QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

martedì 8 maggio 2012

RIVALSE PICCATE

Riepiloghiamo: nel recente consiglio comunale due ex consiglieri di maggioranza (Rovazzani e Fiaschetti) ora passati nelle file dell'opposizione, hanno abbandonato i lavori per protesta contro il sindaco, rea di non averli convocati nelle varie commissioni consiliari che si erano svolte nei giorni precedenti.

Così Rovazzani e Fiaschetti sono stati presi a pesci in faccia. E immaginiamo la loro rabbia. Anche perché, sia chiaro, se questa Giunta ha ancora la maggioranza in Consiglio, lo deve ai risultati elettorali portati a casa tre anni fa dai movimenti dei due consiglieri (Lega Nord e Porto Recanati a Cuore) che hanno lasciato la compagine della Ubaldi.

Insomma, se applicassimo la democrazia rappresentativa in toto, allo stato attuale il governo cittadino non godrebbe del 50%+1 del consenso popolare portorecanatese.

Ma ciò che più ci ha colpito, in questa vicenda, è stato l'atteggiamento del sindaco. Descritto in maniera inequivocabile da un articolo del Resto del Carlino del 4 maggio 2012 che vi alleghiamo sotto.

Si parla di un sindaco "piccato" che attua "rivalse". Bene, anzi male!

Sì, malissimo! Perché questa città, mai come ora, avrebbe bisogno di essere amministrata con un filo di serenità. Non a colpi di vendette astiose.


3 commenti:

  1. Lorenzo Riccetti per Uniti per Porto Recanati8 maggio 2012 12:16

    Basta leggere l'articolo che avete pubblicato per comprendere che ciò che anima il nostro Sindaco non è il senso della democrazia e del rispetto delle regole, piuttosto uno spirito vendicativo che non dovrebbe appartenere a chi ricopre certi incarichi pubblici.
    Evidente appare la debolezza di una maggioranza che ha ormai paura persino dei pareri "consultivi" e non vincolanti delle commisioni.
    La logica della rivalsa "Ubaldiana" è semplice: "Adesso vi faccio vedere chi comanda!Rovazzani e Fiaschetti vogliono il posto in commisione? bene, noi gli diamo quello di Uniti per Porto Recanati così facciamo litigare le minoranze. Davvero patetico! questa sarebbe "l'applicazione pura del regolamento sulle commissioni comunali" Ma di quale regolamento stanno parlando? L'unico regolamento che abbiamo risale a svariati decenni or sono (è ancora scritto a macchina) e sancisce il principio che nelle commissioni debbono essere assicurate le rappresentanze delle minoranze, esattamente il contrario di quello che la nostra Amministrazione intende fare. Oltretutto perché cambiare le regole in corsa e solo quando le cose si mettono male per chi governa? Date le circostanze potremmo comprendere una modifica diretta ad allargare la rappresentanza in commissione non certo il contrario. A questo punto ci sorge un dubbio, se la maggioranza dovesse perdere qualche altro pezzo per strada inseriranno la norma che il voto del Sindaco vale doppio?
    Mi sembra di leggere la "Fattoria degli animali" quando Orwell scriveva: Tutti gli animali sono uguali, ma alcuni sono più uguali degli altri.

    RispondiElimina
  2. Fiaschetti Attilio8 maggio 2012 13:27

    Gent. Argano il regolamento comunale non parla di un numero minimo o massimo di componenti nelle commissioni ma bensì di garantire la presenza delle minoranze in modo proporzionale. seconda cosa importante sia Rovazzani che Agostinacchio non sono stati chiamati a partecipare alle commissioni, altrimenti non avrei posto la questione in consiglio.Attilio

    RispondiElimina
  3. La questione posta all'ultimo consiglio dai due consiglieri di minoranza pone una questione più generale che riguarda la democrazia partecipativa nella nostra cittadina. Se i comitati di quartiere parlano, sono "strumentali" e "fanno politica" (quasi fosse diventata una vergogna); se una minoranza consiliare interviene, viene sempre segnata a dito e considerata "inutile e dannosa"; se cerchi uno spazio pubblico per parlare con i cittadini e spiegare le tue ragioni, devi passare sotto "la mannaia" della signora sindaco; se vuoi una sala per incontrarti e affrontare questioni concrete e vitali per Porto Recanati, devi sapere che dal 18 maggio sino ad ottobre, l'unica sala disponibile la Biagetti, sarà occupata da mostre, sopratutto da quelle "private" e con uno scarso significato culturale....Possiamo ben dire che a Porto Recanati è aperta una grave e significativa "emergenza democratica". del resto la presenza degli ex in commissione consiliare è legittima, anzi indispensabile,
    Ma il problema è ancora più grande e bisognerebbe che i cittadini ci mettessero le mani. Attendere sino al 2014 non è cosa seria e la questione partecipazione non solo è aperta oggi, ma potrebbe creare, se non si cambiasse strada, parecchi problemi.
    Bisognerebbe ritornare al concetto secondo il quale chi amministra una cittadina dovrebbe essere al servizio dei cittadini e non il contrario.
    chi si comporta come fosse il padrone della città ha sbagliato e. dovrebbe cambiare strada. Prima lo fa e meglio è! Giorgio

    RispondiElimina