QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

venerdì 5 agosto 2016

QUESTIONE PARCHEGGI: PARLIAMONE

Nel proporvi l'articolo di oggi del Corriere Adriatico che tratta di parcheggi, colgo l'occasione per aprire una discussione sulle colonne di questo blog su questo argomento, partendo ovviamente come al solito da opinabili spunti personali.

Molti abitanti del quartiere Castennou in questi giorni si stanno lamentando perché molti posti auto di Largo Monteconero (inizio di Via Pastrengo) sono stati trasformati in parcheggi per scooter e moto. La misura, a quanto mi risulta, é stata adottata dalla Giunta su proposta dell'Assessore alla viabilità Silvio Cingolani.  Assessore che prima di rendere esecutiva tale decisione aveva preventivamente ascoltato i membri del direttivo del quartiere che si lamentavano di come molti dei motorini che prima venivano parcheggiati nella via attigua all'Hotel Bianchi, nel raggiungere e lasciare quel luogo, producessero un notevole inquinamento acustico che disturbava il sonno estivo dei residenti.
A quanto riferisce l'articolo del Corriere Adriatico quei posti auto sottratti in favore degli scooteristi e motociclisti verranno rimpiazzati con altri a pochi metri di distanza a favore degli automobilisti.
A mio modo di vedere la misura é propria e saggia.
L'intento, evidente, é quello di costringere i riders a parcheggiare ai confini del quartiere senza percorrerlo. E senza poter parcheggiare con le loro moto nel cuore dello stesso.

La stessa misura andrebbe ovviamente intrapresa a sud.

L'accesso sulle due o quattro ruote al centro dovrebbe essere autorizzato ai soli residenti. E per consentire questo servono urgentemente due misure:

a) potenziamento dei parcheggi periferici della nostra cittadina (con strutture multi piano o sotterranee) nei parcheggi di Piazza Giovanni XXIII e Pastrengo.

b) varchi elettronici installati nei tre ingressi del paese (nord - sud - ovest). Se entri e la tua targa non risulta tra quelle che hanno l'autorizzazione all'accesso come residente, ti becchi la multa.

Poi c'é il discorso di Via dei Cementieri. E qui urge fare chiarezza. Il primo di Giugno un terzo dei parcheggi sono stati pitturati di giallo. Ovvero destinati ai residenti.  Per le due settimane successive é mancata la segnaletica  verticale. Per cui si é verificato il caos totale.
Poi sono comparsi un paio di (non chiari) cartelli. Di fatto, ad oggi, su quei parcheggi gialli mettono la propria auto proprio tutti. Pochissimi hanno il pass da residenti. E non ho mai visto un vigile elevare la contravvenzione per questo.
Ma proprio sui residenti non si é capita bene una cosa: chi sono? Con quale criterio vengono individuati?
Cioé, per capire, se uno abita in Via San Giovanni Bosco può parcheggiare in Via dei Cementieri. Ma se abita in Piazza del Borgo no? Se ha un esercizio commerciale in Piazza del Borgo no?
La domanda allora é semplice: i 3/400 residenti di Piazza del Borgo, dove devono parcheggiare?
All'Hotel Regina?

Non sarebbe male se qualcuno chiarisse questo dilemma.



 

35 commenti:

  1. A castennou tra la guerra per il parco e le lotte per i parcheggi stanno diventando "pericolosi". a quando le barricate?

    RispondiElimina
  2. Non sono d'accordo a spendere soldi per aumentare i parcheggi,vanno razionalizzati quelli esistenti e fatti pagare puntualmente, come dovunque,quelli adibiti alla sosta dei pendolari e turisti.chi non può pagare il parcheggio non serve che venga a p.r.

    RispondiElimina
  3. Spiegati meglio. Cosa significa razionalizzare quelli esistenti?

    RispondiElimina
  4. Destinarli all'uso più conveniente ,privilegiando chi abita nelle vicinanze;a tariffe diverse,si paga dappertutto perché così succede quando andiamo in paesi turistici.il controllo e' totale ed è una fonte di reddito per il comune.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per cui, turisti, frequentatori dei week end, tutti quelli che insomma incrementano il PIL paesano non ce li vogliamo più perchè la tua razionalizzazione dei parcheggi non prevede, per loro, dei posti in cui lasciare l'auto, giusto?

      Elimina
    2. Pagando, poco in periferia, di più in centro,la macchina la lasciano quanto vogliono.

