QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

mercoledì 1 aprile 2015

CASO PLEN AIR: PARLA PACELLA

Oggi Marco Pacella, presidente della Pro Loco e autore del famoso suggerimento su Facebook all'Assessore Canaletti ha parlato. Sul Resto del Carlino. Vi alleghiamo l'articolo contenente le sue dichiarazioni:


Pacella dice: "non vedo cosa ci sia di male da parte di un ente che ha gestito l'appalto per anni, nel suggerire all'assessore accorgimenti da inserire nel bando"

Rileggiamo il post su Facebook:




Pacella dovrebbe chiarirci alcune cose. Su quel suggerimento in che veste parlava? Da Presidente Pro Loco? Oppure da Presidente Pro Loco e, contestualmente, noto esponente di un partito (il solito) che appoggiava la coalizione Montali alle recenti elezioni? Oppure, molto semplicemente, da intimo con Canaletti?

Perchè l'uso del  pluralis majestatis (l'accordo con ATP è comune e lo possiamo onorare soltanto....) va chiarito. Cosa spinge Marco Pacella ad usarlo. Perchè usa il NOI?

 Perchè è intimo con Canaletti e allora lo accomuna nei suggerimenti, oppure perchè parla come esponente del noto partito (il solito) e pertanto "sostenitore" della coalizione Montali? 

Del resto noi, Marco Pacella, ce lo ricordiamo il 26 Maggio 2014, dentro le scuole Diaz, in attesa dei risultati insieme all'entourage di Noi Per Porto Recanati. E successivamente partecipare ai festeggiamenti.

Poi Pacella di cose ne dovrebbe capire altre: non può permettersi di scrivere ad un Assessore "dovresti far mettere". Al limite potrebbe dirgli: "secondo me dovreste valutare la possibilità di aggiungere". Così come non può scrivere "chiedetemi un incontro e vi posso esporre la proposta, l'assessore la conosce" Al limite potrebbe dire: "sono a disposizione, in qualità di presidente della Pro Loco per ogni chiarimento".

Sono i toni, che non vanno. E, di conseguenza i contenuti. E sono i suoi alleati che hanno definito questi toni e quei contenuti "deprecabili". Non i suoi sostenitori. Perchè quelli di UPP non è che ora possono fare le verginelle e dimenticarsi che Pacella è membro di un partito loro alleato. Se poi nel dover tagliare una testa, il Sindaco ha deciso che quella testa debba essere sua, se la prenda con il Sindaco. 

Ma non faccia finta di capire la gravità del suo suggerimento.

Specificato questo oggi devo aggiungere una precisazione e una domanda.

La precisazione:

1) C'è una commentatrice o un commentatore, ovviamente anonimo, che da ieri sera mi sta postando un commento che riporto fedelmente:  "Caro Emilio, quanto ti sta rodendo di non essere stato eletto nel 2009 con Riccetti....!!!"

Bene, non ho problemi a rispondere al commentatore anonimo (ma che per me anonimo non è)  che se fossi stato eletto con Riccetti, avessi continuato a far parte del gruppo e magari ora fossi uno dei suoi consiglieri, io il teatrino dell'altro ieri in consiglio comunale non l'avrei retto. Ma sia chiaro, tutto ciò per colpa mia che ho una capacità di sopportazione davanti a certe situazioni pari al sottozero. Riccetti svolge il suo ruolo. Ha le sue responsabilità che lo costringono (se è rimasto quello che conoscevo, perchè nell'ultimo anno e mezzo non l'ho più sentito e frequentato) a digerire quotidianamente bocconi amari. Ma se qualcuno pensa che io ora scrivi quello che scrivo per un motivo di rivalsa nei suoi confronti, gli posso garantire che non solo è fuori strada. Ma proprio non mi conosce neanche un po'. Del resto, se  me la fossi presa per la non elezione del 2009, non sarei certo rimasto nell'anno e mezzo successivo a collaborare con Riccetti e tutto il gruppo di UPP.  Io sono convinto che il Riccetti di oggi non sia affatto felice per la piega che certe situazioni hanno preso. Come sono assolutamente convinto che molti dei "suoi" consiglieri, in questi giorni, facciano una fatica bestiale a rimanere attaccati a questa coalizione.
Su questa cosa sono pronto a scommettere.
Anche se, ovviamente, se interpellate gli interessati vi risponderanno che non è vero....

La domanda:

2) Ma quelli di SEL un comunicato in appoggio all'amministrazione Montali sul caso Canaletti, dopo il consiglio comunale dell'altro ieri, lo emettono prima di Pasqua o no?



