QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

martedì 24 giugno 2014

POETA RISPONDE

Avevamo sollecitato, nei giorni scorsi, il consigliere di minoranza Poeta a motivare il voto di fiducia alla giunta Montali. Puntuale é arrivata la sua risposta:

Grazie Argano per avermi attribuito l'onere dell'impegno sul campo del Burchio. Sono orgoglioso di essermi schierato a favore della tutela!

Preciso che il Consiglio Comunale di Sabato era il primo della tornata 2014/2019 e come di norma non si affrontano mai temi specifici, ma si tratta di assegnare e ufficializzare la figura del Sindaco le nomine, le deleghe e presentare linee programmatiche di governo della città. Tra queste la squadra di governo avrebbe anche inserito "...no al consumo dei suoli a vantaggio del solo privato (come nel caso del Burchio)..."e confermo di avere votato tali linee programmatiche a conferma dell'impegno profuso al miglioramento delle condizioni territoriali e sociali della nostra città.

Ci sarà sicuramente il momento opportuno per chiedere conto di posizioni ambigue riferite a tale variante, statene pur certi. Giovedi 19 Giugno il sottoscritto ha protocollato la prima richiesta di accesso agli atti in comune fra cui sono compresi documenti riferiti all'iter procedimentale Centro Commerciale e Burchio. Oggi protocollero' la prima mozione del movimento, dove si chiede che venga deliberata la possibilità per il nostro gruppo consiliare di partecipare a tutte le commissioni consiliari a partire da quella elettorale, in nome e a conferma che tutta la città deve essere chiamata partecipare e anche il suo rappresentante di quei circa 1000 voti.Vi rendero' edotti degli esiti di tale richiesta. Il Burchio tornerà protagonista quanto prima e io a confermare tra i banchi del Consiglio quello che sostenevo sul crinale... nelle conferenze e nelle marce, state tranquilli.

Vorrei infondere sicurezza nell'elettorato affermando che il mio voto è stata esclusivamente un'azione di totale apertura e ottimismo nei confronti della città, Poeta non è il signor no, disfattista a prescindere, ma un attivista che ritiene di poter collaborare con attenzione per il solo ed esclusivo bene e felicità collettiva. Anche per me questo è un banco di prova e portero' avanti la mia conoscenza, le mie capacità e soprattutto la mia costante volontà per il bene comune. Si, vuol dire partecipare, essere attivi, propositivi e collaborare al governo della città e non mettersi all'angolo! Il mio voto è stato indirizzato dalle scelte programmatiche da me condivise perchè vicinissime al programma 5 stelle nessuna fiducia politica a nessuno e cosi' il movimento spero che possa proporre le proprie competenze a sostegno della crescita di Porto Recanati. Non siamo una forza politica pertanto il nostro voto non ha significato di simbolo di "fiducia" a nessuno. Ribadisco che la mia apertura non deve essere intesa come "fiducia politica" a nessun partito, sia chiaro questo, siamo cittadini e non politici, ma deve essere inteso come unica possibilità di collaborare ai progetti condivisibili per la città. Preciso che il tempo chiarirà questa posizione dimostrando con i fatti l'azione del gruppo consiliare a 5 stelle. Finisco ricordandovi che sto lavorando alla certificazione EMAS e quanto prima proporrò in consiglio l'iter da seguire per il suo raggiungimento e per l'ottimizzazione delle risorse a nostra disposizione.

Grazie a tutti coloro che mi dimostreranno fiducia e vorranno appoggiarmi e partecipare con consigli e contributi attivi alle scelte per la Porto Recanati del futuro!

Grazie ancora a tutti voi.

 

Giammario Poeta,

Consigliere Movimento 5 Stelle città di Porto Recanati.

