QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

lunedì 28 maggio 2012

EDILIZIA POPOLARE O PRIVILEGIATA?

Segnaliamo ai nostri lettori, la vicenda dell'area P.E.E.P. 3 (piano di edilizia popolare) che secondo il gruppo consiliare Uniti per Porto Recanati, che ha prodotto una interrogazione al riguardo, è stata gestita dalla nostra giunta con criteri di scarsa trasparenza e legalità. Cosí lo stesso gruppo propone la formazione di una speciale commissione consiliare che vigili sulla regolarità amministrativa delle assegnazioni dei predetti alloggi.

Vi alleghiamo il relativo articolo del Corriere Adriatico:


A stretto giro di posta peró il nostro sindaco fa sapere che di Commissioni non ne vuol proprio sapere, anzi le considera, senza tanti giri di parole, una "perdita di tempo".


Non si è fatta ovviamente attendere la contro risposta di Uniti per Porto Recanati:


IN RISPOSTA ALL’ARTICOLO DEL CORRIERE ADRIATICO DEL 24/5/2012

Definire una commissione d’inchiesta una perdita di tempo è un’affermazione grave e probabilmente  formulata per impedire che certi “altarini” vengano sveltati.

Quanto alla dichiarazione resa alla stampa  che la richiesta non avrebbe fondamento giuridico ci piacerebbe sapere con precisione a  chi tale affermazione deve essere attribuita.

 La possibilità di creare commissioni consiliari d’inchiesta è prevista sia dallo Statuto Comunale (art. 12) sia dal Regolamento delle sedute del Consiglio Comunale (art. 10); pensare che in Amministrazione siedano soggetti che ignorano entrambi le  norme è cosa troppo grave da poter essere creduta.

 Probabilmente  come recita il vecchio adagio, “non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire”.

Quanto alla mozione è evidente che occorre con urgenza fare luce  su diverse questioni di una certa rilevanza che interessano la zona PEEP e pertanto non  ci spaventa il rischio di “intricare” i rapporti con una maggioranza che di fatto non c’è  più.

Uniti per Porto Recanati non intende aprire una stagione “dei veleni” piuttosto una stagione della chiarezza e della trasparenza .

Volutamente inappropriata  è anche la presunta mescolanza di competenze fra politica e  magistratura, in considerazione del  fatto che la magistratura persegue i reati mentre le commissioni d’inchiesta hanno una funzione di controllo politico ed amministrativo.

Dunque ciascuno faccia il suo dovere, noi certamente non ci esimiamo dalle nostre funzioni istituzionali.

Quanto agli assegnatari dei lotti e delle singole unità immobiliari, coloro che hanno le carte in regola non hanno alcun motivo per  non dormire sonni tranquilli.

In ultimo se le commissioni sono una perdita di tempo perché la maggioranza proprio in questi giorni sta cercando di mettere mano alla composizione delle commissioni ordinarie per  riprenderne il controllo dopo che l’uscita di tre consiglieri di fatto glielo hanno sottratto?

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                              Uniti per Porto Recanati



4 commenti:

  1. se ci sono delle irregolarità intervenga subito la magistratura.....senza perdita di tempo.

    RispondiElimina
  2. Emanuele De Chellis28 maggio 2012 23:22

    La mozione presentata dal Gruppo “Uniti per Porto Recanati” che chiede l'istituzione di una Commissione Speciale d'Inchiesta sulla PEEP 3 è assolutamente legittima.

    Pieno appoggio, quindi, ad un'iniziativa lodevole che punta ad aprire un'indagine democratica sulla vicenda.

    La Commissione ripristinerebbe trasparenza ad una vicenda che ha elementi poco chiari, almeno per i cittadini.

    Il sindaco Ubaldi licenziando la richiesta di “Uniti” come una perdita di tempo dimostra con tutta evidenza che tipo di amministratore sia: premuroso con i suoi alleati, quanto inopportuna con l'opposizione.
    Infatti, la Commissione avrebbe aperto un dibattito pubblico pericoloso per la maggioranza, che in questo momento punta solo a mantenere in equilibrio una giunta disorientata.

    Per questo sono convinto che il vero motivo per il quale la Commissione non si farà non è tanto perchè rappresenterebbe una perdita di tempo, ma sarebbe invece, una minaccia alla tenuta di una maggioranza ormai lacerata, che potrebbe cadere definitivamente se da quella Commissione si concretizzassero i dubbi che “Uniti” espongono e cioè, che ci sarebbero delle incongruenze tra il tenore di vita di alcuni proprietari ed il possesso dei requisiti soggettivi richiesti dal regolamento.

    Chiedo al sindaco di ripensare la sua posizione e di mobilitarsi a finche questa Commissione Speciale d'Inchiesta venga istituita.
    Non solo non perderà tempo, ma ci guadagnerà in credibilità e trasparenza.



    Alessandro Palestrini
    Cooordinatore SEL Porto Recanati

    RispondiElimina
  3. è scandaloso...tutto questo è scandaloso dovrebbe indignarsi il paese intero!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. basterebbe che si indignassero quelli di portorecanati senza andare a chiedere rinforzi...

      Elimina