QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

martedì 13 giugno 2017

IL PD RISPONDE SUL BILANCIO, AVANZO DI AMMINISTRAZIONE E FONDO CREDITI DUBBIA ESIGIBILITÀ

Nota del PD

La risposta dell’Amm.ne comunale alla nota de PD sul “Rendiconto 2016”, non trova nessun riscontro nella realtà dei fatti.

 

La nota del PD mette al centro della sua attenzione l’Avanzo di Amministrazione(Risultato prettamente finanziario), non parla della costituzione del FCDE se non del fatto che esso è garantito dall’avanzo di amministrazione, mentre l’Amministrazione risponde che la procedura per la formazione del FCDE (Fondo Crediti di Dubbia Esigibilità) è corretta.

 

In altri termini, non abbiamo chiesto del D.Lgs. 126/214, della Legge n. 208 del 28 Dicembre 2015 delle quali si sta dilungando a dirci che le ha rispettate e le conosce bene, e poiché ci siamogli ricordiamo anche la Circolare MEF n.5 del 10 febbraio 2016

 

Queste leggi e circolari regolano l'attuazione del pareggio di bilancio messo in Costituzione negli enti locali. Anche del FCDE, quindi!

 

Sono leggi e le conosciamo anche noi: vanno semplicemente rispettate come avete fatto. Non si poteva fare altrimenti. Punto.

 

Abbiamo chiesto, invece, dell’AVANZO DIAMMINISTRAZIONE, di grossa entità, che ammonta a 3.593.419,82 di Euro e quasi totalmente accantonato o vincolato (non si possono spendere); la parte disponibile assomma a soli 22.782,84 Euro.

 

Abbiamo affermato che l’avanzo di amministrazione (di oggi), serve a coprire “impegni” o spese del passato cui è venuta meno la copertura causa mancate entrate, così come abbiamo affermato che i mezzi finanziari dell’avanzo sono stati reperiti, negli anni, con il taglio dei servizi che i contribuenti hanno pagato sempre per intero.

 

Abbiamo ribadito che la responsabilità di tutto ciò, ci riferiamo all’entità molto grande poiché chi non paga c’è ovunque, è tutta delle parti politiche che hanno governato dal 2000 al 2016.

 

In chiaro per chi ci legge: se i soldi del FCDE non verranno riscossi, negli anni, per coprire ci sono già i mezzi finanziari trattenuti da quanto versato dai contribuenti per avere i servizi e accantonati nell’Avanzo di amministrazione.

 

Per rendere chiaro e comprensibile questo concetto su chi sta pagando, riportiamo oggi, in questa sede (non c’era nella nostra nota), la dinamica delle riscossioni dei “residui attivi”negli ultimi 5 anni inerenti la raccolta rifiuti: TARI, TARES, TARSU.

 

 

ANNO

Residui attivi iniziali

Residui attivi riscossi

Risc.ni

 

2012

676.901,46

338.563,65

50,0%

2013

721.976,47

216.307,57

30,0%

2014

1.690.369,05

655.339,75

38,8%

2015

1.316.550,41

424.280,70

32,2%

2016

1.163.831,69

291.540,65

25,1%

 

2017

1.411.001,09

?

?

 

MEDIA RISCOSSIONE RESIDUI   34,6%

Non c’erano le percentuali di riscossione negli anni: fatto dal PD

 

Tratto da: “Relazione della Giunta al Rendiconto 2016”

 

 

Tutto questo è riscontrabile sia in questo blog,sia nella nostra bacheca, o nei verbali del consiglio comunale per quanto riguarda le dichiarazioni dei nostri consiglieri.

Nel dettaglio, inoltre, ribadiamo che la sequenza dell’avanzo di amministrazione, quasi totalmente vincolato negli ultimi 5 anni, è questa:

 

➢ 2012: 432.739,06 Euro
➢ 2013: 492.770,70 Euro
➢ 2014: 910.881,88 Euro e, dopo il “Riaccertamento straordinario di tutti i residui effettuato dal Commissario,1.371.890,13 di Euro.
➢ 2015: 2.530.301,92 Euro
➢ 2016: 3.593.419,82 Euro

 

Quindi gli accantonamenti, magari per il fondo ammortamento crediti è iniziato prima del FCDE. Ognuno può capire a cosa servono queste risorse finanziarie.

 

È vero che l’obiettivo del FCDE ha lo scopo di evitare buchi di bilancio, come sostiene la nota dell’Amm.ne comunale, ma lo fa creando anticipatamente il fondo, come nella previsione 2017, con mezzi finanziari dei contribuenti prima che il buco si crei. Per questo tecnicamente non si formerà: è coperto preventivamente.

 

Nel passato il fondo e la sua copertura sono stati creati per tappare il buco finanziario, nel futuro si prevedono in anticipo perché il buco non si realizzi, … … ma paga sempre pantalone.

 

Quanto dice il Sindaco è l’opposto di quello che noi sosteniamo con questi dati: intende forse che, in servizi, ci viene restituito di più di quello che versiamo?

 

Probabilmente lascia intendere che, se fino ad oggi i contribuenti venivano avvisati del taglio dei servizi dopo l’operazione, adesso sono avvisati prima, come nella previsione 2017sappiate che riceverete meno servizi rispetto a quello che pagherete poiché ci sono altri accantonamenti di circa 600.000 Euro. Se nulla cambia!

 

In conclusione:

 

1) Ci dica sig. Sindaco come è stato costituito l’avanzo di Amministrazione e perché non è disponibile.

 

2) Ci dica inoltre se intende accettare la proposta del nostro consigliere di “Città mia” di mettere in atto in tempi brevi una “Due diligence per affrontare il problema.

