QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

lunedì 10 dicembre 2012

A CE 'RFAMO!?

Leggendo i giornali, in questi giorni, abbiamo notato un fatto che si ripresenta puntualmente ogniqualvolta che si parla in termini critici del progetto rigassificatore (speriamo ormai tramontato).
Pochi giorni fa avevamo dedicato all'argomento un post, che trovate qui.

Non facciamo in tempo a pubblicarlo ed ecco che, dalle pagine del "Corriere Adriatico", si torna a far notare che il no al rigassificatore è stata un'occasione persa.

Vi alleghiamo l'articolo "incriminato":


25 commenti:

  1. Stefano quello vero10 dicembre 2012 09:59

    Peccato però che il buon Tabbacco', non ha avuto premura di sottolineare come a favore della realizzazione ci fosse solo il sindaco, visto che il consiglio comunale a espressione quasi unanime ne ha decretato la bocciatura, senza tener conto oltretutto anche dei pareri negativi di regione e provincia. Se l'articolo serva o meno a mantenere a "galla" una remota ipotesi di ripensamento da parte di Gaz de France, è fatica sprecata...non sono loro che devono ripensarci...siamo tutti noi che abbiamo detto no. Non si baratta una pseudo-darsena con un seppur minimo pericolo di disastro ambientale.

    RispondiElimina
  2. un occasione persa per chi ci mangia .

    RispondiElimina
  3. Questo è l'incidente di un camion pieno di metano liquido che,sbattendo sul bordo di una galleria, si spezza, sversa il gnl, lo stesso della nave della GDF Suez e vaporizza. I vigili, che non sanno cosa li aspetta, si apprestano ad intervenire. La nuvola,vaporizza,si lega con l'ossigeno ed esplode. 5 morti, 3 vigili del fuoco.
    I video che vi allego sono quelli di una telecamera di sicurezza e le riprese di automobilisti ignari che fuggendo, si salvano. Ditelo alla Ubaldi e alla sua giunta.
    Un solo camion. Pensate cosa succede se sversa la nave, che ha il contenuto di decine di migliaia di camion così. I vigili sono morti sia per congelamento, investiti dalla nube a -160 sia bruciati dall'esplosione. Quando? L' 8 ottobre scorso.

    http://www.youtube.com/watch?v=QTQrVXEPQrM
    http://www.bbc.co.uk/news/world-asia-19868055

    RispondiElimina
  4. Il commento dell'anonimo delle 10.49 non merita risposta. Si tratta di un lui o lei che apre bocca e gli da fiato oppure di un disonesto che se dovesse gestire la questione si comporterebbe secondo le accuse che fa. E' talmente vigliacco da nascondersi dietro l'anonimato perchè sa perfettamente che sarebbe passibile di querela. Se ha prove vada a depositare la denuncia, altrimenti si sciacqui la bocca prima di parlare o colleghi il cervello, se lo ha con la lingua o la penna!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. De Chellis Emanuele11 dicembre 2012 19:16

      Caro Sindaco, le querele...... Si fa politica con le querele?!?!?
      Siamo in momenti difficili, problemi che il mare ci porta via tutto, pure il lungomare tra un pò, e noi cosa dovremmo sentirci dire ancora, che è stata una occasione mancata!!!!! Ma occasione mancata per chi?!?!?!?!?
      Vede, le opinioni vanno rispettate, e lei, che insulta liberamente l'anonimo, nessuno le minaccia querela. Siamo seri ogni tanto quando facciamo politica.
      Buon lavoro

      Elimina
    2. Antonio Piangerelli12 dicembre 2012 08:56

      Sig, De chellis che lei politicamente valesse "zero" e che scrive solo per darsi una certa visibilità lo si era capito da un pezzo, ma se non capisce perchè il Sindaco ha risposto all'anonimo (una occasione persa per chi mangia)allora vuol dire proprio che ha delle deficienze intellettive dalle quali le sarà difficile riprendersi. Cosa poi possa entrrci il rigassificatore con i momenti difficili e con il mare che ci porta via tutto lo sa solo lei!!!! Sia più serio sig De Chellis, ma si sa che la serietà ,scusi la ripetizione, è una cosa seria e perciò non è da tutti.

