QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

lunedì 25 novembre 2013

IL PD, IL FUTURO DEL PAESE, LA CONFERENZA STAMPA

Siamo stati invitati alla conferenza stampa del PD, sabato scorso, e ovviamente non abbiamo mancato l'appuntamento. Ci corre, prima di tutto, l'obbligo di ringraziare la coordinatrice Antonella Cicconi per l'invito. Abbiamo assistito alla lettura del documento programmatico (che pubblichiamo in calce a questo post) da parte della stessa coordinatrice e non ci siamo persi l'occasione di porre alcuni quesiti.

La sensazione che abbiamo avuto é quella di un "work in progress" che forse, per tempistica, viaggia in leggero ritardo rispetto a quello che dovrebbe essere il calendario elettorale. In soldoni, comunque, ci é stato detto che il PD é conscio di rappresentare il partito di riferimento dalle cui scelte dipenderà, ovviamente, l'esito delle elezioni. E vorrà svolgere questo ruolo in piena autonomia e consultando tutte le forze riconducibili all'area politica di centro sinistra. Ivi compresa, ovviamente, l'UDC (che a Porto Recanati significa Rosalba Ubaldi) e la nuova coalizione composta dai movimenti civici di Agostinacchio, Fiaschetti e Rovazzani. A questo punto abbiamo doverosamente fatto presente che forse, proprio questo movimento, almeno in qualche suo elemento (Fiaschetti) rappresenta principi politici che non sono certo riconducibili a quello che dovrebbe essere il modus operandi del PD. Ma ci é stato risposto che comunque, dovendo cadere ogni pregiudiziale, il PD parlerà con ogni interlocutore ipoteticamente candidabile ad una futura alleanza. La segretaria Cicconi, ci ha riferito che le consultazioni inizieranno con il gruppo di opposizione Uniti per Porto Recanati e alla nostra domanda se lo stesso PD ritenesse Lorenzo Riccetti figura spendibile per una futura candidatura, la risposta non é stata negativa (ma abbiamo percepito che non fosse neppure positiva...) Abbiamo inoltre chiesto se si intendesse procedere attraverso l'istituto delle primarie per poter scegliere il leader della futura coalizione e ci é stato risposto che le primarie sono una opzione aperta e possibile. A questo punto abbiamo chiesto se il PD ha un suo candidato forte da proporre. La risposta é stata negativa.

A proposito delle primarie: ieri gli elettori del centro sinistra di Potenza Picena sono stati chiamati al voto per scegliere il loro candidato. Da quelle parti ci si é mossi un po' prima.....

Non poteva mancare la domanda (cattiva) se il PD fosse disponibile ad una alleanza con l'UDC che prevedesse la candidatura della Ubaldi a sindaco. La risposta é stata che l'UDC verrà ascoltata. Ma che eventuali imposizioni di candidature e/o programmatiche, verranno respinte al mittente.

Abbiamo poi chiesto se il PD sarà autonomo nelle proprie scelte da compiere o se dovrà tenere conto di eventuali imposizioni provenienti dai propri vertici provinciali e regionali (che in provincia e in regione hanno portato ad alleanze con l'UDC con il famoso "modello marche") e la risposta che ci é stata data é stata quella che il PD locale avrà comunque una sua autonomia di scelta.

Quando abbiamo poi chiesto di SEL, ci é stato detto che si considera il partito di Vendola come affidabile interlocutore (anche se, diciamolo, non abbiamo capito, nel caso di coalizione larga, come si possano sposare Fiaschetti con SEL.....). A tal proposito abbiamo perfino consigliato alla coordinatrice di buttare una occhiata alla bacheca Facebook di Fiaschetti, per rendersi conto di quanto sia distante da certe posizioni sinistrorse.

La segretaria Cicconi ci ha inoltre riferito che considera l'attività passata del PD troppo appiattita sulle posizioni di Uniti per Porto Recanati, ribadendo che il nuovo PD dovrà essere più attivo nella sua attività politica da portare poi in consiglio comunale attraverso i propri consiglieri eletti.

Per tutto il resto, vi alleghiamo, sotto, il documento programmatico che ci é stato consegnato. Documento ben redatto (forse un po' vago) e contenente nozioni statistiche che vale la pena consultare.

La nostra sensazione, se vi può interessare, é che ci sia stato un qualcosa di non detto. Volutamente non detto, ovviamente. Ma ciò, é ovvio, fa parte del gioco della politica, dove spesso scoprirsi significa bruciarsi. Ma siccome a noi piace parlare chiaro, non possiamo non rivelarvi quello che abbiamo percepito. E cioé che in realtà, questo PD, possa avere delle importanti carte da svelare, a prescindere da come andranno le consultazioni con tutti gli altri partiti/liste civiche. Carte che si terranno coperte fino all'ultimo giorno utile. Ma questa, lo ripetiamo, é una nostra opinabilissima sensazione personale.

