QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

venerdì 18 novembre 2016

CASO DIAZ: LA CONFERENZA STAMPA

Abbiamo ed ho personalmente apprezzato i toni molto pacati usati dal nostro Sindaco Mozzicafreddo Roberto durante la conferenza stampa di oggi tenuta di concerto alla locale Protezione Civile.

In maniera altrettanto pacata e certi che comunque il lavoro effettuato per l'occasione, di ogni persona, associazione, istituzione coinvolta, sia stato di primissimo livello e abbia comunque prodotto ottimi risultati, intendiamo puntualizzare un paio di aspetti.

Per due settimane, chi scrive, ha gestito con il prezioso aiuto di validi e integerrimi collaboratori e grazie all'aiuto di un centinaio di preziosi volontari, il centro di distribuzione Diaz. Lo ha fatto gestendo carichi di materiale pervenuto in seguito a corpose donazioni di privati che abbiamo provveduto a collettare, selezionare accuratamente, smistare e poi consegnare agli ospiti dei campeggi e, ove richiesto, in località colpite dal terremoto.
Lo ha fatto impiegando il massimo dell'etica e della responsabilità che un lavoro del genere implica e sottintende. Lo ha fatto gestendo denaro dell'associazionismo di tutta Italia che chiedeva come impiegare fondi raccolti in acquisti che fossero mirati a soddisfare le reali esigenze dei terremotati. Lo ha fatto avendo contezza della situazione in tempo reale dei beni giacenti alla Diaz e consigliando quali beni dunque far acquistare e spedire a mezzo corriere espresso.
Lo ha fatto, in estrema sintesi, ricoprendo un compito di massima responsabilità che gli era stato tacitamente affidato anche dalla Protezione Civile e dall'Amministrazione Comunale.
I beni arrivavano alla Diaz. Tutti. E noi li gestivamo.

In questo tipo di operazioni l'unico combustibile valido a far viaggiare in modo spedito la macchina è la fiducia. Quella che tu devi attirare da parte di chi ti dona. Quella che deve regnare tra tutte le parti in questione.

Fino a quando la fiducia ha regnato, siamo stati al nostro posto. Quando ci siamo resi conto che la merce non arrivava più alla Diaz (dopo averne per due settimane gestita per migliaia di euro di valore) ma veniva dirottata al COC e collettata e smistata dalla Protezione Civile, ci siamo resi conto che proprio quella fiducia reciproca aveva cessato di caratterizzare le relazioni. Ne abbiamo preso atto. E per non compromettere il servizio ci siamo fatti da parte. Per il bene della collettività e dei terremotati. E tutto questo a prescindere dai tecnicismi scaturenti da richieste di inventari o contabilità di carico/scarico.

Questa è la verità dei fatti. Per 10 giorni abbiamo aspettato che qualche calzaturificio ci consegnasse scarpe, ad esempio. Quando sono arrivate sono state depositate all'ex Ufficio URP ( ora COC ) e gestite dalla stessa Protezione Civile. E abbiamo capito che era il caso di farsi da parte.

Vogliamo toglierci due sassolini:

Il primo: non abbiamo gradito come siamo stati trattati da un importante membro del governo cittadino, allorchè 7 ore dopo la scossa di terremoto di Domenica 30 Ottobre, ci siamo presentati in uno dei camping dove i terremotati sono stati ospitati e abbiamo fornito i nostri ospiti (molti dei quali erano scappati di casa con pochi indumenti al seguito) di tutto. La frase che ci è stata urlata in faccia è stata: "come al solito voi agite al di sopra delle istituzioni". Quando sarebbe stato più intelligente dirci: "grazie per questo vostro prontissimo intervento"

Il secondo: abbiamo notato che durante la conferenza stampa il noto cronista Fabrizio Carbonetti, editore del Cittadino di Recanati, si è prodotto in domande molto provocatorie e perspicaci (ha fatto di tutto per sollecitare una querela dell'Amministrazione Comunale contro una commentatrice che ha usato toni forti in un commento su questa pagina....).
Bene, vogliamo solo dire al sommo giornalista che ci dispiace enormemente non averlo mai visto nei 15 giorni di raccolta alla Diaz, allorchè di storie da narrare dal punto di vista giornalistico e dallo sfondo profondamente umano ce ne erano a bizzeffe.
Molto probabilmente non erano di suo interesse.
Ce ne siamo fatti una ragione.

Emilio Pierini - Per conto e nome di :  PORTO RECANATI SOLIDALE

 

25 commenti:

  1. "Importante membro del governo cittadino". Dicasi Rosalba Ubaldi. Che problema è?

    RispondiElimina
  2. Una considerazione mi sorge spontanea :come fa certa gente a nascondersi dietro la burocrazia e fare danni di questa rilevanza,come fa a sopportare il disgusto ed il disprezzo che il loro operato provoca in centinaia di persone che hanno seguito gli eventi,e se non leggono i commenti,questi sentimenti possono leggerli negli occhi di chi voleva e vuole aiutare senza comparire né ricevere un grazie.

    RispondiElimina
  3. mi domando e dico ma che razza di gente è mai questa che vergogna!
    caro Emilio ti conosco poco ma sono + che convinta che tu assieme a volontari/e
    in questi giorni avete fatto un lavoro a dire poco ECCELLENTE!!!

    RispondiElimina
  4. Rimango senza parole, tutta la mia solidarietà ad Emilio Pierini ed a coloro che hanno si sono messi a disposizione per aiutare gli sfollati.
    Il tempo sarà galantuomo.

