QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

martedì 8 luglio 2014

Il DEEP BLUE É DI TUTTI

Lo sapevate che il Deep Blue, chiuso ormai da circa un anno e mezzo,   é divenuto, per quanto riguarda la parte esterna, una struttura pubblica utilizzabile per mostre, convegni e altri eventi? Chi lo dice? Una delibera. Della giunta Ubaldi. Datata 8 Maggio 2014.  Ora vorremmo sapere dalla nuova amministrazione se intende procedere confermando l'utilizzo (pubblico) previsto appunto dalla delibera. Se così fosse, non pensate che la cosa vada pubblicizzata? L'associazionismo portorecanatese ha fame di luoghi dove poter svolgere determinati eventi. Se l'ex Deep Blue é ad uso pubblico, fatecelo sapere. I mancati introiti derivanti da tasse di occupazione suolo pubblico mai versate dai proprietari di quel locale hanno inciso su bilanci comunali che poi hanno richiesto, per il pareggio, i nostri sacrifici. Non ce lo dimentichiamo. Ergo: fateci sapere qualcosa. Prima possibile.

Intanto però, anche sulla problematica Deep Blue il consigliere Poeta nello scrivere al Sindaco e al vice sindaco per la questione della mancanza di rappresentatività omogenea nelle varie commissioni consiliari, ricorda:
"A proposito del DEEP Blu vi ricordo che ho fatto accesso agli atti e entro i trenta giorni, in caso di mancata consegna procederò con diffida.
Vi ricordo che non si possono fare accordi su opere che non sono urbanisticamente legittimate con titolo abitativo, ma solo provvisorio, pertanto qualora da voi considerato volume edificato saldo al terreno dovrete dichiarare alla città da dove deriva quel volume e tutte le concessioni che lo hanno legittimato con rispettivi titoli di acquisizione di volumi, come per i cantieri del centro storico per i quali sto già procedendo."

E questo, come potete ben capire, apre dubbi sulla legittimità della delibera della giunta Ubaldi.
       Ecco il testo della convenzione tra Comune e proprietà.

