QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

lunedì 5 giugno 2017

PORTO RECANATI È

È stato un lungo week end pieno di vita nella nostra Porto Recanati, quello appena trascorso. Una tre giorni nella quale abbiamo preso atto di come l'associazione commercianti in sinergia con l'amministrazione comunale che le ha affiancato alcuni eventi sportivi connessi, ha saputo far diventare la nostra cittadina polo attrattivo per il turismo non solo locale.
Ho visto locali stracolmi di persone. Ho visto i nostri ospiti (ma anche i nostri concittadini), ballare, cantare, divertirsi. Ho visto la felicità di molti bambini al cospetto di una serie di giochi gonfiabili posizionati in ogni angolo della città.

Porto Recanati ha dimostrato quanto puó essere viva e vitale.
Mi sento, da portorecanatese, di dover ringraziare la neonata associazione "Porto Recanati è". Ha sostenuto uno sforzo economico importante, presumo, nell'organizzare questa serie di eventi. Ma, nella stessa maniera, penso abbia avuto conferma di quanto certi eventi nel nostro paese funzionino. E possano portare un ritorno economico.

Non è carino fare i conti nelle tasche altrui. Ma veramente auspico che la buona riuscita di questo lungo week end sia propedeutica alla organizzazione di altri eventi (piccoli concerti, attrattive per bambini, spettacoli di cabaret) che consentano alla città di offrire divertimento. Di rimanere vitale anche nei mesi (come il Luglio dello scorso anno) durante i quali, molto probabilmente per le ristrettezze economiche imposte da un pubblico bilancio, Porto Recanati è stata troppo inerte e "silenziosa".
Dovremmo insomma inculcare il concetto di un paese che d'estate offre un qualcosa da fare. Offre una serata diversa. Dona la possibilità ai bambini di potersi divertire.
Sempre.

Il Comune dovrebbe conseguentemente fare la sua parte: ottimizzare le risorse, fornire strutture e appoggio logistico, provare a stare al passo di una iniziativa privata che ha dimostrato di saper fare.

Porto Recanati non puó essere identificata nei soli 20 giorni di Agosto da tutto esaurito. Deve saper crescere turisticamente. E chi ha onere e onore di amministrarci deve saper curare ogni minimo dettaglio. Affinchè chi decida di trascorrere dei giorni nella nostra cittadina se ne vada soddisfatto. E sparga voce.

Per fare questo dobbiamo migliorare i servizi. Dobbiamo mettere le docce nelle spiagge libere e tenerle pulite. Dobbiamo svuotare i cestini dei rifiuti per non dare alibi ai maleducati nel gettare a terra qualsiasi cosa. Dobbiano, insomma, fare un salto di qualità che non renda vano lo sforzo di chi organizza certi eventi investendo importanti risorse.

È una opportunità, in fondo, quella che "Porto Recanati è" ci sta offrendo.

Dobbiamo saperla cogliere.

11 commenti:

  1. Confermo tutto, dalla A alla Z. Solo un commwnto che mi si ritorcera' contro. Ristoratori e bagnini hanno meno da guadagnarci con questi eventi, o meglio aumentano di poco I loro guadagni. La citta' ha comunque il mare e quel tot di turisti locali e non, scelgono porto recanati perche' hanno la seconda casa e sono in un certo senso costretti a venirci. Come hai detto, pero', basta poco per rendere ancor piu' attrattiva la citta' can tali appuntamenti ma pulizia e decoro sono indispensabili.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per i ristoratori è stata la manna dal cielo!

      Elimina
    2. Gli unici che ci hanno guadagnato sono stati ristoranti, pizzerie bar gelaterie e simili.
      Il costo è stato per la quasi totalità in capo ai commercianti se si escludono 1200 euro del comune, corrente gratis e forse patrocinio per occupazione suolo pubblico.

      Elimina
  2. Bravi , ottima iniziativa che ha fatto il pienone di gente e la gioia di tanti bambini. A quanto ddetto dall'ARGANO aggiungo solo che si dovrebbero aumentare il numero dei cestini per ii rifiuti dando la possibilità di differenziare già al momento dell'abbandono. grazie

    RispondiElimina
  3. Bravo Argano,finalmente un articolo ottimista che potrebbe farci sperare in bene per il proseguo di una prolifica stagione estiva.Come sempre attento ai particolari,super partes e mai con attacchi gratuiti.Grazie.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Super partes perché?
      Ognuno esprima quello che pensa e ritiene giusto, non c è la campagna elettorale. ...

      Elimina
  4. Falaschini Quirino.5 giugno 2017 15:34

    Ho dovuto aspettare 47 anni per vedere i commercianti fare un fronte comune proponendo qualcosa all'amministrazione.E i risultati si sono visti.Un elogio a chi è riuscito in un' impresa del genere.Speriamo continuino così, Bravi

    RispondiElimina
  5. Mah forse ho in mente un turismo di tipo diverso. Se Porto Recanati vuole continuare a fare il "tutto esaurito" nel week ent attirando i proprietari di seconde case e gli abitanti dei paesi limitrofi, categorie di soggetti che comunque ci verrebbero comunque, questa è la strada giusta. Nel week end c'erano quelli che ci vengono sempre. Poi non ho capito la sinergia con l'amministrazione comunale: parcheggi selvaggi, vigili urbani introvabili come sempre, varchi totalmente incustoditi e come se non bastasse qualche scienziato dell'attuale amministrazione si è inventato la spazzatura strada di lunedi mattina in alcuni quartieri costringendo la domenica sera i residenti a vagare impazziti alla ricerca del parcheggio che non c'è.Porto Recanati rimane da 20 giorni ad agosto e per i servizi che offre è pure troppo. Speriamo che ad agosto non piova.

    RispondiElimina
  6. Mi dispiace cantare fuori dal coro, ma siamo alle solita, che tipo di turismo vuole Porto Recanati? perché se ai residenti del centro da fastidio la musica e ai balneari da fastidio il silenzio, si deve cercare la via di mezzo, che l'Amm/ne comunale non può credere di risolvere portando a 50db il volume della musica. 50db corrisponde al volume una radiolina.

    RispondiElimina
  7. da un lato una neo-associazione di commercianti che si dedica anche alla promozione turistica e di eventi, dall'altro un'amministrazione comunale.
    Merito certo alle attività commerciali nel successo di questo evento, ma costrette da questa scelta per delle mancanze da parte dell'amministrazione di promuovere il suo territorio al meglio.
    Cioè un'attività oltre pagare le tasse, deve anche adoperarsi per promuovere il territorio?
    Houston abbiamo un problema!

    RispondiElimina