QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

martedì 12 aprile 2016

TUTTE LE VARIABILI DEL VOTO

In considerazione del fatto che il quadro elettorale si va delineando in maniera abbastanza chiara (anche se ancora non abbiamo il candidato sindaco del centro destra unito), proviamo a fare una prima analisi della situazione politica così come oggi, 12 Aprile 2016, si presenta agli elettori.

Rispetto alle ultime elezioni, possiamo dunque subito constatare che a fronte di un nucleo  riconducibile al centro destra da una parte e uno riconducibile al centro sinistra dall'altra del 2014, le liste si sono raddoppiate. Due di area centro destra e due di area centro sinistra.
Il Movimento Cinque Stelle conferma invece la sua "indipendente" presenza.

Quella rappresentata sopra, non è dunque una novità da poco. 

Nel centro destra gli elementi assolutamente imponderabili, a mio modo di vedere, sono due:

a) la quantificazione dell'appeal sull'elettorato della lista Porto Recanati a Cuore

b) la forza elettorale attuale della Ubaldi.

Porto Recanati a Cuore ha un suo pacchetto voti cospicuo. Ma indefinibile. Il gruppo è composto da numerosi membri (una quarantina). Se ognuno di questi membri si adoperasse per portare a casa una ventina di voti di parenti e amici, arriverebbero già a 7/800 voti  acquisiti. Ai quali sarebbero da aggiungere quelli di chi li vota a prescindere e non perchè ha parenti o amici in lista.
Nella stragrande maggioranza dei casi, si tratterebbe di voti tolti alla lista più politica del centro destra. Ovvero quella composta da UDC-Lega-FDI-FI. Che ne soffrirebbe di conseguenza.
Di questa lista sappiamo che Rosalba Ubaldi non sarà il candidato sindaco. 
Ma non sappiamo, rispetto ai 2.200 circa  voti incamerati da Grande Futuro per Porto Recanati nel 2014, il reale valore elettorale attuale di questa coalizione. In teoria, rispetto alle ultime elezioni, questa lista potrebbe presentarsi più unita e compatta (senza cioè quelle liti che avevano caratterizzato il centro destra durante l'ultima campagna elettorale). Nel contempo però, non si può certo dire che la sentenza del Burchio del Consiglio di Stato costituisca per questa alleanza una spinta verso la vittoria. La batosta c'è stata, inutile negarlo. La bocciatura  delle decisioni adottate  dalla giunta Ubaldi in materia Burchio, potrebbe pesare dunque dal punto di vista elettorale.
C'è da aggiungere a questa analisi il fatto che la Ubaldi e l'UDC negli ultimi due mesi sono stati un po' ondivaghi, virando più volte dal centro destra, al PD, per poi ritornare dove sono sempre stati. Bisognerà vedere se l'elettorato perdonerà alla Ubaldi e all'UDC questi suoi sbandamenti politici. Con il partito che un giorno sembrava allearsi con partiti di area di centro destra e il giorno dopo incontrava i vertici del PD.

Dall'altra parte, quello che nel 2014 era Noi Per Porto Recanati, si presenta con due liste antagoniste in tutto:  da una parte l'Associazione UPP, dall'altra il PD alleato a Paese Vero e Alternativa Civica.
Mentre UPP ha un suo zoccolo duro che però non è quantificabile dal punto di vista elettorale, l'alleanza a matrice PD si presenta alla prossima tornata elettorale con un paio di fattori positivi e un paio negativi.
I positivi sono che hanno il marchio del Partito. E quella fetta di elettorato che non sa nulla delle cose locali, ma che a Porto Recanati vota, ed è fidelizzata al PD, esprime a prescindere consenso per chi il PD propone. Senza porsi nessun problema. (sempre che Fiaschetti accetti di vedere il simbolo del PD esposto nella sua lista...)
Inoltre è innegabile che il Professor Giri a Porto Recanati è persona conosciuta e stimata. E questo potrebbe essere il secondo fattore positivo. Il valore del "marchio Giri" potrebbe altresì portare il partito ad avere una forza attrattiva anche verso il mondo dell'associazionismo che,  come noto, è composto da direttivi i cui membri votano e fanno campagna elettorale. E potrebbero appunto scegliere il professore.
Di contro, anche da quelle parti, non si esce con il vento in poppa dalla vicenda sentenza Burchio. Il PD ha ingaggiato due esperti legali le cui tesi, al momento, non hanno trovato corrispondenza con le sentenze del TAR e del Consiglio di Stato. E questo, insieme ad un atteggiamento che comunque sul Burchio ha dato l'idea di essere ambiguo, pesa. E non poco.
Inoltre il PD è alleato solo di Paese Vero e Alternativa Civica. E chi vi scrive non ha la minima idea di quanto potrebbe pesare, in consensi, questa tipologia di alleanza. 

