QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

mercoledì 4 giugno 2014

DATECI L'OK...

Forse non tutti lo sanno, ma in annesso alla nuova illuminazione da qualche mese funzionante a Porto Recanati, sono state installate 29 telecamere in fibra ottica, distribuite tra Corso Matteotti e il lungomare. Con una modernissima cabina di regia posizionata presso il Comando della nostra Polizia Municipale. E un sistema "smart research" capace di incamerare fino ad una settimana di eventi videoregistrati e immagazzinati in uno speciale hard disk. Se succedesse un atto vandalico in questi luoghi sembra che questo sistema sia capace di isolare l'arco orario da ispezionare, fino ad individuare ed esaminare con puntigliosità lo specifico evento. Tutto questo esiste. Ma non é ancora funzionante. Vi chiederete perché...

Per il semplice motivo che sembra manchi l'OK delle istituzioni preposte (questura o prefettura) alle quali, presupponiamo, é stata inviata la richiesta di agibilità del sistema di videosorveglianza. E così mentre durante tutte le vacanze natalizie (più di cinque mesi fa) le nostre passeggiate sono state allietate dalla musica in filodiffusione che fuorisusciva dallo stesso sistema di illuminazione, inspiegabilmente, un sistema così sofisticato che incrementerebbe di molto la sicurezza della nostra cittadina, resta inattivo.

Dalle colonne di questo blog, lanciamo pertanto un grido di allarme. Chi se ne deve occupare, se ne occupi. Sollecitate, andate a Macerata due volte la settimana, mettetevi in coda dal questore o dal prefetto. Ma rendete quel sistema funzionante.

Ci domandiamo per quale motivo infatti, quando si é messa uno straccio di telecamera in zona Hotel House fiumi di inchiostro sono stati versati in articoli che dedicavano all'evento tantissimo spazio mediatico. Mentre ora che un sistema così sofisticato e moderno che metterebbe al sicuro un'intera cittadina, viene bloccato da una assurda burocrazia, tutti tacciono.

Fate funzionare quelle telecamere. Le abbiamo pagate noi. É assurdo che rimangano in disuso.

 

 

24 commenti:

  1. io firmerei per la rinuncia alla privacy che immagino sia l'ostacolo maggiore,fuori di casa vorrei il controllo su tutto il territorio h24

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La legge sulla privacy prevede che, per le casisitiche di ordine pubblico, atti vandalici, non debba essere richiesta nessuna autorizzazione, all'infuori di una tabella chiaramente visibile, anche in condizioni di luce scarsa, che la zona è videosorvegliata, ciao!

      Elimina
  2. Scusate,ma nel programma di GF,non era nell'elenco delle cose compiute?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, le telecamere già installate (Hotel House, Oratorio Salesiani, Scuola Media) facevano parte di un altro progetto con fondi regionali.

      Elimina
  3. Questioni di lana caprina. Se non saranno attivate meglio per i cittadini perché nessuno sente il bisogno del grande fratello.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottimo. La comunità portorecanatese sta pagando impianti che per la tua lana caprina, non serviranno a nessuno. Perchè non c'è bisogno del grande fratello. Vorrei sapere se quelli che tutte le stagioni invernali vedono danneggiati i propri balneari da atti vandalici, la pensano come te. Così come sarebbe il caso di chiedere a quei negozi che hanno subito furti e sfondamenti di vetrine (ne ricordiamo parecchi negli ultimi anni) se sono sulla stessa linea di pensiero. Sulla tua lana caprina...insomma.....

      Elimina
    2. umberto santucci4 giugno 2014 15:42

      Chi non ha nulla da nascondere non teme sguardi indiscreti

      Elimina
  4. O lana caprina,fatti un po' di fantaimmaginazione....
    in un futuro prossimo tu passeggi di notte per una viuzza del centro,quando ad un certo punto due energumeni ti corrono dietro per derubarti o riempirti di botte,non ti farebbe sentire più sicuro il fatto di poter correre verso il corso o il lungomare sapendo di avere degli occhi che ti potrebbero salvare la vita o identificare i tuoi assalitori?