                                                         REPUBBLICA ITALIANA
CONVENZIONE UTILIZZO GAZEBO IN LEGNO E VETRO SITO IN PIAZZA DEL BORGO
tra
COMUNE DI Porto Recanati , nella persona del Responsabile Ufficio Urbanistica ___________________ in forza del decreto sindacale n. 11305 del 06.07.2009 e della delibera Giunta Comunale n. ____ del _____________
e
 Compagnia della Casa s.r.l. , con sede in Corso Stamira, 24 Ancona. P.I. 02492790429, legalmente rappresentata dal sig. Pietro Lanari.
PREMESSO  che:
1.      con Permesso di Costruire n.155/03 del 15/07/2003 e successivo Permesso di Costruire in variante n.327/03 del 28/10/2003 è stata autorizzata, dal punto di vista edilizio, la  realizzazione di un manufatto in legno a servizio dell’attività esistente sulla Piazza del Borgo 4/a;
2.      con contratto di concessione suolo pubblico Rep. n.2741 del 26/06/2008, stipulato con la Ditta ESA Srl di Potenza Picena (legale rappresentante Ascani Ezio) si stabilivano i termini per la occupazione in oggetto per il periodo dal 01/01/2008 al 31/12/2012;
3.      che la convenzione prevedeva la presentazione di una polizza fideiussoria a carico del richiedente, a garanzia dello  smontaggio della struttura oggetto di autorizzazione; 
4.      con nota protocollo n. 13946 del 13/07/2010 la Soc. Lola Nine Happening Srl, nuova società di gestione del locale Deep Blu, chiedeva la voltura della concessione di suolo pubblico intestata alla Soc. Esa Srl, senza modifica della struttura in questione; 
5.      successivamente, perveniva una nuova richiesta, con nota protocollo n. 16341 del 11/08/2011, con la quale una nuova ulteriore società,  la Soc. Deep Blu Srl,  chiedeva a sua volta,  la voltura della concessione di suolo pubblico intestata alla Soc. Esa Srl, senza modifica della struttura in essere;
6.      in data  04/03/2013, protocollo n. 4949, perveniva, da parte della Società “ La Compagnia della Casa Srl “, una comunicazione nella quale l’Amministratore Signor Lanari Pietro, che deve, in qualità di proprietario della licenza commerciale della ditta ESA s.r.l., e proprietario del manufatto esterno in legno e vetro, (oggetto della concessione di occupazione di suolo pubblico oggetto della presente), il rinnovo o il rilascio di una nuova concessione di occupazione di suolo pubblico, per dieci anni, in Piazza del Borgo ove è istallato il gazebo in vetro antistante il locale.
7.      in data 21/03/2013 la Società  Deep Blu Srl comunicava al SUAP comunale la cessazione dell’attività a far data dal 25/02/2013;
8.      con nota del 27/03/2013, protocollata dal Comune in data 18/04/2013 al n.8778, l’ufficio urbanistica valutava la richiesta inoltrata dalla Compagnia della Casa, riscontrandola con gli atti depositati;
9.      in data 30.07.2013 protocollo 17051, la Compagnia della Casa,  inoltrava una ulteriore richiesta di occupazione di suolo pubblico per il gazebo antistante il locale denominato Deep Blue.
Accertato che sulla base degli atti sopracitati e alla luce delle disposizioni normative di legge vigenti, gli uffici comunali competenti  hanno attivato il recupero dei crediti pregressi dalla società denominata “ DEEP BLUE “, sino alla data di scadenza del contratto di occupazione del suolo pubblico, che faceva appunto capo alla medesima ditta, scaduto il 31.12.2012.
Per quanto riguarda invece il periodo dal 01 gennaio 2013 sino ad ora, non è stato possibile sottoscrivere un nuovo contratto con la ditta proprietaria dell’immobile, in quanto non sono state fornite ad oggi le necessarie garanzie finanziarie per poterlo sottoscrivere.
ACCERTATO, pertanto, che si è costituito, in capo all’Amministrazione Comunale, il diritto all’escussione della polizza fidejussoria per lo smontaggio della struttura in oggetto;
VISTO che l’Amministrazione comunale sulla base delle seguenti considerazioni:
1.      dal punto di vista urbanistico edilizio, detta struttura è conforme alle previsioni planovolumetriche a suo tempo approvate dal piano di lottizzazione, il quale definisce in maniera puntuale, la localizzazione di detta struttura all’interno della Piazza del Borgo, esattamente cosi com’è oggi;
2.      la Piazza del Borgo è stata realizzata con l’intento di creare uno spazio privilegiato, il luogo dell’incontro, dell’amicizia, ma anche scenario di manifestazioni che in questi anni si sono potute realizzare anche per la presenza di uno spazio “ chiuso“ che ha permesso il successo delle stesse;
3.       Nella memoria collettiva non solo dei portorecanatesi, questo luogo è un polo cittadino che vale la pena di mantenere così com’è attualmente, senza alterazione dell’armonia complessiva che conferisce alla piazza una propria specifica identità;
4.      Il Comune organizza, durante l’anno, numerose manifestazioni che comprendono mostre d’arte, convegni ed altri eventi e gli spazi a disposizione non sono sempre sufficienti;
VISTO che, sulla base delle considerazioni sopra riportate, l’Amministrazione Comunale, con comunicazione del 17.04.2014 prot. 9197 ha chiesto all’attuale proprietario della struttura la disponibilità della stessa da utilizzare per gli obiettivi che intende perseguire;
CHE il proprietario con lettera a mezzo mail,  del 24.04.2014 prot. 9571,  ha dichiarato la propria disponibilità;
RITENUTO opportuno definire attraverso una convenzione gli obblighi a carico di ciascuna parte  in modo che la struttura  possa essere mantenuta, anzi riprenda la sua funzione di locale di incontro, per eventi, al momento pubblici, prendendo in carico, per il momento la stessa,  libera dall’arredo, per poterla sfruttare direttamente dal Comune, come sala polifunzionale, sino ad una eventuale ricollocazione da parte della proprietà, per attività commerciale.
TUTTO CIO’ PREMESSO LE PARTI DEFINISCONO IL SEGUENTE ACCORDO AVENTE NATURA CONVENZIONALE
ART. 1
Le premesse formano parte integrante del presente atto.
ART.2
La società “ La Compagnia della Casa “, si impegna a cedere in uso gratuito al Comune di Porto Recanati, il gazebo in legno e vetro presente in Piazza del Borgo, libero dall’arredo,  e con la fornitura ENEL, che il Comune si impegna a pagare nel periodo di utilizzo per poter essere utilizzato come struttura polifunzionale per riunioni, mostre e quanto altro l’ente riterrà opportuno per il raggiungimento dei propri obiettivi.
La durata del presente accordo  sarà sino a quando la proprietà non comunicherà la richiesta di riacquisizione della struttura per darla in uso produttivo.
ART. 5
In caso di richiesta di interruzione del presente accordo, farà carico alla ditta proprietaria di pagare tutti i canoni COSAP pregressi maturati nell’anno 2013 e fino alla data di decorrenza del presente accordo, con esclusione del periodo di occupazione da parte del Comune. Il mancato pagamento dei canoni pregressi preclude la riconsegna della struttura amovibile al proprietario
La richiesta di riimmissione nel possesso da parte della ditta proprietaria deve essere comunicata al Comune con preavviso di 30 giorni.
ART. 6
La società proprietaria manleva il Comune da qualsiasi responsabilità in ordine alla manutenzione ordinaria e straordinari dell’immobile stesso, o di qualsiasi altro onere successivo. Nel caso in cui si verificasse la distruzione del bene per qualsiasi motivo non imputabile al Comune (atti vandalici, incendi o altro) il proprietario del gazebo solleva il Comune da eventuali richieste di risarcimento danni in quanto lo stesso,  per i motivi già espressi, doveva essere smontato. Il Comune risponde, per il periodo di uso gratuito del bene, della responsabilità civile verso terzi. Lo stato dei luoghi è descritto nel verbale di sopralluogo congiunto  sottoscritto dalle parti, dal quale si evince il preciso stato dei luoghi e che si allega al presente atto quale parte integrante e sostanziale.
Art. 7
La Società proprietaria si impegna a liberare il gazebo dai materiali di arredo di sua proprietà.
Art. 8
Ai fini della presente convenzione, le parti eleggono domicilio come segue:
COMUNE DI Porto Recanati, Corso Matteotti, Porto Recanati;
Compagnia della Casa s.r.l. Corso Stamira, 24 60122 Ancona.
Art. 9
La presente convenzione sarà soggetta a registrazione solo in caso d'uso. Ove ciò si verificasse, il costo della registrazione sarà a carico integrale della Parte che, con il suo inadempimento o altro comportamento illecito o illegittimo, l'avrà resa necessaria.
Fatto in Porto Recanati in triplice copia il giorno  ………………………..
 __________ lì, __________
Letto, confermato e sottoscritto.