 

Solo in questi termini riterremo soddisfacente la sua risposta.

 

12 commenti:

  1. Sicuri che è il PD lo scendiletto dell'amministrazione?

    Gli atri cosa sono allora? Su un argomento come il bilancio o parlano di altro ... o semplicemente sono non pervenuti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giustificarsi per le mancanze altrui è comunque molto poco qualificante, se vi accontentate di così poco è perché sapete di valere poco

      Elimina
    2. Diciamoci la verità nella completa ignoranza degli altri gruppi in materia di bilancio, credo solo il PD abbia gli strumenti necessari ad una sua analisi oculata

      Elimina
  2. In sintesi: il contribuente onesto paga anche per chi non lo è.
    Chi dovrebbe vigilare e prendere i dovuti provvedimenti è attento e attivo su questo fronte o lascia che il cittadino che paga fino all'ultimo centesimo continui a sopportare il carico per tutta la collettività?
    Infine, quanto il cittadino sempre adempiente potrà sopportare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E questo, nella sostanza, è quello che sto provando a spiegare da 5 giorni a questa parte!!!

      Elimina
  3. Provo a fare una brevissima sintesi, molto semplificata:

    Il problema di bilancio nasce da 2 aspetti: il primo soldi che si pensava
    sarebbero entrati e che sono stati spesi , ma alla fine non sono mai stati incassati, vedi anche l'interrogazione sulle fideiussioni che abbiamo fatto mesi fa, ed il cittadino è tenuto a pagare per quei soldi spesi ma mai incassati.

    Il secondo è una spesa , specie per servizi esterni, che è da anni in costante aumento ad un tasso ben più alto di quello di inflazione e del tasso di crescita della popolazione per il quale non si è mai fatta una seria spending review.

    Il connubio "malefico" fra questi 2 fattori ha portato ad avere l'imu al valore massimo sulle seconde case, una irpef comunale vicina ai limiti massimi di legge e la tari fra le più care della provincia (se non la più cara).

    Al tutto ci si somma chi non paga le imposte ed una quota non indifferente di false residenze.

    I cittadini hanno dunque pagato negli anni 3.500.000 euro a copertura di altri che non hanno pagato il dovuto (e molto difficilmente lo faranno). Insomma come in un condominio quando ci sono alcuni morosi ... gli altri si trovano a pagare di più del dovuto per i servizi che hanno ricevuto poichè chiamati a pagare anche per chi non lo fa.

    Ci si sommano poi la parte pagata per una non ottimizzazione dei servizi e tutta la parte di evasione Imu / tari, che fanno salire il conto e non di poco. Conto sempre presentato al cittadino pagatore , specie se proprietario di seconda casa che da soli reggono oltre 1/3 del bilancio del paese.

    RispondiElimina
  4. D'accordo Feliciotti, secondo me sarebbe opportuno conoscere la composizione di queste perdite, quali sono le imposte che concorrono a formare tale importo, altrimenti non arriviamo a niente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I dati a nostra disposizione sono:

      TARI-TARES-TARSU 923.063,06

      IMU-TASI-ICI 900.632,55

      Cod. STRADA E REGOLAMENTI 105.438,94

      FITTI ATTIVI 46.529,43

      ONERI PEEP 193.413,96

      VARIE 12.755,76

      ULTERIORI ACCANTONAMENTI 334.466,63

      CREDITI DI DUBBIA ESIGIBILITÀ 2.516.300,33 (somma precedenti)

      FONDO RISCHI CONTENZIOSO E ALTRO 465.888,51

      TOTALE ACCANTONATO 2.982.188,84

      PARTE VINCOLATA 435.910,78

      DESTINATA AGLI INVESTIMENTI 152.537,36

      TOTALE DA GARANTIRE 3.570.636,98

      queste cifre in parole povere vengono fuori da soldi spesi con entrate che si consideravano certe , ma in realtà non è stato possibile riscuotere.

      In più ci sono i soldi messi a garanzia di cause che il comune potrebbe perdere.

      Il risultato è la somma nel tempo di mancati incassi , infatti si vede presente ancora la voce ICI.

      quindi sono stati spesi 2.500.000 euro di tasse non riscosse... ovviamente questi soldi a copertura sono stati messi dai cittadini che le tasse le pagano.

      Rimangono fuori dal conto ovvio le tasse evase ovvero che il comune non sa che dovrebbero essere pagate , classico esempio una falsa residenza che fa perdere il gettiti imu seconda casa. Quindi se contiamo anche questo , il conto per il cittadino onesto è parecchio salato.

      Elimina
    2. Intanto ti ringrazio, solo un ultima domanda: vista l'entità del contenzioso anche se frutto di un consolidamento di diversi esercizi, eventuali riscossioni in conto del predetto contenzioso già spesato come saranno contabilizzate? O meglio quale sarà la destinazione di tale entrate?

      Elimina
  5. Questa analisi cosi'dettagliata mi ha permesso di capirci qualcosa in piu'.
    L'unica cosa che non mi e' completamente chiara e'quando sostieni che ci sono false residenze.E' come dire che alcune residenze(specie Scossicci )sono state rilasciate con superficialita'...a dir poco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la storia delle false residenze purtroppo va avanti da anni ho segnalato piu volte a tutti lassù nei 2 PALAZZI comunali compresa polizia municipale alla Righi ecc. non è stato fatto un bel NIENTE non solo a Scossicci parlo della MALFAMATA via Bocci una situazione VERGOGNOSA sotto ogni punto di vista!

      Elimina
    2. Per poi passare alla relativa riscossione in campagna elettorale??
      Aggiungo io che ho molta fantasia.

      Elimina