      Elimina
    3. De Chellis Emanuele13 dicembre 2012 23:46

      nessuno le ha chiesto il suo parere,e, il sindaco sà difendersi bene senza bisogno di suo marito.
      Poi, le chiedo gentilmente di moderare i termini, visto che non siamo mai andati al cinema insieme.
      Le spiego cosa centra il rigassificatore con il mare ecc:
      A porto recanati abbiamo tanti ma tanti problemi che quello del Rigassificatore ne avrebbe causato un altro, e cioè del danno enorme di immagine del nostro paese, turistico, e che già è ridicolizzato da tempo.
      Se a lei e chi come lei pensa che il cemento e le Grandi Opere, come vengono definite da Politicanti di bassa lega, che siano la ricetta giusta per evitare o curare la crisi che anche Porto recanati stà passando, be, alle prossime elezioni prenderete una bastonata che ve la ricorderete per mooooolto tempo. E sa, se sono cosi Deficiente,come dice, non si capisce come abbia fatto a:
      Essere Eletto Rappresentante Sindacale dove lavoro attualmente;
      Essere Eletto Consigliere nel Quartiere dove anche lei abita, quartiere Europa,
      Essere Vice Coordinatore, Portavoce del Circolo Sel Portorecanati;
      Me lo spiega come ho fatto? Con le conoscenze e con "amicizie" come da molti anni si sta facendo politica anche in questo paese??!?
      No, evidentemente perchè le persone che mi conoscono mi stimano e reputano in me una Figura e dove poter contare. Ma so che questo da fastidio, pazienza.
      Buona notte

      Elimina
    4. Piangerelli Antonio14 dicembre 2012 09:30

      Ci mancherebbe anche che vada al cinema insieme a lei.
      L'unica cosa di ridicolo che c'è a Porto recanati sono i suoi scritti sull'Argano.
      Essere eletti consigliere di quartiere quando basta mettersi in lista non mi sembra un gran merito.
      Essere rappresentante sindacale dove lavora, anche quello benchè utilissimo, non mi sembra che sia prerogativa di grandi capacità
      Da ultimo essere vice coordinatore del circolo Sel di Porto Recanati è un problema di chi ce lo ha nominato ed è una posizione di bassa lega!!!.
      Se Porto Recanati dal punto di vista turistico sia ridicolizzato da tempo bisognerebbe chiederlo a tutta la gente che frequenta il nostro paese. Certo che per voi del Sel tutto è ridicolo (forse considerate ridicoli anche voi stessi). Per quanto riguarda la batosta alle prossime elezioni è tutto da vedere e se ci sarà non sarà certo per merito suo o del Sel di cui lei si vanta di essere vice coordinatore.

      Elimina
    5. A Piangerelli, visto giudichi tanto gli altri, si può sapere cosa hai fatto di così grandioso nella tua vita? Emanuele è un ragazzo che si impegna in quello che fa, trovi sensato denigrarlo in questo modo? Un bagno di umiltà grazie...

      Elimina
    6. Antonio Piangerelli18 dicembre 2012 13:45

      Nella mia vita ho fatto quello che hai fatto tu che non hai neanche il coraggio di darti un nome e cognome. Per te De chellis può denigrare chi vuole definendo chi non la pensa come lui "politicante di bassa lega" e tutto va bene salvo poi che quando Piangerelli scrive che le posizioni che lui occupa sono di "bassa lega" allora viene difeso dai suoi sostenitori.
      Sono umile ma non mi sento di non intervenire quando qualcuno offende chi non la pensa come lui sopratutto se la persona offesa mi è molto vicina