 

23 commenti:

  1. No, caro Poeta, la fiducia a chi ha concorso a sindaco contro di te, non si da per nessun motivo al mondo. La verità e' che tu sei funzionale alla maggioranza. Hai votato anche a favore della Giunta. Che li conosci e conosci le loro competenze ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa è la posizione dei vecchi politicanti di cui non abbiamo più bisogno,sostegno a Poeta per la giusta impostazione che ha dato al suo lavoro

      Elimina
  2. La "concessione della fiducia" poteva e può essere strumentalizzata, come è prassi consolidata di chi pensa ed agisce da logica di vecchia politica. Il gruppo movimento cinque stelle cittadino, e Giammario poeta, sapranno vigilare e controllare sull'operato di questa maggioranza, anche e non solo sulle tematiche principali riportate in quanto scritto da Giammario poeta stesso. Ai fatti, ora, facciamo parlare i fatti, confrontiamoci su questi, e poi vedremo chi e come da che parte sta. Il nostro impegno è finalizzato solo ed esclusivamente al bene comune, unica vero obiettivo da raggiungere. Poi, la maggioranza, se si ritiene tale, perché non da spazio di rappresentativa nelle commissioni anche alla minoranza ?

    RispondiElimina
  3. La verità è chee faresti beene a dire che hai fatto un leggerezza, x non dire una STRONZATA! In nessun comune d'Italia m5s ha votato la fiducia!!! Faresti più bella figura a dire, HO FATTO UNA CAZZATA, piuttosto che arrampicarsi sugli specchi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In ogni comune c è chi fa cazzate come in ogni blog c è chi ne scrive tutti i giorni

      Elimina
  4. Assodato che il sindaco sarà Montali per 5 anni,chi vuole lavorare per il paese non può dire no a priori ma giudicare e contestare il merito dei provvedimenti.chi vuole sfasciare il paese per sfasciare la maggioranza se ne stia a casa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Disinteressato, l'amico delle 11.40.

      Elimina
  5. Cambiano i tempi, bisogna cambiare pure la testa.

    RispondiElimina
  6. Nonostante tutte le spiegazioni continuo ad essere certo che Poeta non ci ha capito proprio niente. L'architetto d'interni non può pensare che in 5 anni ci sia da decidere solo il Burchio, che poi passerà senza defezioni dalla maggioranza.

    RispondiElimina
  7. Poeta, chi ti dice che il bene e la felicità collettiva riposino nel no al Burchio e al centro commerciale? In tutto il mondo è l'esatto contrario e io sono certo che tu non hai il controllo delle emozioni e degli interessi del mondo intero. Poeta, avresti dovuto votare no alla giunta e al programma di governo (peraltro inconsistente come nessun altro mai) per dire a tutti che il tuo programma e la tua ipotetica giunta sarebbero stati largamente superiori rispetto a quelli della Montali. Lei avrebbe potuto presentare il più bel programma del modo, ma tu dovevi affermare con il voto contrario che il tuo è superiore. Poeta, loro contano che tu in qualche circostanza sia il salvatore della patria: non è che sei d'accordo con loro?

    RispondiElimina
  8. giammario poeta24 giugno 2014 16:12

    Cari amici,
    la mia risposta voleva rincuorare gli elettori della mia posizione incorruttibile.
    Se negli altri comuni i consiglieri 5 stelle hanno fatto scelte diverse non significa che siano state le migliori in assoluto, a mio avviso ogni città ha la sua chiave di lettura e in Consiglio ci si presenta dopo aver studiato le strategie. La mia ora la sapete, ma non strumentalizzatela solo "politicamente", tra l'altro come ho sostenuto nelle intenzioni di politico non avrebbe niente, date tempo al sottoscritto di spiegarvi con fatti concreti in che direzione è stata la scelta! A proposito del Burchio e Centro Commerciale, temi caldi del dibattito, in settimana al piu' lunedì' invierò al blog che ci ospita un resoconto dello stato in cui si trovano entrambi i procedimenti con piccolo commento che inviti alla riflessione su cosa possa a livello territoriale contribuire alla felicità collettiva e cosa invece sia da considerarsi urbanistica contrattata. A presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ancora una volta, Poeta, perché ritieni che la opposizione al Burchio e al centro commerciale sia vantaggiosa per Porto Recanati? I tuoi interventi in proposito non sono mai stati di merito ma soltanto di facciata perché non hai mostrato interesse per l'economia cittadina o per i diritti dei consumatori, ma sei andato a pescare il rischio idrogeologico che solo tu e Riccetti andate farfugliando, i diritti di Potentia, che veramente fanno ridere, e ipotetici scavi del 2050. Primum vivere deinde philosophari, caro Poeta.

