prostitute. Io ho un profondo rispetto e amore verso le altre culture ma non credo si possa prescindere dalla legalità. Se la tua era una provocazione a "più largo raggio" (verso l'amministrazione attuale per capirci), potremo valutare di volta in volta. Il post di oggi mi è sembrato semplicemente lo sfogo di un cittadino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Emanuela, ti chiedo gentilmente una precisazione. Che vuol dire "ora che si è cercato di apportare dei miglioramenti"? Ora quando? Mi sa che tu in pineta non ci sei mai stata dal momento che lasci intendere che è stata messa a posto da Fiaschetti.

      Elimina
    2. Con ora intendevo un momento vicino nel passato.Se ti può tranquillizzare, un arco temporale che abbraccia la vecchia e la nuova amministrazione. Credo che tutti abbiano capito l'importanza di riconquistare e valorizzare la nostra pineta. Forse i sindaci non hanno grandi poteri per contrastare la prostituzione, soprattutto se non ci sono leggi nazionali che possano aiutarli in questa lotta. Questo non significa pero' gettare le armi e non cercare più dei modi per poterla combattere, cercando di allontanarla dai centri abitati.

      Elimina
    3. Fiaschetti se non lo nominate non dormite.

      Elimina
    4. Emanuela, accetto e condivido la tua spiegazione. Anonimo delle 17.40

      Elimina
  13. E bravo Giorgio,sempre attento ai problemi del quotidiano,però mi resta difficile capirlo adesso visto che sul Blog già da 2012 se ne era parlato,capisco solo se è un forte suggerimento ai nuovi amministratori e comunque non è solo un problema della Pineta ma di tutto il paese e basta andare su siti specializzati e contare quante Escort sono presenti nella nostra cittadina per capire la portata locale del fenomeno e dire anche della zona del Bivio Regina distributore IP dove il venerdì ed il sabato notte non si può fare rifornimento senza essere assaliti a orde di Trans ed altro.
    Mi sembra che l'immagine del paese debba essere vista a 360° e non solo alla Pineta,purtroppo la sola unica arma legale è la vigilanza delle forze dell'ordine ,che se non fanno atti osceni alla pubblica decenza altro non possono fare che essere un buon deterrente verso i clienti , quindi è un invito verso l'assessore alla pubblica sicurezza di far si che un coordinamento delle forze dell'ordine locali sia più presente e sopra tutto nelle ore pomeridiane e serali dove la concentrazione di tali attrazioni è maggiormente presente.
    Vedrei anche di capire meglio come e chi affitta immobili ad Escort e Trans che anche se no lo vediamo , è un fenomeno di rilevanti proporzioni e non basta non vederle in strada ma queste lavorano in condomini con presenza di famiglie con bambini dove la frequentazione da parte dei clienti è nociva all'interesse del quieto vivere ed alla decenza .
    Anche in passato ho cercato di informare gli amministratori soprattutto verso il fenomeno di via Salvo D'Acquisto ,che è uno degli ingressi più importanti al paese e turisticamente parlando non è una bella attrattiva vedere questo fenomeno, ma anche qui pattugli pochi giorni poi il nulla.
    Spero che l'articolo provocato da Giorgio sia un auspicio di maggiore interesse verso questa situazione, purtroppo le leggi attuali non ci aiutano ma piccole cose e soprattutto la gente può fare molto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Marco Rossi, tu vaneggi. Dovremmo avere un carabiniere per ogni escort? E i furti, e la droga dove le mettiamo' A Porto Recanati, poi, il fenomeno prostituzione in strada è pressoché irrilevante rispetto ad ogni altra cittadina del circondario. Qui è tutto uno show: per di farsi vedere e leggere e nessuno perde l'occasione per dire la sua.

      Elimina
    2. Marco Rossi, tu non vaneggi e dici cose giuste. Ciascuno fa quello che può all'interno delle leggi che non consentono molto. Da quando mi ricordo in pineta, tolto il 1° maggio non ho mai visto picnic o manifestazioni particolari se non in rare occasioni e parlo da almeno 50 anni. Sarà per la dislocazione, sarà perchè lì non ci sono case ma è così da sempre.Quello che suona strano oggi è che chi amministra il paese ieri era prodigo di critiche e soluzioni, foto e video a gogò. Oggi ? Basterebbe ammettere che il problema è difficile da risolvere chiunque ci sia al comando magari con un po' di scuse per quello che è stato scritto prima. Ma mai ammettere !!! Stiamo scherzando ? Per i vu comprà per fortuna c'è la Finanza che di tanto in tanto sequestra all'origine la merce. Infatti adesso vendono giochini, occhiali cappelli (li ha comprati anche il sindaco la notte rosa!) e meno borse e &. Però è vero che stanno indisturbati sul lungomare e sul corso dalle prime ore della sera fino a mezzanotte e...il tempo non è stato clemente. Vedremo nei prossimi giorni ! I commercianti che dicono ? Un pensierino sui mercatini domenicali: fanno semplicemente schifo !

