QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

venerdì 28 settembre 2012

MOZIONE DI SFIDUCIA: L'ANALISI

Mozione di sfiducia. Ne vogliamo parlare? Come noto e ampiamente prevedibile, la giunta Ubaldi ha retto il colpo. E ha superato per 9 voti a 7 (con un astenuto) lo scoglio della prova della mozione di sfiducia. Ora resta da chiedersi quali strascichi la mozione di sfiducia abbia lasciato. E soprattutto se ne sia uscita rafforzata la maggioranza o se l’opposizione abbia invece marcato un punto politico importante. Abbiamo assistito al Consiglio comunale (in larga parte lo abbiamo ascoltato per radio perché lavoravamo e pertanto eravamo impossibilitati a essere fisicamente presenti) e ci siamo fatti la nostra idea. La mozione di sfiducia, per come strutturata e per come si è sviluppato il dibattito, pone comunque il sindaco in posizione di vantaggio, rispetto ai consiglieri che l’hanno proposta. Il sindaco infatti lascia sfogare i suoi oppositori politici.



Poi si alza in piedi, prende il suo bello scritto e sciorina 50 minuti di successi della sua Giunta. Non tralasciando alcun settore della vita pubblica. Roba sì, da latte alle ginocchia, come scriveva il Corriere Adriatico ieri, ma anche roba che comunque, proprio grazie alla tempistica, rimane impressa al pubblico presente e a chi ascolta il Consiglio per radio. Perché proposta come pietra quasi tombale di un dibattito. E pertanto fisiologicamente enfatizzata.

Entrare nel merito della discussione, invece, è molto arduo. Proprio perché, come logico, ognuno porta acqua al suo mulino. Ma forse un paio di considerazioni vanno comunque fatte. In primis ogni consigliere, sia esso di minoranza o di maggioranza, l’altroieri ci ha messo la faccia. Ovvero si è palesemente dichiarato. Ora sarà ovviamente più difficile, in futuro, tessere relazioni con chi si è provato a sfiduciare dopo averlo accusato d'inefficienza e inadeguatezza sotto ogni punto di vista.

La seconda considerazione è il comportamento del consigliere Agostinacchio che, come noto, si è astenuto. L’astensione forse non dovrebbe far parte dell’istituto di voto di una mozione di sfiducia. Ma analizzando l’intervento di Agostinacchio (a parte l’attacco all’ARGANO) bisogna evidenziare che un senso ce l'aveva. Il suo coinvolgimento nella firma alla mozione è stato effettivamente tardivo. E l’elenco dei motivi alla base della sfiducia così ampio che Agostinacchio non se l’è certo sentita di appoggiare l’atto proposto dal gruppo di Riccetti. Notoriamente, il consigliere di Paese Vero, infatti, è a favore della costruzione della darsena (definita nella mozione "specchietto per le allodole"). Sì, certo, le malelingue affermeranno che Agostinacchio è rimasto in mezzo al guado per non togliersi nessuna possibilità su eventuali collocazioni politiche future, considerato che nelle ultime tre consiliature è stato consigliere di opposizione tra le file del centrosinistra (per 10 anni), per poi passare al centrodestra e uscirne lasciando l’assessorato due anni dopo.

Ma forse, e magari vi sorprenderemo, la sua è stata solo una scelta razionale. Proprio l’appartenenza alla compagine governativa della Ubaldi e la sottoscrizione del programma della Lista "Nuovi Orizzonti" hanno fatto sì che non potesse tornare politicamente sui propri passi. E pertanto si è astenuto.

Poi c'è l'aspetto massmediatico. Che ovviamente è altrettanto importante. Perchè è normale che al sindaco la vittoria numerico-politica non sarebbe affatto bastata. E che il giorno dopo, si sarebbe sfogata sui giornali denigrando ancora di più l'azione dell'opposizione e del gruppo UPP. Era un fattore da tenere in considerazione. Che puntualmente si è verificato. (Sotto, articoli del Corriere Adriatico di ieri).

