QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

mercoledì 13 aprile 2016

ATTILIO FIASCHETTI: SUL BURCHIO

Dopo aver fatto sfogare tutti sulla vicenda Burchio, dopo aver letto di tutto e di più, mi permetto anch’io di scrivere alcune cose sulla sentenza del Consiglio Di Stato riguardo alla lottizzazione Burchio.
Per prima cosa, ancora una volta sono stato l’unico a ringraziare nome per nome tutti i protagonisti che hanno condiviso questa battaglia per la difesa del nostro territorio, contro un progetto che, a mio avviso, ricorda tanto quei sogni urbanistici poi si sono rivelati sciagure per tutta la comunità.
Il CDS mette la parola fine sul dilemma se fare o non fare questo resort, mette la parola fine fra i favorevoli e i contrari, mette la parola fine alla bugia della riduzione di metrature di cemento e al dibattito sull’utilità o inutilità di questa struttura.
Il CDS pone una pietra tombale su questo progetto, affermando che non vi è un interesse pubblico e che si è portato avanti a testa bassa qualcosa che non poteva essere approvato a livello ambientale.
Nel dicembre 2013 una parte del paese si è ribellata all’ennesima colata di cemento, e da questa presa di posizione dei cittadini, veri protagonisti in positivo, la politica che controllava chi governava ha affilato le armi preparandosi ad una battaglia che, per certi versi, mi ha fatto tremare le gambe sentendo le motivazioni della maggioranza e della ditta proponente.
A mio avviso molte cose non sono mai state chiare: per esempio, non ho capito quali costruzioni avevano  in precedenza costruito i signori russi, perché scegliere proprio una collina che è in movimento, perché costruire davanti al depuratore e di fianco all’autostrada.  Forse si era scelto quel sito per lasciare un ricordo alle generazioni del futuro, visto che proprio dove si voleva costruire ci sono reperti di  Potentia citati addirittura in diversi libri.
Ora bisognerà pagare ciò che è stato costruito e cioè un marciapiede. Comunque il Commissario cercherà di chiudere anche questa pagina, lasciando giudicare a noi cittadini di Porto Recanati se quel marciapiede in quel modo serviva, se era di urgente necessità e se i cittadini della collina di Montarice sono diversi. Come non notare che il versante che guarda il Monte Conero è privo di ogni marciapiede o stradello dove poter camminare?
Inoltre colgo l’occasione per ricordare a tutti i porto recanatesi quali lottizzazioni ancora devono partire, in questo modo ci possiamo porre la domanda (che non avrà mai risposta): perché non proporre e indirizzare i costruttori verso una di queste aree già edificabili? Tutti  i terreni intorno al campo sportivo e Hotel House, tutto il terreno che costeggia la ferrovia dietro i laghetto della pineta, Resort terreni Pierantoni,  lottizzazione stradone che porta a Loreto (Scossicci), trasformazione lottizzazione da ricettiva turistica a residenziale zona Malibù e strada Recina.
Diciamolo allora una volta per tutte, se il mercato riprende per le aziende edili ci sarà lavoro per i prossimi 50 anni.
Detto questo bisogna smetterla di mentire ai cittadini e dire una volta per tutte che l’amministrazione Montali non è andata a casa per il Burchio, ma bensì perché chi doveva creare una squadra non ha avuto la capacità di fare il leader. Inoltre in questi mesi un’altra soddisfazione mi è arrivata: dopo la sentenza del TAR, non favorevole all’amministrazione, alcuni hanno attaccato il sottoscritto, sostenendo che non ci sarebbe stato il ricorso al CDS. Sbugiardati come non mai, infatti tempo di prendere visione delle carte il Commissario ha fatto ciò che riteneva giusto.
Per concludere credo sia giusto ricordare a chi legge che il sottoscritto ha organizzato insieme all’amico Michele Bianchi l’unico vero incontro pubblico sul Burchio, invitando tutti, favorevoli e contrari. Ma oltre a questo,tutte le scelte fatte dal sottoscritto su questa vicenda, sono state prese senza nessuna copertura assicurativa, rischiando di tasca propria e senza garantirsi neanche la difesa legale, cosa che invece hanno fatto tutti gli altri.
Ora aspetto fiducioso la conclusione, sperando che l’eventuale risarcimento del marciapiede possa ricadere totalmente su chi ha deliberato e voluto questo Resort.

Attilio Fiaschetti
Alternativa Civica



35 commenti:

  1. Di sicuro col pd non condivide la politica ambientale eurbanistica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per fortuna.... del PD

      Elimina
    2. Se leggi il comunicato partendo con l'interpretazione già preconfezionata in testa rinunciaci.

      Elimina
  2. I proprietari delle aree menzionate da Fiaschetti ringraziano.....

