QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

lunedì 7 novembre 2016

SCUOLE A RECANATI: IL COMUNICATO

SICUREZZA A PALAZZO VENIERI PER LICEI CLASSICO E DELLE SCIENZE UMANE

DI RECANATI dal 7 novembre 2016 ?

Sabato 05.11.16, ore 15.00 - Cronaca di un incontro tra Sindaco, genitori, studentiDirigente ed RSPP della scuola

Sintesi delle comunicazioni del Sindaco di Recanati

• abbiamo l’agibilità ad oggi attestata, oltre che dal nostro architetto Paduano, anche da ingegneri della Protezione Civile di Genova
• genitori e insegnanti educhino i ragazzi a non aver paura, a superare eventuali stati di panico; 
• ci saranno sicuramente prove di evacuazione più frequenti a scuola;
• il Certificato di Prevenzione Incendi (che prevede comunque vie di fuga e tutele “parallele” alla sicurezza antisismica) non è subito visionabile se non a richiesta negli uffici comunali e può avere deroghe nel particolare territorio del centro storico (cioè qualche vincolo in meno);
• lamministrazione comunale ha competenza sull’agibilità della struttura in quanto proprietaria dell’immobile, ma per l’evacuazione è competente la scuola stessa;
• aspettiamo che lunedì sia emanato un decreto della regione Marche per fondi speciali, anche per le scuole;
• valuteremo se possibile fare una terza scala di sicurezza (come richiesto da genitori e Dirigente scolastica); 
• intanto lunedì 7 c.m. la scuola riapre e chi non vuole mandare i figli, non li mandi ( “Non vorrete mica andare in un capannone, come dicono sui social?! Avete visto che in Emilia Romagna sono crollati per primi?!” )

Sintesi delle comunicazioni dei Genitori

• abbiamo fiducia nelle dichiarazioni di agibilità, ma vogliamo vederle controfirmate e pubbliche;
• come pure vorremmo vedere pubblicato su apposito spazio del sito del Comune il Certificato di Prevenzione Incendi entro lunedì 7 c.m., giorno di riapertura della scuola e non potete pretendere che si venga comunque negli uffici del comune, ad oggi anche inagibile!);
• pur avendo un Piano di evacuazione dichiarato dalla scuola con due scale come via di fuga, è evidente a molti che la scala a chiocciola ha un deflusso in fila per uno ritardando l’uscita, con soste di attesa tra studenti del 3 e  4 piano (naturale nella buona educazione, ma non per una via di fuga dal terremoto!);
• le scale non sembrano adeguate e sufficienti neanche per un Piano di prevenzione antincendio;
• l’Assistente tecnico Mauro ha l’incarico di valutare le vie di fuga, ma come può visionare rapidamente le due scale lontane per dare il via all’evacuazione, da solo?
• chiediamo una terza scala di sicurezza al più presto (richiesta anche dalla Dirigente);
• chiediamo un alleggerimento nel numero di classi al 3° e 4° piano per l’evacuazione, già da lunedì 7 c.m. fino alla costruzione di una nuova scala (possibile anche in un mese forse?) traslocando alcune classi in altri locali che il comune, in sinergia con la scuola e altri Enti, potrebbe trovare; 
• contestiamo la riapertura della scuola il 7 c.m. senza alcuna risposta positiva rispetto a quanto sopra, e senza nessuna garanzia sull’urgenza della realizzazione di una terza scala(in supporto alla scala a chiocciola);
• denunciamo la negazione del Diritto allo Studio per gli studenti che non abbiano la necessaria serenità per la frequenza durante l’attuale periodo di sciame sismico (vedi edifici evacuati nello stesso comune di Recanati) e per chi  abbia difficoltà deambulatorie che ancor meno consentono l’evacuazione sulla “famosa” scala a chiocciola, nonché sulla scala principale.
• ravvisiamo con rammarico la mancata collaborazione da parte del Sindaco di Recanati in “aiuto” ad un accesso sicuro, o “più sicuro”, nei Licei di Palazzo Venieri, con la conseguenteperplessità sull’adeguatezza attuale del Piano di evacuazione con circa 500 studenti dei  due Licei, con relativi docenti e non docenti  (anch’essi con pieno diritto alla sicurezza!)
• inoltre la preoccupazione è più profonda ancora, perchépur tranquilli per l’agibilità dichiarata da giornidopo l’evacuazione studenti e lavoratori della scuola si trovano in pieno centro storico a rischio (v. situazione inagibile del Palazzo comunale attualmente) e intanto non vi è nessuna espressione di impegno delle autorità per una diversa locazione dei Licei, neanche per il futuro;
• si conclude dichiarando la necessità di fare un documento pubblico su quanto non si è ottenuto ad oggi per una frequenza scolastica più sicura in questo periodo di sciame sismico.  