L'Associazione UPP è quella che più di tutti può trarre beneficio dalla sentenza del Burchio. In teoria anche dalle parti di AC si potrebbe pretendere di raccogliere qualche frutto da questa vicenda legale. Ma l'alleanza con il PD (per i motivi sopra esposti) di fatto minimizza gli effetti di questo successo. Che invece, per l'associazione UPP è chiaro e limpido.
Inoltre molti pezzi di PD con le relative famiglie votanti, sono trasmigrati proprio in UPP. Svuotando ulteriormente di consensi lo stesso PD.
Ma anche per loro, che si presentano senza nessun alleato, è assolutamente difficile prevedere quanti voti possano incamerare.

Poi ci sono i Cinque Stelle. Sapranno ripetere il buon risultato ottenuto nel 2014 (quasi mille elettori)? Difficile dirlo. Anche loro hanno perso pezzi importanti. Il gruppo si è  ristretto a tal punto che, salvo novità dell'ultima ora, si è optato per una lista formato mini di 12 candidati. A giudicare inoltre dal profilo degli stessi, potrebbe registrarsi un invecchiamento generalizzato della rappresentanza politica. E i 5 Stelle vivono molto di gioventù. Di contro, per loro, vale il discorso che ho fatto qualche giorno fa in uno specifico post. Hanno il marchio da far valere.  E molti votano il solo marchio senza esprimere preferenze ai candidati in lista (alle ultime elezioni il 50% dei loro elettori hanno optato per questa forma di espressione elettorale).  I Cinque Stelle, qualora dovessero vincere le elezioni, potrebbero stabilire un record: eleggere il consigliere con il minor numero di voti incamerati. Sono infatti 12, e 11 andrebbero ad occupare i seggi della maggioranza. In applicazione della teoria che li vede interessati del voto espresso senza preferenza al candidato, potrebbero far eleggere candidati con pochissimi voti. Magari anche sotto la decina.

Tenendo conto che voteranno più o meno 6 mila persone, è molto probabile che l'asticella della vittoria sia collocata a quota 1400/1500, non di più. E la ripartizione con il metodo d'Hondt porterà all'indiscutibile risultato che nei banchi dell'opposizione siederanno presumibilmente (se le liste rimarranno 5) gli altri quattro candidati sindaci più il secondo miglior piazzato della lista perdente che totalizzerà più voti.

E' ovvio che in questo post sono stati elencati solo alcuni aspetti di un voto che si presenta assolutamente incerto e combattuto all'ultima preferenza. Così come è ovvio che le variabili sono molteplici e incalcolabili. 

La scelta dei candidati e le modalità con le quali verrà condotta la campagna elettorale, potranno spostare l'ago della bilancia da una parte o dall'altra. Avere inoltre in  lista un ipotetico candidato che possa portare  a casa 200 preferenze, potrebbe significare segnare la differenza tra una vittoria e una sconfitta. 

Sono tutti dati di cui si dovrà tenere conto.

Perchè il  limite tra la vittoria e la sconfitta, appunto,  potrebbe giocarsi su un pugno di voti.








38 commenti:

  1. credo che una variabile potrà fare la differenza:l'entusiasmo dei giovani che possono riportare alle urne i delusi dai partiti che si erano astenuti,stavolta è vicino l'obbiettivo di togliere il potere da pochi maneggioni vecchi politici ed avere volti nuovi a palazzo volpini.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah si ... upp e pac sono il nuovo che avanza vero ? il 5s è pieno di trentenni (PER GAMBA!)

      Elimina
  2. Scusami Emilio, ma chi ti ha detto che siamo 12?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Me lo ha detto il vostro candidato sindaco in una intervista al Carlino.
      Nonostante tutto ho scritto "salvo novità dell'ultima ora". Sai leggere?

      Elimina
  3. fiaschetti attilio12 aprile 2016 08:10

    la storia del simbolo è falsa come lo sono i soldi del monopoli.

