QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

venerdì 30 dicembre 2016

NOMINE FARMACIA E DIMISSIONI

Ieri sera i primi rumors. E oggi le conferme dall'articolo del Corriere Adriatico che  sotto potete leggere. Stiamo parlando di Farmacia, ovvero della "controllata" dall'Ammnistrazione Comunale che nella storia politica recente di questo paese  qualche problemino lo ha creato.
Bene, dovremmo avere un nuovo presidente: Andrea Dezi. Ex assessore della giunta Montali, poi dimissionario, ex PD, poi quasi espulso da quel partito, poi quasi reintegrato e alla fine schieratosi al fianco di Rosalba Ubaldi (che lo aveva cercato anche nelle elezioni del 2014)  contro tutto il centro sinistra cui aveva appartenuto nella sua storia politica. Molto presente nell'ultima campagna elettorale dove aveva fortemente appoggiato suo cognato (poi eletto) Marco Pantone. Ovvero quel Pantone che ora sembra volersi dimettere e lasciare il posto al primo non eletto Emiliano Giorgetti. 

Bel casino, direte. Il CDA della Farmacia dovrebbe constare di altri due membri. Uno (Orietta Montironi, coordinatrice cittadina dell'UDC) è certo. L'altro Emanuela Addario (vice coordinatrice pro-tempore  della Protezione  Civile e corrispondente locale del Resto del Carlino), pur nominata, sembra voler rinunciare all'incarico. Attendiamo una sua nota per conoscerne le motivazioni. A naso verrebbe da dire che questa somma di incarichi così eterogenei rappresenterebbe un gigantesco conflitto di interessi. Sarebbe infatti abbastanza comico dover assistere alla Addario che si occupa sul suo giornale di una narrazione cittadina degli eventi che lei stessa, in vari settori,  concorre a caratterizzare. 

Altra considerazione: la maggioranza del 12 % dei consensi se ne sbatte delle minoranze e per gli incarichi della Farmacia provvede con propri fedelissimi. Perchè è ormai chiaro che il modo di procedere è questo. E non sono ammesse variabili.

Infine potremmo parlare delle competenze. Ma nel modus operandi della Ubaldi in relazione alla Farmacia non sono mai state richieste. Lei quasi sempre aveva una linea: premiare il primo dei non eletti. Questa volta invece il "riconoscimento" va ad Andrea Dezi. Senza offesa per nessuno, penso si possa tranquillamente asserire che è stato onorato un "do ut des". Dezi si è speso in campagna elettorale per la Ubaldi. E la Ubaldi lo ha premiato.

Rimangono da inquadrare in questo pacchetto, le dimissioni di Pantone. Sono spontanee o parte di un accordo?

 

25 commenti:

  1. Bravi cosi si fa'....

    RispondiElimina
  2. Regalo di fine anno a cui ci siamo abituando!...ma l'opposizione chi la fa ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Basta andare in consiglio comunale e vedere chi fa opposizione e chi solo grattamento di maroni

      Elimina
  3. chi sta all'opposizione batta un colpo si faccia sentire!!!!!!!!

    RispondiElimina
  4. ma per vpoi e' una novità. dopo tutto queel casino che ha fatto Dezi poteva rimanere a bocca asciutta?

    RispondiElimina
  5. Caro Emilio.. e come al solito ci metti del tuo.. tanto per .... Io non ho accettato nulla... Un conto è proporre, l'altro è accettare. Quindi, mi spiace per te ma non dovrai assistere a nessuna comica. E insieme a te tutti gli sciacalli che sono pronti speculare sulla questione sono costretti a parlare di altro , che in casa loro non manca. Io scrivo, per un giornale di tutto rispetto, e quello voglio continuare fare.... Ribadisco...scrivo...non cazzeggio... e mi sembra di aver detto tutto!
    Buon Anno

    Emanuela Addario

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Parla di sciacalli LEI ????

      Elimina
    2. Brava, Addario, proprio così: si sono scatenati gli sciacalli. Pierini è orgoglioso di metterci del suo, immagina tu con quale credibilità si può parlare di certe cose.