La parola, ovviamente, ai contrari ed astenuti sulla mozione........

 

UPDATE: la parola all'opposizione. Vi alleghiamo i comunicati stampa emessi nella giornata odierna da UPP e dal Partito Democratico

 

 

 

22 commenti:

  1. ennesimo salto della quaglia di Agostinacchio? Vedremo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io mi chiedo come Agostinacchio possa sempre contare su quei circa duecento voti dei fedelissimi ad ogni elezione. Ma la gente che lo vota non vede che sta una volta di qua, l'altra di là, l'altra si astiene? Spirito critico no eh?

      Elimina
  2. Dopo un anno e mezzo il Partito Democratico si accorge che il nostro Sindaco è alleato con il PDL al comune e con il PD a livello provinciale? Dopo tutto questo tempo? Dopo tutto il silenzio? Su una cosa ha ragione CHE LA GENTE é STUFA. MA DI TUTTI VOI!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per amore di correttezza: il PD di Porto Recanati questa palese incoerenza del nostro sindaco l'ha fatta più volte presente.

      Elimina
    2. Ma il PD locale, provinciale o regionale quando ha visto che nella lista di Pettinari era presente il Sindaco di Porto Recanati alleata con il PDL, non poteva chiedere la sua estromissione dalla lista? Meditate gente,meditate!!!!!

      Elimina
    3. Ho pubblicato un commento su quanto scritto da quel genio politico di Brandoni ma vedo che non è stato pubblicato. Offendeva forse qualcuno?

      Elimina
    4. Moderiamo decine di commenti al giorno. Quelli non pubblicati sono una percentuale al di sotto del 10 per cento. E normalmente contengono aggettivi forti o comunque offese personali. Non ricordiamo, nel caso in questione, di aver cestinato un qualcosa. Ti invitiamo a rimandare il commento.

      Elimina
    5. All'anonimo delle 17.11 : sarebbe stata una mossa molto coraggiosa. Forse troppo coraggiosa per come è messo attualmente il PD.

      Elimina
  3. Quando Brandoni afferma che oggi l'Italia chede sopratutto onestà cosa intende dire che forse la Ubaldi non lo è?
    Se cosi fosse perchè Brandoni e l'accozzaglia di buoni a nulla che lo seguono non procedono con le azioni del caso?
    Brandoni dovrebbe guardare a casa sua (intendo il partito) e allora forse sarà costretto ad abbassare il capo e invece di sproloquiare inizierà a impegnarsi di più per le prossime elezioni comunali dove comunque, se continua a comportarsi cosi, prenderà probabilmente una nuova sonora legnata. Chi poco capisce di politica se ne stia zitto e rinchiuso nel suo orticello guardando con nostalgia la bandiera rossa con la falce e il martello.

    RispondiElimina
  4. Io aggiungerei un'altra analisi alla richiesta di Sfiducia da parte del PD.
    Non sarà che frettolosamente si è voluto rispondere alle accuse di inefficenza della minioranzo con un azione eclatante che aveva come effetto di ESSERCI.
    Mi meraviglio che un partito come il PD non comosceva le regole.
    Presentare una mozione sapendo da prima che non ha nessun effetto non ha senso.
    Come al solito la colpa è degli altri non della deficenza propria.
    Ancora non si è digerito l'essere minoranza e quindi si da addosso a chi non l'ha permesso .
    Agostinacchio può essere criticabile politicamente ma in questa situazione ha dimostrato coereza.Minoranza vuol dire essere sempre presenti non aspettare che qualcuno ti tiri per la giacca accusandoti di inifficenza.
    Non approvo politicamente questa maggioranza, ma onestamente visto i fatti penso che l'alternativa sarebbe stata peggio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Va considerato poi che i punti della mozione di sfiducia erano già noti, in quanto ribattuti nei precedenti consigli comunali, quindi nulla di nuovo. Una mozione di sfiducia si presenta a mio avviso per qualcosa di più eclatante.
      Mi piace la frase nel comunicato di UPP che recita " la minoranza ha il compito istituzionale di controllare l'operato della maggioranza". E a loro chi li controlla, visto che non hanno saputo fare un semplice calcolo di frazione? E la stanchezza che gli ha impedito di discutere il secondo punto all'ordine del giorno al consiglio comunale??

