QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

martedì 19 maggio 2015

IL GIORNO DOPO IL BURCHIO

Il giorno dopo il Burchio scrissi questo pezzo. Che ripropongo sotto. Mi chiedevo dove potesse portare la sferzante schiettezza che Sabrina Montali aveva scaraventato contro i consiglieri PD in quel consesso nel quale si decideva del futuro di quella collina.
Chiudevo il pezzo con questa considerazione:

"Bisognerà capire ora se questo  linguaggio politico senza fronzoli, sarà premiante."

Ora abbiamo la risposta. Non è stato premiante. Da quel Consiglio Comunale è iniziata la disgregazione della maggioranza. Da lì è nato tutto. E ci ha portato all'epilogo di oggi.


LA SABRINA CHE NON TI ASPETTI
(Argano - Sabato 22 Novembre 2014)

Piaccia o no, ieri, Sabrina Montali, sindaco di Porto Recanati, ha inaugurato un nuovo linguaggio politico. Non si é capito se ciò fosse dovuto alla tensione accumulata negli ultimi giorni e, conseguentemente, ad un bisogno quasi corporeo di volersi liberare di uno stress accumulato. Ma se da una parte ci si aspettava un suo intervento in netto contrasto nei confronti dell'ex sindaco Rosalba Ubaldi, mai, contestualmente, ci saremmo aspettati che il primo cittadino si rivolgesse nei confronti dell'alleato PD in quel modo così spietato. Ieri Sabrina avrebbe potuto essere ammiccante con i suoi consiglieri dissidenti Renziani. Avrebbe potuto ricorrere a quella tipologia di linguaggio che abitualmente caratterizza la politica: dove il paraculo, spesso, prende il posto del nudo e crudo. Invece no. Ieri, in modo spietato, ferreo, quasi cinico, Sabrina Montali ha massacrato i due consiglieri rei, a suo modo di vedere, di non seguire la volontà della maggioranza. Li ha apertamente accusati, di fronte al parlamento cittadino popolato come alla prima di un film di successo, di essere dei traditori. Di aver sbagliato schieramento. Di aver cercato in tutti i modi alibi per "distinguersi" dalla volontà chiara di una coalizione. Li ha quasi messi alla gogna davanti ad una aula consiliare gremita, in gran parte, dal suo popolo. Con un piglio ed una efferata crudeltà discorsiva li ha relegati in un angolino, quasi esposti alla pubblica vergogna. Senza minimamente badare e considerare alle conseguenze del suo agire. Forse era forte di una matematica che le dava conforto. Forse sapeva che dopo aver portato sulle sue posizioni Dezi e la Stefanelli partiva da una posizione di forza data appunto dai numeri. Ma il linguaggio usato é stato quello di una che non le manda a dire. Un linguaggio desueto, in politica. Soprattutto nei confronti di un alleato.
Ieri, si é avuta la netta sensazione, che Sabrina Montali con quella veemenza nei confronti dei due "dissidenti" abbia quasi voluto spingerli verso l'opposizione. E con loro, relegare a figure minori e insignificanti quella parte di PD inquadrato, nel discorso della Montali, come forza attaccata ad un modo di fare politica che lei stessa non é piú disponibile ad accettare.
Tutto questo, al di fuori delle specifiche, obbiettive, contestuali e reciproche argomentazioni. Che sono sempre degne di rispetto.
In quell'aula consiliare ieri, abbiamo visto una sorta di pasdaran che come un caterpillar ha spianato tutto quello che ostacolava il suo percorso.
Bisognerà capire ora, se questo nuova metodologia e linguaggio politico senza fronzoli, sarà premiante.



38 commenti:

  1. Bene cari NPP avete vinto le elezioni e avete iniziato a dire
    commano noi
    muti 5 anni
    ve tira el culo
    rassegnateve
    fatevene una ragione
    Bene cari signori adesso ROSICATE ahahahahahah
    Comme godooooooooo
    Presentatevi di nuovo che il paese vi aspetta.... ( per prendervi a calci in culo)
    Nel frattempo le iscrizioni al PD aumentano ...
    I porto recanatesi vi hanno preso a calci in culo...
    Adesso vediamo quantoconta UPP-----

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non i portorecanatesi.....5 pi**a senza arte né parte. Io voglio vedere LORO con che faccia si ripresenteranno

      Elimina
  2. E poi scrive a Ceriscioli pregandolo di salvargli le chiappe ...

