QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

giovedì 29 novembre 2012

L'ECCEZIONE

E va bene questo è un blog cittadino che parla di politica solo riguardo ai temi locali. Però, a questo punto, dopo più di 600 post pubblicati, vien voglia di trasgredire, proponendo una rara eccezione. Perché i tempi che stiamo affrontando sono veramente duri per tutti. E sentiamo diffuso il bisogno di farci una risata. Si, questo potrebbe di fatto trasformarsi in un post di pura satira. O di straordinaria rappresentazione di un dramma nazionale. Fate voi. Fatto sta che oggi, non si parla di Porto Recanati. Si parla d'altro.

In tutti i casi, prima di visionare il video su you tube che postiamo di seguito, fatevi un piccolo auto-esame. Se siete digiuni, desistete. Se avete problemi all'apparato gastrico pure. Potrebbe spuntarvi un ulcera nel caso più sfigato. O una esofagite di primo livello causata dal troppo ridere. Ri-fate voi....

Ecco a voi il più esilarante intervento mai registrato alla Camera dei Deputati.

Lui, il nostro eroe per un giorno, è Eraldo ISIDORI, deputato della Lega Nord. E tutto ciò, è accaduto per davvero.

 
 

37 commenti:

  1. Non lo conoscevo, mai sentito nominare, ma sono bastate due parole per capire che è delle nostre parti. Mi sono vergognato un attimo. Come ci è arrivato in parlamento uno che non sa parlare nemmeno in italiano?

    RispondiElimina
  2. Fiaschetti!!!!!!
    A questo gli elargiamo 15.000Euro al mese cn annessi e connessi.
    Sto ancora ridendo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho imparato sulla mia pelle che mettere in mezzo delle persone che non hanno colpa, è sbagliato. Fiaschetti apparterrà alla Lega ma di sicuro non ha avuto voce in capitolo. A livello locale poi contiamo poco o niente...lasciamo perdere. Noi, scegliamo di far parte di un partito perché condividiamo le idee, i programmi e le battaglie. Ci saranno di certo colpevoli di queste scelte sciagurate -e qui ci metto tutti i partiti- è importante che si prendano le dovute provvedimenti. Non lo faranno? Peggio per loro...la gente non perdona!

      Elimina
  3. CHI E' LO ZIO DEL TROTA?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no e' il professore che gli ha dato la laurea!

      Elimina
  4. BRUNO COPPOLELLA30 novembre 2012 11:12

    no comment

    RispondiElimina
  5. vi lamentate sempre che quelli della Lega sono razzisti e invece avete visto??? hanno portato un extracomunitario perfino in Parlamento...ahahahahha..."lu carcere ade' necessariu, scontate la pena ello no su'n villaggiu vacanze..nun se scappa prima della fine della pena irugata"

    RispondiElimina
  6. Ridicolo come la Lega e la Padania...

    RispondiElimina
  7. Maurizio Castellani30 novembre 2012 18:45

    Pare che sia un elettrauto in pensione della provincia di Macerata. In parlamento sono quasi mille e di ogni risma, magari un uomo che ha lavorato tutta la vita, anche se non parla bene l'italiano, può dare il suo apporto più e meglio di certi altri.....chissà!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che apporto ha dato l'onorevole Isidori con quell'intervento?

      Elimina
  8. Caro Maurizio, è un parlamentare. Sai da cosa trae origine la parola "parlamentare"? Da: PARLARE.
    Debbo aggiungere altro?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Maurizio Castellani30 novembre 2012 19:52

      L'etimologia sarà senz'altro quella ma il significato è: membro del parlamento. Preferisco un "muto" che mette una X sulla proposta giusta che un eloquente canaglia che sa emendare un legge per aumentare il proprio stipendio o che fa leggi sulla pelle degli altri (che valgono per noi gonzi ma non per lui). Comunque il mio è stato un impulso a difendere un tizio finito sulla pubblica gogna per un demerito tutto sommato sopportabile.....non sapevo nemmeno che la lega avesse eletto parlamentari marchigiani ...non che mi interessi più di tanto..