      Elimina
    3. Signora Addario, un po' di stile per favore. Proprio perchè scrive per un giornale che ha una sua rispettabilità e una sua storia mai venute meno. Spero si renda conto del "cul de sac" in cui si trova, così come spero che riesca a trovare la freddezza indispensabile a uscire da una situazione quanto meno imbarazzante e a tenere in considerazioni i lettori del suo giornale. Lasciarsi prendere nella spirale del qualunquismo, alimentato da qualche collega che si comporta come la volpe con l'uva, non è però una buona partenza.

      Elimina
    4. Se ti hanno chiamato per ben 2 volte, cara Giornalista con la G maiuscolo, secondo il metodo della ns amministrazione, è perché dovevano ringraziarti in qualche modo.
      Viva la trasparenza e la giusta informazione ...

      Elimina
  6. Emanuela Addario chiaramente deve scegliere tra CdA della farmacia e attività pubblicistica per il Resto del Carlino. Comunque già il fatto di trovarsi a questo bivio le fa perdere punti proprio come giornalista, perchè d'ora in poi non si potrà non ricordare che la Giunta comunale l'ha proposta per quell'incarico e perciò significa che la Giunta comunale la ritiene "vicina" ad essa. E questo per un giornalista non è un bene. A questo punto non c'è solo il soldato Bufalari da salvare!
    Il resto è clientelismo ordinario.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Emanuela, e grazie al cazzo. E se non ci mettessi del mio sarebbe un cimitero. Invece è un blog... Poi scusami, in altre parole hai confermato quello che ho scritto. Proseguirai a scrivere in un giornale. E chi scrive in un giornale dovrebbe essere sempre super partes. Per quanto riguarda chi scrive e chi cazzeggia lascialo giudicare ai lettori. Perchè le tue interpretazioni contano meno di zero.

      Elimina
    2. questo mi sembra tanto "un addetto ailavori2

      Elimina
    3. Perché non chiedete alla Addario se ha presentato il curriculum a Mozzicafreddo????

      Elimina
  7. Lanfranco Picchio30 dicembre 2016 12:47

    Intanto queste ultime notizie sparigliano le carte,"l'affaire"SGM passa in secondo piano e si sgonfia(mediaticamente).Sara'un caso?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e' meglio per tutti che passi in secondo piano, soprattutto per l'argano.

      Elimina
    2. Se devi minacciare mettici faccia e nome.

      Elimina
  8. Complimenti per stile e per la buona educazione Signora Addario, uno stile che rispecchia perfettamente quello dell'attuale giunta. Un Felice Anno.

    RispondiElimina
  9. Certo che rendere pubblica una nomina per avere come risposta un no grazie lascia molto perplessi... Non vi sembra un po' strano?

    RispondiElimina
  10. I punti si stanno unendo vedrete il "nuovo" direttivo del PD
    Tutti quelli che hanno fatto campagna pro Ubaldi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è una VERGOGNA INTERNAZIONALE!!!

      Elimina
    2. Ano 17.17 fai pace con il cervello.Cavolo c'entra il Pd?

      Elimina
    3. Anonimo 00.38 il cervello funziona molto bene, o tu sei uno dei presunti futuri candidati del PD amico/a della UBALDI, allora vuoi tenere nascosto quello che è sotto la luce del sole, oppure potresti anche ragionarci sopra.
      Durante la campagna elettorale una fazione del PD voleva fortemente l'alleanza, addirittura durante una riunione di tesserati ci fù una diatriba accesa da una NON tesserata che guarda caso dicono sia la moglie del neo presidente della farmacia.
      Poi alcuni del direttivo del PD e prima ancora esponenti di rifondazione, andavano a fare campagna elettorale per il dimissionario consigliere dello sport.
      Questo è il mio pensiero, potremmo parlarne tantissimo ma poi ad Aprile si evincerà chi ha ragione.
      Tieniti questo PD, con questa prospettiva non mi piace.

      Elimina
    4. bastava far l'accordo con l'udc e di tutto cio' non se ne sarebbe parlato bisognava rinnovare non e' stato fatto , upp campagna contro lo stesso PD ma questa e' la sx


      Elimina
  11. .....quello vecchio, invece!

    RispondiElimina