 

 

 

 

 

 

Il Corriere adriatico ha fatto il proprio resoconto:

 

24 commenti:

  1. Come ho detto venerdì nel direttivo aperti,quindi pubblico,flessibilità si ma cambiando verso alla politica fino ad ora esistita compresi i concetti che alcuni singoli hanno nel loro DNApolitico

    RispondiElimina
  2. Tre pagine di analisi dello scenario politico per decidere con chi allearsi, così come a livello nazionale si pensa solo al numero di voti e MAI ad uno straccio di programma. La gente è stufa, pensavo che con il nuovo direttivo l'aria cambiasse, invece siamo alle solite e quindi anche i risultati saranno gli stessi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sei tanto sveglio visto che parli a vanvera e giudichi prima di vedere i risultati.le alleanze non si fanno solo per i voti ma anche per condividere un progetto,altrimenti fai la fine della lista "nuovi orizzonti".in più se sei tanto sveglio perché non vaiai direttivo aperti del Pd e dici la tua?

      Elimina
    2. cara sveglia per fare come tu pensi che vada fatto il centro destra ha vinto le elezioni per 15 anni, comunque non ti preuccupare a breve avrai pure i programmi.

      Elimina
    3. Di quale destra parli,di quella razzista,di quella dal liberismo economico sfrenato di questi anni,lì è impossibile un dialogo!

      Elimina
    4. Hai ragione, lì è impossibile il dialogo. Ma lascia stare il liberismo che nel mondo non ha portato altro che benessere. Il cancro delle economie di tutto il pianeta è lo statalismo e il dirigismo, altro che.

      Elimina
  3. Visto che dialogherete con tutti, con la destra non ci parlate? Sarebbe scortese.

    RispondiElimina
  4. Caro Argano, visto che da ogni parte si invoca la massima trasparenza, sarebbe un bene per tutti se ci dicessi in che cosa consiste il non detto perché per evocarlo è certo che tu sappia di che cosa si tratta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il non detto è che di fatto secondo noi, il PD abbia un candidato sindaco in mente.
      Che non vuole ovviamente svelare. Per non bruciarlo.

      Elimina
    2. Capisco e condivido. Ma ci sono più cose tra cielo e terra di quante ne contempli la vostra filosofia, direbbe il poeta. Ci sarà da divertirsi.

      Elimina
  5. se Letta va a braccetto con Alfano vuol dire che è già sdoganata la futura alleanza con la Ubaldi e perchè no con Fiaschetti,ma qualcuno tra gli elettori vorrebbe ancora sentir "dire qualcosa di sinistra".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranquillo,vedresti qualche nuovo dirigente dimettersi al volo!

      Elimina
    2. non siamo un po' stanchi di sentire coglionerie di sinistra? magari si incominciasse a parlare un'altra lingua, ci guadagneremmo tutti.

      Elimina
  6. Fiaschetti da leghista si allea con vento del sud.....si può alleare anche con SEL!

    RispondiElimina
  7. L'unico alleato serio e costruttivo che ha il Pd è Sinistra Ecologia e Libertà. Si dica quello che si vuole ma i fatti parlano. Sono l'unico partito attivo e attento alle dinamiche del paese, e insieme sono state fatte delle iniziative. Tutto il resto è pura fantasia da quattro soldi.

    RispondiElimina
  8. attilio fiaschetti25 novembre 2013 18:25

    Vi ringrazio di questa particolare attenzione ma sarebbe bene che chi commenta, non conoscendo le mie intenzioni, non spari a destra e a sinistra mie probabili alleanze con il vento del sud, sel o altro ancora.

    RispondiElimina
  9. "cos'è la destra,cos'è la sinistra?"
    per dirla alla Gaber.

    RispondiElimina
  10. Sul punto 2 dell'analisi politica fatta dal Segretario Cicconi, secondo me, c'è un errore grossolano. Con i voti di SEL e Agostinacchio (che non mi sembra sia un uomo di centro-destra), il PD avrebbe vinto con un margine abbondante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, ma qualcuno non ce li ha voluti.

      Elimina
  11. anonimo delle 12.41, il pieno delle alleanze del punto due vuol dire Uniti per Porto Recanati più Sel. Agostinacchio era stato praticamente cacciato dalla alleanza dall' Idv. L'errore è tuo, quindi.

    RispondiElimina
  12. Il punto 2 parla di popolo di centrosinistra tra cui ci sono anche gli elettori di Agostinacchio quindi nn vedo il mio errore. Ma continuate a pensare di essere in ragione che fin'ora vi ha portato bene

    RispondiElimina
  13. Agostinacchio? Dove lo porta il vento.

    RispondiElimina
  14. l'uscita di Agostinacchio da Uniti per Porto Recanati è stata praticamente voluta da Riccetti, che ha scatenato contro di lui il dipietrista Antonio Di Placido affinché lo facesse fuori a furia di insulsaggini. Vi risulta che Riccetti abbia mai amato Agostinacchio? Avrebbe sicuramente vinto le elezioni se lo avesse mantenuto all'interno di uniti per porto recanati difendendolo di fronte al suo detrattore pubblico. Quello fu un errore imperdonabile che dovrebbe escludere Riccetti da ogni pretesa di essere candidato sindaco. E tu somaro delle 14.50 te la prendi con Agostinacchio.

    RispondiElimina