QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

lunedì 9 marzo 2015

ROSALBA UBALDI SULLA DELIBERA DEL PIANO ATTUATIVO DEL PATRIMONIO PUBBLICO

Riceviamo e pubblichiamo da Rosalba Ubaldi, capogruppo consiliare di Grande Futuro Per Porto Recanati:



Le spiegazioni postume hanno tutte il sapore delle toppe che non coprono un bel niente e che si strappano presto. La delibera di Giunta n. 43 del 26 febbraio 2015 riporta, testualmente, nell’oggetto : Gestione del patrimonio immobiliare dell’Ente: Piano attuativo. Negli allegati si possono leggere gli obiettivi cheil piano attuativo si prefigge. Verba volant, scripta manent. Le chiacchiere stanno a zero. L’obiettivo dell’Amministrazione, tra l’altro già diffusamente affermato in varie sedi è sempre stato quello di “cacciare”soprattutto i soci di Anni d’Argento da quella sede di via degli Orti. Incuranti totalmente del valore sociale e civico che da decenni caratterizza l’attività di Anni d’Argento, hanno liquidato con “risoluzione del contratto” la vita dell’associazione. Oggi, dopo che i buoi sono scappati sostengono che è mancata l’informazione preventiva ma che non intendono mandare sotto i ponti nessuno. Se il problema era semplicemente quello di non poter pagare direttamente l’affitto, prima di tutto andava chiarito con l’associazione, poi nel piano attuativo avremmo dovuto trovare “modifica del contratto”. E’ disponibile l’Amministrazione Comunale a dare un contributo ad Anni d’Argento pari al costo, sia pure ridotto del 15%, dell’affitto in modo da consentire la permanenza ai soci? Tra l’altro penso che quel contratto, all’atto del rinnovo, sia stato già ridotto del 15% e mi sembra di ricordare bene. Oppure l’alternativa è data dalle stanze presso la Scuola Diaz? Quante stanze? Quali i costi di gestione per locali alti oltre 4 metri? E “Camminiamo insieme”,dove andrebbe a finire? Anni d’Argento, nel tempo ha consentito a tantissimi soci di poter mantenere rapporti sociali attivi, di poter godere di innovazione e di nuove esperienze, di poter trascorrere momenti culturalmente impensabili per alcuni di loro, di poter risolvere positivamente il problema della solitudine foriera di malessere e malattia. I soci hanno avuto modo di organizzare momenti ricreativi ma anche di solidarietà. E questo è rispetto degli anziani oltre le parole e le intenzioni che si limitano a rimanere tali. “Camminiamo insieme” ospitata in una parte degli stessi locali sta svolgendo un servizio esemplare e di massima utilità per cittadini in stato di bisogno anche fisico. No, così non si fa. Con lepersone si parla, si studiano insieme le eventuali soluzioni alternative se inevitabili, poi si fanno i piani attuativi. E non si è parlato con nessuno. Si sono scritte soluzioni – a nostro parere – anche difficili da realizzarsi come se quelle fossero vangelo. L’Ente Palio deve sloggiare e subito dal seminterrato della Diaz. Qualcuno glielo aveva detto? I locali occupati al Kursaal debbono essere liberati e l’Ente Palio deve congiungersi al Comitato Pescatori negli spazi occupati da questi presso la ex Pescheria. Ma hanno parlato lor signori con entrambe le associazioni? Io non credo perché so quanti sforzi siano stati fatti nel passato per ricongiungere i due tronconi sotto un’unica egida. E lo sanno anche inostri Amministratori. Per la sala di musica nulla da obiettare. La collocazione presso i locali ex spogliatoi Nazario Sauro era già prevista. Ma sono sicuri che i circa 30 elementi della banda con gli strumenti entrino in una stanza che può essere invece sufficiente per qualche gruppo musicale più piccolo? E poi chi fa la ristrutturazione di quei locali ai nuovi fini? Il miglior progetto? Ha pensato l’Amministrazione Comunale che se finora non si è proceduto in tal senso, pur se programmato, è stato perché quei locali sarebbero potuti servire all’improvviso per ospitare la Croce Azzurra che non è mai stata in grado di reperire autonomamente dei locali, né di pagare un affitto sia pure simbolico, e che quei locali dove è attualmente ospitata potrebbero essere venduti da un momento all’altro o dichiarati non idonei? Quale sarebbe a quel punto la soluzione per una struttura che pure svolge unservizio importante per la città? Oggi si profondono tutti nell’affermare che non abbiamo capito. No, cari signori, abbiamo capito benissimo. Poi dimostrate che per gli amici degli amici tutto si può fare. Scripta manent e le parole sono importanti, diceva Nanni Moretti. E non solo per lui. E’ questo il modo nuovo di governare? E’ questo l’obiettivo di chi ci amministra? Mettere in ansia i cittadini e non perseguire la loro serenità non può essere assolutamente condiviso. Cercare di spiegare deve essere una fase precedente alle decisioni, non successiva. Ancora una volta per chi ci amministra la colpa è di chi scrive, di chi si lamenta, di chi non si allinea nonostante le minacce ed i ricatti. Ancora una volta la colpa è fuori dell’amministrazione. No, cara Amministrazione, la colpa è vostra, solo vostra. Se ci sono contratti da perfezionare, da migliorare, da completare o da fare, lo si fa senza tante storie ma senza dimenticare che offrire alle associazioni gli strumenti per sopravvivere significa far vivere meglio quegli associati e se essi sono tanti come sono, vive meglio la città e la sua qualità di vita è migliore. Se razionalizzare significa ridurre le ore di servizio (tutti sono capaci di risparmiare riducendo i servizi), se razionalizzare significa costringere le persone a stare in casa anziché partecipare attivamente alla vita sociale, ma soprattutto se razionalizzare e fare un piano “attuativo” significa non tenere in alcuna considerazione la storia delle persone e del nostro tessuto sociale, allora significa che quello che state perseguendo è solo un obiettivo meschino del quale non essere assolutamente fieri. E questo non può trovare l’adesione e la comprensione dei concittadini liberi di pensare. E adesso correte ai ripari, convocando ora le associazioni. Potete riparare solo ritirando quella delibera redatta probabilmente da chi di Porto Recanati non importa un bel niente ma avallata da chi invece dovrebbe averla a cuore ma non l’ha.