      Elimina
    2. La parola parlamentare,viene da " Parlamentum ",ovvero luogo in cui si discute.
      Certamente a VOI interessa più come si dicono le cose,invece di cosa si dice.
      Capisco che in un patrlamento pieno di avvocati,un povero popolano faccia di queste figure,e naturalmente VOI siete pronti a ridicolizzarlo.
      Ma se invece a fare queste figure fosse stato un operaio della THYSSEN GROUP,portato in parlamento per il solo merito di essersi salvato da un incendio in fabbrica,come VI sareste comportati ?
      FATEVI UN ESAME DI COSCIENZA.
      E non ridete delle mancanze altrui,perchè se vogliamo andare a ricercare figure del genere,sono pronto.
      Ricordate DI PIETRO prima edizione ?

      Elimina
    3. Caro anonimo, lo scranno parlamentare, come già detto, non può essere un istituto risarcitorio di un dramma umano. A tutti i livelli. E per avere diritto a sedere in rappresentanza dell'elettorato, bisognerebbe avere per lo meno il concetto minimo di come si scrive e legge una frase. Insomma: Soggetto, predicato verbale e complemento. Eraldo Isidori, quel concetto non ce lo ha. Lo abbiamo preso in giro. Vuoi farci il processo di Norimberga ?????

      Elimina
    4. Sig. Castellani se per lei non sapere l'Italiano è un "demerito tutto sommato sopportabile", per me non lo è!!! Quel deputato siede tra i banchi del parlamento della Repubblica Italiana, non è ne al mercato ne al comizio del paesino sperduto tra le montagne.

      Elimina
    5. Stefano quello vero4 dicembre 2012 11:09

      si e poi finiamola con sta storia della bontà del (quasi)concetto (quasi)espresso...manco avesse rivelato i misteri di Fatima! La pena detentiva va scontata per l'intero arco temporale prescritto dalla legge? Ammazza che concetto sopraffine...ma se è proprio la legge a dirlo, c'era bisogno di Isidori per ricordarsene? una cosa postiva comunque c'è...se si riuscisse realmente a diminuire il numero dei parlamentari, in questi casi si saprebbe subito dove colpire!!!

      Elimina
    6. Maurizio Castellani4 dicembre 2012 16:51

      Gentile sig.ra Maria, non sapere l'italiano è certamente un demerito...ma c'è chi per età, esigenze economiche o sociali non ha potuto studiare...in compenso ha lavorato per tutta una vita. L'art. 3 della costituzione sancisce la parità dinnanzi alla legge senza distinzioni di sesso, razza, censo o condizione sociale. Se passa il concetto che in parlamento ci va solo chi ha studito, domani qualcuno potrebbe dire che in parlamento può andare solo chi è biondo...... Non so se Isidori abbia dato un apporto fondamentale a questo parlamento...con il mio intervento volevo solo sottolineare che secondo me c'è una gerarchie tra i difetti di questa classe politica e che la disonestà o il cinismo sono più gravi del non sapersi esprimere. Poi magari Isidori è più disonesto degli altri ma è stato lo spunto di un ragionamento...

      Elimina
    7. Se passa il concetto che in parlamento ci vanno cani e porci, noi domani da chi siamo governati? Dai cavernicoli??? Da come si è espresso l'onorevole, ci intravede una persona che può parlare in un'aula ed esprimere un concetto? Io no. In parlamento (che ha funzioni legislative)deve andarci solo chi ha studiato. Siamo in Europa, dobbiamo dare concretezza e non farci deridere come già ampiamente lo siamo stati. Come mai il Corriere della Sera online ci ha fatto un articolo?

      Elimina
    8. Maurizio Castellani6 dicembre 2012 09:42

      "in parlamento deve andarci solo chi ha studiato"?....Non sono d'accordo.Forse non tutti quelli che hanno studiato (perchè ci sono scuole che promuovono troppo facilmente), allora dovrebbero andare solo coloro che hanno studiato in "buone" scuole.....tagliamo la testa al toro, ci va solo chi ha studiato alla Bocconi (20 - 30 mila euro all'anno?)....o forse è meglio mandare solo i professori della Bocconi.....
      O forse al di là delle scuole dovrebbe andare chi ha una buona cultura...ma chi decide se ho i "requisiti culturali" per candidarmi?
      Attenzione la libertà ha dei presidi che vanno mantenuti...