    BRAVA

    RispondiElimina
  3. Con la schiettezza ha purtroppo ottenuto di far coalizzare fra loro i vecchi partiti che si coprono l un l altro.il pd la voluta e poi tradita quando ha capito di non poterla piegare
    .abbiamo solo una possibilità :non votare pd alle prossime elezioni

    RispondiElimina
  4. Contro un affare come il Burchio non c'erano buone maniere che avrebbero potuto funzionare.

    RispondiElimina
  5. chi di spada ferisce di spada perisce!

    RispondiElimina
  6. Ci impegneremo per non far votare il pd

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusto contiamoci su pierini !

      Elimina
    2. El porco nsogna la ghianna...

      Elimina
    3. Non c'è niente di male ad avere delle ambizioni ma chi vola troppo in alto quando cade si fa più male e così anno fatto loro.......sogni d'oro UPP

      Elimina
  7. Riccetti/Montali/Paccamiccio a Lavorare............!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu invece che fa? continui a scrivere cog**onerie?

      Elimina
  8. Non hanno saputo vincere, non hanno saputo governare, non hanno saputo perdere.
    Chi é causa del suo male.......game OVE! !!!!

    Speriamo di trovare persone più capaci e sopratutto più intelligenti.
    Il prossimo sindaco chiunque sia deve essere il sindaco di tutti anche di chi non lo ha votato.

    RispondiElimina
  9. Argano la responsabilità di quanto accaduto è del Sindaco che avrebbe dovuto mediare tra le varie componenti della sua maggioranza e non umiliare parte della sua coalizione. Inoltre UPP con i suoi numeri e la presunzione di determinare la politica cittadina non avrebbe dovuto permettere lo strappo. Se si soffia sul fuoco, poi non ci si può lamentare se si scatena un incendio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il post scritto il giorno dopo il Burchio analizzava quello che dici.
      Può permettersi un Sindaco di una coalizione eterogenea, di cacciare all'opposizione due consiglieri e un partito cinque mesi dopo che ha indossato la fascia?
      O deve sforzarsi di trovare comunque una sintesi e tirare avanti la baracca con tutte le sue componenti.
      Sabrina è stata feroce.
      Ha usato un atteggiamento che l'ha portata alla distruzione.
      In soli 11 mesi.

      Elimina
    2. è vero quello che dici ma è un pò riduttivo,avere dignità e non piedarsi ai compromessi nonè sempre un difetto specie quando si deve operare in ambienti maleodoranti per non dire altro a contatto con partiti usi a metodi inqualificabili.scopriremo dopo un attenta analisi che l'interesse dei cittadini si poteva proteggere facendo quello che sabrina ha tentato di fare.

      Elimina
    3. e dai Argano non essere così COLPEVOLISTA e SPIETATO ognuno ha il suo carattere e Sabrina ha usato il suo! tu al posto suo cosa avresti fatto con quei 2 del PD? facile parlare stando al di fuori!

      Elimina
    4. Io non ho problemi a dirti che se fossi stato Sindaco (ipotesi impossibile da verificarsi) avrei detto:
      "registriamo il parere non conforme a quello della maggioranza dei consiglieri Cicconi e Feliciotti che oggi hanno deciso di astenersi, dopo aver ascoltato, con il loro partito, il parere di due affermati legali. La mia maggioranza, pur rispettando la diversità dei predetti pareri, va avanti per la sua strada"
      E il giorno dopo avrei provato a dialogare con i due.

      Elimina
    5. Hai appena detto che Sabrina non ha il carattere adatto a fare il sindaco.

      SOTTOSCRIVO IN TOTO

      Elimina
    6. Questa è una questione di forma.la sostanza è che dava fastidio e impediva legami ed interessi nascosti.quindi l'avrebbero contrastata comunque è su ogni iniziativa{vedi la sostituzione di un geometra}anche se secondaria

      Elimina
    7. A parte il fatto che la questione legale aveva un peso specifico da considerare, non si può ridurre l'accaduto ad una mera questione di forma. Il Sindaco ha voluto dare una prova di forza di fronte a maggioranza, opposizione e cittadinanza, trattando come ha fatto i consiglieri di una parte della coalizione che la sosteneva. Se compi un gesto del genere devi essere molto forte numericamente e comunque molto compatto. È stato un errore politico grave e ne ha fatto le spese, insieme a coloro che l'l'hanno incoraggiata in tal senso.