      Elimina
    3. Parcheggi su tutto il corso,piazzale stazione e limitrofi...,a due minuti a piedi è sempre centro.Se sono sempre occupati vuol dire che di deve alzare la tariffa

      Elimina
  5. Bene area sosta moto 'esterna' .....ma è assolutamente necessario, se posso formulare un suggerimento, aumentare gli spazi riservati ai residenti. Nelle vie interne del quartiere è un flusso continuo di macchine alla ricerca di un posto libero ...che ovviamente difficilmente trovano. Inquinamento, anche acustico, e risultati discutibili: tanto per gli ospiti che per i cittadini residenti i quali, non dimentichiamolo, pagano le tasse. E neppure simboliche. Grazie

    RispondiElimina
  6. secondo me nel caso specifico, i posti per scooter e moto, andrebbero bene se limitati alla stagione estiva (luglio-agosto). Scommettiamo che quei posti in inverno rimarranno deserti? Bisognerebbe prevedere una doppia delimitazione (magari con strisce di colori diversi) per permettere la sosta alle auto nel periodo invernale

    RispondiElimina
  7. Se i vigili non sanzionano le irregolarità non si riesce a fare niente:il parcheggio del bocciodromo è spesso vuoto ma ci sono decine e decine di auto in divieto di sosta lungo la strada anche in curva...

    RispondiElimina
  8. Parcheggi multipiano, magari ristrutturando un vecchio edificio? Poi chiedo chi non è di Porto Recanati come dovrebbe regolarsi visto il "dilagare" dei parcheggi "per residenti"? Guardate che la questione è concreta e non riguarda soli il periodo... turistico (tra 3 settimane si chiude!).

    RispondiElimina
  9. Per limitare il traffico in centro, secondo me, si dovrebbero fare a pagamento i posteggi in centro e gratuiti in periferia. Noi facciamo l'esatto contrario. Prima di metterla a pagamento ognuno si fa un giro di tutti i vicoli.

    RispondiElimina
  10. I posti creati per le moto sono evidenti, non posso dire lo stesso dei rimpiazzi con altri a pochi metri di distanza a favore degli automobilisti, come suggerito dall'argano. Dove li hanno trovati?

    RispondiElimina
  11. la situazione va studiata bene perchè non è giusto che chi è cittadino e paga le tasse debba fare giro giro tondo per trovare un parcheggio dove lasciare la macchina....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un posto riservato per la macchina si chiama garage...e costa pure un bel'po'

      Elimina
  12. Scusa argano ma apparte il discorso parcheggi degli scooter la cosa che mi preoccupa di più delle variegate idee del signor cingolani è quella di voler chiudere al traffico il quartiere dove abita nelle prime ore del pomeriggio. No scusate ho sentito bene????? Un comune dovrebbe rimanere imbottigliato, dato che quella è la via di uscita principale del paese, perché il signor cingolani deve fare la pennica pomeridiana????
    Dai per favore ditemi che siamo su scherzi a parte!!!!

    RispondiElimina
  13. Pronto a prendere insulti mi chiedo perché, pur possedendo una moto molto silenziosa, non debba avere gli stessi diritti degli automobilisti di parcheggiare ovunque in città. D'altronde inquino di meno, consumo meno asfalto, occupo poco spazio.... Le "due ruote" dovrebbero essere incentivate! In centro dovrebbero esistere molti più parcheggi per invogliare la gente ad arrivare in moto piuttosto che in auto...anche la sera!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non siamo stati capaci di incentivare le biciclette con piste ciclabili e posti per bici figurati le moto.

      Elimina
  14. castennou, dopo la conquista del parco arriva la difesa dei parcheggi, un quartiere che mira in alto, fatelo comune a sé.

    RispondiElimina
  15. Invece io sui posti gialli per residenti farei la multa anche al residente proprietario di garage.Perché diciamocelo un conto è lasciare la macchina sulle gialle per quell'ora di sosta lavorativa un altro e' avere un garage ma occupare un posto per giorni , come avviene spesso, togliendolo a chi il garage non ce l'ha.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece penso che se uno spende soldi suoi, con il garage ci può fare quello che vuole. Parcheggiarci una moto è uno scooter, 15 biciclette, metterci la lavatrice e farci il bucato. Io non vado a casa della gente a imporgli come deve usare spazi privati.

      Elimina
    2. Tutti i parcheggi a pagamento, Pass a prezzo politico per i residenti;chi ha il garage lo usa per risparmiare, chi viene da fuori paga a tariffe su cui ragionare ma paga,e chi sgarra deve essere multato, forse la parte più difficile ...

      Elimina
    3. Mi dispiace ma non sono d'accordo. Sono decenni che chi compra casa è obbligato a comprare un garage o posto auto proprio per evitare questi problemi. Perché dovrebbero essere privilegiati con parcheggi riservati i residenti che non hanno o che non vogliono avere un garage o se ce l'hanno non lo utilizzano per le loro auto?

      Elimina
    4. Tu vuoi imporre come usare la proprietà privata?
      Vai in Turchia. Con Erdogan ti troveresti benone.

      Elimina
    5. Nessuna Turchia ci mancherebbe né si impone niente. Ma se hai un garage e non ci metti la macchina non puoi richiedere posti riservati. Sei come gli altri, residente o no.

      Elimina
    6. A proposito del fatto che chi compra la casa è obbligato a comprare il garage, caro argano risulta anche a te che la nuova struttura ricettiva del lungomare, che proprio ieri il corriere Adriatico elogiava a piena pagina, ne sia sprovvista? Come al solito a portorecanati la legge non è uguale per tutti.... Soprattutto in ambito urbanistico..... Dopo chi si è impossessato di aree della pescheria per farlo risultare il garage di casa sua, e sappiamo tutti chi è, dopo tutti i finti garage in centro dove ci abitano illegalmente ci risiamo di nuovo con una struttura sprovvista di box auto che a norma di legge non può essere aperta.