      Elimina
  5. antonio(qcnspb)10 dicembre 2012 23:40

    Persi oneri di compensazione ??? ci spieghino perche' avrebbero dovuto compensare se non ci sarebbe stato/c'e'/ o non ci sara' nessun problema ..che so di tipo ecologico...o di tipo ...turistico...e sopratutto sul futuro delle future generazioni.....a parte che ...e qui voglio scrivere di un futuro non tanto paradossale ...neanche il tanto osannato gas e' eterno e quindi fra...diciamo 25 anni sempre che nel frattempo non ci saranno stati fatidici e paventati incidenti ..ci si ritrovera' con un ammasso di ferraglia roso parzialmente dalla salsedine,dalle intemperie, dai mln di litri di varichina sversati per pulire le sue cisterne? e da altri fattori al momento inimmaginabili con un bell'ammasso di...ferraglia? plastiche varie? gomme incrudite?tubi sottomarini pericolosi? nel frattempo sulla costa...il degrado avra' raggiunto lo zenit...ammassi di tubi arrugginiti, case abbandonate, erbaccia dovunque,decine dicamion con le ..famigerate bombole abbandonati e arrugginiti nell'apposito parcheggio costruito ad uopo..dove si annideranno nella migliore delle ipotesi..topi..deformi...gatti spelacchiati e branchi di cani inselvatichiti...turismo? Portorecanati?...morto!.... chi compensera' il tutto tra 25-50 anni?...scusate..mi sono fatto prendere la mano...diciamo ...lo sappiamo cosa e' lo sviluppo sostenibile?il bene superiore comune? fino ad ora le nostre generazioni hanno sfruttato,distrutto,deturpato mangiato,inzozzato,dilaniato,deturpato,stuprato il territorio ,il mare,il cielo,cosa restera' alle generazioni future? ah ...naturalmente ci sono stati gli oneri di compensazione....nel....
    Che piaccia o no a qualcuno..PORTORECANATI HA GIA SCELTO!...e se si dovesse ripresentare tale eventualita'..penso che ancora una volta non ci saranno dubbi.No agli oneri di...diciamo... compensazione...e chi vuol capire...capisca.

    RispondiElimina
  6. Sapreste dire quanti milioni di persone muoiono in un anno nel mondo per incidenti stradali?
    Sapreste dire quante persone muoino in un anno per incidenti aerei o per incidenti ferroviari?
    Sapreste dire quante persone muoino in un anno per incidenti in mare'

    forse che la gente smette di andare in macchina, aereo, treno, nave?
    I rigasificatori in funzione nel mondo (circa 80) non hanno provocato incidenti da guinnes dei primati anzi!!! Pensate che solo in Giappone ce ne sono in funzione 27 e il Giappone notoriamente è una nazione ad alto rischio, perfino davanti alla costa di Boston ne è stato costruito uno. Nel golfo del messico, zona ad altissimo rischio di tempeste, cicloni e quantaltro ce ne sono in funzione alcuni.
    A prescindere dalle compensazioni' che poi vengono date per qualsiasi tipo di impianto industriale di una certa rilevanza che viene costruito, il mio pensiero è che i rigassificatori presentano una percentuale di rischio molto inferiore a quello delle normali macchine che milioni se non miliardi di persone prendono tutti i giorni.

    PS da una statistica ONU relativa al 2001 si rileva che in quell'anno ci sono stati nel mondo 5000000 (cinque milioni) di morti in incidenti stradali

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma guarda te che tocca a leggere... Sarà che statisticamente ci sono più incidenti stradali perchè ci sono milioni di macchine in giro, piuttosto che rigassificatori? Io prima di scrivere certe cazzate ci penserei due volte...

      Elimina
  7. antonio(qcnspb)12 dicembre 2012 20:41

    Gia'!!anonimo caro del .11 dicembre 2012 17:57.....
    ...ma tu stai parlando di Stati Uniti o Giappone...certo mica sono santi...ma sai noi italioti...che quasi quasi fa rima... siamo speciali....anche l'ilva a taranto non avrebbe dovuto presentare rischi.....eppure...!!...neanche fukushima...eppure..!!forse hai dimenticato la statistica sui pozzi di petrolio...nel golfo del messico....cazzo !! non riuscivano ad attapparlo...il buco...risultato ? .....e certamente hai ragione quando parli di incidenti stradali....sicuramente una guida piu' diciamo "tranquilla" diminuirebbe il rischio... di morti....d'altronde anche Silvio B. si fida delle statistiche....ma non gli ha evitato di prendere un"duomo di milano " in faccia...chissa' cosa gli avrebbero detto le statistiche sui calcoli delle probabilita'...forse avrebbe scelto un altro posto da farsi colpire...se avesse potuto evitarlo...ecco giusto per chiarire.. P.S. Portorecanati non vorrebbe essere la prima ad entrare nelle tue statistiche..sui...rigassificatori....amen.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. parole sante antonio...