      Elimina
    2. Mi pare che i portorecanatesi abbiano detto a chiare lettere come la pensano,e dati mandato agli eletti di fermare lo scempio del burchio

      Elimina
    3. si potrebbero abbattere le torri di avvistamento (non ultimate) per poi costruire un invaso per contenere le esondazioni del potenza ( POTREMO ANCHE PESCARCI ) ne faremo cosi un luogo di svago . . . " svegliamoci o andremo tutti a zelig"

      Elimina
    4. I portorecanatesi non hanno detto una minchia, come sempre come ogni volta, compagno delle 18.47. La democrazia è questa procedura, che fa votare tutti mentre soltanto pochi hanno informazioni sufficienti per fare una scelta ragionata. Un giorno sarebbe bello conoscere tutti i nomi di quelli che hanno firmato contro il Burchio. Sarebbe uno spasso chiedergli perché lo hanno fatto. Nessuno saprebbe rispondere, se non che è contro la cementificazione. Sai compagno? Tra quelli che sono contro la cementificazione ci sono i più grandi cementificatori di Porto Recanati. Non chiedermi i nomi, però, anche perché sono certo che pian pianino usciranno fuori. Ma io sono altrettanto certo che nessuno se ne scandalizzerà. Del Burchio non frega una cippa a nessuno: l'obiettivo vero era Rosalba Ubaldi, che ha perso pensando di vincere.

      Elimina
    5. giammario poeta24 giugno 2014 22:12

      Le rispondo caro anonimo/a delle 17,26 poi mi taccio perché l'argomento meriterebbe un approfondimento diretto, magari potremmo incontrarci e poi relazionare al blog che ci ospita. Se lei ritiene cosa di poco conto il rischio idrogeologico del territorio della città e non conosce cosa sia un inviarianza idraulica di progetto siamo rimasti un po' indietro.
      Qualora volesse approfondire la invito a partecipare alla tavola rotonda di mercoledì 25 giugno a macerata alla piaggia dell'università dove potrà ascoltare sia Stefano Gizzi che Paola Maddalena personaggi dai curricula molto conosciuti, forse quello che manca è proprio suo intervento. Venga farà un figurone! Le ricordo che i processi di urbanizzazione della terra, fra cui dobbiamo comprendere le varianti urbanistiche (Burchio e Centro Commerciale ne sono due esempi) creano degli impatti sociali e delle modificazioni degli equilibri della città fra cui rientra anche la sua bella economia cittadina e i diritti del consumatore.Io non consumerei mai il bene primario che mi serve per bere e mangiare ed essere poi innocuamente autorizzato a parlare dei mie diritti! Per vivere serve terra, cara mia, se non ha chiari questi concetti la rimando a settembre ma del 2019 quando avrete perso tutto l'elettorato e dovrete ritirarvi per sempre. Ritenere poi che aver legittimato un grande spazio di vendita in piu' sopra terreni vincolati sia una idea fantastica, allora mi dispiace non avete capito veramente quale sia il vero modello di sviluppo di una città rivierasca come la nostra. Rilegga la relazione illustrativa del PNU (piano del nucleo urbano) dove ha permesso che si parlasse di Sprawl urbano a pag. 6 a proposito della nostra città. Veramente demenziale tutto questo, mi spiace ma non condivido un'offesa all'intelligenza della città.
      Le ricordo che quell'indicatore si utilizza per città metropolitane di miglioni di abitanti...sbaglia la scala di indagine, Porto Recanati era un paese fino ad aprile scorso! A presto, magari tra i banconi del Consiglio, io non ho bisogno di anonimato e non temo di incontrarla si identifichi ecco il mio numero di telefono: 335 5783906.
      buona notte
      giammario poeta
      consigliere Movimento 5 stelle città di porto recanati

      Elimina
    6. Anonimo delle 1847,io non ho votato questa giunta solo per fermare il burchio,ma per Porto Recanati.