    RispondiElimina
  4. Grande argano , sel conta cosi poco che hai scritto che upp è semza alleati :D

    Preparati agli attacchi teutonici di de chellis:P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sel è come il vento, ha fatto finta di essere dalla parte della Montali fino a quando ha avuto l'assessorato, poi l'ha pugnalata alle spalle come UPP.
      Se avevano un minimo di coerenza si candidavano con Sabrina, la vera vincitrice del Burchio, invece hanno tramato con Riccetti per non farle fare la lista.
      Forza Sabrina fai vedere chi sei!

      Elimina
    2. ne sel ne upp ne la montali mi piacciono... ma effettivamente Palestrini ha avuto l'assessorato SOLO grazie alla Montali, non certo UPP.

      Ma la riconoscenza in politica è un concetto "astratto"

      Elimina
    3. Decidetevi, o SEL conta poco e non se la fila nessuno, neanche L'Argano, oppure conta così tanto da condizionare la presenza o meno di una lista.

      Elimina
    4. Emanuele De Chellis12 aprile 2016 16:59

      Caro Ano delle 08,16 nessun attacco ma semplicemente far partecipe l'argano che si dimentica spesso di Sel. E t ricordo che Sel conta quanto conta Alternativa civica o Paese vero. Comunque non fa niente. I conti si fanno alla fine.
      Palestrini è più capace di quanto credi tu amico mio. E nessuno ha ricattato nessuno.quello lo fanno altri partiti. E in casi come questi di 5 o 6 Liste, contano anche 50 voti. Quindi prima d parlare pensate.
      Auf Wiedersehen.

      Elimina
  5. Certo che se vincessero i 5 Stelle, governare avendo all'opposizione "ossi duri" del calibro di Zoppi,Rovazzani,Giri e Mozzicafreddo sarà durissima...

    RispondiElimina
  6. Pronostico a come stanno le cose oggi

    Se la battono cd e pd , il vincitore arriva a 1600

    Upp800 , pac 500 m5s 800

    Una lista montali raccatterebbe 200 -300 voti fra upp e m5s

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e tu voti uno dei primi due.vero?

      Elimina
    2. Anonimo delle 8:21 se devi dire numeri a caso o sperare si avverino i tuoi desideri fai pure, ma se vuoi fare una lettura seria del voto credo che la sorpresa finale sarà proprio la lista Montali.

      Elimina
    3. Per me ci hai preso in pieno ed aggiungo il Pd la spunta de 'na nticchia con Uge' più votato con 400 preferenze e subito dietro a ruota Luigino

      Elimina
    4. Anche la "profezia autoavverante" può essere considerata una tattica per portare avanti una campagna elettorale. Vai avanti così. Sei sulla buona strada.

      Elimina
    5. ehm se avessi voluto fare un post "di parte" avrei indicato un vincitore, ma ho semplicemente evidenziato chi sono i PERDENTI , mi spiace solo per i loro muli da soma che lavoreranno per far eleggere (se va bene) il solo candidato sindaco

      Elimina
  7. Comunque tranne il 5 stelle che su per fiu lo si sa , degli altri manca il fattore chiave di chi sono i membre dellla lista .

    Cd manca pure il sindaco , ma non c'è molta scelta fra i personaggi di spicco.

    Però grosse discese in campo ad occhio non se ne sono viste, parlo di persone che non si erano candidate la scorsa elezione. Unica eccezione il ritorno in lista della grilli.

    RispondiElimina
  8. vorrei spegnere gli entusiasmi dei vari candidati che hanno corso e successivamente governato la.scorsa volta: avete fatto talmente schifo che tanti, troppi hanno optato per l'astensionismo! nelle ultime elezioni si sono presentate alleanze fantascientifiche che abbiamo visto tutti dove sono arrivate, adesso abbiamo UDC con Lega, il PD con Fiaschetti ... se vince uno di questi due schieramenti possiamo dire a Passerotti di restare nei paraggi, tanto prima o poi dovrà tornare!

    RispondiElimina
  9. Argano....una discesa in campo della montali...cambierebbe la tua analisi politica?

    RispondiElimina
  10. Tra i fattori che non hai citato argano c'è l'esperienza fallimentare della giunta montali oltre il burchio che solo uno stolto direbbe sia caduta per il burchio.

    Quella esperienza raglfforza certamente cd pac e m5s, forse in parte anche la coalizione di giri che comunque il pd si è smarcato abbastanza presto dalla montali, mentre il peso di quel fallimento ricade ad oggi maggiormente su upp fra le coalizioni che hai esaminato.