      Elimina
    2. Antonio (qcnspb) se ti senti italiota sono affari tuoi, io mi sento italiano e basta. Ti ricordo che in Italia esiste un rigassificatore a terra in provincia di La Spezia e sono più di 30 anni che è in funzione senza nessun incidente degno di nota. Evidentemente gli Italiani sono in grado di far funzionare gli impianti sicuramente meglio degli americani che loro si si possiamo chiamare (americoti). Te lo dice uno che è 43 anni che lavora nel campo dell'energia e in particolare nel campo del gas naturale. E' chiaro che la probabilità zero non esiste da nessuna parte, ma è molto più probabile che tu ti possa far male uscendo la mattina da casa, che un incidente in un impianto di qualsiasi genere ben condotto e manutenzionato.

      Elimina
  8. antonio(qcnspb)14 dicembre 2012 21:40

    caspita hai 43 anni e lavori nel campo del...gas naturale!!! e hai capito che come paese a vocazione turistica Portorecanati ha assoluto bisogno di un rigassificatore..... ma visto che siamo in tema di costruzioni,diciamo che c'e' piu' bisogno di infrastutture turistiche piu' adeguate,non di solo appartamenti per capirci,ma butto la' ...hotel ,piscine, piste ciclabili decenti, zone verdi dove le persone possano fare jogging in assoluta sicurezza,delle famigerate scogliere per preservare se non aumentare la quantita' ma anche la qualita' di spiaggia a disposizione,..e non solo a pagamento ma anche spiagge libere, di un porto "normale" condiviso da tutti e non da quella o da questa parte politica,....che so anche di una struttura per i nostri anziani ..o per noi che incominciamo ad avere una certa eta'... senza dover andare a portarli a Loreto ,Recanati,P.P.Picena....tipo"il gervasi " ma piu' avanzato,per autosufficenti e non....(tanta roba che creerebbe piu' o meno gli stessi posti di lavoro o forse piu').. a proposito ti sei adombrato per L'"italiota" ma forse di piu' per la rima che tu hai fatto mentalmente ma che io non ho scritto,e ho aggiunto quasi quasi ,proprio per chiarire , il significato potrebbe essere questo "italiano che impersona i difetti nazionali ".qualcuno che ha ancora i piedi per terra ..se cosi si vuole dire , lo ha capito e ha scelto di non volere il rigassificatore,certo hai ragione , quello in provincia di La Spezia non ha mai avuto nessun incidente degno di nota ....e per fortuna se no sballava le statistiche! ma vedi qui torno a ripetere non stiamo parlando di statistiche o di improbabili incidenti, se ti vai a rileggere il mio primo post peche' come al solito molte volte si va ad ingigantire solo quello che ci da fastidio(magari lo faccio pure io..a volte)...scrivo di paventati e fatidici nonche' lo aggiungo ora improbabili e statisticamente inprovati incidenti....ma...ammesso ...che lo facciano....tu lo dovresti sapere meglio di me ...visto che sei uno del ramo e se sbaglio puoi ancora replicare .. e casomai mi scuso anticipatamente ma sono ignorante in materia...tra 25-30 anni...quanto gas avremo da rigassificare?cosa restera' dell'impianto, chi lo smaltira'? scusa ma nel post sopra era sottinteso(visto che non ho ancora capito chi smaltira' i pannelli solari istallati da privati) ...ho descritto magari uno scenario catastrofico, ma il punto era ed e': cosa lasceremo alle generazioni future? visto che hai ..43 anni ....ho solo cercato di avere una visione piu' a lungo termine , beh se per citare statistiche e probabilita'...potremmo dire che so, che tutti gli italiani mangiano il tiramisu'....poi c'e quello che ne mangia due...e quello che ne mangia... zero. P.S.la riflessione sui luoghi di costruzione.... (il rigassificatore di boston e' in oceano atlantico...quelli giapponesi...sono in oceano pacifico....quello di la spezia....ha il tirreno ...che e' piu' profondo de mare adriatico .. la nostra pescolla ) ....P.S.2..e' sempre il solito dilemma...E' MEGLIO UN UOVO OGGI? ..O UNA GALLINA DOMANI? cosa dicono le statistiche? ;-)))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari avessi 43 anni!!! Sono 43 anni che lavoro nel campo dell'energia e in particolare del gas naturale, Vede gentile Antonio, il probleme del rigassificatore è un problema piccolo che casualmente è capitato a Porto Recanati e che per gentile concessione della regione Marche è stato spostato a Falconara facendovi cosi dormire sonni tranquilli (io avrei dormito tranquillamente anche se lo avessero fatto a 34 Km dalla costa di Porto Recanati) Il problema è molto più grande e complesso e riguarda il futuro energetico della nazione. Anoi tutti piace avere in casa tutte le comodità (acqua, luce, riscaldamento e quantaltro) ma queste comodità ci domandiamo cosa significano in termini energetici? Dobbiamo sapere che gran parte dell'energia che consumiamo sia noi che le nostre industrie viene dall'estero sipratutto dalla Francia e dalla Svizzera che guarda un po la producono con centrali nucleari installate al ridosso dei confini Italiani. Se dovesse succedere un incidente in quelle centrali morirebbero molto prima i cittadini di Milano e Torino che non quelli di Parigi o Zurigo. Ma forse non ci sono problemi perchè in Francia e in Svizzera non ci sono Italioti!!!. Il problema è di rendersi indipendenti energeticamente e questo si ottiene utilizzando si anche energie alternative (solare e eolico) ma queste da sole non basteranno mai e allora da qualche parte bisognerà costruire impianti che però nessuno vuole vicino casa. Tutto questo è il senso del mio intervento che ha preso spunto dal blog sul rigassificatore che se non fatto a Porto recanati vedra' che si dovrà comunque fare da qualche altra parte ma tant'è basta che non sia vicino a noi perchè in Italia solo a Porto recanati si fa turismo o servono parchi, ospizi , hotel, piste ciclabili, piscine etc. Per quanto riguarda poi la posizione dei rigassificatori, le faccio presente che quello di La Spezia come molti altri già installati sono a terra e non in mare e pertanto molto più vicini ai centri abitati che non quello che si sarebbe dovuto fare a Porto Recanati. Comunque stiamo tutti tranquilli il rigassificatore non si farà e pertanto tutte le nostre chiacchiere sono a scopa accademico.