37 commenti:

  1. questo potrebbe bloccare il processo di beatificazione dell ex sindaco

    RispondiElimina
  2. mi piacerebbe sapere cosa ha fatto la giunta Ubaldi per il recupero delle somme dovute,tenuto conto che a suo tempo diede "facoltà" alla proprietà di pagare rateizzando (ovvero a babbu mortu).

    Pasquino.

    RispondiElimina
  3. Non possiamo essere 2 pasquino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chiù "Pasquino" per tutti......

      Elimina
    2. io sono il primo. guarda i post vecchi.E poi tu sai chi era il vero Pasquino?


      Pasquino.

      Elimina


    3. Se vuoi sentirti realizzato ti dico che non lo so, almeno sfoggi la tua cultura e ti senti appagato mangiando di gusto!!
      Purtroppo oggi i sapientoni sono passati di moda dopo l'avvento della rete....


      Ok allora da oggi sarò Pasquino 2 la vendetta!!!

      Anzi Pasquino5s così dallo smatphone faccio prima!!

      Elimina
    4. Tanto l'argano lo sa chi sono!!!
      Ahahahah ma va bene così!!

      Elimina
    5. io non ho bisogno di sentirmi realizzato. fors sei tu che hai bisogno di identità tanto da andare a "rubare" quella altrui. E se sei tanto capace, e qui ho i miei dubbi, digita Pasquino e vedrai un poco di storia. Ah dimenticavo, la prossima volta cerca di essere meno saccente e molto meno arrogante (avrei voluto scrivere ignorante ma.....).

      Pasquino.

