QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

venerdì 22 aprile 2016

RISARCIMENTO DEL BURCHIO: PASSEROTTI DEVE DIRCI TUTTO (PRIMA CHE SE NE VADA)

Nei giorni scorsi è passato un po' in carrozza l'articolo del Carlino che sotto vi riporto:

Il Commissario Prefettizio Passerotti, in pratica, ci riferisce che si è riunito con l'Avvocato Berti e con alcuni funzionari del nostro Comune. Per fare il punto della situazione sugli indennizzi dovuti alla Società Coneroblu in ottemperanza a quanto previsto dalla sentenza del Consiglio di Stato. Passerotti ha ribadito che vuole risolvere la questione prima di lasciare la nostra città (e quindi in tempi brevissimi). Ribadendo che vuole mettere a bilancio i fondi previsti per l'indennizzo del marciapiede, per il quale, si procederà  previa esibizione da parte della Coneroblu delle fatture che documentino le spese effettuate, al rimborso del dovuto.

Il quantum spettante alla Coneroblu, come noto, è uno dei punti che la sentenza non ha pienamente chiarito. Ma proprio sulla quantificazione di eventuali risarcimenti/indennizzi,  la città e la politica che la caratterizza, negli ultimi 24 mesi si sono spaccate. 

Dalle umili colonne di questo blog, pertanto, chiedo al Commissario di compiere una operazione di massima trasparenza su questo argomento. Se troverà un accordo con la controparte, convochi una conferenza stampa, e ci illustri nei minimi dettagli quanto il nostro Comune dovrà esborsare.

Tutta la vicenda Burchio è vissuta su certe diatribe.  Come cittadini vogliamo sapere come questa vicenda si chiuderà. Quanto ci sarà costata. Con un analisi dettagliata degli esborsi.

Contiamo per questo sul Dott.  Passerotti. Ci faccia questo regalo prima di lasciare la nostra città. Lo ringrazieremo per questa operazione di limpidità che è dovuta ai nostri concittadini elettori.


42 commenti:

  1. Puo offrire quello che vuole passerotti , la cb rifiutera certamente. Ma chi è l'idiota che crede che la cb accettera i 4 spicci del marciapiede a fronte di milioni di euro di investimenti...

    Decidera il giudice dell'ottemperanza

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricordo solo, per correttezza, che se per "milioni di investimenti" intendi l'acquisto di terreni, quelli, da sentenza, non sono contemplabili come danno emergente.

      Elimina
    2. Può chiedere i danni a chi ha promesso il buon fine della speculazione.

      Elimina
    3. Certo Argano, mettimao così: hai investito un paio di milioni + il resto dal marciepiede a spese legali , ed alla fine ti riconoscono mettiamo 250.000 euro per il marciapiede o giu di li ( infondo chiunque ci fosse al posto di Passerotti cercherebbe di fare un offerta il più bassa possibile)

      Che senso avrebbe accettare per la una cifra simile che sarebbe neanche 1/10 degli investimenti fatti? tanto vale far decidere al giudice. no? Anche solo per "non darla vinta".

      Io fossi la C.B. non accetterei, e te argano accetteresti o andresti dal giudice?

      Elimina
    4. Io per risponderti dovrei essere a conoscenza di dati che Passerotti ha e io non ho. Per cui non sparo minchiate e mi affido al Commissario. Se poi il tutto verrà demandato alle decisioni di un giudice, lo vedremo.

      Elimina
    5. Sì chiama rischio di impresa;è aver creduto a chi millantava onnipotenza si chiama essere c.......

      Elimina
    6. Se vai dal giudice e poi ti prendi il torto, devi pagare e se hai un capitale sociale da arrotino...

      Elimina
    7. Ano 17.06 cone fanno ad avere torto al giudice di ottemperanza il cui compito è chiaramente definito nel quantificare il danno ?!

      Mi spieghi che ca... Scrivete a fare che non d
      Sapete neanche quello che dite ?

      Elimina
  2. Chiedo a chi è in grado di rispondere: IMU, imposte, tasse ed oneri vari dovuti in più dalla rivalutazione dei terreni, poi ritornati allo stato precedente (rurale), se regolarmente pagati, a naso mi sembrano un danno emergente, o comunque vanno restituiti a chi ha pagato in più.

    E' così o mi sbaglio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è danno emergente è un versamento di imposta maggiore del dovuto e va restituito [lo sarebbe stato anche se il CdS avesse detto che il danno emergente era nullo], mentre le aree che erano diventate agricole per via dello spostamento dei diritti di edificabilità dovranno integrare i loro versamenti di imposte.

      Elimina
    2. Si ma se l'imposta maggiore come si chiama va restituita sono sempre € che devono uscire dalle casse del comune o sbaglio?