      Elimina
    9. Stefano quello vero6 dicembre 2012 11:39

      Potenzialmente trovo elementi validi sia nella posizione della Sig.ra Maria che di Castellani. La Repubblica Italiana garantisce e tutela la piena uguaglianza di tutti i cittadini, non è detto però che per ricoprire determinati ruoli istituzionali, non serva alcun particolare requisito. Il Parlamento è l'organo legislativo per eccellenza del nostro ordinamento; questo non significa che debba essere composto solo di magistrati e avvocati, ma certo è necessario che vi siano rappresentanti delle più varie categorie lavorative e sociali. Sicuramente l'On. Isidori ben potrebbe rappresentare la categoria degli agricoltori, ma gli si dovrebbe imporre chiarezza espositiva e fluidità lessicale, altrimenti faccia come tanti altri...silenzio, una pennichella ogni tanto e votare anche per chi non c'è...tanto i 17.000€ al mese non glieli toglie nessuno. Intervenire in prima persona e fare quella figura barbina, toglie credibilità e rispetto al nostro ordinamento...e la cosa è assai più grave!

      Elimina
    10. La "buona cultura" si forma anche con i libri, grazie ad essi creiamo il nostro sapere e le nostre idee, esprimendoli poi in concetti.
      Non ho scritto ne sostenuto che in parlamento ci devono andare solo magistrati e/o avvocati. Anche perchè abbiamo esempi di loro ignoranze, non solo a livello nazionale!!!
      Penso però che, ascoltare un deputato non parlare decentemente la lingua Italiana o non esprimersi correttamente, sia la mortificazione per la cultura e per la scuola stessa, oggi più che mai messa in discussione.

      Elimina
  9. mettiamola così: a questo signore trentacinque anni fa circa è scomparso un figlio di cinque anni davanti alla sua officina e mai più ritrovato. era in debito con la fortuna...giusto o no è stato ripagato così

    RispondiElimina
  10. Eh no. Non la possiamo mettere così. Che facciamo allora? Mettiamo in parlamento ogni pseudo analfabeta che ha avuto sfiga nella vita? O che è ststo colpito da disgrazie familiari? È un parlamento della Repubblica ITALIANA, non è un istituto risarcitorio per esseri umani segnati da esperienze drammatiche nella vita. Non confondiamo i ruoli, per favore. E sia chiaro, l'humana pietas, non c'entra una beata mazza.

    RispondiElimina
  11. è vero non c'entra una beata mazza.è stato un tentativo di difendere l'indifendibile.
    vorrei che qualcuno spiegasse a me, ignorante di politica, come fa un analfabeta del genere a prendere tanti voti(quanti?) per essere eletto?
    e a questo punto è meglio l'eletto o l'elettore?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti sta sfuggendo che con il sistema elettorale vigente non siamo noi a scegliere gli eletti. Ma le segreterie di partito. Le quali stilano una graduatoria di lista e ci impongono i futuri parlamentari. Noi andiamo alle urne e ci limitiamo a votare per un partito. Non sapendo che con quel voto rischiamo di mandare un pseudo analfabeta a rappresentarci.

      Elimina
  12. appunto il problema è che non possiamo scegliere tramite voto "listino bloccato"....perchè in una democrazia può essere eletto chiunque, altrimenti si chiamerebbe oligarchia i più saggi ecc. se no come faremmo ad avere un consigliere camionista, uno idraulico o un assessore che fa il tassista tutta gente di spessore

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fiaschetti Attilio1 dicembre 2012 16:16

      Scusami non si è capito se è un problema fare il camionista ed essere stato eletto, Attilio Fiaschetti

      Elimina
    2. Stefano quello vero3 dicembre 2012 10:33

      l'unico vero problema è avere la possibilità di sedere nell'aula legislativamente più rappresentativa dello Stato Italiano e avere difficoltà a esprimere un concetto banale e scontato oltretutto con foglietto sotto mano. Fiaschetti abbia pazienza, ma a tutto c'è un limite. Condivido in pieno quanto affermato dagli amministratori del blog sul pietismo di ritorno che non c'azzecca una beata mazza. Caro Stefano (tra l'altro anche tu stefano ma non lo storico come me che quelli dell'argano conoscono bene... ;)) se la politica dovesse assolvere pienamente ad intenti risarcitori, non avrebbe il numero sufficiente di impieghi.