      Elimina
    6. C'è solo un modo per scoprire il vero pasquino...deve rispondere a questa domanda:"che cosa devono fare canaletti e fiaschetti?"

      Elimina
  4. Poeta. Che scassa cazz........

    RispondiElimina
  5. Mi chiedo come mai la precedente opposizione non si sia accorta di ciò e che invece sia un architetto a evidenziare cavilli giuridici.
    Avanti così Poeta.

    RispondiElimina
  6. IlDeep Blu per l'associazionismo? Argano, datti una regolata. Va bene la demagogia, ma qui siamo al limite del ridicolo. I blog saranno peggio della televisione: per sopravvivere hanno bisogno di fole a getto continuo. Le elzioni sono passate, Argano, adattati alla nuova situazione, cioè al nulla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro anonimo, mentre io provo a darmi una regolata, tu potresti provare a imparare a leggere?
      Punto quattro della convenzione tra Comune e proprietà della struttura esterna del Deep Blue:
      4. Il Comune organizza, durante l’anno, numerose manifestazioni che comprendono mostre d’arte, convegni ed altri eventi e gli spazi a disposizione non sono sempre sufficienti;

      Dai che se non capisci neppure questa volta te lo faccio un disegnino.

      Elimina
    2. E che vuol dire, Argano, non hai idee tue? Non è detto infatti che il comune abbia visto giusto. E' che tutti smaniate demagogicamente per l'associazionismo, mentre si sa che in Italia è un vero cancro mangia soldi. A Porto Recanati non è diverso. L'associazionismo deve vivere di risorse proprie come in ogni altra parte del mondo e non andare a fare la spesa a nome d'altri. I contributi del comune, sotto qualsiasi forma, sono soldi buttati al vento. Il Deep servirebbe a ben altro che ad ospitare i farraiuoli di Fiaschetti. Perché il comune dovrebbe interessarsi ad essi? Se si vogliono divertire che si paghino il divertimento.

      Elimina
    3. Questo é un commento indegno. Stupido. Da decerebrato. Miserevole. Ottuso. E sono stato buono.....

      Elimina
    4. Scusate cosa sono i FARRAIUOLI???

      Elimina
    5. Questo, caro Argano, è parlare senza peli sulla lingua. Leggiti qualche libro di Maria Pia Fanfani, ex presidente della Croce Rossa, e Marianna Scalfaro e capirai dove vanno a finire i soldi degli italiani destinati ad opere di solidarietà. Per te sarò tutto quello che hai detto sopra, educato Argano, ma tu sei un emerito ipocrita. Il confronto tra me e te deve avvenire all'aperto: tu ti firmerai Argano, cioè nessuno, io mi firmerò anonimo, cioè tutti.

      Elimina
    6. Stai uscendo dal seminato. Ma non hai abbastanza materia cerebrale per capirlo. Non ho voglia di perdere tempo con te,

      Elimina
    7. Fanfani e Scalfaro se le figlie sono come i padri.....

      Elimina
  7. Argano, Poeta ti sbudella. Ogni volta tutto quel ciarpame tecnico: chi lo legge? E se anche lo leggessimo, chi ci capirebbe niente? Ma a te Argano basta riempire gli spazi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qui, più che gli spazi, si vorrebbero riempire i cervelli.
      Ma si, ci si rende spesso conto che è una impresa titanica......

      Elimina
    2. Vuoi riempire i cervelli con questi argomenti e con questi argomentatori? Ho la sensazione, Argano, che piuttosto riempirai i culi.

      Elimina
    3. Mi arrendo. Citi parti anatomiche con cui normalmente ti é proprio ragionare. Hai vinto tu......

      Elimina
  8. quel coso architettura del nulla è completamente inadeguato per mostre d'arte, e a ricevere il pubblico, non funziona soprattutto perchési sta legittimando un abuso!
    Opera provvisoria amovibile non significa che sia ancora al terreno in maniera stabile e vuol dire che non esiste quel volume. Chiediamo il certificato di destinazione urbanistica di quel chiosco e vediamo cosa ne risulta. Ci pensa lei Sindaco o forse meglio l'assessore Riccetti a pubblicare sulla stampa locale il CERTIFICATO DI DESTINAZIONE URBANISTICA del chiosco Deep Blu. Poi ragioniamo

    RispondiElimina
  9. Quanti scassa cazz vorrei come poeta, come scrive il "solito anonimo" che non ha il coraggio di firmarsi e di identificarsi.