      Elimina
    3. Certo , una parte ne rientrerà dai proprietari delle altre aree , il salo non ho idea se sarà positivo o negativo ... solo la ragioneria del comune saprebbe dirlo

      Elimina
  3. Fra un po' verra' fuori qualcuno che sosterra'che era meglio tenersi il BURCHIO .A questi dico di aspettare il risultato delle prossime amministrative che "qualcuna" trovera' un'escamotage x aggirare la sentenza del C. D.S.

    RispondiElimina
  4. Ma quelli che profetizzano sventura sono mossi da quale dei seguenti motivi:

    1) Sono azionisti o dipendenti di coneroblu

    2) Sono appassionati del "io l'avevo detto"

    3) Sono aficionados della Ubaldi e preferiscono finire in miseria ma poter continuare a dire che la loro leader aveva ragione?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io l'ho detto in maniera polemica .
      Non si e' capito ?

      Elimina
  5. quanti profeti...

    RispondiElimina
  6. Primo concetto che strano che non condivido è quello della "trasparenza" evocato dall'Argano.
    Cosa dovrebbe fare il Commissario Prefettizio Dott. Passerotti?
    Rendere pubblico ciò che è protetto dalla riservatezza è cioè gli atti endoprocedimentali amministartivi in ottemperanza al pronunciamento del Giudice Amministrativo?
    Cioè dire pubblicamente come procederà alla quantificazione delle spese da indennizzare alla Conero Blu?
    Rendere pubbliche le eventuali contestazioni in ordine alla "collaudabilità" dell'opera, circostanza più volte ribadita dal Dr.Passerotti e dall'Avv.Berti.
    Ma siamo impazziti?
    Secondo punto, ancora esistono persone che parlano di risarcimento del danno in termini di responsabilità contrattuale, non è così perché ciò che è stato indicato dal Consiglio di Stato riguarda le spese vive sostenute dopo il famoso accordo.
    State buonini, fra un po' le rose fioriranno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Passerotti dovrebbe dirci a quanto ammontano, fino all'ultimo centesimo, gli indennizzi che le pubbliche casse comunali elargiranno alla Coneroblu. Dopodichè penso che ognuno di noi sarà capace di stabilire chi ha raccontato la verità e chi ha riempito il paese di bugie per mesi. Il dato dei risarcimenti ha un valore POLITICO, di primaria importanza. Perchè anche se tu te ne sei dimenticato, questa città si è divisa su questo fattore. E sarebbe assurdo non capire e far capire ai cittadini elettori, dove stava e sta la verità.

      Elimina
    2. Ti ricordo, in proposito, che nel vivo della discussione, qualcuno ha scritto su testate giornalistiche on line che per via dei risarcimenti dovuti Porto Recanati avrebbe dovuto esborsare importi vicini ai 60 milioni di euro e sarebbe "stata cancellata dalla geografia del Ministero dell'Interno".
      Ecco, io voglio sapere se mi troverò ad abitare in un altro paese.
      Per via della cancellazione del mio.

      Elimina
    3. Ma la sentenza del cds è scritta in perfetto italiano...

      Elimina
  7. Senza 'sta storia del Burchio, a Porto Recanati di che si parlerebbe? Soprattutto: su cosa si farebbe la campagna elettorale? SUl colore dei fiori delle aiuole dello spartitraffico vicino al Lidl?

    RispondiElimina
  8. La città si è divisa pro e contro il Burchio,l'alibi dei risarcimenti lo cerca solo il pd per salvarsi in corner,per non ammettere quello che è evidente cioè che si sono schierati contro i cittadini e al fianco degli affaristi; hanno fatto politicamente un suicidio ma hanno confermato il loro dna di partito democristiano per dirlo con una sola parola.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' chiaro solo per quelli convinti, ossessionati e livorosi come te,......parliamo di altro?....ah non puoi?
      Era chiaro pure per me!

      Elimina
  9. L'ossessione attanaglia solo te e i tuoi colleghi di partito che non sanno come uscirne.io sono tranquillissimo,il colpo di mano sul burchio è stato sventato ed il pd è nudo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aridaje ma allora non capisci! Ti accorgi che il Burchio collegato al Pd sta ancora e solo nella tua testa? Ti devo fare un disegnino? Ci riesci ad andare oltre?Togli quel cartello a senso unico che hai in testa!

      Elimina
    2. Non tutti sono scarsamente perspicaci come la gente che tu frequenti

      Elimina
    3. Allora te conosco!

      Elimina
    4. non credo,nessuno che io conosca ha i tuoi parametri intellettuali

      Elimina
    5. Mi piace questo prenderci per i fondelli a vicenda, monopolizziamo il blog fino a stasera? Argano che ne pensi?
      Ah ah ah

      Elimina
    6. Io e molti altri ne ridiamo a crepapelle, tu ed i tuoi piangete lacrime amare!