    RispondiElimina
  11. Si perpetua lo schema polveroso di sempre, strumentale per alimentare e coltivare il tornaconto degli affaristi di sempre, ancorchè travestiti da "benefattori" del paese. Ci si affida a nomi più o meno consumati, contando che ciò sia sufficiente ad accrescere i pacchetti di voti di questo o quel gruppo di quel tanto necessario a mettere i piedi in Comune.
    In questa maniera il voto di giugno resta una cosa ristretta alle diverse congreghe, lasciando fuori le persone che, pur avendo esigenze e attese che un'amministrazione locale dovrebbe tenere in considerazione, non vengono "conteggiate" nei pacchetti elettorali.
    Tutti presupposti che lasciano intravvedere un orizzonte sempre più grigio per il paese, paralizzato su nostalgici ricordi, incapace di aprirsi a collaborazioni e dialoghi che non siano affaristici, ogni giorno più isolato e dimenticato.
    Un risultato niente male per i politicanti e i loro pifferai.

    RispondiElimina
  12. Gentile Argano l'analisi fatta mi sembra sensata ma a mio parere la lista Pac era più vicina al centro destra tempo fa, adesso vedendo le persone nuove che vi partecipano direi che porterà via voti anche alla sinistra.Non posso fare nomi per questione di correttezza ma mi sembra che ci sia stato uno spostamento verso sinistra.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah beh dopo il burchio ... si sono buttati tutti a sinistra [ovvero il contrario della ubaldi che si è buttata a destra]

      Elimina
    2. Forse questa è la prova che è veramente una lista civica formata da persone non da partiti.

      Elimina
    3. Non dire così che non si candidano più.

      Elimina
  13. L'alleanza di SEL con UPP è la prova che in politica tutto avviene e cade nel dimenticatoio. Ricordiamoci quando Palestrini si dimise con i magnifici 4 per dare una lezione a UPP, ricordiamoci che l'assessorato lasciato vagante da Fiaschetti lo volevano i signori di UPP e non volevano Palestrini. Come dimenticare che, su ordine venuto dall'alto, nessuno partecipò alla festa di SEL nel cortile della Diaz. Ma cosa volete che sia se una volta vinto SEL veniva informata delle vicende amministrative solo da Canaletti e Fiaschetti. COMPLIMENTI GIORGIO e C.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Invece l'alleanza di Fiaschetti con il Pd cosa prova?

      Elimina
    2. Errore anonimo io ci sono andato.

      Elimina
  14. Argano, hai dimenticato una variabile, che poi è quella che ha fatto tornare a casa la lista Npp.
    In matematica se sommi due numeri uguali ma di segno opposto il risultato è zero, si annullano. Tutte queste ammucchiate che si uniscono solo per attrarre voti risulteranno solo litigiose e immobili. Non vedo grossi gruppi omogenei. A parte Upp, il resto sembra solo un coacervo di ammucchiate da voto. Poro paese mio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È scommetto che tu sei di UPP.
      Ma la volete smettere di farvi campagna elettorale tramite commenti anonimi?!?!?!

      Elimina
    2. Il tuo partito è convinto di spostare consensi schierando gli sparam. ..a sul blog?

      Elimina
  15. Ma se vince la Zoppi, e la cricca Riccetti, ci troviamo con la tessera rossa falce e martello per poter comprare 1 etto di pane e 20 gr di ladro? W il comunismo e la libertà!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Zoppi fa la catechista,sei fuori come un balcone!

      Elimina
    2. ma cambierà anche il nome della piazza Brancondi in Tienanmen?

      Elimina
  16. Non conoscendo i nomi che costituiscono le varie liste non è troppo presto per i pronostici?? Si sa che alle comunali i nomi contano molto i aspetterei a giocare alla snai..

    RispondiElimina
  17. I nomi di upp si sanno purtroppo..

    RispondiElimina
  18. A proposito di scelta dei candidati, in quanto convinta elettrice di centro-destra, mi auguro ci siano proposte persone nuove di indiscussa serietà e credibilità. Il mio pensiero va, in modo particolare, a quegli inquietanti personaggi che nel tempo si sono più volte distinti per la loro eccessiva " versatilità" politica e che anche ultimamente si sono pubblicamente esposti a favore di Giri pur appartenendo all'area opposta. Trovarli nella lista dello schieramento di centro-destra sarebbe come minimo disdicevole e molto controproducente così come, peraltro, sarebbe oltremodo imbarazzante trovarlo nell'altro. Nella politica non deve esserci più spazio per certe persone , indipendentemente dai voti che si portano dietro. E' la qualità che gli schieramenti devono perseguire, non la quantità . Basterebbe crederci per vedere i risultati.....

    RispondiElimina