      Elimina
  5. Guarda caso,le 11 risposte acommento , sono la conferma che "quello che li conosce bene"ci ha visto giusto, il problema è il PD , Brandoni & Co. hanno toppato .
    L'Argano avrà fatto sua la paternità alla mozione, ma chi doveva eseguirla non l'ha centrata affatto l'essere controllori dell'operato della maggioranza non si esrcita con mozioni,ma coinvolgendo attivamente la cittadinaza, le categorie,lasciando da parte faziosità e rancori,ma pensando con prposte serie al futuro del paese.
    Certo fà male pensare che si possano realizzare opere storiche a costo zero per le casse comunali e se si realizzeranno in questi ultimi 18 mesi, chi potrà tirere giù dal cavallo la Regina.
    Meditate gente, meditate.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A Porto Recanati storicamente non è mai stata presentata una mozione di sfiducia contro il sindaco e attenzione, se l'è cavata per rotto della cuffia (9 a 7 con un astenuto)che a casa mia significa "chiappe salvate dagli umili servi del PDL" che fino all'altro ieri venivano denigrati e ridicolizzati dal sindaco. Ma si sa, la poltrona non si molla! Ancora Matteo, tu e il tuo mentore che li conosce bene, vi fate abbindolare dagli specchietti per le allodole??? intanto dei primi finanziatori al possibile progetto porto/darsena non s'è saputo più niente (chissà che i loro guai giudiziari non si siano fatti più pressanti). Forse la favola del porto la Ubaldi se la doveva giocare poco prima delle elezioni, quando è il momento di spararle grosse per convincere chi crede in reami fatati, altrimenti rischia di ritorcerlese contro!! Ammazza che statista politico uno che li conosce bene...aveva previsto che la mozione non sarebbe passata...me cojoni manco Mannheimer lo poteva prevedere...!

      Elimina
    2. Penso che lei di politica ne sappia poco ed anzi proprio niente.LA mozione era scontata ed i sondaggi non c entrano nulla. per quanto riguarda il porto si e Totti fermo,ma solo per il mero fatto che prima si chiede la concezione 50ennale cosa già chiesta poi si presentano i progetti esecutivi.

      Elimina
    3. non so se Totti si sia fermato o meno...se ne preoccupino i romanisti...scherzi a parte, qui di politica c'è ben poco, amministrare la cosa pubblica a vantaggio della comunità, è un concetto ormai depauperato da questa giunta. il porto si è fermato solo perché dalla conferenza dei servizi sono giunte alcune lamentele in merito alla chiarezza e trasparenza degli investitori e poi anche perché con la concessione 50ennale non si garantiscono i giusti posti barca agli operatori della piccola pesca. ma il primo motivo è il più pressante. io non capirò di politica ma te anonimo mio bisogna che te avegli!! i progetti esecutivi dalla presentazione della prima bozza avevano tempo 60 giorni per essere presentati. me dici te quale studio tecnico riesce a fare un'opera del genere in 60 giorni??...madonna quanti siete a magnavve se bufale...!

      Elimina
  6. L'opposizione è ora che si sveglia. Di motivi per rivolgersi alla procura della repubblica ne hanno tanti! Chi controlla le cubature a Porto Recanati? Nessuno.Chi controlla se quello che si costruisce corrisponde al progetto? Riccetti,Brandoni, Zoppi, sono tutti avvocati si o no?