      Elimina
  10. Passerotti dirà tutto al momento opportuno, in questo momento non può e non deve dire nulla perché questa è la fase delicata.
    Argano, non dimenticare che l'offerta di indennizzo deve essere il più possibile conforme a quanto stabilito dal Consiglio di Stato.
    Svelare in questa fase le strategie è da incoscienti oltre che illegittimo.
    Dai tempo al tempo.
    Non confondere la trasparenza con la divulgazione di notizie riservate.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Senti, ma tu sai leggere?
      Ho mica chiesto al Commissario di dirci tutto domani mattina....!!!!
      Ho scritto "se Passerotti troverà un accordo con la controparte convochi una conferenza stampa e ci dica quanto dobbiamo per l'esbirso di indennizzi"

      Non ho scritto "Passerotti ci dica tutto entro stasera"
      È italiano - Di facile comprensione....

      Elimina
    2. E se non risponde, significa che non può

      Elimina
  11. Sembra chiaro che il risarcimento non sarà pane di Passerotti. Coneroblu aspetterà le elezioni ed in funzione di chi si troverà di fronte si muoverà. di sicuro ci sarà il marciapiede e due anni di Imu, diciamo circa 600.000,00 €. Onestamente non mi sembrano bruscolini, auguri al futuro sindaco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Porca miseria. Non ci stiamo a fare le pippe mentali su quanto possa essere il risarcimento mentre tu già ne conosci l'entità. Vai da Passerotti a riferire. Ti nomina subito suo consulente.....

      Elimina
    2. In questi tempi bui ti consoli così? Speranze di eleggere il sindaco pari a zero?

      Elimina
  12. Caro Argano io so leggere perché hai scritto : "Passerotti dovrebbe dirci a quanto ammontano, fino all'ultimo centesimo, gli indennizzi che le pubbliche casse comunali elargiranno alla Coneroblu".

    Io ribadisco che questo, che sostanzialmente sarà il contenuto economico dell'offerta formale che il comune è tenuto ad operare, non è un dato che può essere divulgato.
    Per il semplice motivo che l'offerta sarà articolata e motivata da molti fattori, quali la collaudabilità dell'opera, la sua effettiva utilità di opera pubblica e se in effetti è stata eseguita facendo realmente affidamento in buona fede.
    Questa offerta, se non ritenuta congrua dalla Conero Blu, verrà dalla stessa rifiutata e contestata con il giudizio di ottemperanza.In quella sede giudiziaria si stabilirà chi aveva ragione.
    La fase è molto delicata, il fatto che il commissario si sia mosso molto velocemente fa pensare ad una tattica che certamente non può essere svelata.
    Quanto tutto sarà finito e cioè ad offerta accettata o offerta rifiutata e giudizio di ottemperanza instaurato, allora la conferenza stampa ci sarà, stanne certo, senza bisogno degli stimoli esterni dell'Argano.
    Abbi fede.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io continuo a ripetere che non avete capito. Io ho scritto che "se Passerotti troverà un accordo con la controparte convochi una conferenza stampa e ci dica quanto dobbiamo per l'esborso di indennizzi"
      E' italiano. Dovrebbe essere di facile comprensione.
      Implica che sto esortando Passerotti a farci sapere gli esborsi (nel dettaglio) solo dopo che ha trovato un (eventuale) accordo.
      Non gli sto dicendo di rivelarci il "contenuto di offerta formale"
      Chiaro?

      Elimina
  13. Argano continui a ripetere una cosa inutile.
    Se il commissario raggiungerà l'accordo con la Conero Blu, ergo l'offerta sarà ritenuta congrua, ergo il tutto si tradurrà in un atto amministrativo pubblico consultabile da tutti, completo delle necessaria motivazione.
    Più trasparente di così si muore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli atti potrebbero essere due. O tre. O quattro. Una bella conferenza stampa di Passerotti renderebbe tutto più chiaro. Spiegherebbe, ad accordo raggiunto, ogni dettaglio dello stesso. Ma prendo atto che a te darebbe fastidio....

      Elimina
  14. Mi arrendo, dico solo che gli atti saranno necessariamente ed esaurientemente motivati.
    La conferenza stampa credo che la farà senz'altro, se non altro per prendersi il merito di aver messo la pietra tombale sopra.
    Se non ci riesce, la palla passa alla nuova amministrazione.
    A me non da' affatto fastidio la tua richiesta, dico solo che è nelle cose la trasparenza essendo il tutto passato ( e forse passerà ancora) per via giudiziaria.

    RispondiElimina