Sintesi delle comunicazioni di un Rappresentante degli studenti (nuovo eletto al C.di I.)

• abbiamo fiducia nell’agibilità dichiarata e, secondo me, non ci sono stati problemi nell’ultima prova di evacuazione di ottobre;
• la scala a chiocciola è stata visionata dai Vigili del fuoco.
• Un’altra studentessa invece ha dichiarato di essere moltopreoccupata per l’evacuazione dal 4° piano (ma a lei non è stato passato il microfono) ed erano veramente pochissimi gli studenti intervenuti (le dita di una mano più o meno), visto che non erano stati invitati dal sindaco.

Sintesi delle comunicazioni della Dirigente Scolastica:

• la personale e pluriennale esperienza di vita scolastica nella struttura di Palazzo Venieri conferma la tesi di una struttura molto resistente ai terremotistruttura rafforzata da interventi di consolidamento di pochi anni fa;
• le prove di evacuazione sono regolarmente realizzate e, leggendo il verbale della prova del 12 ottobre scorso, è dichiarato che sono state espletate in circa 2 minuti e mezzo, senza problemi, quindi in regola con i parametri di sicurezza che richiedono un massimo di 3 minuti;
• i Piani di evacuazione dei Licei sono a norma e le due scale sono agibili, benché sia auspicata la costruzione di una terza scala per un deflusso ancora più agevole dall’edificio, ma andrà sicuramente valutata anche dalle Belle Arti;
• Organigramma e Addetti all’emergenza sono sempre presenti con nomina e incarichi specifici;
• riguardo alle assenze in questo particolare periodosi informano le famiglie che il massimo consentito per la promozione degli studenti è di 50 gg e che probabilmente ci saranno deroghe dalle autorità scolastiche superiori, per cui non si debbono temere penalizzazioni;

Sintesi delle comunicazioni della RSPP del Liceo G.Leopardi 

• RSPP scolastico aiuta il Dirigente scolastico a regolamentare la sicurezza nell’edificio;
• la regolarità del Piano di evacuazione è stata testata già prima della sua nuova nomina ad RSPP del 15 ottobre scorso; 
• il tempo di 2,26 minuti è regolare e non discutibile perché il tempo tecnico è calcolato dal suono della campana di “esodo” per l’evacuazione fino allo stop al p.zzale B.Gigli ed è veritiero.
• gli Addetti alla sicurezza del personale scolastico, docente e non docente, svolgono compiti di controllo dell’edificio e delle scaleprima del via all’evacuazione; 
• la scala a chiocciola ha un deflusso in fila per uno perché, pur essendo una scala ampia, ha uno spazio di pedata per una sola persona nella circolarità interna.

In conclusione, per quanto riguarda la sicurezza nell’evacuazione siamo a mani vuote, come prima dell’incontro di questo sabato 5! E lunedì 7 si riapre come se nulla fosse accaduto, o con una prova di evacuazione giornaliera, perché diventi un automatismo, visto che gli esperti hanno detto che la chiave è tutta qui! Grazie sindaco di Recanati!

La scuola riapre a palazzo Venieri interpellando coraggiosi e pavidi? Fatalisti e allarmisti? 

“Il coraggio è di due specie: quello fisico davanti al pericolo personale, e quello che occorre avere di fronte alle responsabilità, sia verso il potere superiore di una qualsiasi forza esterna, sia verso la propria coscienza. Riuniti, essi costituiscono il coraggio perfetto.”                   (Karl von Clausewitz)

 

06.11.16                                                                                                                                             Ester Tombolini

Rappresentante dei genitori al Consiglio di istituto del Liceo G.Leopardi

 

 

 

2 commenti:

  1. Ester Tombolini7 novembre 2016 10:23

    E oggi Consiglio di Istituto alle 18 a Palazzo Venieri per deliberare le nostre richieste con ufficialità (l'art.42 del D.L.297/94 ammette la presenza di tutti gli elettori, genitori, studenti, docenti elettori in qualità di uditori).

    RispondiElimina
  2. "I GENITORI EDUCHINO I RAGAZZI A NON AVERE PAURA"????????? Fiordomo a te evidentemente non ti ha educato nessuno visto che in due minuti (ottimo tempo di evacuazione)ti sei trasferito in affitto ( ci farai sapere con quale canone) con tutto il comune, nello stabile del geom Filippetti, tuo compagno di partito. Manco Schettino era stato tanto veloce.Perchè non hai mandato lì gli studenti e non sei andato tu a Palazzo Venieri? E adesso dai pure consigli ai genitori? Ogni paese ha il sindaco che si merita ma non sono tanto sicuro che Recanati si meriti uno come te.

    RispondiElimina