      Elimina
    3. Probailmente caro anonimo delle 15.02 la sua relativita e del tutto soggettiva in senso negativo.
      Sara irrilevante come entita numerica ma e il luogo dove lo fanno che rende il problema rilvante ed incivile come la sua vsnasria frenesia di rispindere.
      Io ci metto il nome lri neanche qualcosaltro...........

      Elimina
    4. Anche i mercstini della domenica non sono piu gli stessi quelli de 'cciunni' erano molto piu belli andavi a letto tutto contento dopo averli visti la domenica sera

      Elimina
    5. Vero, quelli di Sampaolo erano decisamente meglio. Mi dispiace doverlo ammettere...

      Elimina
    6. Il mercatino e' sempre lo stesso. Cose molto carine accanto ad un po' di paccottiglia. E' comunque piacevole gironzolare tra bancarelle, odori e colori. Manca solo un po' di musica in filodiffusione. Sarebbe un elemento piacevole. Chissà che non venga ripristinata.....

      Elimina
    7. Adesso il mercatino è diventato divertente e attraente? Ah se ti sentisse Roberto Sampaolo.

      Elimina
  14. Io ti dico, caro Rossi, che stiamo parlando giusto per parlare. Il problema della prostituzione è stato sviscerato in ogni suo aspetto e oggi dire che ci vuole la presenza delle forze dell'ordine per una forma di deterrenza significa buttarla lì giusto per dire qualcosa. Che dovrebbero fare i nostri carabinieri, stare accanto alle mignotte tutto il giorno e tutte le sere per tenere lontani i clienti?. Cinquanta carabinieri per cinquanta mignotte? E se queste si sparpagliano dovrebbero mettere una pattuglia per ogni mignotta? E chi va a condurre la lotta contro i furti e contro la droga? Bah, fai un po' tu.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Potrebbe essere un servizio ad integrazione del controllo del traffico veicolare come normalmente viene fatto sia per la raccolta dati che per il controllo dei documenti dei veicoli visto anche il notevole flusso di contrasseggni fasulli revisini mancate guida senza patente guida in stao di ebrezza ed il luogo davanti al Green è strategico , è come una gabella.
      E non è per parlaparlando .
      Resta il fatto che comunque io continuo a fimarmi ,lei no, ma non voglio entrare in una polemica infinita il blog è bello anche per questo.
      Rossi

      Elimina
  15. Come mai il sig cristian bufarini il sig fiaschetti che erano sempre in pineta durante la campagna elettorale ora si sono azzittiti non hanno piu niente da dire sulla prostituzione e come fare x eliminarla???

    RispondiElimina
  16. Incredibile la voglai di polemizzare sul nulla. Il problema della prostituzione, del giro delle tossicodipendenze, ecc. a quanto pare, checchè ne .peensiate è un dato reale e va affrontato. poco importa se il problema lo sollevi tizio e caio, e ancor meno conta il fatto che Fiaschetti, in passato, più di qualsiasi altro, ne abbia parlato lo abbia segnalato agli organi competenti. Se una cosa è giusta è giusta indipendentemente da chi la soleva. Il mio voleva essere un appello e credo sia importante e giusto che chi ha mezzi e uomini per vigilare lo faccia. E per favore non facciamo gli ultras, non gridiamo allo scandalo quando non serve Il problema vero è impegnarsi per rendere fruibili e sicuri gli spazi pubblici. le modalità proponiamole insieme..

    RispondiElimina
  17. Giorgio 52, tutto ad un tratto Fiaschetti é diventato capace di iniziative giuste? Ti ricordi fino a qualche mese fa che cosa dicevi di lui? Io stesso potrei elogiare Fiaschetto, non tu, Giorgio 52.

    RispondiElimina
  18. Anche Bufarini si è rinchiuso nel palazzo insieme al suo amico Fiaschetti? forse il problema prostituzione in pineta è stato risolto? ...ah ecco perchè non vi si sente più! Prima scrivevate tanto.... e adesso?

    RispondiElimina