QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

mercoledì 12 aprile 2017

A PORTO RECANATI SUCCEDE

Ricevo e pubblico dal gruppo consiliare UPP:


Succede a Porto Recanati che il regolamento edilizio (art. 68) vieti la realizzazione di balconi di qualsiasi forma e dimensione sulle strade di larghezza inferiore a 10 mt.
Solo per le nuove edificazioni può essere consentita la costruzione di balconi sporgenti dal filo del fabbricato non più larghi di 1/10 della larghezza della strada antistante.
Succede che a seguito di un'osservazione puntuale venga stabilita una deroga per un edificio (non nuovo) posto su via Garibaldi. 
Succede che sullo stesso edificio il balcone venga realizzato più largo del decimo della larghezza della strada e più basso di alcuni centimetri dei 3,50 mt. assentiti.
Succede che i camioncini, percorrendo via Garibaldi, comincino ad andarci a sbattere contro.
Succede che nessuno rilevi l'anomalia, anche dopo diversi incidenti.
Succede che l'assessore delegato alla viabilità intervenga prontamente spostando i parcheggi sul lato opposto della strada e creando in tal modo una pericolosa gincana nel flusso veicolare.
Succede che la casa in questione (per ironia della sorte) risulti di proprietà della suocera del delegato alla viabilità.
Succede a Porto Recanati.

Uniti per Porto Recanati 

 

 



 

15 commenti:

  1. Non può essere che i galantuomini che ci amministrano facciano i propri interessi a danno del paese!

    RispondiElimina
  2. le solite porchette!!!

    RispondiElimina
  3. per questo conviene esercitare la nobile arte della politica e tutto si mette a posto con un pater ave e gloria !

    RispondiElimina
  4. E pensate al Burchio, anzichè occuparvi di queste cosucce che ci servono per raccattare consenso, cioè voti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cosucce? ma è di una gravità immane....l'interesse privato di uno che prelavere su quello di tutti gli altri....e la cosa piu grave è che per alcuni so cosucce...e da queste "difese a tutti i costi" , anche delle oscenità, si capiscono tante cose....

      Elimina
    2. Anonimo 10,34, io rileggerei meglio il commento delle "cosucce" e fino in fondo. Così, tanto per capirlo bene e non... farla fuori dal vaso!

      Elimina
  5. Una persona di così specchiata moralità, un passato di incarichi di responsabilità senza macchie e sospetti!non ci posso credere!

    RispondiElimina
  6. Questa è una delle tante storie che rappresentano il modo di governare dell Ubaldi e dei suoi discepoli. E questo va avanti da Fabbracci a Mozzicafreddo.Se mi voti,se sei un parente,se parli bene di me,se mi sei simpatico possiamo trovare sempre la deroga giusta.Se non sei tutto questo non mi limito ad essere rigorosa nel farti rispettare la legge,trovo tutte le maniere per contrastati. È nel suo carattere e nella sua indole. Ma la cosa preoccupante è che se ne fregano di tutto e di tutti.

    RispondiElimina
  7. Abito in via Garibaldi e confermo quanto detto dall'Argano.
    Mi duole rilevare che i comitati di quartiere sono prontissimi a rispondere a queste istanze e rimangono sordi quando si parla di inquinamento acustico.

    RispondiElimina
  8. Puntualizzo che il post non è farina del mio sacco. Ma di uno studio fatto da UPP. Io mi sono limitato a pubblicare quanto mi hanno fatto pervenire. Mi aspettavo e mi aspetto una replica da parte dell'Amministrazione Comunale e della persona interessata. Se dovesse arrivare la pubblicherò.

    RispondiElimina
  9. UPP con il KGB al suo servizio poteva indicare in che anno è stato costruito o modificato il balcone di cui all'oggetto e di tutti gli altri balconi che nel corso degli anni sono stati oggetto di incontri ravvicinati con i camion che passano in via Garibaldi. Lo scandalo più grande e' che in un budello di via come è via Garibaldi in quella zona si permetta il transito di camion e contemporaneamente il parcheggio delle auto.
    I geni di UPP ai quali nulla sfugge, nell'anno in cui sono stati al comando non se ne sono mai accorti di questa situazione?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione,sono tutti comunisti che non vanno mai alla messa e mangiano pure i bambini!

      Elimina
  10. Beh allora in che anno è stato autorizzato sto balcone??

    RispondiElimina
  11. A te o anche all'ano delle 17,43 che ha sollevato l'argomento per voler dire cosa?? Che forse l'autorizzazione a quel "balcone fuorilegge" e stata concessa sotto la precedente Amministrazione??? Fateci capire quel riferimento cronologico che senso ha.

    RispondiElimina