      Elimina
    7. Se il Pass per i residenti costa anche 20 euro all'anno chi ha il garage lo usa e li risparmia

      Elimina
  16. Mons.DellaCasa6 agosto 2016 18:17

    Per 15 lunghi anni la matrice dell'attuale giunta non ha mai provveduto ne a un piano del traffico ne a quello dei parcheggi.Le aree a ridosso della citta'che potevano servire a questo sono state edificate(area Montedison e a nord del fiume)per cui il solo ex campo sportivo non puo'bastare come grossa struttura ricettiva per la sosta delle auto.Di cosa vogliamo parlare allora?L'assessore Cingolani puo'solo mettere delle pezze che pero' non fanno on tempo a coprire i buchi che si formano da li a poco.Ancora una volta"mala tempora currunt"...

    RispondiElimina
  17. Chi compra la casa al centro sa benissimo che ha problemi di parcheggio,come chi investe in un balneare senza scogli sa benissimo che se c'è una mareggiata gli può portare via tutto.Poi ci si dimentica e si pretende che la comunità intera gli risolva il problema.Così vorrei anch'io il parcheggio sotto casa per residenti,la possibilità di mettere tavoli e sedie davanti casa e una parte dei 7 milioni di euro delle scogliere per proteggermi dai ladri.

    RispondiElimina
  18. le strade sono PUBBLICHE, non private da adibire a parcheggi privati...nessuno ha costretto le persone a comprare casa in centro... ne tantomeno il medico... quindi ripeto i parcheggi (che sono in strada pubblica) devono rimanere di tutti...altrimenti possiamo benissimo dividere il paese in serie A e serie B....ma anche le tasse poi devono essere di serie A e di serie B..ci siamo capiti....perche in periferia NON ESISTONO QUESTI PRIVILEGI...è il mercato bellezza (solo quando vi fa comodo)...

    RispondiElimina
  19. Io invece è da anni che chiedo, senza risposta, di pensare ai residenti fuori dal centro. Chi abita in periferia non può avere il permesso e quindi parcheggiare sulle righe gialle, quindi è obbligato a pagare il posteggio anche se è contribuente come tutti gli altri. È costretto a venire in centro perchè poste, banche, dottori, farmacie, Chiese, comune......sono tutti lì. Non potrebbe avere un permesso a tempo? Tipo posteggiare sulle righe gialle ma con disco orario. I posteggi a pagamento invece li farei su tutti i vicoli e gratuiti quello a nord e sud del paese così non si vedrebbero i girotondi di auto che provano sempre prima di pagare di trovare un posto gratuito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io sono nelle tue stesse condizioni.Le tue proposte mi sembrano molto azzeccate e applicabili specialmente quella dei parcheggi a pagamento nelle vie interne del paese.Credo che così migliorerebbe anche la qualità dell'aria nel centro storico.Ma per far questo occorrerebbe una apertura mentale e una volontà di modificare lo status quò (speriamo che si scriva così)che questa amministrazione non può avere,come le precedenti naturalmente.Torno a dire: proposta condivisibile.

      Elimina
  20. Porto Recanati non morirá per 10 parcheggi scooter in più e 6 posti auto in meno.Porto Recanati sta morendo perchè da 20 anni ha basato la sua crescita economica sull'edilizia ed ora che anche l'edilizia è morta il paese muore con essa.Manca un piano per la città che questa giunta non ha. A Porto Recanati se il mare è mosso i turisti vanno a nei paesi vicini perchè qui non c'è una piscina. A Scossicci la spiaggia non c'è più e nessuno pensa di deviare il traffico della litoranea dietro l'hotel jet rendendo pedonale quel tratto di costa almeno in estate. Siamo gli unici a non aver chiuso alle auto corso Matteotti.Come pensano i politici tutti di attrarre i turisti? Credono che sia sufficiente la sagra sei sardò a scottadetu? Serve un governo del paese che inglobi tutte le opposizioni perchè insieme si vince.ps la buca sotto il cavalcavia nord è lì da 20 anni ad ogni pioggia si riapre.la erigerei ad emblema della cittá.

    RispondiElimina
  21. Potenziare i parcheggi a pagamento a nord e a sud,riservando il parcheggio nel paese ai soli residenti come fanno in tanti comuni turistici,e mettendo a disposizione di turisti e visitatori una navetta che li porti dove vogliono,è un'idea malvagia? Porto Recanati è un paese con enormi potenzialità e se lo rendessimo pedonale tipo villaggio turistico, permettendo ai residenti "veri" di usufruire dei parcheggi ,ed ai turisti di godere del mare e dei bellissimi negozi, bar e ristoranti, io penso che ci guadagneremmo tutti!

    RispondiElimina