    RispondiElimina
  10. Non si capisce in nome di che cosa dopo tre mesi di insoluto la nostra cara ex sindaco non ha attuato immediatamente i provvedimenti per la messa in mora. I soliti due pesi due misure. Per fortuna che si è cambiato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ex sindaco è appunto ex, caro nostalgico alla rovescia delle 17.37, adesso è il momento dio giudicare il nuovo sindaco. Non sgattaiolare.

      Elimina
  11. Il Pasquino originale in ogni commento chiede se Fiaschetti e Canaletti rinunceranno ai soldi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io le cose le dico una volta e basta, dopodiché ne rispondono loro agli elettori!! Anzi mi comincia a dispiacere per Fiaschettii, ieri sera alle 17,00 sulla bacheca di A.C. c.rra stato attaccato un manifestino recitante:
      BURATTINI
      peppa pig.

      E visto che di tutte le bacheche viene presa di mira solo la sua micomincia a dispiacere!!!!

      Elimina
    2. Ti sbagli non è la mia. Controlla meglio

      Elimina
    3. Ok, ma alla domanda se rinunci ai compensi da assessore non rispondi? Troppo facile...

      Elimina
    4. Sono contento!!
      io non le auguro del male!!!

      Elimina
  12. Siamo d accordo,ben venga Poeta,garanzia di trasparenza,ma basta con la storia degli anonimi,è stucchevole,io ho la stessa sua autorevolezza anche se non mi firmo perché non ho bisogno di notorietà

    RispondiElimina
  13. Pasquino 2 la vendetta.....8 luglio 2014 21:35

    Questa è una roba che fa schifo da annullare immediatamente!!!
    Guardate l'ART 2 :
    La durata del presente accordo sarà sino a quando la proprietà non comunicherà la richiesta di riacquisizione della struttura per darla in uso produttivo.

    in pratica dice se non la affitto e non ci guadagno le spese le paga il comune, se trovo un coglione che me la piglia in affitto me la ridate!!!!
    E na figa che svelttezze!!
    Considerato che quel tipo di strutture come il deep blue, non possono essere considerate temporanee e amovibili, in base a svariate sentenze depositate sia al tar marche che al consiglio di stato.
    Anzi visto che Porto recanati è piena di codeste autorizzazioni farlocche, voglio vedere se adesso chi di dovere ci mette le mani!!!!
    E qui me viene da ride..... altro che gli instancabili eroi del Burchio!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Osserva bene tutto Pasquino vendicativo,all'articolo 5 si evidenzia che se la società vorrà indietro la "veranda",prima dovrà pagare tutti i canoni pregressi fino al giorno prima dell'inizio del contratto.

      Elimina
  14. giqnnetto de ciurli9 luglio 2014 09:28

    Un amministrazione cha ha gli attributi deve guardare avanti e guardare avanti vuol anche dire che ne facciamo della Piazza del Borgo , è un valore farla rimanere così? forse si , ma di quella struttura che cosa e come eventualmente si pensa a d utilizzarla.
    Certo è che a leggere ciò che è stato pubblicato, sia regolamento che provvedimenti postumi il mio pensiero putativo sarebbe quello di dire è stato fatto uno schifo facciamo tabula rasa e togliamoci dai coglioni un manufatto che è un cazzotto in un occhio.
    Ma lo possiamo fare? forse se sentissimo la stragrande maggioranza dei cittadini probabilmente si,e con una sola grande risposta toglitelo perché è una bruttura per il 50% e per l'altro 50% perché l'ha fatto L'Ubaldi.
    Io opto per la prima, la seconda ipotesi la lascerei a Poeta & C., ma se toglierla non si può ,allora l'idea o la delibera di utilizzo pubblico potrebbe essere una buona cosa, manca qualcosa di strutturale e gestionale ,bagni affidamento della struttura ma sono poche cose.
    Io però lotterei per togliermela di torno ..................

    RispondiElimina
  15. Giannetto de ciurlí, veramente lasciarla non si puó!!

    RispondiElimina