      Elimina
  9. antonio (qcnspb)17 dicembre 2012 22:01

    Caro anonimo, i suoi ragionamenti sono condivisibili ,ed e' il Suo punto di vista,sopratutto quelli sulle centrali nucleari e comunque e' certo che basterebbe un bel soffio di ponentino e..arrivederci..Torino...ma poi se arrivasse un po' di maestrale...forze neanche zurigo....e non sarebbe un problema di italioti o di zurigoti.Grazie per le correzioni,vorrei correggerla io...
    i rigassificatori avrebbero dovuto essere due ..uno qui..e uno su' a Falconara.... non ero a conoscenza ad esempio che a La spezia ( pensera' che sono il tipico superficiale)
    il "rig." fosse situato a terra...mi scuso anche per aver letto male l'eta'...perche' anche io ho una certa' eta', ma vede io sono per lo sviluppo sostenibile,
    se devo star"peggio" me ne faro' una ragione d'altronde adesso non e' che si stia peggio..senza...ma perche' togliere scelte ai posteri.
    Ancora grazie per avermi tranquillizzato....non si fara'!...spero mai!....e comunque non capisco perche' noi e proprio noi portorecanatesi dovremmo dire si
    ....perche' l'Italia dovrebbe fare da hub gassifero all'europa(cosi ho letto)..... cosi avremmo tutta l'energia elettrica possibile? ci calerebbero le bollette? sarebbero gratis?
    vivremmo meglio?e poi ripeto chi dice che si vivrebbe peggio senza.....intanto direi di iniziare con le fonti alternative ,soprattutto pannelli solari ,ma seriamente
    ,in Germania hanno taluni accorgimenti..e li sfruttano in maniera efficente,visto che noi siamo cosi "efficenti"..non vedo perche' non dovremmo riuscirci.
    ...tornando al sopra certo che ci sono lidi turistici anche piu' famosi e rinomati di Portorecanati,certamente un qualsiasi cittadino di qualsiasi citta'
    molto probabilmente avrebbe da ridire senza scadere nel " allora se tutti ci rifiutiamo.." .. per esempio per la tav ..c'e' chi non la vuole,
    quindi mi perdoni se nella mia pochezza ho cercato di difendere quello che considero il mio mondo, il mio "orto"ache se penso con una certa lungimiranza,per aver cercato di dare una scelta non un onere
    alle future generazioni, vede poi, autosufficente energeticamente l'italia penso non lo sara' mai, se ci togliamo anche il "jolly " turismo ..mi dica lei....
    certo investire in servizi,(piscine,piste ciclo-pedonali e quant'altro favorisca il benessere che dice lei e far tornare lo " straniero " a bazzicare i nostri lidi ),e con i suoi soldi comprare energia...quindi
    pannelli solari..., ma seriamente, non si costruisca casa senza pannelli...quindi obbligatori! ah l'italia il paese del sole!!!!ad esempio uno sponsor che "coprisse" il parcheggio "nazario sauro"con pannelli solari,
    per il momento questo e' il mio sogno,la Portorecanati che vorrei...a lei lascio L'hub gassifero ...
    mi perdoni ancora se l'ho irritata...con "italiota"..( se ne faccia una ragione anche lei e un italiota come me del resto)....ma guardi ..meglio italioti ...che bizantini.

