QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

mercoledì 4 aprile 2012

LE SCOGLIERE: QUESTIONE PRIORITARIA


Riceviamo e pubblichiamo lo sfogo  della nostra lettrice Anna:


Non è un segreto la delusione del nostro Sindaco per il NO al "Rigassificatore".... sono andati in fumo un sacco di soldi! E lei,  puntualmente esterna il suo rammarico...non si capisce se per l'utilità dell' opera o per i soldi!

Sul Corriere Adriatico si legge:

“Sulla non pericolosità del rigassificatore di Scossicci si sono pronunciati fior di esperti - fa sapere il primo cittadino portorecanatese - chiamati a dare il loro parere alla presenza delle opposizioni. Ma ciò non è servito granché, perché persino all'interno della stessa maggioranza c'è stato chi ha creduto più alle favole che alla parola della scienza e ha considerato ambientalmente più sicuro il rigassificatore di Falconara”. Ma alla Ubaldi, alla fin fine, non interesserebbe nemmeno tutto questo, quanto piuttosto il fatto che "a seguito di quella scelta ritenuta scellerata - ideologica per alcuni, opportunistica per altri - il Comune di Porto Recanati avrebbe perso una quindicina di milioni di euro per compensazioni, con i quali si sarebbero potute fare molte cose. Magari il porto, o finanziare la difesa della costa e altro ancora".

Come? Con i soldi del Rigassificatore avremmo finanziato la difesa della costa? E tutte le promesse fatte da anni? Il 26 novembre 2010 il presidente Spacca annuncia l'accordo sottoscritto con il Ministero dell'Ambiente per ben 56 milioni di euro(!) di cui una parte sarebbe andata a Porto Recanati per la protezione dell'area costiera. Anche il nostro Comune aveva promesso 1 milione di euro, mai visti! Tante promesse, tante parole ma nulla di fatto. Il nostro Sindaco non ha mai fatto battaglie, non ha mai fatto pressioni per pretendere questi soldi che a quando pare ci toccherebbero. Perché nessuna spiegazione? C'è un silenzio assordante su quest'argomento......

Ah, sì, è vero, lo ha tirato fuori ora in questo articolo, ma a quanto sembra, il nostro caro primo cittadino,  cerca di colpevolizzare tutti noi che siamo assolutamente contro  quel "mostro" in mezzo al mare:
non avete voluto il Rigassificatore? Ora non vi lamentate se non ci saranno le scogliere! 

Ora io vorrei capire per quale motivo si continui a prospettare la possibilità di costruire nuovi centri commerciali logorando ancora di più il nostro territorio senza preoccuparsi  aprioristicamente della difesa dello stesso territorio.

Non lo trovate bizzarro ?






               Foto dal www.guidamarche.it (scogliere San Benedetto del Tronto)                        

6 commenti:

  1. Come sempre tante promesse, tante parole e zero fatti! Nel frattempo si continuano a buttare soldi per il ripascimento delle spiagge, mentre si trascura il vero problema: le scogliere. Qualcuno potrebbe spiegarci come stanno le cose?

    RispondiElimina
  2. 15 milioni di compensazioni, o risarcimenti che magari suona un pò meglio?? Da che mondo è mondo, non credo che dal più piccolo imprenditore fino alla più grande multinazionale sia tenuta a versare una "compensazione" se questa non arrechi danni o disagi. Se veramente fior di scienziati (non sono rari casi in cui la scienza ha dovuto rivedere le proprie valutazioni) sono disposti a metterci la faccia sull'assoluta santità dell'immacolato rigassificatore, perché pagare 15 milioni di euro (oh sono 30 miliardi delle vecchie lire eh!) per un qualcosa che già tanto ben pubblicizzato fu, messaggero di sostanziosi risparmi nelle bollette dei portorecanatesi? mahhhhhhhhhh

    RispondiElimina
  3. Alessandro Palestrini7 aprile 2012 18:36

    A mio modesto parere le cose stanno così:
    il ripascimento serve a far girare migliaia di euro nelle casse della Regione secondo semplici modalità.
    Esistono delle cave ed esistono aziende che scavano la roccia per fare ghiaia, scogli e appunto materiale per i ripascimenti delle coste.
    Lo scopo di queste aziende è di crearsi una prospettiva di lavoro ad ampio respiro. Se tutti i comuni ricevessero scogli, queste aziende nel giro di qualche anno cesserebbero di lavorare, considerando anche la crisi edilizia che è un settore legato alle cave. Ecco perchè in primo luogo sono proprio loro a proporre alla Regione la soluzione del ripascimento invece che le scogliere.
    D'altro canto anche i funzionari regionali sono incentivati a progettare più ripascimenti che scogliere visto che la sabbia dopo una mareggiata viene spazzata via, i scogli no. Più progetti = più soldi.
    Questo circolo vizioso, permette a tutti di arricchirsi alla faccia dei cittadini e alla faccia del territorio che viene deturpato.
    Addirittura, la regione ha approvato un piano per sfruttare anche i letti dei fiumi per ottenere il materiale per il ripascimento.
    Allora perchè in altri comuni hanno messo le scogliere? Secondo me perchè hanno avuto la forza e i soldi necessari per farlo. Il nostro non ha saputo gestire la politica della tutela del territorio perchè il territorio è stato sempre considerato qualcosa da sfruttare.

    Quindi niente scogli!!

    RispondiElimina
  4. In questo paese ci sono sprechi vertiginosi, scelte di basso livello, che portano via tutti i nostri soldi. Vogliamo parlare del lungomare? La sua storia è ovunque documentata con foto e approfondimenti geologici: il lungomare sta vicino al mare che rode e gonfia sotto e mangia di sopra:vale a dire che ti rovina il selciato perchè è un mare e come tale sempre in movimento.Ma chi ha progettato quel lungomare coi sampietrini?Un incompetente insieme ad un'amministrazione incompetente che del mare non conosce nulla.Il lungomare sta esplodendo e viene rattoppato in continuazione. Ma non vi siete accorti che sembra fatto a dossi?Ma chi è che non sa che a Porto Recanati il lungomare deve essere fatto liscio, perchè tanto il mare in poco tempo te lo solleva?Solo chi non è nato qui, non lo sa e solo imprenditori furbi fanno finta di non saperlo.Poi parleremo dello spreco del verde fatto con la messa a dimora di tutte piante che non resistono al sale. Chissà perchè?

    RispondiElimina
  5. Mirco Frontini10 aprile 2012 11:02

    caro sindaco è ora che te ne vai! le tue scelte, quelle passate e future sono un fallimento come la gestione del comune .. solo tanta arroganza! vorrei ricordare che abbiamo sul territorio( propio accanto alle coltivazioni di frutta e verdura che arrivano nei super market del paese) industrie di classe A = chimica industriale .. dove invece doveva essere una zona artigianale .. .. e che molte di queste li nn potrebbero stare .. ma esistono solo perche qualcuno fa finta di nn sapere .ho un bel fascicolo su tutta la faccenda ..

    RispondiElimina
  6. Riguardo alle nuove tasse, IMU ,nel Comune di Porto Recanati dovrebbero entrare fior di quattrini! Ma chi andrà a controllare che tutti i propietari di case paghino, oppure scopriremo che i costruttori propietari di centinaia di appartamenti non pagano.

    RispondiElimina