    RispondiElimina
  3. Nonostante tutto, hai scelto l'alleanza con il PD e con i membri che erano a favore del Burchio...il PD non è mai stato limpido sulla questione...alcuni si sono cagati addosso non appena la Montali ha deciso di bloccare tutto...tu potresti essere fiero per tante cose buone che hai fatto, ma metterti al fianco, per la seconda volta!!!, a questa gente, ti penalizza assai!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusa ma chi era a favore del Burchio?
      Perché io le carte ufficiali le ho lette tutte ma che il Pd era ufficialmente a favore del Burchio non l'ho letto mai.

      Elimina
    2. ...e questo è il problema.

      Elimina
  4. Se viene messo in atto quello che dice Fiaschetti, il valore di quelle aree raddoppierebbe, ci credo che i proprietari lo ringraziano....

    RispondiElimina
  5. ...ma poi intorno all'H.H.,campo sportivo verso H.H....sempre zona archeo e'...zona laghetto prospicente sottopasso sud,laghetto, pineta ..zona archeo... quindi... occhio... andate a vedere le foto che esistono...anche aeree ... dell'universita' Belga....

    RispondiElimina
  6. Continuiamo a dar retta ai praticoni del diritto? O forse è il caso, nel trattare la materia, occupare il tempo nell'attenta lettura della decisione del Consiglio di Stato? Si eviterebbero figuracce e il rischio di essere smentiti clamorosamente dai fatti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io direi di occupare il tempo per parlare dei problemi del paese visto che tanto la chiude passerotti (o più probabile il giudice di ottemperanza)

      Elimina
  7. Fiasco, non spararle grosse sull'organizzazione dell'incontro pubblico sul Burchio. Chi ha organizzato il tutto è stato il Comitato di Montarice (conservo ancora il volantino che invitava a partecipare) che ha invitato i relatori di associazioni ambientaliste. Tu ti sei messo al seguito e al massimo hai provveduto a ritirare le chiavi dell'Auditorium e a procurare l'impianto stereofonico aiutato dal tuo amico Bianchi e dall'avv. Rovazzani.





    RispondiElimina
    Risposte
    1. Attilio Fiaschetti13 aprile 2016 17:33

      questo è il mio post del 07 aprile nella mia pagina Facebook. Io a differenza di altri non mi sono preso i meriti ma li ho condivisi con ha partecipato con le proprie possibilità di tempo.
      "Attilio Fiaschetti
      7 aprile alle ore 12:03 ·
      Oggi ho letto gli articoli i siti sulla questione Burchio e sono rimasto basito.Se si escludono l'Argano, il blog di Trevisani e Asterio Tubaldi diciamo che non siamo messi tanto bene. Sono contento per come sono andate le cose e per il lavoro che è stato fatto sin dalla raccolta firme con gli amici Cristian Buffarini Aranka Korosi Giada Gonnelli e altri. Ricordo con entusiasmo l'assemblea organizzata con l'amico Michele Bianchi per discutere sul Burchio con l'aiuto di Carlo Reboli. Ricordo il primo consiglio comunale dove, sotto Natale, abbiamo abbandonato l'aula dopo aver motivato la nostra scelta, io Riccetti Lorenzo,Giuliano Paccamiccio,Zoppi Loredana e Maggini. Ricordo chi si è astenuto e chi ha votato a favore. Ricordo assemblee con la conero blu per santificare il progetto e la campagna di disinformazione della stampa. Un grande Trevisani Alessandro per il lavoro svolto e una giunta coraggiosa guidata da Sabrina Montali.
      Per ultimo mi faccio i complimenti da solo perchè sono stato l'unico a non fare l'assicurazione per responsabilità personale nell'esercizio della funzione amministrativa. Dunque ho rischiato di mio ma sicuro di ciò che stavo facendo. Ciao e grazie a tutti"

      Elimina
    2. Ricordi anche quando hai voltato le spalle aiutando a far cadere la giunta?
      http://www.ilrestodelcarlino.it/civitanova-marche/dimissioni-consiglieri-montali-casa-1.973380

      Elimina
  8. se vuoi ti faccio vedere un volantino anche io

    RispondiElimina
  9. Se sento un candidato un campagna elettorale che parla ancora del Burchio e non dei problemi del paese lo insulto!

    RispondiElimina
  10. Stiamo tutti tremando di paura,ti scongiuro non farlo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Attilio Fiaschetti13 aprile 2016 12:52

      ma chi sei il fenomeno dell'edicola? ahahah

      Elimina
  11. Chi critica A.C. per l'alleanza con il PD sulla base del Burchio , può solo essere un peones di UPP. Essendo oramai il burchio una vicenda CHIUSA, continua a parlare ossessivamente di Burchio solo chi non ha altre idee per il paese.

    Avere Idee per Porto Recanati non è copiare il programma elettorale di IMOLA ed i regolamenti del comune di Vallefoglia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e no mi dispiace...vuol dire appoggiarsi ad un partito che fa gravi errori...se per te è roba da poco....

