QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

lunedì 24 settembre 2012

LE DIMISSIONI MISTERIOSE

Succedono cose strane a Palazzo Volpini. Succedono cose altrettanto strane sulla stampa locale. Proviamo a riepilogare i fatti:
Marino Camilletti, coordinatore della locale Protezione Civile, in data 31 agosto 2012 invia una lettera al nostro sindaco dai toni piuttosto duri, nella quale comunica le sue dimissioni. Le motivazioni constano essenzialmente sul fatto che l'organizzazione che dirige, a Porto Recanati, è di fatto sminuita dal comportamento dell'assessore competente, Carlo Sirocchi (Pdl). Che a suo dire è reo di comunicare le varie esigenze con tempismi inappropriati, svilendo il lavoro dei volontari che appartengono al gruppo.

Nella stessa data (31 agosto 2012) le dimissioni vengono ufficialmente protocollate. Ma di questa notizia, che nei giorni successivi avrebbe dovuto riempire le pagine dei quotidiani locali, non se ne sa nulla.
Porto Recanati, però, è anche il paese degli spifferi. Così un consigliere di opposizione (Attilio Fiaschetti-Lega Nord) indaga e, molto probabilmente, riesce a venire in possesso della lettera di dimissioni (i consiglieri hanno accesso a tutti gli atti). Conseguentemente Fiaschetti prepara un'interrogazione nella quale chiede di saperne di più.
Solo in quel momento (e cioè TRE SETTIMANE dopo il fatto) assistiamo al risveglio del Corriere Adriatico e del Resto del Carlino (che pure in passato, sulle cose della Protezione civile, hanno dimostrato di essere sempre molto bene informati). Dobbiamo dunque pensare che solo di fronte all'interrogazione di Fiaschetti i due cronisti si sono risvegliati dal torpore? Prima non ne sapevano nulla? Forse sì. Forse no. Ognuno la pensi come vuole.
Nel mentre arriva sabato scorso. E il nostro caro sindaco reagisce. Camilletti si è dimesso. Anzi no.
Vi alleghiamo tutti gli articoli. In maniera che voi possiate farvi una vostra idea.
Perché lo ribadiamo: succedono cose strane, a Porto Recanati...


 


14 commenti:

  1. almeno quando al Carlino scriveva Caporaletti le notizie si sapevano con imparzialità e celerità. ecco perchè è meglio non comprare quei giornali. poi parlano di stampa libera.........

    RispondiElimina
  2. Incredibile caro organo come alcune persone siano disposte a perdere la faccia pur di tenere la poltrona

    RispondiElimina
  3. Scusate per organo invece argano

    RispondiElimina
  4. lasciamo perdere il corriere adriatico......ma sapete chi scrive sul resto del carlino?La coordinatrice precedente a camilletti.Anche lei ha presentato le dimissioni senza far sapere nulla a nessuno.

    RispondiElimina
  5. Alessandro Palestrini24 settembre 2012 19:58

    Il Sindaco parla di incomprensioni non gravi tra Camilletti e Sirocchi e di speculazione politica di basso profilo.
    Non ho letto personalmente la lettera di dimissioni, ma in ogni caso se il presidente della Protezione Civile si dimette, qualcosa che non va ci sarà pure! Poi non credo che Attilio abbia speculato politicamente interrogando il sindaco sull'accaduto. Anzi, è suo diritto, come nostro, sapere cosa sia successo.

    Qualcuno spieghi al sindaco che viviamo in un paese democratico e se un consigliere pone delle domande non è speculazione politica, ma esercizio delle funzioni democratiche spettanti.

    DOMANI MARTEDI' 25 SETTEMBRE ALLE ORE 15.30 CI SARA' IL CONSIGLIO COMUNALE. SI DISCUTERA' LA MOZIONE DI SFIDUCIA. SAREBBE IMPORTANTE CHE LA CITTADINANZA PARTECIPI ALLA SEDUTA. PURTROPPO L'ORARIO NON AIUTA.

    Alessandro Palestrini
    Coordinatore SEL Porto Recanati

    RispondiElimina
  6. questa protezione civile comunale è una nave fatta affondare!!!!! Perchè hanno tolto la delega al precedente assessore? Quanti volontari sono rimasti dicono 4 o 5 ?? E poi tutto all'italiana dimissioni annunciate e poi ritirate .........

    RispondiElimina
  7. vai avanti attilio....e cerca di vederci chiaro in un contesto che dovrebbe essere solo volontariato...ma ci sono cose molto strane...

    RispondiElimina
  8. la politica è riuscita a "distruggere" anche questo settore.....sui giornalisti meglio tacere...

    RispondiElimina
  9. Sembrerebbe che a Porto Recanati la protezione civile sia il probleme dei problemi.
    Ci sono infiniti post su questo argomento,nessuno si chiede come mai?
    Se si dimette un assessore è di sicuro quello che si occupa della protezione civile.
    Come mai?
    Ricordate quando la zarina impedì all'altra associazione di protezione civile di operare nel territorio comunale?
    Eppure,con la neve,ne avevamo bisogno.
    Come mai?
    Abbiamo saputo di infinite dispute tra le due associazioni,ma sono sempre i coordinatori della comunale che si dimettono.
    Come mai?
    Non è per caso che la NEW SOCIAL GROUP,avesse ragione nelle critiche fatte.
    Come mai?

    RispondiElimina
  10. e te pareva che non tornassero a bomba. mi sembra di vedere quello strano animale che sente puzza di cadavere........

    Pasquino.

    RispondiElimina
  11. penso di aver colpito........ ed affondato.

    Pasquino.

    RispondiElimina
  12. Emanuela Addario2 ottobre 2012 14:37

    Cari anonimi vari...leggo a distanza di giorni i vostri commenti sul mio conto e non evito di rispondere con " anonimo" visto che anche in precedenza mi sono stati imputati commenti non miei. Non credo sia uno scandalo essere un volontario( con una carica da coordinatore?bè...non credo sia un reato) e trovarsi a scrivere su un giornale... Vi pregherei di informarvi o meglio farvi informare meglio sulla mia posizione e sulle mie presunte dimissioni...Tra l'altro non credo fosse doveroso farne un articolo su un giornale...Non è un atto dovuto per chi scrive andare a controllare ogni giorno i protocolli del Comune e può capitare anche di non sapere...siamo esseri umani,penso....riguardo il resto posso solo che stimare il lavoro del collega Caporaletti e prenderne esempio ma sono altrettanto serena sul fatto che scrivo per tutti e con imparzialità...purtroppo so che non piace ma nella vita bisogna accontentarsi anche di questo... Auguro a Marino un buon lavoro e su svariati argomenti lascio alle sedi opportune le valutazioni...molto diverse da tanti commenti fatti...

    Emanuela Addario

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Emanuela, scrivi qualificandoti come giornalista ma a quale ordine sei mai iscritta? Dimissioni da cosa? forse sei una piccola collaboratrice che fa foto a destra e manca e scrive piccoli pezzi di cronacuccia a caccia di scoop grazie ad amicizie rubate qua e là...ma essere giornalista è ben altro mia cara!!!

      Elimina