Rosalba Ubaldi

20 commenti:

  1. Un comunicato che non fa una piega. Tutto giustissimo e difficile da smontare. Andate a casa.

    RispondiElimina
  2. Curioso che la Ubaldi inviti l'amm.ne a dare spiegazioni prima di prendere le decisioni e non dopo. Curioso (per non dire altro) che tale monito provenga da chi nel dicembre 2013 ha presentato ed approvato una variante al P.R.G. stile "fast&furious" per l'insediamento di quello che sarebbe stato il più grande complesso turistico-ricettivo portorecanatese, salvo riservarsi di presentarlo ed esporlo alla cittadinanza solamente 3 o 4 mesi dopo la sua approvazione. Curioso che la Ubaldi prenda posizione sul discorso patrimonio pubblico, ma si guardi bene dal prendere voce sulla storia del Plein Air. Chissà come mai? Forse perché avrebbe dovuto spiegare come mai la concessione alla PRO LOCO sia scaduta il 1.06.2010, ma per i 3 anni successivi ha continuato a gestire quell'area in barba ai regolamenti e alle norme previste, senza che la sua giunta aprisse bocca. Sig.ra Ubaldi il suo modo di amministrare grazie a Dio è conosciuto a tutti. Ora per il buon esercizio dell'opposizione farebbe più bella figura a tacere su certi argomenti, o rischia solo di darsi la zappa sui piedi.Faccia parlare la Leonardi, la Citaroni o la Sabbatini, Lei ha già dato...purtroppo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rosalba Ubaldi9 marzo 2015 17:08

      In merito alle osservazioni dell'anonimo delle 10 e 29, debbo chiarire che seppure sia stato breve il tempo prima dell'esame in consiglio della Variante del Burchio, ho dichiarato quel 30.12.2013 e svariate decine di volte successivamente che i tempi erano stati brevi per la predisposizione della variante ed il reperimento di tutti i pareri ma che nel tempo della pubblicazione e delle osservazioni ci sarebbe stato il tempo necessario per conoscere approfonditamente quello di cui si trattava prima della seconda adozione in Consiglio che è avvenuta nell'aprile 2014, quindi 4 mesi dopo. Cosa ben diversa da quello che prevede oggi la delibera di cui ho scritto e le cui scadenze sono estremamente prossime. La delibera inoltre non prevede né osservazioni, né pubblicazione. E' stato deciso così e basta. Vedere la differenza non dovrebbe essere difficile. Per quanto riguarda la duplicazione delle associazioni è un fatto antecedente ogni mio impegno politico-amministrativo ed è proprio della nostra storia di portorecanatesi. A partire dalle società sportive. Non considerare questo e pensare di riunirle forzosamente significa non tenere questa pecularietà sulla quale mi sono espressa moltissime volte con rammarico. Sulla Pro Loco il discorso è più complesso come le problematiche ad essa connesse e su essa interverrò in questi giorni partendo proprio da quel non rinnovo dal giugno 2010 dalla cui data la Pro Loco ha operato in regime di prorogatio anche negli obblighi. Con le colleghe di opposizione agiamo di comune accordo e non sarà lei, gentile anonimo, o qualcun altro a dirmi quando e se debbo tacere. Se ne faccia una ragione, anziché dirlo a me!
      Reputo di fare solo il mio dovere nel rispetto di chi mi ha votato e di quanto fatto durante il periodo del mio impegno amministrativo.