    RispondiElimina
  7. Come potete pensare che ci sia una seria opposizione a Porto Recanati,quando si è alleati con la stessa persona in provincia.
    Ripeto,questa mozione serviva solo per far credere che l'opposizione non era connivente con la zarina.
    Daltronde,gli stessi elettori di sinistra,hanno votato la zarina alle provinciali.
    Di cosa si lamentano oggi ?

    RispondiElimina
  8. Sempre per quel genio politico di Brandoni: Il sindaco con un solo voto di maggioranza è ricattabile dal PDL, da qualche altra parte (vedi mozione) si dice che il Sindaco decide tutto da sola!!!!Non bisogna essere avvocati per capire che le idee del PD e della minoranza sono un po' confuse. Bisognerebbe che si sintonizzassero meglio prima di scrivere o aprire bocca!!! ma si sa gli eredi del PCI non sanno cosa sia la coerenza e parlano o scrivono solo per dovere sopratutto quando hanno a disposizione dei mezzi creati ad arte per loro. Un cosiglio al PD locale: Volete qualche chance per le prossime elezioni comunali? Alleatevi con la Ubaldi che da sola vale tutto il PD ma sopratutto liberatevi del segretario che di politica non ne capisce niente

    RispondiElimina
  9. uno che li conosce bene29 settembre 2012 10:44

    Come mai su 17 commenti il Sig Stefano e la Sig.ra Emanuela ,non si sono affaccaiti?.
    Forse erano a Macerata a sentire il rottamatore Matteo Renzi,io c'ero,per imparare a rottamare Riccetti Brandoni Paccamicio & Co.,ed al signor Stefano da questi commenti emerge la sua perfetta analisi sullo share che la "Regina"
    mi sembra il contrario di quello che scrive.
    Si credo proprio che Lei viva in una sua personale fantapolitica utopistica,
    per fare politica ci vuole realismo.
    Lotto come lo farò per mandare a casa l'immobilismo strutturale del PD,il vero conservatorismo è il PD attuale , quì localmente che nel Paese .
    Troviamo un Matteo Renzi locale e forse cambieremo il volto a questa città

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credi veramente che il partito dei Togliatti,Napolitano,Dalema e Bindi permetteranno mai che un emerito sconosciuto,li surclassi?
      Se crediamo ad una destra conservatrice e reazionaria,oggi,è rappresentata da PD.
      Auguriamoci che fra le nuove leve sboccino idee più avanzate,ma non sperateci finchè non prenderanno una sberla elettorale da tramortirli.

      Elimina
    2. Per ben cominciare, non nascondert i dietro l'anonimato. Ho sentito pubblicamente Brandoni rammaricarsi di non trovare persone nuove e possibilmente giovani da inserire nel proprio partito. Abbi, quindi, il coraggio di palesarti ed iniziare la tua battaglia. Potresti trovare molti seguaci e, tra questi, anche il sottoscritto . Basta avere la voglia e la faccia. Coraggio!!!

      Elimina
  10. la sua politica invece caro signor "uno che li conosce bene" suona un po' come quella di chi per fare un dispetto alla moglie si taglia il ....! sul serio crede che per stimolare l'operato del PD si deve incensare quotidianamente il sindaco? non crede che se realmente la Ubaldi avesse tutto questo seguito vincerebbe di nuovo a mani basse? lei dice di sperare nel cambiamento nel PD ma intanto continua a darsi le martellate sugli zebedei...ma ci faccia il piacere, di famigli della Ubaldi ce ne sono anche troppi, compresi i "giornalai" della stampa locale, di lei non ce n'è proprio bisogno! per curiosità vada a sentire i bagnini cosa pensano del sindaco, vada anche dai commercianti tanto per citare due categorie abbastanza folte, non si limiti alle mura di casa propria per valutare il credito riscosso dalla sindahcessa; dopo si renderà conto che la Regina siede su di un trono di spine!! Il suo realismo poggia su basi inconsistenti!

    RispondiElimina