      Elimina
  13. Fiaschetti scusami, ti voglio bene e ti rispetto, spero che non hai fatto la campagna elettorale x lui.

    RispondiElimina
  14. Noi Italiani siamo un popolo molto civile, molto democratico, molto tollerante e molto animalista.........
    In parlamnto ci mandiamo anche gli ASINI.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Veramente ci abbiamo mandato più ladri che asini,e ne paghiamo le conseguenze.
      Quello che stupisce,ma non più di tanto,è che stavolta la redazione dell'ARGANO sia intervenuta ventre a terra.Perchè ?
      Si avvicinano le elzioni ?
      Quando un BLOG interferisce troppo in difesa di una posizione,non ha vita lunga.

      Elimina
    2. Perchè abbiamo mire espansionistiche. Si lo confessiamo, vogliamo conquistare Palazzo Chigi. Miriamo al 35% a livello nazionale. A noi, i Grillini ci faranno un baffo. Ecco perché siamo intervenuti "ventre a terra". Non l'avevi capito caro anonimo?????

      Elimina
    3. Stefano quello vero6 dicembre 2012 11:52

      per par condicio...si esprime leggermente meglio ma, fa piangere lo stesso:
      http://www.youtube.com/watch?v=ZVY4NC6r_Ww

      Elimina
  15. http://www.ilsole24ore.com/art/impresa-e-territori/2012-11-29/suez-congela-porto-recanati-064349.shtml?uuid=AbrGcP7G

    RispondiElimina
  16. Premetto che non mi piace la gogna pubblica, divertente solo quando capita agli altri....La mia sensazione, leggendo alcune reazioni a questo post e a quelli su altri blog, e' che forse si e' perso di vista quello che dovrebbe essere il compito di un parlamentare e la grande importanza di essere il rappresentante del popolo. Nel parlamento si propongono e si approvano leggi, si controlla l'operato del Governo. Chi si affiderebbe (e pagherebbe!!) un commercialista solo perché e' onesto ma non conosce nulla di ragioneria o di legge fiscale? Chi si affiderebbe ad un medico onesto ma che non e' proprio ferrato in medicina? Non credo che il lavoro che si svolge o si e' svolto nella propria vita o la condizione sociale siano determinanti per definire un buon parlamentare. L'oratoria ha certamente la sua importanza ma ha anche una connotazione a volte estetica che potrebbe far perdere di vista il fatto che poi, a tanto bel parlare, non facciano seguito i fatti . Dalla preparazione e dalla conoscenza di argomenti specifici, secondo me invece non si può proprio prescindere. Molto "oscure" e inaccettabili le motivazioni che spingono i partiti a scegliere i propri rappresentanti.

    RispondiElimina
  17. Va bene che non è un Cicerone,ma nessuno si è chiesto se è onesto.
    Cominciamo a rassegnarci ?

    RispondiElimina
  18. Stefano quello vero10 dicembre 2012 16:54

    Se è possibile fare un ultimo commento sul post di Isidori, vorrei segnalarvi il seguente link:

    http://indice.openpolis.it/deputati.html

    dove potrete verificare che l'onorevole Isidori, aldilà degli strafalcioni lessicali istituzionali, è 616°/630 quanto ad indice di produttività parlamentare, pur essendo stato assente solo al 4,62% delle sedute. Praticamente prima di detto intervento non aveva mai aperto bocca prima (se non per sbadigliare) e forse alla luce dello stesso intervento non la aprirà mai più! Siete ancora convinti che per quanto onesto, sia opportuno tenere tanti deputati come Isidori tra gli scranni parlamentari???

    RispondiElimina