    RispondiElimina
  5. eeeee massè el bronx!!! ma cu starete a di !?!?!? e per evitare i "vandali" servono solo piu giri di pattuglia non le telecamere, o ancora meglio qualche schiaffo dai genitori, perchè sono ragazzini!! per attivare le telecamere dovranno mettere cartelli, per l'area video sorvegliata, su OGNI incrocio che entra sul corso o lungomare..ulteriore spesa inutile!!! state creando un clima di terrore..inseguimenti nelle viuzze!?! ma 'ndo vivete?!?! e se anche fosse, le telecamenre nelle "viuzze", dove potrebbero crearsi situazioni del genere ( a vostro dire), non ci sono!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Senti, fammi capire: tu te lo compreresti un impianto Home Theatre per il tuo salotto per lasciarlo spento?

      Elimina
    2. Io so una sola cosa, che la maggior parte di quelli che postano su questo blog per me sarebbero cattivi vicini di casa. La questione videocamere ne è una dimostrazione.

      Elimina
    3. E si ..spesi migliaia di euro per le telecamere , a priscindere che sia stata una spesa utile o meno ma comunque spesi ... E poi non usarle perchè mettere i cartelli costa troppo ...

      Sei candidato ai Darwin Awards...

      Elimina
    4. A.mo delle 0.15, l'hai buttata lì e speri che passi. Quante migliaia di euro secondo le tue informazioni ha speso il comune? vallu a sapé!!!!!

      Elimina
  6. Il fatto che parli di comunità e non di collettività la dice lunga, Argano, sul tuo modo di concepire il vivere insieme. Sai, comunità è un concetto molto estremista sia che lo guardi da destra che da sinistra. Noi tutti abbiamo ognuno un nome e un cognome e vogliamo essere riconosciuti per quelli, non per essere pecore di un unico gregge.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa tua brillantissima lezione di antropologia ci consentirà di dormire sonni tranquilli....

      Elimina
    2. Dimenticavo.... Un anonimo che scrive "noi tutti abbiamo ognuno un cognome e nome" era una chicca che ci mancava....

      Elimina
    3. Noi tutti abbiamo ognuno un nome e un cognome vuol dire che non siamo comunità ma collettività. Un concetto troppo arduo per te Argano? Se vuoi te lo spiego in poche parole.

      Elimina
    4. Dimmi dove terrai la lectio magistralis sull'argomento. Dedicherò un post speciale a pubblicizzare l'evento.

      Elimina
  7. mettiamo urgentemente queste benedette telecamere, grazie argano che hai sollevato il problema e messo al corrente i cittadini di questa situazione penso che molti ne parlano ma non si sapeva che erano gia istallate saluti

    RispondiElimina
  8. Ecco ciò che piace sentirsi dire all'Argano. Grazie perché esisti, Argano, senza di te saremmo dei poveri trovatelli. Grazie perché hai sollevato il problema delle telecamere, senza le quali perderemmo la nostra identità di scibbegotti pallonari. Pensa tu Argano il livello intellettuale di questo blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo blog ha un discreto successo grazie all'eccellente livello intellettuale di commentatori anonimi come te. Non ci abbandonare. Senza di te, non avremmo futuro....

      Elimina
    2. Giustizia e Libertà5 giugno 2014 07:26

      O,enamatinamatora quanti prufessori!
      E cusa ete studiato tutti alla Bucconi?
      A parte gli scherzi,cari professori anonimi,che ci state a fare in un blog che vi fa sentire tanto inferiori intellettualmente?
      Andate.....a fare o sentire lezioni di "alta scuola"da altre parti se qui non vi piacciono le argomentazioni.

      Elimina
  9. Non c'è bisogno della laurea per fare discorsi seri, ma di buon senso e soprattutto buona fede. Io mi sforzo di onorare questi due requisiti. Se così facciamo tutti saremo tutti amici. Buon senso e onestà, dunque, non altro.

    RispondiElimina