      Elimina
    7. Caro poeta non perdere tempp a rispondere ai commenti degli anonimi ... tanto chi non si firma avrà sempre qualcosa da ridire e modo di attaccarti, sepecie su discorsi politici.

      Elimina
    8. Poeta, io sono più oltranzista di lei e arrivo persino a dire che non deve esistere la proprietà privata dei suoli. Tutto il minestrone che ha messo sul fuoco per dimostrare non si sa cosa dovrebbe essere servito, secondo lei, al popolo. Anche noi, caro Poeta, abbiamo frequentato le accademie e sappiamo che per larga parte sono conciliaboli di perditempo. Ma per quanto abbia compiuto studi di livello universitario mi sfugge il significato della locuzione "consumo del territorio", così tanto cara a lei, architetto, quanto agli ambientalisti. E le dirò anche che pronunciata da un architetto ha un che di sinistro. Se lei non progetta abitazioni in grotta, come svolge la sua professione? Non è per caso lei stesso un consumatore di territorio? Ecco perché non è credibile, perché non applica a se stesso ciò che vorrebbe fosse applicato ad altri. Lei ci viene poi a dire che una società di capitali che si appresta ad investire centinaia di milioni di euro lo farebbe senza conoscere, al contrario di lei, i rischi che corre? Quello idrogeologico poi? E l'ha scoperto lei questo rischio? Dovremmo credere questo? Che lei è una autorità mentre società internazionali, Regioni, Province e chi più ne ha più ne metta, pendono dalla sua bocca per sapere se si può o no costruire su un territorio? Per tutta la sua bella disquisizione sul sesso degli angeli mi considero rimandato a settembre. Ma il popolo che le sta tanto a cuore, capirà?

      Elimina
  9. Poeta secondo me è stato più abile di quanto vogliano dimostrare i commenti finora pubblicati perché avendo capito che il suo elettorato a livello comunale si è dimezzato rispetto a quello europeo ha dovuto suo malgrado accorgersi che evidentemente si preferiva rappresentanti politici più adatti a gestire che a formulare ipotetici scenari. Di conseguenza è diventato velocemente più realista del re iscrivendosi subito alla lista degli "assennati" e come lui stesso ha detto " non sono il signor No e non sono un disfattista a prescindere...." Più chiaro di così. ?..

    RispondiElimina
  10. 16 commenti di "anonimo" e 4 con una "identità": di cos'altro vogliamo parlare ? Mi dispiace che il pregevole lavoro di sollecitazione e stimolo al confronto fatto da l'argano e da pochi altri venga banalizzato, spero da pochi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chette frega, Guidi, il confronto avviene sulle idee non sui nomi di chi le coltiva e le propone. Tu sei un politico come Poeta, altro che architetto, e cerchi la notorietà attraverso il blog. Il fatto che vi firmiate vuol dire che vi sentite molto sicuri di voi e che con il vostro originale pensiero pensate di conquistare gli altri. Guidi, ci sono più cose tra cielo e terra di quante ne può concepire la fantasia di tutti i grillini di questo mondo. Che a me vanno persino a genio, ma non quando fanno bassa demagogia. A Poeta ho chiesto perché non fare il Burchio e il centro commerciale dovrebbe fare la felicità e il bene di Porto Recanati, ma la sua risposta è quella che leggi sopra. Si può mettere la città in mano a uno che è capace di tali sproloqui? Dite perché il Burchio e il centro commerciali non fanno il bene della città e non nascondetevi dietro al rischio idrogeologico (ma ditemi un po' voi) che è uno degli infiniti stupidi slogan inventati dalla sociologia di sinistra per confondere le acque.

      Elimina