      Elimina
    2. Quindi fai un'alleanza (un'altra volta) con un partito che ha evidente idee diverse dalle tue e dovremmo votarti ancora?
      Poi quando queste diversità verranno a galla (e lo faranno, stanne certo) manderai tutto a monte ancora?
      Fiaschetti non sei in grado di avere alleanze con nessuno, è ora che tu te ne faccia una ragione.

      Elimina
  12. si ok da altre parti non c'e il marciapiede ma c'è l'illuminazione...quindi chi è stato sino ad ora di serie B? ma naturalmente mai nessun amministratore ha detto nulla...logico, per non alzare polveroni inutili....viva la politica e l'onesta intellettuale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo che siete di serie b voi di montarice... Siete stati i primi cenentificatori della colline ed ora volete il marciapiede ? Vi meritereste strade sterrate ed obbligo do girare a cavallo,niente elettricità riscaldamento a legna e niente allaccio idrico. Perche tutte queste cose rovinano la bellissima collina.

      Elimina
    2. sei proprio un beota....il marciapiede non è stato mai chiesto da montarice...l'illuminaziine si invece....promessa dalla ubaldi anni fa! e pensa al centro che lo avete distrutto!!!

      Elimina
  13. Forse non avete capito le aree che parla fiaschetti sono già delle lottizzazioni autorizzate da fabbracci e Ubaldi ferme solo per la crisi edilizia. Se riparte l edilizia senti che botto adesso nate a vota l ubaldi con Mozzicafreddo. '

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono stati in amministrazione e non sanno nulla della situazione economia,urbanistica,commerciale o altro e vogliono governare il paese. Poi tra questi ci sono quelli che presentano progetti vecchi di 15anni spacciandoli per nuovi. La cosa assurda è che sono irrealizzabili

      Elimina
  14. Siamo in campagna elettorale!!!!!! Non me ne ero accorto, ora ne sono certo e constato che vale tutto e il contrario di tutto!

    RispondiElimina
  15. Quello che si merita questo paese è che la coneroblu costruisca un resort sulla zona di loreto marina o a montorso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. .Il solito campanilismo straccione che piace tanto agli avventurieri affaristi, che su queto fanno le proprie fortune

      Elimina
    2. ...e chissenefrega!

      Elimina
  16. Buono a metà il comunicato.
    Parte molto bene ma finisce molto male con il pensiero che l'economia e lo sviluppo debbano ancora essere fondate sula speculazione edilizia.
    Che le altre aree da lui menzionate sono state già lottizzate è vero, che sono ferme perché costruire ancora NON E' PIU' CONVENIENTE E REMUNERATIVO è vero anche questo.
    Incrementare ancora la speculazione edilizia è pura follia.
    Prima di fare questo Fiaschetti deve dirci come il mercato assorbirà quello che è stato già costruito e NON SI VENDE.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sci va beh adesso fiaschetti è diventato uno speculatore immobiliare... se questo è il massimo che riuscita a fare per screditare qualcuno ... si vince a tavolino ...

      Elimina
    2. Attilio Fiaschetti13 aprile 2016 17:34

      Ma ti rendi conto di quello che scrivi?

      Elimina
  17. Mi rendo condo di ciò che scrivo.
    Non voglio screditare nessuno, dico solo che trovo encomiabile il fatto che Fiaschetti abbia sposato la battaglia contro la speculazione edilizia rappresentata dalla scellerata lottizzazione del Burchio.
    Tuttavia non ci si può fermare a metà strada e pensare che lo sviluppo di Porto Recanati possa ancora una volta contare su metri cubi di cemento e aree commerciali.
    Pensare di nuovo allo sviluppo ad un rilancio dell'edilizia.
    Per costruire cosa?
    Le zone già lottizzate dall'amministrazione Ubaldi sono rimaste inedificate perché NON C'E' MERCATO.
    Quanto tempo ci vorrà perché il mercato immobiliare possa assorbire ciò che è stato inutilmente costruito?
    E una volta assorbito, quando ricomincerà la domanda di case?
    Sarà il caso di fare un consuntivo, visto che sono trascorsi oltre 50 anni di costruzioni sfrenate, e cercare di capire se ciò ha portato stabile ricchezza per i cittadini o il contrario?
    Sarà il caso di fare un censimento delle unità immobiliari invendute e delle aree edificabili inutilizzate?
    Oppure facciamo altri centri commerciali?
    Ho paura che le lottizzazioni già concesse si autoestingueranno per evitare di pagare le sostanziose tasse sui suoli, o verranno convertite in progetti edificatori molto meno impattanti e meno speculativi.
    Quello che deve fare una saggia amministrazione è disincentivare la costruzione di nuovi edifici che nessuno vuole ed incentivare il recupero del patrimonio edilizio esistente, a tutto vantaggio del decoro urbano e dell'immagine del paese a destinazione turistica.
    Queste sono le domande ed a queste deve rispondere Fiaschetti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. messa così sposo la tua linea totalmente. che è la mia da sempre.

      Elimina