    RispondiElimina
  10. Sig. Antonio,
    la penso esattamente come lei,senza togliere una virgola,ma la invito a non sprecare tempo con chi è sordo dalla nascita ed ha una vista che non vede più in là del suo naso,tenendo bene però le mani in tasca.
    Deve pure sapere che certe problematiche a Porto Recanati sono difficili da digerire ed il turismo da noi comincia e finisce entro i limiti di ogni balneare.Tutto il resto è nulla,soprattutto, se pure io originario di qui,le posso confermare che da noi c'è una paura terrificante a guardare il futuro, a meno che non si tratti di una manciata di soldi immediati.
    Scrivo con molta amarezza,ma è la verità e ricordo molto bene che quando si cominciò a parlare di rigassificatore(nessuno sapeva cosa era,confesso pure io tra molti)CHI preposto e pagato ad informare,chiarire,confrontare fu molto latitante e pure scocciato.Dunque....Meno male che il risultato finale è arrivato per buona pace nostra.

    RispondiElimina
  11. Torno a ripetere che sono Italiano, se lei si sente italiota faccia pure io non me ne dolgo. Forse sarò un po ottuso ma non ha capito il riferimento ai bizantini. Io sapevo che si può definire uno "bizantino" quando tergiversa , non ha una posizione chiara e non fa capire cisa intende dire. A riguardo dello sviluppo sostenibile è mia opinione che tale si possa definire anche uno sviluppo con i rigassificatori e comunque con energia derivata da combustibili, insieme ai pannelli solari e all'eolico. Sono sicuro che basandosi solo sul solare e eolico lo sviluppo ce lo possiamo sognare. La saluto Sig Antonio e la ringrazio per la possibilità che mi ha dato di discutere con lei su questa materia. Le nostre opinioni sono abbastanza distanti ma sono contento che il confronto si sia sviluppato in modo civile

    RispondiElimina
  12. antonio(qcnspb)19 dicembre 2012 20:33

    concordo , ri-AMEN.

    RispondiElimina
  13. ma dico io...se mesi e mesi di discussioni e dibattiti non sono riusciti a convincere la popolazione sull'opportunità e la sicurezza di un impianto rigassificatore a P.to Recanati, perché oggi continuate ostinatamente ad insistere sull'argomento. I politici devono decidere secondo il mandato popolare, che ragione c'è di favorire la realizzazione di un impianto osteggiato da tutti? Se poi i soldi degli indennizi sarebbero stati utilizzati per realizzare quella cagata di darsena che si è vista nei progetti preliminari...ancora meglio!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto! Che poi la gente non ha i soldi per arrivare alla fine del mese ma noi gli facciamo i posti barca...mah!

      Elimina
  14. antonio(qcnspb)21 dicembre 2012 15:10

    ma questa e' ...un altra storia... quella della fine...del mese........del "porto" abbiamo bisogno per ampliare la nostra offerta turistica ... e di lavoro, per avviare ben altro circolo economico...per attirare turisti che magari la barca ce la hanno gia',e fagli spendere gli sghei qui.... per ..magari fare aprire o aprire noi o i nostri figli e nipoti una qualche industria ..del pescato...e del suo indotto(dei congelati,conserviera,piatti cucinati pronti,negozi di articoli marini...e aggiungete voi se avete idee )compriende ? ..sempre con un idea di sviluppo sostenibile,ripeto, non abbiamo altra risorsa che il turismo e il mare...se ci roviniamo anche quella..costruendo cose insensate e inutili sopratutto per le generazioni future , ripeto preservare e adoperare intelligentemente il territorio e il mare...non sono risorse infinite...come non lo sara' il gas naturale.

    RispondiElimina