17 commenti:

  1. Argano quelli che ti accusano di roderti il fegato per non essere stato eletto con Upp nel 2009 li conosciamo bene!
    Il tono e' lo stesso con cui accusano ( anche portando all'estremola fantasia) chiunque vada fuori binario del pensiero Montaliano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello che è disarmante, purtroppo, è che non entrano nel merito di quello che scrivo. Perchè non hanno argomenti. Allora hanno questa tattica spicciola ma efficace: devono trovare qualcosa che fa parte del tuo passato per accusarti. E non ci crederete, ma lo fanno con tutti i mezzi. Non si risparmiano proprio nulla. Arrivano ad insultarti sul personale. Anche sui drammi vissuti. Non guardano in facci a niente e nessuno. Sei il nemico che li critica. Devono distruggerti. Con ogni mezzo. E le armi le usano proprio tutte. Fino ad arrivare all'infamia.
      Pietosi.

      Elimina
    2. Argano, ma tu credi veramente che chi ti legge si lasci abbindolare facilmente da coloro che ti colpiscono solo per buttare polvere negli occhi e deviare le problematiche?
      C'è chi chiacchiera blablabla e c'è chi osserva, ascolta e soprattutto ha buona memoria.

      Elimina
  2. La faccia tosta direttamente proporzionale alla liposi

    RispondiElimina
  3. La Ubaldi sembra insinuare che parenti del sindaco o dei suoi assessori lavorino (o abbiano interessi) con la pro loco. Questo è vero?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chi milita da anni nei partiti ha attinto alle raccomandazioni a piene mani, pensate ai galoppini dove lavorano,quanti sono stati infilati in posti statali, sindacati,ferrovie,comune,regione ecc.
      Un lavoro estivo alla Pro loco è peccato veniale,lamentarsi di questo ci vuole la faccia come il c... (come si dice su fb)

      Elimina
  4. Poteva scriverlo su FB .. magari nella bacheca di Montali!! ahahaha!!... nulla cosmico, solo la massa è grande.

    RispondiElimina
  5. Avviso ai naviganti: avete rotto i cojoni. Non pubblico più nulla che puzza di minaccia, insulto, allusioni del cazzo. Vergognatevi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Voi siete tanti e io sono solo;i lupi assalgono gli agnelli nell'oscurità della notte, ma le macchie di sangue rimangono sulle pietre della Valle, finché giunge l'alba e il sole rivela a tutti il loro crimine." Khalil Gibran

      Elimina
  6. Sono d'accordo con te. Vedi di non pubblicare minacce, insulti e allusioni del c...o sempre e comunque, sia che riguardano te sia gli altri.

    RispondiElimina
    Risposte

    1. Vai dai carabinieri e querela. Almeno saprò chi sei. Ovviamente, io faccio lo stesso con te.

      Elimina
  7. Bhe (per gli appassionati delle H, qui si può mettere) non conoscendo la persona nella sua sfera personale ma solo per quella pubblica, non capisco cosa ci si deve aspettare dal vice sindaco Ricetti. Io ad oggi, mi trovo di fronte ad una giunta comunale composta da persone più o meno conosciute nel tessuto sociale da me frequentato e leggendo una riflessione personale "di peso" come quella data da uno dei gestori di blog che più stimo, mi trovo come un disarmato al fronte. Per quale motivo non riesco ha trovare l'unità di misura di quest'uomo? Perché non trovo riscontri oggettivi nemmeno sulle chiacchiere da bar sulla persona di Riccetti? Scusate, forse non frequento posti giusti o non seguo i salotti della politica, ma per chi di più o chi di meno della rosa politica comunale dirigenziale sento parlare, anche della vecchia, ma del vice sindaco Riccetti non ho traccia (anche come 'avvocato) se non per l'utima discussione delle tariffe dei parcheggi.
    Ipotizzando che sia un forestiero che vuole rendersi edotto della politica comunale, mi potete spiegare perché quest'uomo è considerato il perno dell'ago di bilancia?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma si mette alla fine "beh"

      Elimina
  8. SECONDO AVVISO AI NAVIGANTI: continuano ad arrivare commenti che tirano pesantemente in ballo mogli e figlie. E sono bypartisan. Solo stasera dalle 20 in poi, ne ho tagliati 5 o 6. Sapete che non li pubblico. Evitate di scriverli. E non li pubblico a prescindere da chi sia il destinatario del commento, sia chiaro.

    RispondiElimina
  9. Io vorrei sapere perchè non vengono pubblicati i redditi dei consiglieri ed assessori. Come si fa a vedere se vivono della carica o di redditi propri? La trasparenza dovrebbe partire da qui

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chiedetelo a Fiaschetti che l'anno scorso li aveva esposti in bacheca...l'anno scorso!!!

      Elimina
    2. Tranquillo che li pubblico non ho problemi

      Elimina