QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

giovedì 22 settembre 2016

LA DIFFAMAZIONE E L'INSULTO - A MEZZO FACEBOOK

Lo avevamo avvisato. Prima Attilio Fiaschetti e poi chi vi scrive gli aveva detto che non poteva permettersi, come stava facendo, di insultare pesantemente  gli agenti della Polizia Municipale in servizio,  da dietro una tastiera.
Imperterrito ha proseguito. 
Ecco i risultati.
C'è ormai una giurisprudenza consolidata che disciplina l'uso dei Social Network e la diffamazione.
Non puoi riempire chiunque di epiteti gravissimi e pensare di farla franca perchè lo stai facendo su  una bacheca di Facebook. Non funziona così. 
E se qualcuno te lo fa presente e perseveri, allora si, te la sei proprio cercata.

 

18 commenti:

  1. Ha sicuramente torto, ma proseguendo questa diatriba,a perderci la faccia non sarà certo un ragazzo sconosciuto, l'attenzione rimarrà sul fatto e sul merito della censura nascosta da intralcio al traffico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ha sicuramente torto. Punto.

      Elimina
    2. Tutto il can can mantiene accesi i riflettori sul fatto centrale, la querela non interessa quanto il resto

      Elimina
    3. Allora io vado contro corrente: a me interessa la querela. Penso che la vera notizia sia questa: non si è liberi di insultare chiunque su Facebook. Men che meno una pubblica autorità. Se lo fai passi i guai. Si, sono convinto che la vera notizia, oggi, sia questa.

      Elimina
    4. Fa più scalpore l'uomo che morde il cane che non viceversa...

      Elimina
  2. Uomo avvisato mezzo salvato

    RispondiElimina
  3. Colpevoli lui, la ragazza che ha commentato con lui e secondo me anche il gestore del profilo fb

    RispondiElimina
  4. Perché non poteva fotografare il sottopassaggio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è stato mica querelato per aver scattato una foto....

      Elimina
  5. Giustissima la querela ma perché con la stessa prontezza il sindaco non ha dato una risposta che è una sulle centinaia di critiche mosse alla polizia municipale?

    RispondiElimina
  6. argano, sul fatto degli insulti e della conseguente querela hai perfettamente ragione, io però aprirei anche un dibatto sul motivo per il quale i vigili hanno intimato al ragazzo di allontanarsi e smettere di fare foto minacciando di multarlo. solo perché faceva delle foto ???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi sembra che si dia per scontato quello che e' stato asserito dalla persona e cioè che gli sia stato vietato di fare foto. Finora non abbiamo sentito la controparte.

      Elimina
    2. Cosa vuoi dire? Che se a uno viene proibito di fare una foto in qualsiasi modo, poi può andare a casa e dare della puttana a tutti?

      Elimina
    3. assolutamente no, volevo solo dire che e' lui e solo lui a dire che gli hanno vietato di fare foto. Non sappiamo cosa dice la controparte.

      Elimina
    4. La controparte (bravo avvocato!) può sempre dire che non ha vietato nulla a nessuno, ma solo chiesto cortesemente di astenersi dal fotografare. Roba da Pretura con Totò presidente! Intanto il fotografo mancato si becca la querela per diffamazione, unica cosa certa di 'sta storia e saranno dolori, quanto meno per il portafoglio. Checchè ne dica qualche "sotuttoio" del villaggio.

      Elimina
  7. Chi è il "noto politico portorecanatesi " scoperto dalle telecamere ad affiggere i famosi manifesti?

    RispondiElimina
  8. Fotografare qualcosa o qualcuno in luogo pubblico o aperto al pubblico NON E' UN REATO. Insultare con QUALSIASI mezzo chi si inventa quel divieto E' REATO. Semplice, no?

    RispondiElimina