      Elimina
    2. La ringrazio per la risposta ma visto che è stata così cortese da replicare vorrei approfittarne e chiederle ancora una cosa. Non crede che il secondo passaggio in C.C. quello di aprile 2014 per intenderci, sia stata una conseguenza necessaria che tutto avrebbe potuto fare, meno che modificare ciò che si era già deciso nel dicembre 2013? Un progetto del genere quanto meno andava presentato alla cittadinanza prima dell'approvazione in cc. della variante. Un po' quello che è successo all'inizio degli anni 90 per la lottizzazione Rozzi. Volendo (ma forse sarebbe stata troppa grazia), avrebbe potuto anche indire una sorta di referendum popolare sulla "approvazione" del progetto. A cose fatte presentare il disegnino bello e confezionato come è stato poi presentato, cambia poco su ciò che ho precedentemente detto. Il resort era già bello e impacchettato e poco si poteva discutere. Sulla questione Plein Air, se non ricordo male c'è stata un'interrogazione a novembre 2013 dell'ex consigliere Fiaschetti, come mai non ha dato risposta approfittando della sede istituzionale?

      Elimina
    3. Brava, è così che si fa l'opposizione!

      Elimina
    4. ecco, fai opposizione e facci sapere oggi quello che ieri sapeva solo lei

      Elimina
  3. 10,29 concordo ogni singola parola. Aggiungo solo che la Signora Ubaldi che tante parole spende per le associazioni ci spieghi perché ha fatto e dato tanto ad alcune è trattato a pesci in faccia altre scegliendo solo in base a sue simpatie. Ci spieghi perché è sempre stata in grado di dividere e mai di unire (vedi le varie doppie associazioni). Scenda dal piedistallo ed accetti che ha perso le elezioni, la maggior parte di noi l'ha mandata a casa!!!!

    RispondiElimina
  4. Si attaccano manifesti del cambiamento poi quando si fa fuori dal vaso l'opposizione deve stare zitta perché" anche loro facevano così".
    Comodo così!

    RispondiElimina
  5. PIù passa il tempo e più ci si rende conto di quanto fosse stata efficace anche se con metodi poco ortodossi l'Amministrazione Ubaldi.
    I problemi c'erano ovvio, ma con piglio decisionale (che oggi tra l'altro contraddistingue un tale di nome Matteo Renzi) si affrontavano in modo risolutivo.
    Mi dite perchè ora i problemi ben lungi dall'essere risolti si affastellano di continuo?
    Non è per caso che manca la capacità amministrativa?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando l'amministrazione attuale avrà fatto il suo corso non penserete di ripresentare la Ubaldi? La destra dovrebbe gia lavorare ad una alternativa moderna e giovane ,la chincaglieria sta bene dal rigattiere

      Elimina
    2. Te la raccomando l'alternativa giovane!!!!!!

      Elimina
    3. cun tuttu el macellu che è statu fattu , vacce a piare il capezzu signora ubaldi

      Elimina
  6. Oh Rosà e daglie na risposta a si fregnoni, che non se meritene ngè.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E cosa vuoi rispondere? C'è poco da replicare su fatti conclamati! Forse ha capito che è meglio tacere per non peggiorare

      Elimina
    2. Sicuramente non ci meritiamo una Ubaldi bis

      Elimina
    3. Sci oh aspettiamo de legge

      Elimina
  7. Giustissimo Sig.ra Rosalba...il Suo discorso nn fa una piega! Dimissioni e ritorno della Ubaldi!!!! Ke anke kn le sue pekke portava a termine i suoi compiti senza creare allarmismi o problemi al cittadino

    RispondiElimina
  8. Fatti e non pugnette si diceva a Zelig... e mi fermo! Tutte schionne e zero fatti

    RispondiElimina
  9. Stanno tnt a guardare le spese,xkè nn spengono le lucette esterne del comune ke nn servono a un cakkio? Soldi sprecati!!!

    RispondiElimina
  10. ben detto che spengono lucette esterne che pare un Camposanto

    RispondiElimina