      Elimina
  10. Di fronte ad un affare come il Burchio anche le piu' soavi buone maniere non sarebbero state sufficienti a far andare avanti la giunta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma và che dici! Sei troppo pessimista e poco psicologo!

      Elimina
    2. Quotissimo!

      Elimina
  11. Cacchio Argano, te tocca a chiude... Ade' de chi parlamo per il prossimo anno!!! Co quessi ce semo proprio divertiti (si fa per dire) per un anno intero...

    RispondiElimina
  12. Il PD qua, il PD la'.
    O ragazzi NOVE CONSIGLIERI hanno firmato.
    E potevano essere anche 10 se una regola dello statuto del M5S non avesse fermato Poeta.
    Di questi solo TRE sono del PD!
    La matematica non è un opinione.
    Quindi non è il Pd che vi ha buttato fuori ma il 62.5% degli elettori!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Voglio proprio vedere quanto ne resterà di questo 62%

      Elimina
  13. come puo' uno scoglio arginare il mare....

    RispondiElimina
  14. Un mese fa Upp minacciava di far cadere la giunta e Pierini prendeva le distanze dal Sindaco che poi lo cacciava con male parole da una seduta di maggioranza.
    Oggi Upp lì ha difendere l'operato del sindaco insieme a Pierini in aria di "regionali"!
    Ah ah ah ah ah ah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. questa storia delle "h" sta diventando surreale...

      Elimina
    2. Spiegacii perché il pd ha messo come condizione non trattabile l'inamovibilita del geometra Re durante le trattative e poi su questo è arrivato alla rottura

      Elimina
  15. Ex Sindaco Montali si sentiva come Una Contessa dell'ottocento abituata a comandare e decidere su tutto nel bene e nel male ad essere riverita e rispettata, ma non essendo esperta di amministrazione e tantomeno di politica ha inanellato una serie di errori clamorosi ed eclatanti cosi' i concittadini in futuro si troveranno a pagare tasse comunali molto piu' alte per risarcire le varie Societa' che hanno riesto i risarcimenti . Esempio la ditta di Messina che ha chiesto circa ottocentomilareuro. Grazie Sabrina e i suoi consiglieri. Grazie Contessa torna a casa che e' meglio per tutti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non pago proprio niente i soldi li cacciano chi l'errore l'ha fatto, a costo de ricorre al TAR o alla Corte dei Conti i soldi li tirane fori loro dalla propria saccoccia, facessero una colletta, l'elemosina, non me frega un caxxo!

      Elimina
    2. Grazie sabrina per averci provato.essere tradita da questi partiti e da questi uomini politici è una medaglia al merito da appendere con orgoglio al petto.

      Elimina

  16. Questo è un appello a Carlo Reboli, ma non è meglio che ti nascondi, dove ci sei tu c'è l'assoluto io qua , io là , con l'incontro dell'altro giorno la gente ha capito chi sei, e questa volta sarebbe bene che se ti piglia qualcuno in lista (cosa molto difficile ) vedremo quanti consensi prenderai.

    RispondiElimina
  17. non è questione di carattere, ma solo di capire che cosa sia il ruolo istituzionale che ha un Sindaco. Ci vuole solo la capacità di non perdere d'occhio gli obbiettivi, non la voglia di litigare per ostentare il potere...... All'HH l'ex sindaco ha rappresentato tutto il paese, alla faccia del rispetto verso quei cittadini che potevano essere simpatizzanti di Salvini......sembra poco, ma è tantissimo....con questo ultimo atto si è smesso di agire senza pensare, senza approfondire e senza riflettere.....che Dio ce la mandi buona......

    RispondiElimina
  18. Tutti fenomeni..!!!!io avrei fatto..io avrei detto!!!!! Purtroppo la politica è un affare "sporco"..se CONOSCI" vai avanti..se sei una persona pulita..no!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. parole sante!!! sempre detto io che la politica è una cosa SPORCA anzi SCHIFOSA

      Elimina