QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

lunedì 11 marzo 2013

QUEL PONTE A MONTARICE

Riceviamo e pubblichiamo da Donato Caporalini:

Egregia Redazione,
Vorrei porre, tramite vostro, una domanda all'amministrazione comunale di Porto Recanati, ringraziando anticipatamente per l'ospitalità.

Sembrano essersi conclusi i lavori di risistemazione del ponte autostradale su via Montarice. In seguito a detti lavori la carreggiata stradale è stata ridotta, rendendo necessario disciplinare il transito con il senso alternato. Inoltre, e soprattutto, sono stati eliminati i due marciapiedi pedonali in precedenza esistenti. A causa di ciò i pedoni sono oggi costretti a percorrere il ponte all'interno della carreggiata stradale, in situazione di evidente pericolo, anche a causa della ridotta ampiezza delle corsie. Poiché i lavori sono stati condotti, immagino, dalla Società Autostrade (o da una ditta a ciò incaricata) su una strada comunale, il Comune ha tutto il diritto, credo, di far valere le ragioni di sicurezza e di opportunità per richiedere che tale soluzione venga modificata, anche in ragione del fatto che via Montarice è frequentemente utilizzata da numerosi pedoni. Non posso credere, infatti, che la soluzione adottata sia stata concordata o autorizzata dal Comune. In attesa di conoscere le iniziative che le autorità locali vorranno assumere al riguardo, saluto cordialmente.
Donato Caporalini

5 commenti:

  1. Proprio a questo pensavo qualche giorno fa, non riesco proprio a capire il motivo per cui la carreggiata è stata ristretta e perchè non vengono tolti quei blocchi di cemento il rischio di collisione con le altre auto (che non rispettano il senso alternato) è veramente alto.

    RispondiElimina
  2. Vogliamo parlare dei sottopassi SS16/Ferrovia in zona Hotel House ?

    Questi certamente sono utilizzati da numerosi pedoni.

    RispondiElimina
  3. Hanno tenuto i cittadini mesi interi per questa improbabile e improba modifica apparentemente fatta "a pera". E anche realizzata male: se voi passate sopra con la macchina, il dente di appoggio del ponte sulla strada è talmente fatto male che se preso a media velocità con l' autovettura, si rischiano ammortizzatori e semiassi. Bravi. E i pedoni? Tutti quelli che corrono facendo footing, faranno i birilli stradali? Sindaco, intervenga lei. Non perda la faccia con l'Ente Autostrade. Grazie

    RispondiElimina
  4. Comitato Quartiere Montarice12 marzo 2013 16:42

    Il giorno 8 Gennaio 2013 abbiamo protocollato, con il n° 396, la seguente richiesta all’Amministrazione Comunale. Da notare che la richiesta dell’incontro era stata già fatta verbalmente a metà Dicembre, in occasione degli auguri natalizi. A tutt’oggi non abbiamo ricevuto alcuna convocazione, nonostante i ripetuti solleciti. Forse non si ha voglia o il coraggio di affrontare le problematiche ormai croniche che attanagliano il Quartiere. Se la situazione dovesse perdurare, il Comitato ha già deciso di intraprendere azioni dirette per portare a conoscenza della cittadinanza di quanto sta succedendo sul territorio di Montarice.

    Comitato di Quartiere
    MONTARICE
    Porto Recanati

    VERBALE DEL COMITATO DI QUARTIERE del 17/12/2012
    Il giorno 17/12/2012 alle 21,30 si è riunito il Comitato di Quartiere per discutere il presente o.d.g.:
    - Incontro con l’Amministrazione Comunale del nuovo Comitato di Quartiere;
    - Varie ed eventuali.
    Risultano presenti tutti i componenti del comitato.
    La riunione viene ritenuta valida.
    Passando al primo punto all’ordine del giorno il Presidente prende la parola e chiede ai componenti del Comitato di redigere un elenco dei problemi del quartiere in modo da poterlo presentare e discutere in un futuro incontro con l’Amministrazione Comunale.
    Tutti i consiglieri partecipano al dibattito e vengono messi in evidenza i seguenti problemi:
    - Cavalcavia di via Montarice lato sud. Riaperto nei giorni scorsi è stato notevolmente modificato e a nostro parere risulta pericoloso per la circolazione dei veicoli e per i pedoni.
    - Illuminazione via Montarice. Via Montarice è completamente buia e si dovrebbe illuminare almeno parzialmente, come già fatto presente al V.Sindaco Pagano.
    - Viabilità con particolare riguardo a: Incrocio via Galvani/SS16, Incrocio Via Montarice-Viale dei Pini/SS16, Via B. Gigli ecc. Andrebbe regolamentata tutta la circolazione stradale del quartiere con segnaletica idonea ed in particolare con divieti di sosta o fermata. Andrebbe altresì ripristinato il fondo stradale.
    - Decoro del quartiere: adottare interventi per limitare lo stato di degrado delle strade (abbandono sacchetti, pulizia settimanale strade e pulizia tombini). Sarebbe utile, a tal fine, un coinvolgimento del comando dei Vigili Urbani
    - Verde pubblico. Viene posta in evidenza la mancata cura di tutto il verde del quartiere.
    - Punto di incontro. Più volte è stata chiesta la realizzazione di un punto di incontro per il quartiere e tutti sono d’accordo di ribadire nuovamente la richiesta di una sede.
    OMISSIS
    Letto, approvato e sottoscritto.

    Il segretario Il Presidente
    Paola Castellani Carlo Reboli



    Gent.ma D.ssa Ubaldi,

    come già chiesto verbalmente, vorremmo un incontro con Lei e, se lo ritiene opportuno, con gli Assessori e Delegati competenti, per meglio prospettare le richieste avanzate.
    Restiamo in attesa di una convocazione, anche telefonicamente, possibilmente di pomeriggio e dopo le ore 18,00.
    Cordialmente. Il Presidente
    Carlo Reboli


    RispondiElimina
    Risposte
    1. La signora rispondera dopo la prox campagna elettorale comunale quale nuovissimo sindaco in pectore

      Elimina