QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

martedì 13 novembre 2012

UN ALBERO È BELLO, QUANDO NON TI CADE IN TESTA...

Bene, il dibattito è aperto. Ora prospettiamo soluzioni sensate. Abbiamo Corso Matteotti e la zona Piazza Carradori-Castello Svevo, ovvero il cuore pulsante del nostro paese, adornato da alberi pendenti. Ad altissimo rischio caduta. Nel momento in cui si rinnova l'illuminazione, rendendola magari più efficiente ed esteticamente più apprezzabile, il rischio che qualche albero ci finisca in testa o sopra la nostra auto mentre transitiamo, è altissimo. Che cosa vogliamo fare?

Si presuppone che al proposito si schierino due ideologie diverse: quella della difesa della natura e degli alberi tout court, contro quella, più pragmatica, del tenere conto della sicurezza dei cittadini e dei beni mobili e immobili che si trovano nelle immediate vicinanze di questi alberi ormai malati.
Speriamo che, in ogni caso, prevalga il buon senso e si riesca a trovare una idonea soluzione.
Intanto, diteci la vostra.




11 commenti:

  1. gia' da un po'di tempo mi sono accorto che e' in atto una campagna silenziosa che fa capolino ogni tanto in qualche articolo di giornale ogni due tre mesi contro gli alberi di portorecanati.
    finche' si tratta di sostituire quelli malati va bene ,pero' quando si usa l'aggettivo "brutto" per una pianta e poi magari si pensa di sostituirla con delle palme che non ci azzeccano per niente con l'ambiente che le circonda,cioe' adriatico-marino, be' penso che dietro si nasconda solamente la moda del "l'importante che sia bello esteticamente"che ha rappresentato e rappresenta la stessa linea con cui si sono realizzati negli ultimi anni vari monumenti di cemento piu' o meno colorati che qualcuno chiama case o palazzi!per giunta nessuno pensa mai che i residenti anziani e i turisti nelle calde e afose estati possano andare in cerca di un po' di ombra seduti su una panchina sotto una bella chioma di qualche albero e che sicuramente una palma non potrebbe mai darti questo? a meno che non si mettano palme giganti,ma poi c'e il pericolo che cadano e si ricomoncerebbe daccapo.

    RispondiElimina
  2. La soluzione è questa: quando pianti gli alberi fai la buca grande così le radici hanno lo spazio per ben eradicarsi e gli lasci ampio spazio intorno, non 3 cm quadrati.Ma con chi volete parlare con un'amministrazione comunale che di verde non capisce un cavolo?

    RispondiElimina
  3. Ma la sicurezza la tirate fuori solo con gli alberi e la sottrazione di suolo dove la mettiamo? e tutto il cemento costruito senza alberi, senza parchi, a picco sul mare, lì la sicurezza dove sta!

    RispondiElimina
  4. Caro anonimo, rispondiamo alla tua domanda.
    Quando hai mezz'ora libera scorri tutti i post pubblicati su questo blog.
    Rimarrai certamente sorpreso nello scoprire che all'argomento "consumo del territorio" abbiamo dedicato, almeno, una decina di post.
    Che forse ti saranno sfuggiti.

    RispondiElimina
  5. Non solo sono pendenti, ma dalle foto in alcuni casi arrivano al secondo piano. E come li hanno curati in passato? Non vorrei che in un momento di tagli all'economia tagliassero pure gli alberi per risparmiare sul giardinaggio.
    Gli alberi nel viale transitato dalle macchine servirebbero a depurare l'aria, speriamo che se lo rammentino.
    Mi spiace inoltre, osservare le fioriere che si trovano in diversi punti del paese abbandonate a se stesse,non da una bella immagine.

    RispondiElimina
  6. visto che parliamo di alberi,cemento ecc.... perche' non parliamo delle nuove luci???? a me sembrano proprio oscene e ho l'impressione che il corso sara' molto piu' buio di prima e magari per nascondere tale cosa verranno accese insieme alle luci di natale....poi se ne parlera' di sicuro a gennaio. i vecchi globi che fine faranno? saranno riciclati in qualche altra via o gettati??

    RispondiElimina
  7. Questa amministrazione e le amministrazioni passate negli ultimi 20 anni, hanno completamente trascurato l'argomente verde pubblico. E' vero che il verde ha un costo di manutenzione da gestire ma è anche vero che si è costruito molto pertanto si sarebbe potuto scegliere una strategia piu' mirata alla manutenzione. I politici che ci hanno governato in questi ultimi anni hanno scelto solo lottizzazioni capaci di distruggere e consumare il territorio. Vi pongo un quesito all'interno del blog: AVETE VISTO COME HANNO RIDOTTO LA PINETA? IO credo che peggio di cosi' non si poteva fare. Il verde pubblico non è per questa amministrazione conta solamente l'indice di edificabilità e conquistare le colline, abbattendo possibilmente tutte quelle piante che minacciano i metricubi di cemento!

    RispondiElimina
  8. I pini presenti sono una minaccia il rigassificatore no!!!! siamo allo sbando peggio delle rotonde di porto recanati!

    RispondiElimina
  9. I pini del corso sono decisamente belli. Si dovrebbe fare del tutto per salvarli o per sostituirli con essenze simili, non con palme o parcheggi!

    RispondiElimina
  10. Ernesto da Porto Recanati14 novembre 2012 15:35

    Terribile quanto si abusa della dicitura "anonimo". Nel sostenere battaglie ambientaliste ci vorrebbe viso aperto e coraggio delle proprie idee. Ho l'impressione che nessuno avesse visto nulla. Eppure c'era qualcuno chye scriveva, denunciava e veniva a sua volta querelato. Ma tutti facevano finta di nulla. e allora verrebbe da dire, quando gli speculatori invadevano campi e colline col cemento dove eravate? Quando la pineta era lasciata nel degrado e nell'abbandono, dove eravate, cari amici miei chiacchieroni!?
    sarebbe ora di armarsi di coraggio e dire la propria a viso aperto e non nascondersi dietro l'anonimato. Altrimenti Porto Recanatinon avrà futuro.

    RispondiElimina
  11. antonio (qcnspb)17 novembre 2012 11:56

    sono tre volte che ti leggo caro "ernesto...da...Portorecanati"e non ce la faccio a non risponderti...battaglie ambientaliste?....casomai il blog letto da "alcune" precise persone (sono certo che le autorita' lo leggono il blog)serve perche'si possa far passare qualche messaggio...a chi di dovere che negli anni ha sempre scanzato il "cittadino"..poi te lo immagini in certe "battaglie " mettere la proria faccia...con una societa' come la nostra dove alla prima virgola storta si ricorre agli avvocati...invece di rispondere lealmente faccia a faccia..ma dimmi tu dove eri? MAGARI INCATENATO AL PORTONE DEL COMUNE?per battagliare....chi e' senza peccato scagli la prima pietra ...e tu sei senza peccato ?? quest'estate ero a passeggio sul lungo-pineta, e quando ho visto che c'era un principio d'incendio in pineta ho chiamato i pompieri...quindi il coraggio delle azioni...sta in questo e nell'avere una coscienza...di salvaguardia nell'attenzione alle pubbliche proprieta'semplicemente ......a proposito tu ti sei firmato per intero? oppure il tuo e' uno pseudonimo come se ne usano tanti, ti ricordo che e' come se fossi anonimo ...anche tu ...come del resto ...anche io ! antonio (qcnspb) che sta per:- quello che non sapeva postare bene....

    RispondiElimina