    RispondiElimina
  5. Lanfranco Picchio19 novembre 2016 09:09

    E'sempre la vecchia storia:il portorecanatese e' pigro,non si impegna e delega la vita pubblica sempre a qualcunaltro meglio se un "forestiero".E allora ci troviamo con il sindaco di Ancona,il vice di Mondesando,la protezione civile alla Addario(ma chi c..zzo e')e non e'che l'altro scherzava con il nome dell'aeroporto di Bari.Insomma forse sara'il caso di riprenderci cio' che e' nostro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Invece di farci ridere con le tue amenità informati su come si chiama l'aeroporto di Bari

      Elimina
  6. certo che dare dei "bastardi" a dei volontari che si stanno facendo il mazzo non mi sembra troppo elegante specialmente se non si sono sentite le altre campane. Ogni medaglia ha il suo rovescio. E tu caro Pierini che non prendi le distanze da certi epiteti vuol solo dire che li condividi. Complimenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto semplicemente: io penso che chi abbia usato il termine "bastardi" lo voleva indirizzare in generale ad un sistema che non aveva dato prova di brillantezza. E non ai volontari che (tutti, assolutamente compresi quelli della Protezione Civile) sono stati assolutamente ammirabili.
      Comunque prendo atto che chi ha usato quel termine ci ha messo la faccia e si è firmato. Tu non hai avuto le palle per farlo.

      Elimina
    2. E comunque mi sembra ti sia sfuggito che ho scritto questo:

      n maniera altrettanto pacata e certi che comunque il lavoro effettuato per l'occasione, di ogni persona, associazione, istituzione coinvolta, sia stato di primissimo livello e abbia comunque prodotto ottimi risultati, intendiamo puntualizzare un paio di aspetti.

      Elimina
    3. Non si tratta di metterci o no le palle, si tratta di correttezza. Giudicare dopo avere avuto piena conoscenza della situazione e non per sentito dire. E poi l'essere anonimi l'hai creato tu.

      Elimina
    4. Caro coniglietto infreddolito,
      tu, vieni a parlare a me, su chi ha avuto la piena conoscenza della situazione?
      Ma non ti vergogni neanche un po' a pronunciare questa frase?
      Ritorna nel grigiore del tuo anonimato. Che si, per l'occasione, è decisamente PENOSO.

      Elimina
  7. Solo una domanda: ma perché a Porto Recanati litigate su tutto? Pure il terremoto diventa argomento di polemica. Poi commentare ancora l'operato della Ubaldi lascia il tempo che trova, non voglio dare un giudizio sulla persona ma sulle sue competenze di amministratore pubblico che, purtroppo, sono pari a zero ma i portolotti continuano a votarla......evidentemente ci si trovano bene. Avete fatto un ottimo lavoro alla Diaz ma per il futuro cercate di evitare qualunque contatto, anche umano, con le "istituzioni". Alla Diaz ahimé ho trovato la Ubaldi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Competentone !!!!! Ti aspettiamo tutti. Così alla Diaz magari troveremo te

      Elimina
  8. il re mida trasformava in oro cio' che toccava,questi politici trasformano anche la più bella iniziativa spontanea e solidale in una cosa squallida.hai ragione mai più nessun contatto con costoro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il paese ha i governanti che si merita.

      Elimina
    2. li ha votati solo gente di questo livello,se è la maggioranza mi disgusta ugualmente e non mi adeguo a vivere con loro e come loro.

      Elimina
  9. C'è poco da fà!! Lanfranco Picchio ci ha ragiò.E' inutile andà in cerca de tanti discorsi,ha centrato in pieno il nocciolo della questione con due parole 2.

    RispondiElimina
  10. e il danno della delusione arrecata a quanti si sono prodigati per una circostanza così triste non ha prezzo
    dividere le persone in questi momenti solo per ragioni di potere di visibilità è peccato che grida vendetta al cospetto di DIO
    e magari sa gente ce va pure in chiesa
    che pena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma per favore non mettemo di mezzo Dio in faccende umane!

      Elimina
  11. Ma il giornalaio ha immortalato siffatta decisione ?
    E la signora sa cosa vuol dire che in circostanze simili le RISORSE UMANE vanno convogliate per i bene di tutti?
    Aiuti di serie A e di serie B in questi momenti
    Direi che una targa ricordo come premio Attila la merirerebbe davvero

    RispondiElimina
  12. chi mal pensa,mal fa anzichè un grazie semplice uno schiaffo in faccia
    complimenti " istituzionali "

    RispondiElimina
  13. La Protezione Civile "braccio armato" dell'Amministrazione comunale in debito ulteriore di consenso?

    RispondiElimina
  14. Voti,voti,voti,voti,voti.................voti!!!!!!!,anche nelle disgrazie c'è la competizione e sopratutto il tarpare le ali a tutti i costi a chi si adopera per una iniziativa lodevole.
    Io nel mio piccolo vedendo che c'era certa gente che rosicava di brutto perchè i sui giallo canarini non gestivano questa operazione , mi sono caricato di 15 q.li di materiale , da vestiario alimenti lampade gas e quant'altro poteva essere utile e telefonando ad amici collassati nel terremoto ho detto arrivo e vi porto, sicuro che non rompo ,la risposta se vieni sei accolto come la manna dal cielo.
    Tutto ciò per dire che una pacchia come il terremoto per politici locali escluso in nostro Sindaco risulta per loro come una manna caduta dal cielo, far vedere che chi era stato estromesso ora e riammesso a pieni voti e per loro la massima esultanza, spero solo che al Paese non rimanga che il cerino acceso.

    RispondiElimina
  15. se si pensa che x poter fare la scrutatrice bisogna avere raccomandazioni dall'alto è semplicemente vergognoso!!!

    RispondiElimina